1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Riciclare il pane raffermo. Cercasi suggerimenti.

Discussione in 'In cucina!' iniziata da anto.loschi, 4 Gennaio 2010.

  1. patrizia

    patrizia Maestro Giardinauta

    Registrato:
    25 Ottobre 2009
    Messaggi:
    2.140
    Località:
    collina, Piemonte
    Anche io non butto mai via nulla, a cominciare dal pane.
    Lo utilizzo in molti modi, come avete già detto qui sopra, ma un piatto che adoro non sono mai riuscita a farlo, cioé i canederli!
    Grazie a Paola-Luna per il link al suo sito in cui ho trovato la ricetta, proverò a cimentarmi ancora una volta.
    E mi unisco al pensiero di Luisaa, in Trentino ogni volta ci lascio il cuore :love: chissà, quando sarò in pensione...
     
  2. patrizia

    patrizia Maestro Giardinauta

    Registrato:
    25 Ottobre 2009
    Messaggi:
    2.140
    Località:
    collina, Piemonte
    P.S. qualcosa in più sugli strangolapreti?
     
  3. Paola-Luna

    Paola-Luna Florello

    Registrato:
    8 Novembre 2000
    Messaggi:
    5.106
    Località:
    Trentino, a 800 mt s.l.m.
    come per i canederli, anche nella preparazione degli strangolapreti ogni cuoca trentina ha una sua ricetta particolare, che la differenzia dalle altre. Mia madre li fa così

    dosi per 6 persone:

    6 cubi di spinaci surgelati, uno spicchio d'aglio, un po' d'olio, 4-5 panini raffermi, un uovo o due (in base alla grandezza), sale e pepe

    preparazione:

    si lasciano scongelare i cubi di spinaci quindi si tritano e si fanno arrostire brevemente in una padella antiaderente con lo spicchio d'aglio (non è necessario se non piace!) e l'olio. Quindi si lasciano raffreddare. Nel frattempo i panini raffermi vanno ammollati nell'acqua, strizzati bene e sminuzzati in una capiente ciotola. Vi si aggiungono gli spinaci e le uova, sale e pepe quanto basta. Con le mani si impasta il tutto che dovrà risultare morbido ed appiccicoso. Con l'aiuto di farina bianca si formano delle palline (grandi poco più di uno gnocco tipico di patate). Si porta ad ebollizione l'acqua salata e vi si immergono gli strangolapreti che dovranno cuocere per circa 5 minuti. Quindi si raccolgono delicatamente con un mestolo forato e si mettono in una zuppiera. Si cospargono di grana grattugiato e si condiscono con burro fuso e salvia. Vanno mangiati caldi.
     
  4. Paola-Luna

    Paola-Luna Florello

    Registrato:
    8 Novembre 2000
    Messaggi:
    5.106
    Località:
    Trentino, a 800 mt s.l.m.
  5. marco.enne

    marco.enne Esperto di impianti di irrigazione da balcone

    Registrato:
    16 Marzo 2008
    Messaggi:
    11.955
    Località:
    perbacco... in italia
    una vecchissima ricetta............

    per i bambini consiste nell'ammollare il pane raffermo nell'uovo sbattuto con un podi latte zuccherato e poi saltarlo nello strutto (oggi come oggi va bene anche il burro o l'olio d'oliva ) assomiglia al pane fritto alla francese ma con le marmellate di frutta e meglio questo "alla medievale italiano"

    oppure opportunamente grattugiato aggiungi il brodo di carne del lesso e il midollo dell'osso buco aggiungi tanto pepe sobbolli con pazienza il tutto per almeno un ora mescolando frequentemente e ci fai la "salsa pearà" da servire a contorno del bollito misto .........una squisitezza

    oppure l' "erbazzone" lessare delle bietole oppure spinaci a cottura strizzarli bene e meglio anche tritarre il tutto
    preparare un impasto di pane, due uova sbattute, un pizzico di sale, un paio di cucchiai di parmigiano grattugiato amalgamare bene il tutto con le erbe saltare in padella come una frittata......
     
    Ultima modifica: 18 Gennaio 2010
  6. Paola-Luna

    Paola-Luna Florello

    Registrato:
    8 Novembre 2000
    Messaggi:
    5.106
    Località:
    Trentino, a 800 mt s.l.m.
    questo lo fa spesso mia madre ai miei figli per merenda!
     
  7. patrizia

    patrizia Maestro Giardinauta

    Registrato:
    25 Ottobre 2009
    Messaggi:
    2.140
    Località:
    collina, Piemonte
    Grazie, proverò quanto prima, a partire dagli strangolapreti, mi sembrano più facili!
    Intanto fra qualche giorno sarò lì a mangiare gli originali...
     
  8. paolaas

    paolaas Guru Giardinauta

    Registrato:
    20 Maggio 2005
    Messaggi:
    3.342
    Località:
    Novara, Italy
    Ecco la ricetta della torta paciarella, simile a quella di Commelina (tanto per avere una variante)

    300 g di pane
    1 l di latte
    150 g di zucchero
    un bicchierino di marsala o altro liquore a piacere
    4 mele o pere
    cannella
    gocce di cioccolato a piacere

    Mettere in ammollo in una ciotola capiente il pane nel latte finché non si ammorbidisce per bene.
    Unire lo zucchero, le mele tagliate a pezzi, il liquore, la cannella e le gocce di cioccolato.

    Il pane non va strizzato, si tiene tutto il latte.

    Mettere l'impasto in una teglia da 24 cm di diametro foderata di carta forno e cuocere in forno caldo a 180° per circa 50 minuti.

    Lasciare raffreddare quindi spolverare di zucchero a velo.
     
  9. lalle

    lalle Florello

    Registrato:
    11 Luglio 2008
    Messaggi:
    5.203
    Località:
    GENOVA
    Grazie a tutti per le bellissime idee!!!!:hands13:
     
  10. mikki

    mikki Maestro Giardinauta

    Registrato:
    20 Marzo 2006
    Messaggi:
    2.171
    Località:
    roma
    Sono delle ricette veramente interessanti, da provare!!!!
     
  11. ma&la

    ma&la Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    2 Novembre 2009
    Messaggi:
    145
    Località:
    prov. Varese
    Per non sprecare pane noi facciamo la Torta Panelatte o Vigezzina:
    225 g pane, 1 l latte, 175 g zucchero, 2 uova, 125 g uvetta, rhum o amaretto q.b., 1 bustina da 4 g “La Saporita” (oppure mix spezie in polvere con cannella, chiodi di garofano, noce moscata, pimento e anice), 1 cucchiaino di cannella
    Mettere a bagno il pane nel latte per 4 ore e nel frattempo far rinvenire nel liquore l’uvetta.
    Impastare il pane imbevuto nel latte, l’uvetta strizzata, lo zucchero, le uova, la bustina di spezie e la cannella .
    Preriscaldare il forno a 180°C. Imburrare la teglia e cospargerla di pane grattugiato, poi mettere il composto nella teglia e cuocere per 45/60 minuti.
    In casa parenti e amici gradiscono e se non abbiamo avanzi di pane la facciamo anche con pane fresco.

    Ciao
     

Condividi questa Pagina