1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Salice? Malato

Discussione in 'Parassiti e Malattie' iniziata da CarolinaSq, 19 Maggio 2017.

  1. CarolinaSq

    CarolinaSq Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    29 Giugno 2016
    Messaggi:
    17
    Località:
    Milano
    Ho questi animali che si stanno mangiando le foglie del salice piangente, come cacciarli?

    IMG_2052.JPG
     
  2. flyppo

    flyppo Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    11 Maggio 2017
    Messaggi:
    465
    Località:
    Reggello fi
    Un insetticida-aficida subito

    Inviato dal mio SM-A300FU utilizzando Tapatalk
     
  3. Alessandro2005

    Alessandro2005 Esperto in Fitopatologie

    Registrato:
    26 Settembre 2005
    Messaggi:
    4.366
    Località:
    Provincia Torino. Per giardinaggio anche Bordigher
    Presumo siano larve di crisomelidi (la specie frequentemente associata al salice si chiama Crepidodera aurata), però per la classificazione servirebbe avere buone foto dell'adulto....se aspetti prima o poi li vedrai!
    Di norma non si interviene su essenze forestali: peraltro occorrerebbe vedere la grandezza della pianta e poter apprezzare de visu l'entità dell'attacco. Immaginando il tuo salice come albero adulto sarebbe anche problematico intervenire a livello hobbistico con un trattamento per irrorazione (solitamente su alberi medio-grandi come platano, ippocastano etc., se del caso contro i fitofagi fogliari si interviene in endoterapia).
    Comunque contro le larve di crisomelidi non sono appropriati trattamenti aficidi. Se prendiamo come riferimento più prossimo la crisomela del pioppo, ove ci fosse necessità di intervenire per irrorazione la lotta viene diretta contro la fase larvale, che è la più dannosa, impiegando possibilmente insetticidi microbiologici (B.t.k.), oppure piretroidi (hanno efficacia per contatto e ingestione con azione abbattente).
     

Condividi questa Pagina