1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Calathea... forse non fanno per me...

Discussione in 'Piante da appartamento e Tropicali' iniziata da tartina, 21 Agosto 2020.

  1. tartina

    tartina Florello

    Registrato:
    13 Luglio 2011
    Messaggi:
    5.113
    Località:
    ferrara provincia a 10 km. dal mare
    poco più di dieci giorni fa, quando le ho comprate, erano così

    IMG_0738.JPG

    ora sono così

    IMG_0782.JPG

    forse a prima vista non una gran differenza, ma ho già fatto parecchi pasticci...

    prima di tutto i vasi... quelli con i fori laterali non vanno affatto bene, l'acqua non scola via e rimane sul fondo, me ne sono accorta per caso...
    e poi le annaffiature, per me ancora un mistero...

    l'unica che pare stare bene, è lei, la Maui... ha ancora il vaso con i fori laterali senza effetti negativi perchè è alto... l'unica cosa che posso notare, non so se in bene o in male, è che le foglie nuove, verde chiaro, stanno molto piegate ed hanno gli steli un pò molli, non rigidi come quelli delle foglie adulte, ma magari devono ancora farsi

    IMG_0776.JPG

    ma le altre due danno chiari segni di sofferenza... partendo dalla roseopicta, ieri sera, vedendo che la foglia nuova aveva lo stelo molle e il terreno in superficie era appena leggermente umido, ho pensato avesse sete, quindi l'ho bagnata, e nel muoverla mi sono accorta che dal vaso usciva acqua come dal rubinetto, evidentemente si era fermata tutta sotto...
    la terza invece, triostar, o stormanthe sanguinea triostar, (in rete pare sia la stessa cosa, non l'ho ancora capito), mi sono accorta che i tanti steli nuovi parevano come di carta velina, quindi ne ho tirato uno ed è venuto parendo contemporaneamente secco e marcio...
    le ho svasate subito entrambe ed ho trovato il terriccio completamente fradicio, la roseopicta con le radici quasi tutte nere, l'altra con le radici ancora belle e bianche...
    le ho rinvasate in vasi stavolta con i fori sul fondo, con un fondo di cocci, e purtroppo col terriccio che avevo in casa, poi non le ho bagnate ma lasciate in giardino tutta la notte, annaffiate stamattina, e dopo un'ora riportate in casa perchè fuori da me si brucia...
    questo è il risultato della Triostar

    la pianta nel complesso non sembra stare male

    IMG_0777.JPG

    ma gli unici steli rimasti, che ieri stavano ancora bene, oggi sono così

    IMG_0778.JPG

    IMG_0779.JPG

    e la roseopicta così

    IMG_0780.JPG

    IMG_0781.JPG
     
    A Elforosa e iole24 piace questo messaggio.
  2. Elforosa

    Elforosa Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    28 Luglio 2020
    Messaggi:
    58
    Località:
    Colorno (pr)
    Spero ti risponda qualche esperta....interessa anche a me! Aspe' cerco di taggarti una forummina gentilissima che mi hanno detto guru delle calathee...
     
  3. Elforosa

    Elforosa Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    28 Luglio 2020
    Messaggi:
    58
    Località:
    Colorno (pr)
    Eccola....@rea
     
  4. Rea

    Rea Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    16 Aprile 2020
    Messaggi:
    348
    Località:
    Torino (To)
    Come hai già fatto l'analisi tu, il terriccio non è idoneo. Ho rinvasato la mia Maui Queen togliendo tutta la terra del Lidl perché non drenante per nulla!
    Inoltre i vasi, come dicevo anche nel mio thread, io le calathea nella plastica non le coltivo perché non mi ci sono trovato bene! Per i vasi coi fori laterali: mai usati. Ma avevo qualche dubbio.
    Rimedio: prendi tutte le piante. Svasi, con un getto d'acqua togli la terra e lasci solo i rizomi e radici. Togli le radici marce (ed eventualmente i rizomi marci, speriamo di no) e rinvasi in un terreno molte drenante e in altri vasi. Io consiglio vivamente di coccio, avranno bisogno di essere bagnate più spesso, ma io preferisco per evitare marciume.
    Il nuovo rinvaso Consiglio di aumentare la sabbia da mettere e gli inerti.
    Bagni dopo 24h dopo il rinvaso. Assicurati di aver tolto tutto quello che è marcio e le foglie compromesse
    P. S. Sono salvabiilissime. Lo so che il paragone è un pò "tirato" ma trattale come se fossero della delle piante succulente che chiedono un pò più di acqua!
     
    A iole24, DesDes, Stefano Sangiorgio e 1 altro utente piace questo messaggio.
  5. tartina

    tartina Florello

    Registrato:
    13 Luglio 2011
    Messaggi:
    5.113
    Località:
    ferrara provincia a 10 km. dal mare
    come dicevo ieri, ho dovuto rinvasarle in fretta con quel che avevo in casa, per non lasciarle nel terriccio fradicio, quindi dovrei rinvasarle un'altra volta,...

    stamattina intanto avevano alzato tutte le foglie, speriamo bene...

    la Maui aveva alzato anche le nuove, quelle che credevo molli, quindi lei mi sembra stare bene, per ora non la tocco...

    la roseopicta l'avevo già liberata completamente del terriccio vecchio, ma non ho pensato a tagliare le radici scure, anche perchè lo erano quasi totalmente, eppure oggi sta aprendo un'altra delle foglie nuove...

    la trio aveva le radici belle bianche, quindi l'ho rinvasata così com'era, sembra ancora bella, eppure le foglie nuove seccano e non si aprono...

    per queste due devo trovare materiali idonei, se faccio in tempo, perchè dove abito io non c'è grande scelta, forse appena terriccio per grasse generico, ma materiali inerti come pomice o perlite non se ne parla proprio... lunedì vedo cosa trovo, intanto vedo anche come si comportano fino a lunedì...
     
  6. sasiks

    sasiks Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2020
    Messaggi:
    112
    Località:
    Roma
    Ciao,
    Seguo con interesse perché anche io mi sto cimentando con queste piante (una roseo picta e una tricolor - in realtà è una stromanthe) dopo averle prese al Lidl e ancora non ho cambiato quella terra oscena che avevano :confused:
    Per la perlite ti do un consiglio, visto che anche io avevo difficoltà a trovarla: puoi provare con del ghiaino in quarzo che si usa per acquari. È sicuramente inerte perché resta a contatto con l'acqua e si trova in genere in tutti i negozi di animali
     
    A tartina piace questo elemento.
  7. tartina

    tartina Florello

    Registrato:
    13 Luglio 2011
    Messaggi:
    5.113
    Località:
    ferrara provincia a 10 km. dal mare
    le tue come stanno? se vuoi puoi postare foto e dubbi anche qui, così non disperdiamo informazioni in giro
     
  8. sasiks

    sasiks Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2020
    Messaggi:
    112
    Località:
    Roma
    Le mie sembrano stare bene... Per ora.
    La precendente calathea presa da Ikea non aveva fatto una bella fine...
    Ieri ho notato che la roseopicta aveva delle foglie flaccide. Sono entrata nel panico pensando che fosse marcita, ma in realtà la terra era secchissima. Quindi le ho innaffiate per la prima volta e si è ripresa.
    Le nebulizzo ogni giorno per l'umidità. Inoltre le ho dovute ammassare alla areca presa di mira dalla gatta, quindi c'è ancora più umidità. Poi troverò un posto definitivo dove tenerle...
    È una malattia comprare piante! :D
     

    Files Allegati:

  9. Rea

    Rea Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    16 Aprile 2020
    Messaggi:
    348
    Località:
    Torino (To)
    @tartina la roseopicta ha le radici scure, come altre Calathea. Quelle marce le riconosci al tatto e dalla consistenza! Con i rinvasi le calathea vi stupiranno, non li patiscono particolarmente! Addirittura quando le dividi, alcune mi hanno stupito quest'anno!

    @sasiks nebulizzare una pianta d'appartamento in un ambiente con, per esempio, il 30% di Umidità non serve a niente, almeno, serve a poco. Per mantenere l'umidità adatta dovresti spruzzarla ogni volta che si asciuga, ovvero più di una ventina di volte al giorno? Io le mie non le nebulizzo affatto, anzi lo faccio solo quando devo pulirle e poi ci passo il panno. Inoltre see si nebulizza con acqua calcarea, si macchiano solo le foglie e si perde parte della lucentezza delle foglie, senza contare che alcune calathea sono vellutate quindi si rovinano proprio (non nel vostro caso). Se volete aumentare l'umidità intorno alla pianta: vaso di coccio che trasuda acqua, argilla nel sottovaso che evaporando umidifica l'ambiente, ciotoline di acqua nei pressi della pianta, per non parlare di un umidificatore che risolve tutti i problemi di sorta (il mio lo uso principalmente per non far seccare le vie respiratorie mie, non delle piante, quando i termosifoni sono accesi). A proposito di termosifoni, quando sono accesi, ciotolina di acqua da riempire ogni giorno, aumenterà l'umidità ambientale. Anche stendere il bucato in una stanza aumenta l'umidità. Ci sono tanti modi, quello di nebulizzare, a mio avviso, è davvero poco efficace e macchia le foglie...


    Vi dico una mia impressione personale; sui siti italiani non ho mai trovato info sulle calathea soddisfacenti, anzi, ho sempre trovato info farlocche e copiate da un sito all'altro. Le info sulle calathea più efficaci che ho appreso è da alcune YouTuber inglesi che le coltivano da anni e da siti stranieri.
    Le info in italiano che ho trovato dicono tutto e niente, non sono dettagliate e non fanno distinzione tra varietà soprattutto, cosa fondamentale secondo me. Questo anche perché non abbiamo dei siti appassionati qui in Italia come può essere, per esempio, un Eta Beta per le piante acquatiche. E quindi troviamo info un po superficiali
    Poi la valutazione finale uno la fa anche quando le ha in casa e le coltiva da anni. Ma questo vuol dire anche conoscere le proprie piante e l'ambiente in cui vivono!
     
    Ultima modifica: 22 Agosto 2020
    A Ciacina, Stefano Sangiorgio, tartina e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  10. sasiks

    sasiks Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2020
    Messaggi:
    112
    Località:
    Roma
    Ciao Rea!
    Non so quanto è l'umidità dell'aria nella stanza dove ho le piante. Ma non bassissima visto che ho due acquari , di cui uno abbastanza importante che perde per evaporazione almeno un paio di litri d'acqua al giorno. L'orbifolia probabilmente resterà sempre un sogno, ma queste dovrebbero farcela :cry:
    Tutte le mie piante sono nebulizzare con acqua di osmosi (sempre per i suddetti acquari ho necessità dell'impianto in casa) . In alcuni casi la uso anche per innaffiare le piante o diluire l'acqua del rubinetto (in genere vivo a Roma dove l'acqua è veramente dura quindi per orchidee, ortensie e grasse uso acqua mista o totalmente priva di sali)
    Nebulizzo... Quando capita! Anche tre o quattro volte al giorno
    Sotto la tricolor lascio un po' di acqua per aumentare l'umidità per evaporazione (non a contatto con il vaso). Per la roseopicta avevo inteso sull'altro thread che non fosse necessario. Se pensi possa aiutare la metto anche lì

    Potresti dirmi chi sono gli youtuber che parlano di calathee?
    Vedendo alcuni video ho sentito che temono l'acqua dura. Confermi?
     
  11. Rea

    Rea Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    16 Aprile 2020
    Messaggi:
    348
    Località:
    Torino (To)
    Io avevo visto molti suoi video e anche di tanti altri youtuber che hanno le calathea, ognuno riporta delle cose interessanti!
    Comunque se usi acqua non calcarea parti già da un'altra base, però, come ti dicevo, non è, secondo me, sufficiente a tenere elevata l'umidità. La orbifolia prendila, in realtà per tanti altri aspetti si adatta molto di più rispetto alla roseopicta. La roseopicta non è sicuramente la lancifolia/insignis/rattlesnake o la setosa and family, che loro sono quelle che, a mio avviso, sopportano di più la bassa Umidità ambientale. La roseopicta, la mia, che è leggermente diversa da quella del Lidl (puoi vederlo nel mio thread) già sui 40% di Umidità non secca le foglie, altre invece richiedono più Umidità. Io le ho messo comunque l'argilla alla base.
    L'acqua calcarea e un pò dura si, alcune la patiscono più di altre, come dice anche la ragazza nel video la zebrina ne risente in particolare modo, io di solito cerco si filtrarla o di usare acqua piovana. Ma non sempre, spesso uso quella del rubinetto. Farla decantare serve a poco, meglio filtrarla!
    Comunque ho usato per più di un anno acqua del rubinetto e alcune non hanno fatto una piega e queste sono: amagris, lancifolia, burle marx, setosa. Detto questo, se si riesce ad avere acqua "migliore" non può che farle stare meglio.
    Ogni 2o 3 anni le divido e le rinvaso cambiando tutta la terra
     
    A Stefano Sangiorgio piace questo elemento.
  12. sasiks

    sasiks Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2020
    Messaggi:
    112
    Località:
    Roma
    Ma è planterina :love:
    Adoro tutto il suo canale..ha piante bellissime e lei è molto simpatica. Poi parla sempre di piante abbastanza comuni (anche se le sue sono 20 volte più belle di quelle che ho io :sgrunt:)

    Per l'acqua, attualmente non sono a Roma. Qui l'acqua è meno dura (meno della metà di conducibilità di Roma), quindi a questo punto provo con quella di rubinetto e vedo come va.
    Quando rientrerò a Roma mi sa che la mischio che è meglio

    Metterò l'argilla anche alla roseopicta. Meglio non rischiare :su:
    Grazieeee
     
    A Stefano Sangiorgio e Rea piace questo messaggio.
  13. Rea

    Rea Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    16 Aprile 2020
    Messaggi:
    348
    Località:
    Torino (To)
    Da me in provincia di Torino non è particolarmente calcarea, ma comunque è calcarea. Alcune Calathea, come ti dicevo, non hanno fatto una piega. È giusto specificarlo, perché idealmente é facile dire "la pianta non vuole l'acqua calcarea", un altro è effettivamente procurarsi SEMPRE l'acqua " perfetta" per poterle bagnare. Perché siamo sinceri, alcune cose è davvero difficile procurarsele e e chi frequenta il forum lo sa. Come quando ti dicono "procurati gli inerti vulcanici eruttati dall'etna almeno 623 anni fa" e che costano un rene ed effettivamente non ti aiuta nella cura della pianta perché quelle cose non puoi Procurarle facilmente. Per carità, non dico di usare proprio quello che si ha in casa, perché secondo me per le calathea se fai un bel mix di terra, inerti, fibre di cocco con cui invasarle, la pianta vive tutto in un altro modo. Secondo me per le calathea la cosa fondamentale è il terreno e la parte del drenaggio al fondo del vaso, poi l'umidità ambientale e l'acqua con cui bagnarle sono cose collaterali che aiutano molto per lo sviluppo ma non le ritengo fondamentali. Quindi il mio consiglio è: pensare bene alla messa a dimora e con calma pensare poi al resto.
    P. S. Argilla nel sotto vaso ok, ma l'argilla come drenante al fondo del vaso la sconsiglio. Crea un tappo, crea ristagno e difficilmente asciuga
     
    A Stefano Sangiorgio piace questo elemento.
  14. Stefano Sangiorgio

    Stefano Sangiorgio Master Florello

    Registrato:
    2 Settembre 2017
    Messaggi:
    12.953
    Località:
    Erba
    Località:
    Erba
    Infatti son meglio i cocci, specie se rotti dopo una sana incazzatura, e il ghiaietto.
     
  15. Rea

    Rea Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    16 Aprile 2020
    Messaggi:
    348
    Località:
    Torino (To)
    Grazie Stefano, concordo. I cocci dei vasi, tegole e mattoni sono imbattibili. Anche perché assorbono l'acqua a differenza dell argilla e i cocci rimangono umidi e rilasciano lentamente umidità al terreno, cosa che non fa l'argilla che è porosa e cattura l'acqua senza assorbirla e crea un vero e proprio tappo al fondo del vaso!
    Ma non solo per le calathea, io le uso per tutte le altre piante!
     
    Ultima modifica: 23 Agosto 2020
    A Stefano Sangiorgio piace questo elemento.
  16. sasiks

    sasiks Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2020
    Messaggi:
    112
    Località:
    Roma
    L'argilla l'ho usata nel sottovaso per creare un distanziamento tra l'acqua sul fondo e il vaso della pianta. Non ho vasi di coccio da usare e preferisco a quel punto il lapillo (ne ho sempre a casa)

    Oggi ho sostituito la terra delle due piantine. Era fango :sick:
    L'ho proprio dovuto lavare via con la pompa tanto faceva schifo! Non so come abbiano fatto a crescerci dentro

    Intanto ho la misura dell'umidità: sono a circa 40% (un po' meno con i condizionatori accesi).

    Dopo il travaso i bordi della roseopicta sembrano più ondulati e secchi. Prima stava benone... Provo con l'argilla nel sottovaso e speriamo non secchino i bordi :banghead:
     
  17. Rea

    Rea Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    16 Aprile 2020
    Messaggi:
    348
    Località:
    Torino (To)
    E se secca qualche bordo non importa, anche la mia è in camera dove non posso avere sempre l'umidità perfetta. L'importante è che le nuove foglie che nascono stiano bene!
     
  18. tartina

    tartina Florello

    Registrato:
    13 Luglio 2011
    Messaggi:
    5.113
    Località:
    ferrara provincia a 10 km. dal mare
    situazione di oggi, roseopicta sta ancora bene, si è colorata un pochino la foglia nuova, e nessun ulteriore segno di arriccimento o secco delle altre, probabilmente la pulizia delle radici ha avuto effetto, anche se fatto rinvaso ancora con terriccio scadente, quindi anche lei la metto in standby come la maui...

    stamattina sono andata in due centri a cercare terriccio per grasse, trovato solo un tipo, ma senza inerti all'interno, e non vendono inerti... dopo faccio una prova di scolo dell'acqua, perchè se non scola bene tanto vale che non faccia il travaso della trio, che è rimasta anche lei stazionaria, nessun peggioramento foglie sempre stese senza punte secche... peccato per le nuove foglie tutte marcite...
     
  19. Rea

    Rea Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    16 Aprile 2020
    Messaggi:
    348
    Località:
    Torino (To)
    Scusa Tartina, ma perché non compri direttamente gli inerti? Io la sabbia grossolana pago un sacchetto da 25kg 1.99€ a Leroy Merlin e poi fai la miscela con qualsiasi terriccio. Poi se vuoi la pomice da trovi anche il sacchetto piccolino da Ikea a 4€ se poi te ne serve di più, prendi il sacchetto da 25kg sui 20€ su Amazon (io ho quello e lo uso da più di un anno tra grasse e non)
    Nei garden non le vendono quelle cose. Devi andare nei centri edili o comprare su Internet
     
  20. tartina

    tartina Florello

    Registrato:
    13 Luglio 2011
    Messaggi:
    5.113
    Località:
    ferrara provincia a 10 km. dal mare
    Ikea e Merlin sono distanti 120 km da casa mia... ho trovato un sito online che non mi pare male, vedrò di procurarmeli, ma per i rinvasi futuri ormai...
    intanto ho appena fato il rinvaso della trio perchè il terriccio no mi sembra male, una mezza via tra quello per grasse molto drenante, e quelli da giardino... ho pulito per bene tutte le radici, che sono belle e bianche, e allora perchè marcivano i nuovi getti?... ed ho anche diviso la pianta in due vasi... troppo tutto in una volta? aspetto domani a bagnare? ora son totalmente asciutti...
     

Condividi questa Pagina