1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Siepi e piante di confine

Discussione in 'Legalmente parlando' iniziata da Zenzi, 18 Maggio 2020.

  1. Zenzi

    Zenzi Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Maggio 2020
    Messaggi:
    2
    Località:
    Lucca
    Salve a tutti, sono nuovo del forum
    mi sono iscritto per cercare informazioni sulla situazione in cui mi trovo e vorrei trovare soluzioni che non coinvolgano legali o cmq non portino una spesa di denaro extra.

    premetto che sono da 30 anni in "comodato d'uso" in un'abitazione confinante su 4 lati con altre proprietà e piante/ siepi nella mia proprietà.

    il fatto è che quando i miei si trasferirono qua, tutto intorno c'erano campi, quindi ci sono siepi e piante che hanno 20 anni o più.

    ho 3 situazioni diverse:

    1- siepe di Glicine età 25 anni
    dietro casa, dove sta questa siepe alta anche in certi punti 3 metri costruirono una quadrifamiliare.
    ogni tanto il vicino mi ha chiesto se poteva tagliare i rami che gli andavano di là, e per me va benissimo, ho dei dubbi sull'altezza, le costruzioni posteriori alla presenza della siepe acquisiscono dei diritti che vincolino l'altezza ???

    2- il condominio a me confinante ha un parco che confina sempre con la mia proprietà, sul confine dalla parte loro è cresciuta una pianta ( arbusto di dubbia natura ) e sconfina di molto, posso provvedere alla manutenzione in altezza e spessore da solo ?

    3- siepe confinante con stesso condominio ( età 20 anni )
    questa siepe fu piantata perché una delle precedenti amministrazioni condominiali ha voluto un separè, il proprietario di casa mia, ha piantato delle siepi ovviamente da nostro lato.
    tempo fa il vicino cafone, senza aver mai richiesto di tagliarle, ha provveduto egli stesso, e mi ha tirato il pattume dalla mia parte, anche con molta arroganza.

    io vorrei sapere se, dato che la siepe è stata voluta dall'amministrazione loro, debbano effettuarla i condomini ( ovviamente intendo esclusaivamente dal loro lato, dato che dalla mia parte ci penso io ) provvedendo anche al relativo smaltimento.


    ovviamente intendo mantenere dei rapporti civili e quindi potrebbe essere un giusto compromesso che ognuno pensi al proprio lato ?
     
  2. marco.enne

    marco.enne Esperto di impianti di irrigazione da balcone

    Registrato:
    16 Marzo 2008
    Messaggi:
    11.386
    Località:
    perbacco... in italia
    Devono essere SEMPRE, a seconda delle piante usate, a una distanza minima dal vero confine che varia da un minimo di 50cm o1,00/1,5mt.
    con un altezza MASSIMA di 2,5mt
    Fatte salve deroghe comunali provinciali regionali generalmente vengono modificate le distanze SOLO se tali siepi sono tutte e completamente in vaso o se dietro a loro, per l'altezza, vi è un muro più alto ....
    E VANNO mantenute a tali misure e potate (se travalicano i confini) A SPESE DEL PROPRIETARIO del terreno su cui crescono (e a giusta info sono e rimangono una proprietà PRIVATA chi le manomette, anche a giusto motivo, commette un reato)
    non importa chi le ha piantumate se non in presenza di piantumazione non regolare/legale a distanza minore dei 50cm secondo legge e normativa in questo caso chi le piantumate non ottemperando alle obbligatorie distanze di legge a spese esclusivamente sue è tenuto ad espiantare tale siepe ripiantumandola alla giusta distanza dal confine.
    Sono considerate piante da siepe cespugli arbusti e piante in genere definite a basso fusto (che non abbiano la loro prima diramazione
    Oltre i tre metri purché regolarmente tagliati a ceppaia)
    Qui sotto ti posto un link che risponde anche ad altri tuoi quesiti
    https://www.google.com/amp/s/www.la...distanza-altezza-potatura-e-radici/amp?espv=1

    Se ti servono altre info posta pure ...

    PS ...ti ricordo che pur essendo in comodato (quale tipo di preciso??) In ogni caso a te spettano le spese ordinarie che sono comprensive della manutenzione (stagionale e la cura) di una siepe (pur anche consistente nella sostituzione di una o più porzioni/piante) rientra in ogni caso nelle "spese e manutenzioni ORDINARIE" tue ...non rientrerebbero (se non a te ascrivibili) le beghe legali dovute a maldestri/illeciti comportamenti o illecite appropriazioni/beghe di confine. dei e tra proprietari confinanti, enti condominiali compresi....queste riguardano il vero proprietario e non te quale comodatario....MA OCCHIO al fregarsene devi poter provare che i danni o le situazioni malevole non sono ascrivibili al tuo comportamento....ne va del prosieguo o dell'interruzione del tuo comodato
     
    Ultima modifica: 18 Maggio 2020
  3. Zenzi

    Zenzi Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Maggio 2020
    Messaggi:
    2
    Località:
    Lucca
    Grazie molto esauriente,

    quindi nessun tipo di pianta gode di una sorta di diritto anche se ha oltre i 20 anni di età...o se prima intorno alla mia proprietà non esisteva niente.... lo trovo un pò ingiusto...però vedo se posso mediare con l'amministratore di condominio e trovare un accordo comune che non mi costringa a spendere soldi extra, o se proprio li dovrò spendere vedrò di alzare il muro con recinzione almeno a 3 metri.

    nel caso del glicine però il confinante è sopraelevato rispetto a me di almeno un metro e mezzo, quindi per l'altezza poso basarmi sulla suo livello terra ?
     

Condividi questa Pagina