1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Roma mia,come sei messa male!

Discussione in 'Parliamo di tutto un po'' iniziata da garofano, 11 Giugno 2015.

  1. Olmo60

    Olmo60 Guru Master Florello

    Registrato:
    12 Febbraio 2011
    Messaggi:
    16.680
    Località:
    Bologna
    Località:
    bologna
    non ce la fa REMO.
     
  2. Finnigan's Wake

    Finnigan's Wake Florello

    Registrato:
    13 Novembre 2010
    Messaggi:
    5.808
    Località:
    Roma
    Località:
    Roma
    gna fa, gna po' ffà

    Remo è morto qualche giorno fa.
    [video=youtube;WC0uBCEjEdY]https://www.youtube.com/watch?v=WC0uBCEjEdY[/video]
     
  3. Olmo60

    Olmo60 Guru Master Florello

    Registrato:
    12 Febbraio 2011
    Messaggi:
    16.680
    Località:
    Bologna
    Località:
    bologna
    bellissimo questo video.
     
  4. xst84

    xst84 Giardinauta Senior

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    1.787
    Località:
    palermo
    Epitaffio di Romolo per Remo

    là morìRemo, proprio d'amor
     
  5. xst84

    xst84 Giardinauta Senior

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    1.787
    Località:
    palermo
    muore l'Italia
    solo due ne danno l'annuncio. Ma non potranno essere ai funerali, l'uno per altri impegni , l'altro perchè è da tempo in rotta di collisione con la morta e tutto ciò che ci gira attorno
    i cittadini andranno in massa al funerale, alcuni si rifiutano perchè trovano immorale che chi dà la notizia non sia presente. Pensano si siano arrogati un diritto, che siano andati oltre ciò che è stato colpevolmente loro consentito

    informare è uccidere ?
     
  6. xst84

    xst84 Giardinauta Senior

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    1.787
    Località:
    palermo
    (ho sempre apprezzato questa base sotto, densa e colma, alla Where it's at di Beck)

    caro Remo, non ti pare che quest'essendosene andati somigli a quella stolta luna che in questo cielo stolto s'affaccia ?
     
    Ultima modifica: 15 Luglio 2015
  7. xst84

    xst84 Giardinauta Senior

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    1.787
    Località:
    palermo
    Watch out !
    Just clap your hands

    (amo i tronfi allarmismi da dovunque essi provengano)
     
    Ultima modifica: 15 Luglio 2015
  8. Olmo60

    Olmo60 Guru Master Florello

    Registrato:
    12 Febbraio 2011
    Messaggi:
    16.680
    Località:
    Bologna
    Località:
    bologna
    xs, non ti ci mettere anche te a chiacchierare in lingua straniera che voglio capire, ok? :lingua: capisco solo clap perchè lo trovo scritto nei fumetti, come gulp (inghiottire) e splash (schizzare) e basta e avanza...

    applaudi la morte dell'Italia? come si applaude ai nuovi funerali (per far sentire a tutti, fisicamente, il tuo cordoglio, e devi battere più forte degli altri per non venir sopraffatto dal clangore generale) o applaudi nella vecchia maniera, con tutto il palmo rigido per la fine di un'agonia, con una punta di sadismo?
    i cittadini avranno altro da fare che andare a rattristarsi ad un funerale..ora poi ci sono i saldi e a parte i saldi, gli sta bene, se l'è cercata e chi cerca trova...
    E' durata anche troppo. Amen.
     
  9. xst84

    xst84 Giardinauta Senior

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    1.787
    Località:
    palermo
    watch out è il grido, la manifestazione di forza, consapevolezza dei propri mezzi mentre uno li esprime, nelle canzoni, oppure sotto forma di metodo: mettere la parte più bella all'inizio, ad esempio

    just clap your hands è la parte che spetta alla gente-cittadini-fruitore finale. Da non confondere con Don't believe the hype, quella spetta a chi voglia invertire un segnale prevalente, ad esempio invertendo la crisi aumentando la produzione. E se non ci fosse la crisi? non ci resta che believe the hype, piuttosto che diminuire la produzione, perchè a chi chiedi chiedi, i volumi (anche demografici) non si toccano, e, se prendi le cose per il verso giusto, se credi cresci.

    Romolo ha cambiato ancora l'epitaffio, che già era mezzo scopiazzato: là morìRemo d'amor proprio. E così indica la linea a tutti noi: assolvere, non prosciogliere, credere, non obbedire, crescere, non dubitare. Sorridere, volere.
     
  10. Olmo60

    Olmo60 Guru Master Florello

    Registrato:
    12 Febbraio 2011
    Messaggi:
    16.680
    Località:
    Bologna
    Località:
    bologna
    se credi cresci..uhm...se cresco ci credo.
     
  11. xst84

    xst84 Giardinauta Senior

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    1.787
    Località:
    palermo
    niente si avvererà: prevedere è imporre
     
  12. xst84

    xst84 Giardinauta Senior

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    1.787
    Località:
    palermo
    sperare e ricadere, tutto è da evitare
     
  13. xst84

    xst84 Giardinauta Senior

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    1.787
    Località:
    palermo
    Non sprecare tempo è denaro

    L'amore non può comprare tutto
     
    Ultima modifica: 17 Luglio 2015
  14. xst84

    xst84 Giardinauta Senior

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    1.787
    Località:
    palermo
    un breve motto
    che crede di trovare solo adesso
    ed è invece da tanti anni lo stesso
     
  15. xst84

    xst84 Giardinauta Senior

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    1.787
    Località:
    palermo
    tutto cio che hai, sai che lo puoi spendere in qualunque solitudine
     
  16. Olmo60

    Olmo60 Guru Master Florello

    Registrato:
    12 Febbraio 2011
    Messaggi:
    16.680
    Località:
    Bologna
    Località:
    bologna
    ci vorrà ancora parecchio per vedere sto riappacificamento????:love::D
     
  17. Olmo60

    Olmo60 Guru Master Florello

    Registrato:
    12 Febbraio 2011
    Messaggi:
    16.680
    Località:
    Bologna
    Località:
    bologna
    e speriamo che serva...:ciglione:

    [video=youtube;S_EucEJDTHs]https://www.youtube.com/watch?v=S_EucEJDTHs[/video]
     
  18. xst84

    xst84 Giardinauta Senior

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    1.787
    Località:
    palermo
    su Milano devastata cadde il silenzio, dopo tanto infervoramento
    teppistelli che sollevano sabbia come il respiro di un leviatano
    le preoccupazioni e paure ? doglie dimenticate di altre vite
    milioni di euro di danni come ossi sputati
    non addolora più la vista
    non struggono più le scene
    la coscienza messa a riposo non diventa candida
     
  19. garofano

    garofano Maestro Giardinauta

    Registrato:
    30 Aprile 2013
    Messaggi:
    2.782
    Località:
    Roma
    Vi consiglio un librio di Lilio Abbate "I Re di Roma",per la casa editrice Chiarelettere,dove si racconta tutta la storia di mafia Capitale,e dei protagonisti della vicenda:è interessantissimo,lo sto leggendo ora,e,vi assicuro che,quando e se lo leggerete,vi metterete le mani nei capelli
     
  20. il-balcone-sulla-città

    il-balcone-sulla-città Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    14 Giugno 2009
    Messaggi:
    322
    Località:
    Milano Moscova
    Sono tre i problemi gravi di Roma: un'economia locale essenzialmente imperniata sul pubblico (politica, PA, diplomazie,...), un debito storico enorme, nonostante un giusto trasferimento aggiuntivo di oltre €500mln in quanto Capitale e, infine, una territorio comunale troppo esteso e dispersivo.

    Parto dall'ultimo punto: è IMPOSSIBILE gestire un territorio esteso e privo di continuità urbana densa come quello di Roma Capitale, sia a livello infrastrutturale che a livello di servizi erogati. Si è proceduto ad un accentramento e fusione di aree suburbane con due scopi: aumentare il numero della popolazione ("perché 'a Capitale o deve tenè più grosso") e creare un continuum territoriale inesistente, sia a livello economico che a livello puramente geografico (a meno di forti interventi urbani, dannosi per l'ambiente, cosa in parte avvenuta). Io penso ad Ostia (che c'entra con Roma? se lo chiedono anche molti Romani), La Pisana, Isola Farnese... praticamente tutte le aree fuori dal GRA. Le aree fuori dal continuum urbano vanno scorporate e rese comune autonomo... e la stessa città centrale presenta le caratteristiche di comune sparso, più che di comune "compatto". Ma non lo si fa per grandeur (ormai visibilmente persa) ed ideologia.
    A quanto detto sopra, è strettamente legato il fatto che la Città Eterna vive su un'economia che gira essenzialmente attorno al settore pubblico e a tutte le sue diramazioni capillari. E in Italia, si sa che "pubblico" spesso va a braccetto con "spreco"... e con "corruzione", "malaffare" e chi più ne ha più ne metta. Ma uscendo dagli stereotipi, il pubblico è in un momento di contrazione, visti i tagli alla spesa effettuati sia in passato che oggi, è normale che l'economia di una città ne risenta. Per una capitale è normale che una buona fetta dell'economia sia rappresentata dal comparto pubblico-governativo, ma a Roma è davvero troppo, tanto che lo stesso privato non ha una vera indipendenza, ma la maggior parte dei profitti sono appoggiati proprio sull'esistenza di questo settore pubblico spropositato e soprattutto invadente.
    La questione debito invece affonda le radici nel periodo precedente e nelle varie falle che emergono solo oggi, dopo anni di malagestio e ruberie. Roma Capitale incassa ogni anno un assegno di oltre mezzo miliardo di euro, trasferimento creato appositamente come riconoscimento in quanto capitale, essenzialmente è il bonifico che fa la nonna-Italia per aiutare il nipote-Roma a coprire i propri debiti, ma messa giù in questi termini avrebbe fatto esplodere tutte quelle realtà indebitate che dallo Stato centrale ricevono solo Commissari, tagli e raccomandazioni.

    Ultima questione, non accennata all'inizio, è la presenza del Vaticano, ma non in quanto appezzamento di terra sovrano, quanto proprietario di assets immobiliari sparsi per tutta la capitale (perlopiù esenti da tassazione o scarsamente tassati), attività di ogni sorta (dalla sanità alla ristorazione), insomma una concorrenza sleale e una presenza ingombrante e poco trasparente nell'economia dell'Urbe.

    La soluzione per Roma è difficile da trovare, perché significherebbe scardinare un sistema di cose che fa comodo a molti, ma sicuramente deve passare per un commissariamento, un risanamento, un piano di investimenti statale e privato e soprattutto RIFORME che prendano in considerazione tutta la pappardella detta sopra. Ma siamo onesti: chi vuole questo? Nessuno. Quindi, realisticamente, il destino di Roma sarà quello di scivolare sempre più in un degrado e in chaos, sempre più difficili da gestire, sempre più improbabili da risolvere. Parta da voi Romani la voglia di rispondere con forza a questa sorte, il declino va gestito, non assecondato.
     

Condividi questa Pagina