1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Nati sotto un mandorlo...saranno commestibili?

Discussione in 'Funghi' iniziata da Fedecolmenares, 30 Ottobre 2018.

  1. Fedecolmenares

    Fedecolmenares Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    9 Gennaio 2010
    Messaggi:
    294
    Località:
    Macerata
    Località:
    Macerata
    Ciao a tutti! Ai piedi di un ceppo di un vecchio mandorlo che abbiamo tagliato un paio di anni fa sono nati i funghi che vedete in foto. A me paiono essere chiodini. Avete idea se siano commestibili questi?
    Grazie in anticipo per l'aiuto!! :) Funghi 1.png Funghi 2.png Funghi 3.png Funghi 4.png
     
  2. Datura rosa

    Datura rosa Guru Master Florello

    Registrato:
    31 Maggio 2006
    Messaggi:
    15.666
    Località:
    Palestrina (RM) 450 m slm/USDA 9b
    Mi sembra di vedere un'accenno di anello quindi potrebbe essere un Armillaria mellea (se invece fosse priva di anello si potrebbe trattare di Armillaria tabescens, unica simile mancante di anello).
    Nel primo caso si tratterebbe di un fungo estremamente comune su ceppaie marcescenti e attorno a esse, commestibile (ma tossico da crudo o malcotto) relativamente al solo cappello in quanto il gambo è talmente fibroso da dover essere eliminato. Questi funghi vanno bolliti per almeno 15' (molti li bollono anche 30') per poi essere cotti a lungo secondo i gusti.
    E' assolutamente sconsigliato consumare questi funghi congelati da crudi senza essere stati preventivamente bolliti. E' anche sconsigliato raccogliere questa specie e le specie affini se la temperatura è scesa sotto lo zero nei giorni immediatamente precedenti il ritrovamento. Evidentemente il gelo ha influenza sulla tossicità del fungo.

    La grande variabilità cromatica del Cappello, va messa in relazione all'essenza vegetale su cui si sviluppa il fungo. E' di colore giallo-miele sui Pioppi, sulle Robinie e sui Gelsi. Brunastra sulle Querce, grigio-nerastra sul Sambuco, bruno-rossiccia sulle Conifere,..........

    Anche l'Armillaria tabescens è commestibile ed ha le stesse caratteristiche e modalità di cottura dell’Armillaria mellea.
    Trattandosi di funghi S.E.& O.

    Ciao, ciao
     
    A Fedecolmenares piace questo elemento.
  3. Fedecolmenares

    Fedecolmenares Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    9 Gennaio 2010
    Messaggi:
    294
    Località:
    Macerata
    Località:
    Macerata
    Grazie mille per l'esauriente risposta!! :)
     

Condividi questa Pagina