1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Esperienze con l' asimina triloba (banano di montagna, pawpaw)

Discussione in 'Orto e frutteto' iniziata da NicolaScru, 3 Dicembre 2015.

  1. Lacio Drom

    Lacio Drom Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    6 Gennaio 2016
    Messaggi:
    128
    Località:
    Provincia di Torino
    Al netto della eventuale competizione delle radici del noce e del kaki (nel caso che si tratti di piante già ben sviluppate e l'asimina sia messa a dimora vicino), quell'esposizione in cui riceve pieno sole al mattino e alla sera e non nelle ore più calde è favorevole all'attecchimento e allo sviluppo iniziale (meno stress per il calore estivo), c'è però da valutare se nella parte della giornata in cui non prende sole diretto usufruisce comunque di una buona luce diffusa, in caso contrario non è l'ideale per la fruttificazione. Se l'ombra non è molto "fitta" direi che può essere una buona posizione che ricalca l'ambiente (rive dei torrenti, margini dei boschi) in cui l'asimina cresce in natura..
    L'esposizione in pieno sole è ottimale per la fruttificazione della pianta adulta, ma se non riesce subito a radicare bene può avere difficoltà a svilupparsi nei primi anni.
    Non so se sia sensibile al rame, ma se il trattamento lo fai al ciliegio probabilmente quel poco di verderame che arriverà indirettamente sull'asimina non farà in ogni caso danni.
    Ho alcune viti e piante da orto non lontane dalle mie asimine che tratto con il verderame e non ho notato danni.
     
  2. simone81

    simone81 Giardinauta

    Registrato:
    17 Maggio 2011
    Messaggi:
    580
    Località:
    Lazio
    Grazie lacio considera che è vicino ad un ruscello dove la vorrei piantare.
    E di luce ne prenderà perché non è proprio vicina alla noce.
    Potrei provare se ci riesco a reperire qualche seme e provare a piantarli in posti diversi.
    Magari qualcuna proprio sull' argine.
     
  3. Lacio Drom

    Lacio Drom Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    6 Gennaio 2016
    Messaggi:
    128
    Località:
    Provincia di Torino
    Quest'anno ho disponibilità di semi in abbondanza, alla fine di produzione di frutti, sommando quelli di tutte le piante, ha superato i 20 Kg e parecchi semi li ho messi da parte.
    I prossimi giorni farò delle prove di germinazione con quelli che ho vernalizzato in frigorifero (altri li ho lasciati all'aperto), dopo di che se te ne serve qualcuno non ho problemi a spedirli :)
     
  4. simone81

    simone81 Giardinauta

    Registrato:
    17 Maggio 2011
    Messaggi:
    580
    Località:
    Lazio
    Grazie Lacio se ti avanza qualcosa fammi sapere, ci scambiano qualcosa.
     
  5. giovalx

    giovalx Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    28 Agosto 2016
    Messaggi:
    6
    Località:
    Tornimparte (AQ)
    Buon giorno ragazzi.
    Avrei bisogno di un consiglio.
    Vorrei provare a mettere a dimora una pianta di Asimina, che ovviamente essendo da sola deve essere autofertile.
    Ho letto che in genere fioriscono tra fine marzo ed inizi di maggio. Il problema è che qui da me (in Abruzzo a 730 m slm) si verificano molto spesso gelate tardive sino a fine aprile.
    Quale varietà tra quelle autofertili ha la fioritura più tardiva per sfuggire alle gelate primaverili?
    Grazie
     
  6. Lacio Drom

    Lacio Drom Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    6 Gennaio 2016
    Messaggi:
    128
    Località:
    Provincia di Torino
    Le varietà autofertili che puoi reperire si riducono, sostanzialmente, a Sunflower e Prima 1216 (la Georgia, oltre che essere più difficile da trovare, ha una pezzatura media dei frutti troppo ridotta a mio avviso).
    Tra Sunflower e Prima 1216 non ho notato una particolare differenza nel periodo di fioritura, tra l'altro la Prima 1216 deriva probabilmente da un semenzale di Sunflower per cui geneticamente non dovrebbe differenziarsi molto. D'altra parte le mie piante sono ubicate in punti diversi e l'inizio della fioritura è piuttosto legata all'esposizione al sole, mi viene difficile capire quanto eventualmente incida la differenza varietale.
    Quello su cui puoi contare è che nell'asimina la fioritura è fortemente scalare: in una pianta adulta ben sviluppata si protrae per alcune settimane, aumentando le possibilità che almeno una parte dei fiori, quelli che si aprono più tardi, sfugga alle gelate, soprattutto se puoi scegliere un punto non tanto esposto alle correnti di aria fredda.
     
  7. giovalx

    giovalx Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    28 Agosto 2016
    Messaggi:
    6
    Località:
    Tornimparte (AQ)
    Grazie Lacio.
    Avrei trovato su 'pianteinsolite.it' la Primi a 1216 un po' più grandicella che altrove.
    Qualcuno ha provato ad acquistare su quel sito? Sono affidabili?
     
  8. MargiM

    MargiM Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    29 Aprile 2017
    Messaggi:
    388
    Località:
    Treviso
    In più thread viene affrontato l'argomento affidabilità vivai, prova a cercare che dovrebbero comparire recensioni anche su quello da te invidividuato ;-)

    Inviato dal mio Lenovo TB-8703X utilizzando Tapatalk
     
  9. simone81

    simone81 Giardinauta

    Registrato:
    17 Maggio 2011
    Messaggi:
    580
    Località:
    Lazio
    Ragazzi è arrivata la pianta di asimina.
    Che buca mi consigliate di fare 50cmx50 o 100x100, mi hanno detto che devo stare attento quando estraggo la pianta dal vaso a non rovinare le radici.
     

Condividi questa Pagina