• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Calathea sta morendo

mauri7069

Aspirante Giardinauta
Ciao a Tutti
Sono nuovo del forum, ho acquistato a settembre la mia Calathea
Era bellissima, una pianta di cui mi sono innamorato subito, non la conoscevo.
L'ho tenuta fino ad una settimana fa, fuori dalla porta di casa, sul pianerottolo, poi ha cominciato a fare freddo ed esserci colpi d'aria. e quando ho visto che ha cominciato ad ingiallirsi, l'ho portata in casa.
Erano solo alcune foglie e solo le punte.
Ora da circa una settimana è in cucina.
Ho provato anche a mettergli terriccio nuovo sul fondo, ma niente.
Il terreno è umido, quindi non è secca.
Ho comprato un piccolo umidificatore.
Gliel'ho messo vicino per molte ore e molti giorni ma niente.
Ho bisogno dell'aiuto di qualcuno che mi possa aiutare.
Vi metto una foto di come sta oggi...sempre peggio.
Ormai moltissime sono arricciate e quasi tutte con le punte ingiallite.
Cosa devo fare?
C'è speranza?
 

Allegati

  • calathea.jpeg
    calathea.jpeg
    207,9 KB · Visite: 14

Amy

Guru Giardinauta
Mi ricorda la mia calatea permalosa; se la avvicinavo troppo ad un'altra pianta arricciava le foglie.
Credo che abbia avuto troppi cambiamenti climatici in poco tempo: dal luminoso tepore moderato al freddo e spifferi delle scale, poi al più buoi caldo umido della cucina, poi il buio caldo secco del deumidificatore.
Dalle il tempo di abituarsi al cambio di ambiente, dalle luce, taglia le foglie secche, togli il controvaso che rallenta l'asciugatura del terriccio, non annaffiare, non nebulizzare.
Quando capita che un panetto di terra sia troppo bagnato rispetto alle esigenze della pianta, io la svaso senza rompere il panetto di terra (o almeno ci provo) e lo appoggio su fogli di carta di giornale (quotidiano) e la lascio nello stesso posto in cui stava prima (per non cambiare le altre condizioni) fino a quando il terriccio non è più asciutto. Poi rinvaso, continuo a non annaffiare e mi regolo con le annaffiature future.
La carta del quotidiano assorbe bene l'umidità.
Le annaffiature in inverno potrebbero essere fatte anche ogni 30-40 giorni. Dipende da quanta acqua consuma la pianta.
Sarà la pianta a dirti che ha sete: abbassa le foglie oppure il terriccio è asciutto anche in profondità (scava col dito o usa un bastoncino) oppure il vaso è 'leggero'.
Si annaffia dall'alto fino a far uscire l'acqua dai fori di scolo e si vuota il sottovaso. Si controlla la pianta ogni settimana e si decide se annaffiare o no.
Per sapere quanta luce ha metti il tuo volto all'altezza della pianta e guarda quanto cielo vede.
Tutte le piante devono stare distanti almeno un metro dal termosifone.

Di più non so. Per altre domande ci vorranno altre persone a rispondere. :ciao:
 

mauri7069

Aspirante Giardinauta
Mi ricorda la mia calatea permalosa; se la avvicinavo troppo ad un'altra pianta arricciava le foglie.
Credo che abbia avuto troppi cambiamenti climatici in poco tempo: dal luminoso tepore moderato al freddo e spifferi delle scale, poi al più buoi caldo umido della cucina, poi il buio caldo secco del deumidificatore.
Dalle il tempo di abituarsi al cambio di ambiente, dalle luce, taglia le foglie secche, togli il controvaso che rallenta l'asciugatura del terriccio, non annaffiare, non nebulizzare.
Quando capita che un panetto di terra sia troppo bagnato rispetto alle esigenze della pianta, io la svaso senza rompere il panetto di terra (o almeno ci provo) e lo appoggio su fogli di carta di giornale (quotidiano) e la lascio nello stesso posto in cui stava prima (per non cambiare le altre condizioni) fino a quando il terriccio non è più asciutto. Poi rinvaso, continuo a non annaffiare e mi regolo con le annaffiature future.
La carta del quotidiano assorbe bene l'umidità.
Le annaffiature in inverno potrebbero essere fatte anche ogni 30-40 giorni. Dipende da quanta acqua consuma la pianta.
Sarà la pianta a dirti che ha sete: abbassa le foglie oppure il terriccio è asciutto anche in profondità (scava col dito o usa un bastoncino) oppure il vaso è 'leggero'.
Si annaffia dall'alto fino a far uscire l'acqua dai fori di scolo e si vuota il sottovaso. Si controlla la pianta ogni settimana e si decide se annaffiare o no.
Per sapere quanta luce ha metti il tuo volto all'altezza della pianta e guarda quanto cielo vede.
Tutte le piante devono stare distanti almeno un metro dal termosifone.

Di più non so. Per altre domande ci vorranno altre persone a rispondere. :ciao:
Grazie mille sei stata gentilissima
Ci provo.
Sono GG che peggiora,ne ho tagliate già un po' di foglie.
Sospendo umidificatore e non bagno per un po'.
La porto in bagno e di g cerco di darle luce,anche se ora con l inverno in arrivo sarà più difficile
Grazie ancora
Vi aggiorno
 
Alto