1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Esperienze con l' asimina triloba (banano di montagna, pawpaw)

Discussione in 'Orto e frutteto' iniziata da NicolaScru, 3 Dicembre 2015.

  1. MassimoArezzo

    MassimoArezzo Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    29 Agosto 2019
    Messaggi:
    6
    Località:
    Arezzo
    Ciao a tutti, mi sono appena iscritto e volevo farvi i complimenti per la qualità delle vostre foto e per la grande determinazione con cui curate queste varietà di pianta difficile per così dire..
    Io avevo 3 asimine, 2 prima e1 sunflower, ma una prima si è seccata 20 giorni fa... È praticamente germogliata in aprile ma le foglie son rimaste ad un accrescimento iniziale per poi bloccarsi in stand-by, per tutta estate.. Poi in 2 giorni... secca.
    Il fusto si è seccato nella parte superiore, da dove iniziavano i piccoli rametti, ma è ancora verde per i primi 30 cm circa, ma dove non vi sono gemme. Almeno visibili.!
    LA pianta era comunque striminzita all acquisto, io comunque non la ho eradicata, magari potrebbe "risorgere", ne dubito, ma tant'è.
    Le altre sembrano in buone condizioni.
    La più vecchia era stata tenuta in vaso per tutta la stagione scorsa e avevo mangiato un frutto, molto buono!

    Poi l ho messa in campo e ne erano allegati 3 mazzetti di 3,ma sono poi caduti piccolissimi e niente.. Anche questo anno ne è rimasto uno.
    Il vigore di queste piante è veramente scarso. Ho letto molti post qui, ma pensando e ripensando mi è venuto in mente che molti frutticoltori, usano dei prodotti per migliorare sia l allegagione dei frutti sia la tenuta in pianta, cioè ridurre la cascola.
    Nello specifico, leggo che le auxine e gibberelline svolgono un lavoro di fitoregolazione agevolando lo sviluppo delle radici, accrescimento della pianta e miglioramento dei frutti.
    Qualcuno è a conoscenza di dove procurarsi tali prodotti? Potrebbe essere un buon tentativo per abbreviare i tempi di crescita e produzione?
    Se fossero dei validi aiuti, avevo pensato di trattare queste piante nei primi anni di vita, così da avere in tempi più ridotti una bella pianta ben sviluppata.
    Non sono un agronomo e quindi posso aver postato solo strafalcioni...
    Saluti, e a breve posterò le foto delle mie piccole paw- paws.
    Aime, nulla a che vedere con le bellissime che via via avete pubblicato voi tutti.
     
  2. NicolaScru

    NicolaScru Giardinauta

    Registrato:
    22 Aprile 2015
    Messaggi:
    961
    Le nostre "belle" piante come tu le definisci, e credo di poterti ringraziare a nome di tutti, sono cresciute grazie...alla pazienza!
    I più competenti sul campo (montanari qui in italia e peterson negli usa) non danno grandi consigli.
    Inolte non è vero che sono sempre lente a crescere. Se il terreno ha molto humus, ph subacido, il sole non la colpisce in modo eccessivo durante gli anni giovanili e l'irrigazione è abbondante e regolare per tutto il periodo estivo, vedrai una bella crescita.

    Sicuramente se fornisci alle tue piante queste attenzioni, produrranno prima di altre "trattate male", ma ci vuole comunque un tempo minimo, di solito sui 5-6 anni, per vedere qualcosa.

    L'unica cosa che potrebbe funzionare è un portainnesto nanizzante che anticipi la fruttificazione, un po' come avviene per meli e ciliegi. Però questi ultimi 2 alberi hanno una crescita molto vigorosa, e il nanizzante la blocca, invece l'asimina in genere non ha una vigoria esagerata quindi la vedo dura, si ritarderebbe ulteriormente

    Ps: non togliere la tua pianta, aspetta la primavera per vedere se ributta. In caso lo faccia sotto il punto di innesto, dovrai reinnestare o tentare la sorte.
     
  3. Lacio Drom

    Lacio Drom Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    6 Gennaio 2016
    Messaggi:
    123
    Località:
    Provincia di Torino
    Ma sono scomparse le immagini che avevo postato: il frutto era talmente bello e sexy che le hanno censurate per pudore?!
    Provo a reinserirle qui:

    [​IMG]
    [​IMG]

    Riguardo ai semi, quel che volevo dire è che appunto la dimensione che raggiunge il frutto è anche legata al numero di semi, la polpa si sviluppa intorno ai semi per cui un fiore impollinato in abbondanza forma più semi e cresce di più in lunghezza (se la pianta riesce a nutrirlo).
    Al momento sto raccogliendo i frutti che cadono a terra, preferisco che restino sulla pianta a maturare il più a lungo possibile, ed ho distribuito del lumachicida intorno alle piante per debellare le limacce, in effetti non ne ho più avuti di rosicchiati. Quando avrò piante più grandi magari utilizzerò una rete, come del resto fanno anche in quel frutteto in Alto Adige.
    Finora ho raccolto frutti della Prima 1216, Georgia, Mango e dalla pianta non innestata (in tutto circa 2 Kg e mezzo ma ce ne sono ancora parecchi sulle piante).
    Georgia e Mango le trovo in generale più aromatiche rispetto alla Prima 1216, ma la Georgia ha davvero poca polpa ed è "scomoda" da mangiare (ha un rapporto polpa/semi sfavorevole)
    La Mango ha frutti in media più grandi della Georgia e più piccoli della Prima 1216. In realtà quelli sulla mia pianta sono per la maggior parte abbastanza piccoli ma per il motivo che i frutti sono numerosi rispetto alla dimensione della pianta, diradandoli credo avrebbero avuto una discreta pezzatura.
    La mia pianta non innestata (che avevo seminato pochi anni fa) ha frutti molto simili alla Prima 1216 per dimensione e sapore, probabilmente il frutto da cui avevo prelevato i semi era proprio di una Prima 1216 (o di una Sunflower).
     
    A MassimoArezzo e NicolaScru piace questo messaggio.
  4. MassimoArezzo

    MassimoArezzo Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    29 Agosto 2019
    Messaggi:
    6
    Località:
    Arezzo
    Salve e grazie per le considerazioni in risposta al mio post.
    Aspetterò paziente la crescita, magari cercando di arricchire il terreno con sostanza organica o proprio humus di lombrico.
    Tralaltro avrei intenzione di acquistare qualche altra pianta, il problema è che non essendoci vivai conosciuti nelle vicinanze, dovrei fare il solito acquisto online.... Non sempre ti arriva una bella pianta.
    Ma tant'è..
    Inserisco qualche foto della pianta più grande. IMG_201909-600x800.jpg IMG_2019-600x800.jpg IMG_201-600x800.jpg
     
    A Lacio Drom piace questo elemento.
  5. NicolaScru

    NicolaScru Giardinauta

    Registrato:
    22 Aprile 2015
    Messaggi:
    961
    Finché è così piccola, meglio togliere i fiori. Far maturare i frutti è un altro modo per ritardare la crescita se la pianta fa già fatica a ingranare.
    Notevole che sia riuscita a tenerlo comunque
     
  6. MassimoArezzo

    MassimoArezzo Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    29 Agosto 2019
    Messaggi:
    6
    Località:
    Arezzo
    Si, in effetti hai ragione, il guaio è che l anno scorso non mi ero informato a dovere e per paura dei danneggiamenti dei soliti cinghiali l avevo collocata nel giardino rinvasandola in vaso da 25.
    La curiosità era troppa, visto che aveva emesso un paio di fiori...
    Questo anno ho recintato il campetto e così l ho messa a dimora permanente.

    Ma oltre al fatto di essermi informato poco, c'è anche la mia distrazione... I semi del frutto 2018 non mi ricordo dove li avevo messi e ormai..
    Tralaltro il frutto è caduto oggi, era grosso come un albicocca, buono ma è finito subito.. . . 
    Stavolta i 2 semi non me li scordo:)
    Lascio la foto IMG_20190909_600x800.jpg


    Mi è venuto in mente di acquistarne altre 2 o 3. Volevo provare una Mitchell ed una NC_1 e magari tra le 2 in campo, inserire una autofertile.
     
  7. Lacio Drom

    Lacio Drom Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    6 Gennaio 2016
    Messaggi:
    123
    Località:
    Provincia di Torino
    Qui la raccolta prosegue senza sosta, sono arrivato, sommando i frutti di tutte le piante, a più di 7 Kg (dovrei arrivare sui 10 Kg) e ne sto mangiando ogni giorno cercando di non pensare alla glicemia :)
    Il prossimo anno avrò una produzione più bassa dato che le piante più produttive di quest'anno (una Prima 1216 e una Mango) non sono tanto grandi ed hanno fruttificato in maniera esagerata, ne risentiranno sicuramente.
    Tanto è stata negativa l'annata precedente (zero produzione a causa del maltempo in aprile) quanto positiva è stata quella attuale. Non avessi installato una rete antigrandine, comunque, anche quest'anno non avrei raccolto nulla con le grandinate di quest'estate.

    [​IMG]

    @MassimoArezzo
    Quei due semini che hai messo da parte non sono da sottovalutare: quando ho assaggiato il primo frutto, che mi avevano regalato, pochi anni fa (probabilmente nel 2013 o 2014) ho messo i semi in vaso e quest'anno ho già mangiato i primi frutti, anche senza innesto con un po' di fortuna si possono ottenere buoni risultati :)
     
    Ultima modifica: 10 Settembre 2019 alle 17:05
  8. MassimoArezzo

    MassimoArezzo Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    29 Agosto 2019
    Messaggi:
    6
    Località:
    Arezzo
    Ohh, bella cassettata di frutti! Bene!
    Ma le piante di cui avevi sviluppato i semi le hai messe vicine o nei pressi di una autofertile?
    Che dici li tengo in frigo o li metto subito interrati in 2 vasi?
     
  9. Lacio Drom

    Lacio Drom Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    6 Gennaio 2016
    Messaggi:
    123
    Località:
    Provincia di Torino
    Delle piante ottenute da seme, non innestate, ne ho solo una che ha già fiorito, è la più vecchia ed è in piena terra vicino ad una Prima 1216 (autofertile) ad una Mango (non autofertile) e ad una Georgia (autofertile), in ogni caso avendo la presenza di diverse piante intorno non ci sono troppi problemi di allegagione che sia autofertile o meno, del resto anche la Mango, che non è autofertile, ha fruttificato in abbondanza.
    I semi germinano, se tutto va bene, sia che si conservino in frigo sia che si interrino direttamente in vaso. Io preferisco fargli passare l'inverno all'aperto, interrati in un grosso vaso (meno sbalzi di umidià rispetto ad un vasetto) badando che il terriccio non secchi completamente e che al contempo non ci siano ristagni d'acqua , poi a fine inverno prima che i semi germinino li metto ciascuno in un vaso e... attendo pazientemente, le piantine sviluppano prima la radice a fittone e poi, con molta calma, iniziano ad emergere :)
     
  10. MassimoArezzo

    MassimoArezzo Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    29 Agosto 2019
    Messaggi:
    6
    Località:
    Arezzo
    Grazie mille per le info sulle tue esperienze! Cercherò di farli germinare, capisco che occorrono anni per avere soddisfazioni ma in fondo,non costa nulla provare :).

    Parlando di costi, io le piante Piccole le ho pagate sui 15 euro,. Ma sapete meglio di me che sono alte sui 50 cm.
    La più bella, la pagai sui 25 era circa 1, 20Mt.
    Ho visto un sito che ha scelta ottima come varietà.. Ma I prezzi... :(
     
  11. NicolaScru

    NicolaScru Giardinauta

    Registrato:
    22 Aprile 2015
    Messaggi:
    961
    Che bellissima cassetta Lacio! buon appetito, alla glicemia penserai dopo
     
  12. NicolaScru

    NicolaScru Giardinauta

    Registrato:
    22 Aprile 2015
    Messaggi:
    961
    Ragazzi sembra ieri che avevo aperto la discussione...invece son passati quasi 4 anni! Le mie asimine hanno finalmente iniziato a produrre quest'anno come vi ho raccontato (avevano già qualche anno appena piantate).

    Ho cercato di raccogliere più notizie attendibili possibili, che fossero usufruibili da tutti anche tra molti anni, e ringrazio tutti voi che avete partecipato, anche solo una volta, con le vostre esperienze. Un grazie speciale va a Lacio, che ha sempre fornito foto stupende e ottimi resoconti.

    Per me l'esperienza forum si chiude qui, ho ottenuto le risposte e la collaborazione che cercavo.
    Ciao a tutti, piantate asimine non fate la guerra
     
  13. Lacio Drom

    Lacio Drom Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    6 Gennaio 2016
    Messaggi:
    123
    Località:
    Provincia di Torino
    Effettivamente mi pare che con tutte le esperienze descritte nella discussione ormai di informazioni, per chi sia interessato a coltivare l'asimina, ce ne siano in abbondanza quindi direi che lo scopo è raggiunto :)
    Allora... buoni raccolti, ciao Nicola :)
     
  14. Lacio Drom

    Lacio Drom Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    6 Gennaio 2016
    Messaggi:
    123
    Località:
    Provincia di Torino
    Eh... purtroppo resta sempre una pianta da frutto un po' di nicchia e i prezzi non scendono.
    Da quel che posso giudicare in base alle mie varietà, le differenze a livello gustativo sono più legate a come matura il frutto sulla pianta (condizioni della pianta, esposizione al sole, numero di frutti, stato della maturazione) che alla varietà: tutte (tra quelle che ho) producono frutti di buon sapore, tutte possono presentare un po' di retrogusto amaro vicino alla buccia, qualche frutto è più gustoso e qualcun altro meno.
    La Prima 1216 è probabilmente la scelta nr uno tra le varietà disponibili da noi per via della buona pezzatura dei frutti, della produttività e per l'essere autofertile.
    Anche la Mango (che peraltro non sa di mango più delle altre varietà) mi ha soddisfatto per qualità dei frutti e produzione, anche se la pezzatura è inferiore alla Prima 1216.
    Il periodo di Maturazione tra Prima 1216, Sunflower, Mango e Georgia è abbastanza sovrapponibile, difficile dire qual'è più precoce e qual'è più tardiva anche per via della maturazione scalare.
    Sarei curioso di sapere se c'è qualche varietà che abbia effettivamente delle differenze significative riguardo ad esempio all'epoca di maturazione o al sapore dei frutti o se le nuove varietà selezionate da Peterson siano per qualche verso migliori di una Prima 1216...
     
  15. MassimoArezzo

    MassimoArezzo Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    29 Agosto 2019
    Messaggi:
    6
    Località:
    Arezzo
    Beh, allora un arrivederci al sig. Nicola che lascia il forum attivo.. Auguri per le prossime raccolte!
    Io ho ancora da fare esperienza su queste piante.
    Aspetterò paziente la crescita ed i risultati delle mie giovani. Speriamo.
    Per collocare altre ho tempo.
    Come avevo accennato in un post, mi farebbe piacere avere anche un paio di varietà di ultima selez. USA.
    Vediamo... I prezzi son alti.
    Ormai Aspetterò anche le nuove disponibilità per ottobre sul catalogo di Maioli. magari c'è qualche novità in più sulle asimine...
    Saluti.
     

Condividi questa Pagina