1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Crescono funghi nel giardino

Discussione in 'Funghi' iniziata da alberto_isola, 21 Settembre 2018.

  1. alberto_isola

    alberto_isola Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    22 Giugno 2014
    Messaggi:
    38
    Località:
    milano
    Buongiorno, nel giardino di casa qui a Milano stanno crescendo questi funghi. Ce ne sono parecchi qua e là. Mi piacerebbe sapere che funghi sono. Grazie.
     

    Files Allegati:

  2. pluteus

    pluteus Esperto di piante spontanee

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    8.467
    Località:
    Novara
    Xerocomus ferrugineus oppure X.subtomentosus. Prova a tagliarne uno a metà, se la carne è gialla è il ferrugineus,
    se la carne è bianca allora è il subtomentosus. sono funghi caratteristici dei parchi cittadini anche se il loro habitat
    sarebbero le foreste subalpine miste a fagacee, betulacee e conifere, ma quest'anno per i funghi è una annata eccezionale
    e potresti trovare dei funghi anche sullo zerbino davanti alla porta di casa.:ciao:
     
  3. alberto_isola

    alberto_isola Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    22 Giugno 2014
    Messaggi:
    38
    Località:
    milano
    Grazie mille, la carne è bianca quindi è il Xerocomus subtomentosus.

    Ne approfitto per pubblicare questo testo sui cercatori di funghi.
    =============
    Quei posti che conosco solo io

    Ci vuole la pioggia. Perché senza terra bagnata, senza umidità, non vengono. E poi ci vuole il sole. Perché se, dopo la pioggia, non salta fuori il caldo, non vengono. E poi bisogna che non ci sia nessuno intorno. Perché se ci sono degli intrusi o degli spioni, non vengono; peggio, se ne vanno, nel senso che te li portano via, quindi non bisogna farsi seguire, non bisogna farsi vedere, bisogna dissimulare. È una questione fra te e loro, quella con i funghi. Una questione privata, seppure all’aperto, in mezzo alla natura.

    Ha riti e consuetudini che si affinano in anni di pazienza e camminate. Non è che, i funghi, li vai a cercare: i funghi si vanno a trovare. Vai direttamente a casa loro, come se andassi in visita. Conosci l’indirizzo. Sai dove nascono, dove si raccolgono. E loro, generalmente, ti aspettano sempre nello stesso posto, seminascosti sotto quelle foglie, sotto quell’albero, quel castagno, sotto quell'abete, al limite di quel prato, là dove c’è uno sbanco di terra e comincia il sottobosco. Chi va a funghi conosce i posti segreti dei funghi. Sono un bene prezioso. Ciascuno ha i suoi, in una parte di bosco che diventa come una tasca, qualcosa di intimo. Si passano in eredità, ma non si rendono pubbliche, non si raccontano.

    L’andare a funghi preferisce il silenzio alle parole. Puoi regalarli tutti o condividerli a cena, ma non sveli il luogo da cui provengono. Non è ingenerosità, è il piacere della raccolta, quel gesto che comincia dagli occhi, quella carezza che diventa strappo morbido, quella golosità del tocco. C’è chi raccomanda l’uso del coltello per raccoglierli, ma tagliarli è come mozzare la coda ai cani. Non si va a funghi con un’arma. Si va con naso, occhi, tatto. E con quella parte di corpo che richiama la fortuna.
     
    Ultima modifica: 22 Settembre 2018

Condividi questa Pagina