1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

clima pazzo e piante stranite...

Discussione in 'Parliamo di tutto un po'' iniziata da marco.enne, 23 Ottobre 2018.

  1. MaryFlowers

    MaryFlowers Fiorin Florello

    Registrato:
    15 Giugno 2012
    Messaggi:
    27.056
    Località:
    Rossano Calabro
    [​IMG]
    Monte Cervino, Alpi, confine Svizzera e Italia. Agosto 1960 - Agosto 2005
    [​IMG]
    Foresta Mabira, Uganda. Novembre 2001 - Gennaio 2006
    [​IMG]
    Ghiacciaio Toboggan, Alaska. Giugno 1909 - Settembre 2000 [​IMG]
    Ghiacciaio Muir, Alaska. Agosto 1941 - Agosto 2004
     
    A marco.enne e keven17 piace questo messaggio.
  2. Stefano De C.

    Stefano De C. Florello Senior

    Registrato:
    22 Dicembre 2011
    Messaggi:
    8.782
    Località:
    Roma
    Mary però stai mettendo troppa roba nel minestrone.
    Il lago d'Aral sì, li c'entra l'uomo mi pare eprchè le sorgenti erano troppo sfruttate ma non solo.
    Per le prime foto riguardante un ghiacciaio, non si può fare il paragone prendendo una foto invernale e una estiva,
    ùche il 2017 sia stato molto secco era noto (anche il 1920 lo fu, anche più del 2017).
    Domani elunedì intanto, proseguirà il fohn sul nord Italia e le ingenti nevicate sul versante svizzero e austriaco
     
    A Picantina e MaryFlowers piace questo messaggio.
  3. MaryFlowers

    MaryFlowers Fiorin Florello

    Registrato:
    15 Giugno 2012
    Messaggi:
    27.056
    Località:
    Rossano Calabro
    Scusa non ho considerato che i ghiacci sia in estate che in inverno si possono sciogliere in estate e in inverno ritornano nuovamente ghiacciai.:ciao:
     
  4. Icchy92

    Icchy92 Maestro Giardinauta

    Registrato:
    7 Ottobre 2013
    Messaggi:
    2.655
    Località:
    Sesto san Giovanni
    Le foto sono estive, infatti nel secolo scorso zone dove ora a luglio ci sono prati erano ancora coperte di neve.
     
    A MaryFlowers e marco.enne piace questo messaggio.
  5. MaryFlowers

    MaryFlowers Fiorin Florello

    Registrato:
    15 Giugno 2012
    Messaggi:
    27.056
    Località:
    Rossano Calabro
    Ultimissimi
     
  6. MaryFlowers

    MaryFlowers Fiorin Florello

    Registrato:
    15 Giugno 2012
    Messaggi:
    27.056
    Località:
    Rossano Calabro
    Qualcosa di vero c’è
     
    A marco.enne piace questo elemento.
  7. keven17

    keven17 Giardinauta Senior

    Registrato:
    14 Luglio 2017
    Messaggi:
    1.556
    Località:
    Capo d'Orlando (ME)
    A marco.enne e MaryFlowers piace questo messaggio.
  8. marco.enne

    marco.enne Esperto di impianti di irrigazione da balcone

    Registrato:
    16 Marzo 2008
    Messaggi:
    10.272
    Località:
    perbacco... in italia
    Come sempre si cercano DOPO delle soluzioni paliative per sistemare le cose che abbiamo e stiamo combinando DA PRIMA.....
     
    A keven17 e MaryFlowers piace questo messaggio.
  9. marco.enne

    marco.enne Esperto di impianti di irrigazione da balcone

    Registrato:
    16 Marzo 2008
    Messaggi:
    10.272
    Località:
    perbacco... in italia
    A MaryFlowers e keven17 piace questo messaggio.
  10. Spulky

    Spulky Moderatrice Sezz. Orchidee e Giardini d'Acqua Membro dello Staff

    Registrato:
    29 Maggio 2008
    Messaggi:
    15.226
    Località:
    Parco del Ticino (Mi)
    .. essendoci già state le alternanze ere glaciali e periodi siccitosi.. e non è una novità... lo sappiamo da molto
    mi domando... quanto è causa nostra? davvero possiamo modificare il clima?

    di certo c'è che dobbiamo adattarci ai cambiamenti
     
  11. marco.enne

    marco.enne Esperto di impianti di irrigazione da balcone

    Registrato:
    16 Marzo 2008
    Messaggi:
    10.272
    Località:
    perbacco... in italia
    Il problema spulki penso non sia di chi è la colpa....ci sta molto più di qualcosa ed è già stato provato dalla scienza....il problema è che facciamo ? Sopratutto come e quando?
    Certo altre volte ci sono stati "micro cambiamenti" ( piccoli periodi glaciali e piccoli riscaldamenti ....)
    MA ...
    1) Quando ci sono stati la popolazione umana e i loro centri abitati erano mooolti meno e molto meno grandi...
    2) la popolazione globale era 100naia di volte più irrisoria (e lo stesso fu un ecatombe )
    3) tali "stravolgimenti" erano MOLTO più rarefatti ora sono "moltissimo più frequenti e moltissimo più frequentemente più pesanti/devastanti"
    4) è stato provato scientificamente che il polo nord (invero più esattamente i poli magnetici ) si sta spostando verso la "Siberia/Russia", gia osservato, da pochi anni si sposta invece che i 15/20km all'anno di quasi 50km ( in 1 solo anno) quindi accelerando molto drasticamente....
    5) questo ha portato gli scienziati a diminuire DRASTICAMENTE il tempo utile per poter intervenire e salvaguarci come popolazione...
    6) questo ha anche modificato drasticamente il cosa fare in ambito ambientale e , a tal proposito, inversamente drasticamente ad aumentare le contromisure per avere una qualche possibilità di sopravvivenza... e con tali dati, ultimamente rilevati, da agenzie in tutto il mondo, hanno unanimamente provato che ciò ha drasticamente peggiorato le previsioni ambientali dovute ai vari inquinamenti e quindi sulle previsioni climatiche connesse....
    Dato che durante lo spostamento sarà UTILISSIMO avere/salvaguardare/rimpinguare l'atmosfera e lo strato di ozono ....altrimenti tra pochi decenni quando il polo magnetico si trasferirà ancora più trasversalmente alle radiazioni solari sai come ci si "incendierà"...
    ...e questo è ciò che riguarda solo il cosa quindi scusa che importa il "chi"?
     
    Ultima modifica: 25 Febbraio 2019
  12. Spulky

    Spulky Moderatrice Sezz. Orchidee e Giardini d'Acqua Membro dello Staff

    Registrato:
    29 Maggio 2008
    Messaggi:
    15.226
    Località:
    Parco del Ticino (Mi)
    Appunto, proprio quello dicevo, non dobbiamo organizzarci per cambiare il clima, ma per adattarci ai cambiamenti.
     
  13. marco.enne

    marco.enne Esperto di impianti di irrigazione da balcone

    Registrato:
    16 Marzo 2008
    Messaggi:
    10.272
    Località:
    perbacco... in italia
    Gli adattamenti sono ...saranno molto più lenti di quello che sta succedendo. ...
    Non sarebbe meglio salvaguardare il prima e il più possibile ?....
     
  14. Spulky

    Spulky Moderatrice Sezz. Orchidee e Giardini d'Acqua Membro dello Staff

    Registrato:
    29 Maggio 2008
    Messaggi:
    15.226
    Località:
    Parco del Ticino (Mi)
    Tu credi che impegnandoci potremmo abbassare la temperatura media di 2 gradi??
    O fermare lo spostamento dei poli?

    Io sinceramente non lo credo possibile, e anche se sono meno sull’onda dei media, anche molti scienziati lo reputano impossibile

    Giusto inquinare il meno possibile. Ma meglio se ci organizziamo per adattarci
     
  15. marco.enne

    marco.enne Esperto di impianti di irrigazione da balcone

    Registrato:
    16 Marzo 2008
    Messaggi:
    10.272
    Località:
    perbacco... in italia
    No anch'io penso che il "perso" purtroppo rimarrà QUASI del tutto "perso" ...
    Ovvero penso , in verità, che ci risulterà difficile recuperare 2° al clima ...difficile e lungo ma non impossibile
    certo che più gradi "perdiamo" più ci avvicineremo a quei 4/5° definiti come soglia di non ritorno (e quel 2050c/a in cui avverrà è alquanto tanto vicino) più ci sarà difficile e lungo farlo....e già con 3°ormai avremo perdite/allagamenti di territorio, di isole e coste ...
    e gia ora siamo praticamente a mezza strada....

    per i poli è vero che non si può fare praticamente niente
    ma quando sarà ( e sono pochi gli esperti che danno tempistiche lunghe) fossimo specie meno cogl***a almeno (hai ragione) potremo sopravvivere meglio. ...invece solo tre cose sono cambiate in pochi anni...
    1) che da delle "previsioni eventualmente catastrofiche in periodi diversi"(a seconda degli esperti che le enunciavano)...siamo passati a "una certezza catastrofica"....in periodi praticamente definiti in "domani mooolto prossimo"
    2) con opinione congiunta di praticamente tutti gli esperti. ...
    3) e....che siamo una specie cogl***a.....
     
    Ultima modifica: 26 Febbraio 2019
  16. keven17

    keven17 Giardinauta Senior

    Registrato:
    14 Luglio 2017
    Messaggi:
    1.556
    Località:
    Capo d'Orlando (ME)
    A MaryFlowers piace questo elemento.
  17. MaryFlowers

    MaryFlowers Fiorin Florello

    Registrato:
    15 Giugno 2012
    Messaggi:
    27.056
    Località:
    Rossano Calabro
    A keven17 piace questo elemento.
  18. Icchy92

    Icchy92 Maestro Giardinauta

    Registrato:
    7 Ottobre 2013
    Messaggi:
    2.655
    Località:
    Sesto san Giovanni
    A keven17 piace questo elemento.
  19. MaryFlowers

    MaryFlowers Fiorin Florello

    Registrato:
    15 Giugno 2012
    Messaggi:
    27.056
    Località:
    Rossano Calabro
    Un segnale,un movimento giovani in tutto il mondo in azione. . . [​IMG]
    15-03-2019,quest’oggi in atto :- . . . Fridaysforfuture.
    . Carissim*, come sappiamo bene, e come dice Luca Mercalli, NON C'E' PIU' TEMPO: abbiamo 12 anni per salvare la Terra, cioè pochi mesi per attivare un netto dietrofront, cioè "pochi giorni" per determinarne l'avvio. A livello mondiale.
    E' L'UTOPIA INDISPENSABILE !!!
    .
    C'è una indubbia, diffusa, preoccupata sensibilità, e il quotidiano "bollettino di guerra ambintale" fa crescere anche l'attenzione generale.
    .
    Però manca l'essenziale, l'indispensabile salto di qualità, cioè le scelte politiche dei Governi.
    .
    Credo debba essere questo l'obiettivo, condiviso da una coralità omogenea, con parole d'ordine unificanti: indicare alle classi politiche il percorso da seguire, i provvedimenti da dover prendere, le scelte da fare; togliendogli ogni alibi. A Comuni, Regioni, Governi.
    .
    La manifestazione del15 marzo DEVE ESSERE un momento dirompente, ma lo sarà solo se raggiunge la QUANTITA' e la QUALITA' necessarie.
    L'obiettivo da porsi è:
    > che l'evento sia spalmato in tutte le città di tutte le nazioni, "colpevoli" e non;
    > che in ciasquna piazza si proclami un messaggio unanime, concreto, immediato.
    .
    Il rischio che sia solo una pur grossa testimonianza mondiale va assolutamente evitato: sarebbe più dannoso che inutile! Verrebbe subito strumentalizzato da chi ha interesse per lo status quo: "tanta simpatia per questi ragazzzi, ma... "
    .
    Quel giorno gli studenti di tutto il mondo devono proporre un pacchetto di richieste ai Governi, un
    . ."Decalogo per salvre il Pianeta"
    di cui si pretenda l'attuazione da subito.
    .
    Non servono le risapute percentuali di CO2, gli anni disponibili, le classifiche dei Paesi responsabili. Serve concretezza, proposte, provvedimenti da intraprendere.
    Le dobbiamo formulare noi, questa parte di mondo più attento e consapevole, perchè loro o non sanno, o rimpallano, o difendono interessi miopi e contrari.
    .
    Ne azzardo qualcuna, per capirsi:
    >pannelli solari su tutti gli edifici pubblici;
    >incentivi per il fotovoltaico dei privati;
    >autobus pubblici (sono sempre in movimento!) se non a idrogeno almeno elettrici;
    >analoghi incentivi per i mezzi privati, spece autotrasporti;
    >rafforzare il trasporto su ferrovia e marittimo;
    ...e passo...

    Se vi pare sia una proposta ragionevole, di certo non l'unica, il passo da fare è renderla all'altezzza del compito.
    Bisogna organizzare l'insieme dei difensori della sopravvivenza, formato da comunicatori esperti, da associazioni ambientaliste, da scienziati, da movimenti tematici, da testimonial.

    Chi può, formi una rete internazionale per concordare i temi del/degli evemti.
    Coinvolgiamo i media influencer, i bloggers, i comunicatori di scienza e ambiente, tutte le associazioni ambientaliste, i portali dei social, eccetera.
    Poi spalmiamo a tappeto gli eventi delle singole città col passaparola in rete e con i media tradizionali, coinvolgendo al massimo tutte le cittadinanze e le personalità locali.
    .
    paolo angiolini
    (un visionario, ma finora c'ho azzeccato...)
     
    A keven17 piace questo elemento.
  20. marco.enne

    marco.enne Esperto di impianti di irrigazione da balcone

    Registrato:
    16 Marzo 2008
    Messaggi:
    10.272
    Località:
    perbacco... in italia
    Pur condividendo tutto e in toto pur sapendo che avere dei riflettori puntati su E PER UN GIORNO di manifestazioni globali....abbia dell'utilità...
    pur considerando meritoria una tale iniziativa. ...
    rimango convinto che se OGNUNO dei manifestanti
    mettesse minimamente e TUTTI i giorni in pratica
    quello per cui sta manifestando una tantum ....
    si otterrebbe molto di più. ...
    il pensiero unico che ha mosso a manifestare è, e purtroppo rimane, unico della persona che lo ha enunciato. ..FOOORZA GRETA...
    ma le manifestazioni da molto tempo ormai sono state storpiate in vetrine politicizzate e adoperate dai più come "attrezzo/strumento" di veicolazione dell'immagine e/o pubblicità personali e i più svariati altri motivi ....esuli, non coesi, dal principale vero motivo (che dovrebbe essere rimanere unico) . ..come dire si "intitola" la manifestazione. ..ma "dentro" si fa anche e troppo spesso molto diversamente tanto altro
     
    Ultima modifica: 15 Marzo 2019
    A keven17 e MaryFlowers piace questo messaggio.

Condividi questa Pagina