• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Rhambler SPR "the new tall fescue"

Crasmen

Florello
Mi incuriosisce una cosa. Supponiamo di voler fare come jack ovvero in un prato di 200mq averne 50 di macro e 150 di festuca e supponiamo che i 50mq vengano installati interamente in rotoli e che quindi siano da subito "operativi". Cosa succede nelle zone di confine tra le due specie? È come si gestisce ad esempio il taglio che sarà ad altezze diverse? Non si rischia di avere un risultato estetico scadente? Bl

Sent from my ZUK Z2132 using Tapatalk

La specie più aggressiva dominerà il confine, compromettendone la resa estetica. La soluzione è delimitare le due zone con un'aiuola, con del mattonato o con una bordura in plastica o metallo.

Inviato dal mio LG-H930 utilizzando Tapatalk
 

white sand

Moderatore Sez. Prato
Membro dello Staff
Mi incuriosisce una cosa. Supponiamo di voler fare come jack ovvero in un prato di 200mq averne 50 di macro e 150 di festuca e supponiamo che i 50mq vengano installati interamente in rotoli e che quindi siano da subito "operativi". Cosa succede nelle zone di confine tra le due specie? È come si gestisce ad esempio il taglio che sarà ad altezze diverse? Non si rischia di avere un risultato estetico scadente? Bl

Sent from my ZUK Z2132 using Tapatalk
Certo che si. Infatti io non ho parlato di incapacità di estromettere la C3 ma solo di un tempo prolungato.
Nelle zone di confine si creerà l'alternanza delle specie. Questo è valido solo qualora si gestica la C4 ai minimi livelli accettabili di taglio e la C3 venga malgestita.
Se ad esempio si impiega una gramigna ibrida da put ad altezze inferiori a 3 mm di taglio, una pulizia costante atta all'eliminazione degli stoloni di confine, è possibile gestire entrambe senza troppa difficoltà. Ora sto parlando di situazioni al limite. Anche l'irrigazione andrà gestita in maniera ben differente

Inviato dal mio LG-H525n utilizzando Tapatalk
 

GrayCloud

Maestro Giardinauta
La specie più aggressiva dominerà il confine, compromettendone la resa estetica. La soluzione è delimitare le due zone con un'aiuola, con del mattonato o con una bordura in plastica o metallo.

Inviato dal mio LG-H930 utilizzando Tapatalk
La piu alta e/o la piu fitta andra a dominare il confine.
Asianturfgrass aveva scritto qualcosa riguardo l'invasione della matrella (una lumaca) sui green.

In un prato come quello di jack vedo dura anche l'inserimento di plug. Troppo fitto.
E ricordiamoci che le bermuda ibride soffrono molto di piu l ombra della gramigna comune.

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk
 

Jack1978

Apprendista Florello
Eccomi ragazzi allora secondo me ci sono due strade percorribili per attuare il cambio di cultivar da C3 a C4 , White la scorsa settimana mi ha aperto un nuovo mondo postando le foto della sua Yukon traseminata poi in settembre con il Pizzza 2 ( quindi prato verde 12 mesi ) mi è molto piaciuta ( anche come ha spiegato la tecnica di inserimento della Macro su un tappeto in micro ) la seconda tecnica se si vuole impiantare una cultivar ibrida come “ vorrei fare in futuro “ è quella di impiantare piccole piantine già precoltivate perché la semina tradizionale è impossibile attuarla , detto questo il prato esistente oltre ad eliminarlo quindi diserbo totate andrà fresato e livellato di nuovo il top per preparalo a ricevere le piccole piantine di Bermudagrass.
Nel mio caso ( 50 mq di superficie ) per fare un buon lavoro dovrei : scegliere il periodo ( fine maggio ) diserbo totale , fresare tutto , visto che quando ho realizzato il top soil nel 2016 come quota non sono arrivato pari alla soglia quindi potrei anzi devo portarmi a livello ( è una delle c..... che ho commesso allora ) e aggiungere sabbia e torba mi servirebbero circa 2 mc per alzarmi di 4 cm , per il discorso impianto C4 mi hanno calcolato 20 piante al mq distanziate 25 cm ognuna , in teoria garantiscono una chiusura completa del T.E. entro la fine di settembre...... tutto molto intrigante ma non fattibile ora per un discorso di tempistiche rimandato tutto al prossimo anno....... vediamo invece di programmare qualcosa per fine estate inizio settembre........
 

GrayCloud

Maestro Giardinauta
L'uniformitá data dalla semina non ha eguali rispetto al trapianto dei plug.
Altrimenti rimani basso appositamente con il livello e il secondo anno sommergi tutti gli stoloni prima del greenup.

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk
 

white sand

Moderatore Sez. Prato
Membro dello Staff
L'uniformitá data dalla semina non ha eguali rispetto al trapianto dei plug.
Altrimenti rimani basso appositamente con il livello e il secondo anno sommergi tutti gli stoloni prima del greenup.

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk
Se si parla di semina però ci si rivolge a cynodon da fairway e non da putting green.
Se un giorno (....magari non lontano) dovessi catapultarmi nel mondo del cynodon, certamente non mi rivolgerei a varietà seminabili, ma ad una varietà "sterile"....Tifeagle, Dwart, Miniverde...
@Jack1978 io non opterei per plugs....per 50 mq con una spesa di 4/5 euro mq ti compri il rotolo già pronto.....quindi niente fori, niente infestanti....
Ti basterà solo diserbare, eliminare il cotico con un badile, livellare il tutto e posare il rotolo ( che ha già almeno 2 cm di spessore)

Inviato dal mio LG-H525n utilizzando Tapatalk
 

Jack1978

Apprendista Florello
Le due tipologie di Macro ibride ( Patriot e P 18 ) che vorrei installare non sono seminabili e non si trovano a rotoli pronti quindi l’unico modo è quello dell’impianto di plug su un nuovo top ben livellato , anche perché come costo è già abbastanza altino.
Ritornando al discorso di separazione delle due cultivar è chiaro che dal momento in cui decido di partire avrò due zone separate la parte a sud macro e la parte est micro separate da una barriera (penso mattoncini ) per il discorso impianto di irrigazione non ho problemi con le 4 linee gestire le diverse quantità e tempistiche.
 

mm1

Aspirante Giardinauta
Da anni lotto contro la gramigna che puntualmente si presenta in questo periodo dell'anno.
Sono riuscito a limitata ma non a eliminarla, sentire parlare di micro e macro insieme, mi mette un po più di buonumore!:)
 

white sand

Moderatore Sez. Prato
Membro dello Staff
Da anni lotto contro la gramigna che puntualmente si presenta in questo periodo dell'anno.
Sono riuscito a limitata ma non a eliminarla, sentire parlare di micro e macro insieme, mi mette un po più di buonumore!:)
Come mi disse @asianturf ( Micah Wood) noi viviamo in una zona di transizione...un po' come le zone centrali degli stati uniti.
(per intenderci zona Oklahoma Arkansas...twisters areas).
Secondo loro....noi non possiamo ambire a livello hobbistico a mantenere un prato di micro o macro in maniera egregia durante i 12 mesi dell'anno.
Sempre secondo loro, dovremmo usare l'alternanza del periodo per valorizzare una micro o una macro a seconda della stagione, sfruttandone le loro peculiarita'.
Questa analisi viene fatta secondo dei criteri di costo di manutenzione nell'ottica di ridurre al minimo ogni spreco.

Inviato dal mio LG-H525n utilizzando Tapatalk
 

mm1

Aspirante Giardinauta
Hai ragione.
Ma avendo preso questa "malattia" per il prato la razionalità dei costi/sprechi/tempo dedicato al prato... l'ho persa da un pezzo...
 
Alto