• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Abete con aghi secchi. Rimedi?

fabry81

Aspirante Giardinauta
Buongiorno a tutti, mi chiamo Fabrizio e vivo in puglia (dove vive anche l'abete oggetto della discussione). :)
Mi sono iscritto nella speranza che qualcuno di voi (enormemente più esperti di me), possa darmi una mano con il problema che sto riscontrando.

Premessa: circa due mesi fa (metà aprile), abbiamo installato nel nostro giardino un prato in erba sintetica in sostituzione del prato naturale in quanto, purtroppo, in inverno si è dovuti passare dal pozzo artesiano all'acquedotto tradizionale, per cui necessitavamo di ridurre costi e impatto ambientale dovuti all'irrigazione estiva del manto erboso.

Ora, da qualche settimana ho notato il progressivo rinsecchimento di alcune zone nella mediana bassa della chioma di un abete che vegeta nel prato in questione (circondato da un'aiuola di circa un metro di diametro che è scoperta dal manto sintetico. Il fatto è che, per un inesperto come me, ci sono troppe variabili un gioco, per cui non sono riuscito a capire il motivo (l'albero stava benissimo in inverno). Quindi mi chiedo:

- Sarà colpa del manto erboso che ha creato effetto serra, per cui, diversamente da prima, adesso l'albero andrebbe innaffiato di tanto in tanto? (Questa è la teoria del mio giardiniere, ma io temo che esagerare con le innaffiature possa fargli male)
- Potrebbe avere un fungo dovuto all'insorgenza della stagione calda? (Purtroppo noi siamo subentrati in inverno, quindi non sappiamo se accadeva lo stesso nelle estati passate. A me, sinceramente, non parrebbe malato)
- E' un normale(?) rinsecchimento estivo? (Ma nella villa accanto c'è un abete identico che, sta messo un po' meglio, nonostante sia abbandonato a se stesso, anche se va detto che p molto meno folto ed è più giovane)

Infine. Vi allego la foto dell'albero e preciso che nella zona della puglia in cui si trova (alta murgia) anche a giugno la sera ci sono appena 14/15°c e non è un posto afoso (giusto per darvi elementi in più), inoltre accanto c'è un abete argentato che sta bene e che ha la stessa età dimensione.

Spero che qualcuno abbia voglia di aiutarmi.

Saluti a tutti, segue la foto
Fabrizio

 

Allegati

  • abete.jpg
    abete.jpg
    133,6 KB · Visite: 16
Ultima modifica di un moderatore:

Stefano-34666

Master Florello
Ciao,

per prima cosa benvenuto.
La pianta certamente ama il clima umido e fresco ed il prato sintetico non è certo l'ideale.
Blocca sia la traspirazione del suolo sia l'approvvigionamento di umidità verso le radici.

Le radici di un abete sono superficiali (non vanno sotto al metro di profondità) e si conseguenza risentono molto delle condizioni del terreno.
Inoltre le radici si estendono in larghezza ed il solo metro lasciato libero è decisamente poco.

Sicuramente dovrai bagnare la pianta ma, secondo me, ci sono molte probabilità che la pianta vada in sofferenza.

Ste
 

fabry81

Aspirante Giardinauta
Ciao Stefano,

grazie della risposta. Mi ero informato a lungo prima di acquistare il prato sintetico e ovunque leggevo che non compromettono lo scambio dell'aria con il terreno. :( Per tua esperienza, ti sembra possa avere malattie funginee?

Grazie,
F
 

lore.l

Moderatrice Sezz. Giardinaggio / Composizioni Flor
Membro dello Staff
Prossima volta che posti delle immagini,devi prima ridimensionarle,x questa volta ci ho pensato io,grazieee!!!

Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.
 

Stefano-34666

Master Florello
Ciao,

capire se sono presenti delle malattie guardando la pianta da 5 metri di distanza è un'impresa assai complicata.

La tipologia di prato sintetico determina anche lo scambio con il terreno sottostante.
Alcuni, di bassa qualità, sono completamente sintetici ed idrorepellenti. Altri sono sintetici e traspiranti (quando piove l'acqua penetra nel terreno) Altri sono parzialmente sintetici o misti.
Se il tuo prato avesse, sotto di esso, una specie di plastica (da dove partono gli steli) come farebbe a scambiare aria con il terreno? E' come se fosse un nylon spesso appoggiato a terra.
Ci sono prati di ottima qualità che drenano la pioggia ma, comunque, hanno sotto di se il telo anti radice e la sabbia/ghiaia. Questo strato di sabbione ed il telo non piacciono molto alle radici di una pianta come l'abete.

Diciamo che, per i prati sintetici, vanno bene piante che hanno radici profonde e poco allargate (tipo le palme). L'abete è l'esatto contrario.

Ste
 

fabry81

Aspirante Giardinauta
Ciao,

ringrazio la moderatrice per aver ridimensionato la foto e per la pazienza.

@stefano
Hai ragione, impossibile esprimersi su possibili malattie solo da questa foto. Ho preteso troppo
Il prato arificiale è di buona qualita e dispone di fori per il drenaggio dell'acqua. Capisco però che in effetti è sempre una copertura che può fare un po' effetto serra. Proverò a vedere come reagirà la pianta ad abbondanti innaffiate e mi regalerò di conseguenza. Speriamp bene.

Se qualcuno ha qualcosa da suggerire, è tutto ben accetto.

Saluti,
F
 

Maruzzo

Giardinauta
Sarei curioso di veder la picea pungens, se puoi, grazie.
Riguardo al problema del tuo abete bianco, speriamo che sia un fungo sulla chioma perche' se fosse radicale potrebbe esser gia' grave.
Pensa che il mio ha la chioma brillante ma ha gia' tante radici infette dal fungo...
 

Maruzzo

Giardinauta
Inoltre, scalza il terreno attorno al colletto, lascialo respirare e guarda se noti delle lesioni alla corteccia che ricopre colletto e basso fusto
 
Alto