• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Back to Eden Garden

lisyy

Esperta in identificazione delle piante
E chi lo schioda il tarlo ora che gli hai fatto anche il rivestimento esterno alla sua casetta?
Scherzi a parte, ho visto utilizzare questa tecnica di protezione del legno su una houseboat (casa galleggiante) in un real-tv americano sulle ristrutturazioni di case. Ovviamente non parlavano di ulteriori trattamenti anti-qualcosa, usavano un altro tipo di legno sicuramente.
D'altronde hai scelto un materiale "deperibile" per recintare le aiuole dell'orto, comunque non durerà in eterno. Ci saranno altri masticatori che una volta messo a terra lo attaccheranno.
Hai per caso trovato calcoli su quanto, più o meno, dovrebbero durare i raised-beds in legno?

p.s.: Prendila così: visto che il legno di bagolaro per te è a costo zero, anche il tarlo diventa una risorsa per smaltirlo. Nel tempo che passerà a deteriorarsi, fino a rendersi ormai "inutile" allo scopo, farai esperienza pratica e culturale e troverai senz'altro miglior sostituto. Senza accanimento contro i poveri tarli!
p.ps.: sono una giardiniera pigra. Si vede dal mio approccio?
 

Matt985

Aspirante Giardinauta
Hai per caso trovato calcoli su quanto, più o meno, dovrebbero durare i raised-beds in legno?
No cara lissy: troppe le variabili in gioco.
Il tipo di legno, il tipo di tarlo, il clima umido del basso bresciano, l'esposizione al sole, il trattamento a fuoco.
Il sistema fungino/batterico/insettivoro che colonizzerà il mio contesto sarà, come ogni vostro giardino, a volte simile ma unico ed irripetibile rispetto agli altri.

Quello che ho imparato dai mercati finanziari è che quando ci sono in gioco innumerevoli variabili le stesse tendono ad avere una compensazione reciproca, un bilanciamento che media gli estremi. Non solo: la somma di ognune è inferiore rispetto al risultato evidente.

La natura è un sistema entropico, complesso oltre i limiti dello scibile umano. Mi piacciono i mercati perchè come un giardino fanno emergere qualcosa di più grande rispetto alla somma delle singole parti.

Mi andava di filosofeggiare: spero non vi abbia tediato. Ritengo che una durata dignitosa di 15 anni sia perseguibile.

Grande è la sventura dell'uomo che s'illude eterno.
Il giardino vive effimero di stagioni, come l'intangibile gioia del suo custode.
 
Ultima modifica:

lisyy

Esperta in identificazione delle piante
Ehhh, il giardinaggio! Metafora della vita.
15 anni? Anche fossero dieci, mi sembra accettabile così, anche col tarlo. Per allora avrai accumulato esperienza tanto da cambiare idea, progetti e obiettivi.

p.s.: la mia gioia come custode del mio giardino è proprio tangibile, invece. Scommetto che chi ha scritto quella massima non ha fatto mai giardinaggio. Io attaccata al frigo ho questa: “Il lavoro è per quelle persone che non conoscono il giardinaggio.”
 
Ultima modifica:

Matt985

Aspirante Giardinauta
Scommetto che chi ha scritto quella massima non ha fatto mai giardinaggio.

:ROFLMAO: :ROFLMAO: :ROFLMAO: :ROFLMAO: :ROFLMAO:

E' mia! mi è venuta in mente mentre scrivevo il post.

Comunque si, anche la gioia può essere tangibile, avrei forse dovuto definirla immateriale... licenza poetica! ;)

Anche i pomodori che raccolgo nell'orto sono molto tangibili oltre che squisiti e gioiosi!
 

lisyy

Esperta in identificazione delle piante
Visto? E non sono solo i pomodori, anche le aiuole ripulite dalle erbacce sono una gioia mooolto tangibile! Come il mal di schiena...

Immateriale, ci sta.
 
Alto