• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Impianti osmosi

Davide N.

Giardinauta Senior
Riciclo questo vecchio post perché la domanda originale è di quelle "sempreverdi", inutile aprirne un altro, e la mia risposta può essere utile a qualcuno...

Come faccio io? Sono anch'io in un appartamento in affitto, l'acqua da rubinetto è dura circa 36°fH, ma ho la fortuna di avere un balcone non coperto.

Allora, in inverno raccolgo la neve...
20220403_110534.jpg

... mentre proprio oggi mi sono messo a riflettere a come farò quando non nevicherà più... e ho quindi appena scoperto di avere la fortuna di poter smontare la grondaia sul balcone! Così:
20220403_105917.jpg
Sistema molto rudimentale, devo comprare un raccordo ad angolo perché a svuotare un tupperware ad un certo punto diventa molto macchinoso :laugh:
 

Stefano-34666

Master Florello
Riciclo questo vecchio post perché la domanda originale è di quelle "sempreverdi", inutile aprirne un altro, e la mia risposta può essere utile a qualcuno...

Come faccio io? Sono anch'io in un appartamento in affitto, l'acqua da rubinetto è dura circa 36°fH, ma ho la fortuna di avere un balcone non coperto.

Allora, in inverno raccolgo la neve...
Vedi l'allegato 704688

... mentre proprio oggi mi sono messo a riflettere a come farò quando non nevicherà più... e ho quindi appena scoperto di avere la fortuna di poter smontare la grondaia sul balcone! Così:
Vedi l'allegato 704691
Sistema molto rudimentale, devo comprare un raccordo ad angolo perché a svuotare un tupperware ad un certo punto diventa molto macchinoso :laugh:
Ciao,

ti consiglio però di buttare via l'acqua piovana recuperata dopo un lungo periodo di siccità.
Lascia che piova almeno mezza giornata prima di prelevare l'acqua.

Dal cielo, quando piove, viene giù di tutto e, mentre le piante all'aperto sono più robuste ed abituate, quelle in casa sono più delicate e risentirebbero di questa acqua "poco pulita".

Ste
 

kaloka.gathia

Aspirante Giardinauta
Con 10 euro si comprano 5kg di solfato di ferro presso qualunque vivaio. Nella stagione di crescita se ne aggiunge un pizzico al substrato ogni 2-3 settimane: con le irrigazioni si scioglie in acqua acidificando la soluzione circolante nel terreno e apporta ferro. Problema risolto.
 

sasiks

Giardinauta
Con 10 euro si comprano 5kg di solfato di ferro presso qualunque vivaio. Nella stagione di crescita se ne aggiunge un pizzico al substrato ogni 2-3 settimane: con le irrigazioni si scioglie in acqua acidificando la soluzione circolante nel terreno e apporta ferro. Problema risolto.
e se lo si usa in casa dona un colore particolare agli ambienti....

ne limiterei l'uso ai giardini e non alle piante di appartamento.
 

sasiks

Giardinauta
Macchia le mattonelle. Molto.
Lasciarlo nel terreno a sciogliersi lentamente con il rischio che ad ogni annaffiatura tinga qualcosa va bene in esterno, ma non per le piante di casa. Anche perché esistono altri modi per mitigare gli effetti delle acque dure che su piccola scala (piante da interno appunto, a meno che non si abbia un garden in salotto) sono facilmente attuabili
 

AlainCh2

Giardinauta
Macchia le mattonelle. Molto.
Lasciarlo nel terreno a sciogliersi lentamente con il rischio che ad ogni annaffiatura tinga qualcosa va bene in esterno, ma non per le piante di casa. Anche perché esistono altri modi per mitigare gli effetti delle acque dure che su piccola scala (piante da interno appunto, a meno che non si abbia un garden in salotto) sono facilmente attuabili
Quali ?
 

sasiks

Giardinauta
Diluire l'acqua del rubinetto con acqua distillata/osmosi o di recupero dei condizionatori. Costa più dell'acqua di rubinetto, ma per poche piante si può fare.
Quando abitavo a Roma innaffiavo le orchidee con osmosi visto le durezze (più che altro lavavo il terreno più spesso per evitare accumuli).

Anche la torba acidifica l'acqua.
O il bark delle orchidee (che consiglio sempre di mischiare al terriccio per piante da interno).

Per le piante da esterno il discorso è diverso dal momento che richiedono normalmente più acqua (vasi più grandi e esposizione al sole). In quel caso però la prima cosa che controllerei è l'addolcitore che scambia calcio e magnesio con sodio.
 

sasiks

Giardinauta
molto peggio! :banghead:
perchè il sodio non è proprio tollerato dalle piante; per l'acqua calcarea invece basta scegliere le piante giuste (non le acidofile ad esempio).
Poi è sempre questione di quantità, ma il problema degi addolcitori è che più è carica l'acqua in ingresso, più ricca di sodio sarà quella in uscita...
 
  • Like
Reactions: Amy

AlainCh2

Giardinauta
molto peggio! :banghead:
perchè il sodio non è proprio tollerato dalle piante; per l'acqua calcarea invece basta scegliere le piante giuste (non le acidofile ad esempio).
Poi è sempre questione di quantità, ma il problema degi addolcitori è che più è carica l'acqua in ingresso, più ricca di sodio sarà quella in uscita...
Mia situazione: casa indipendente imbocco Val di Susa con pezzetto di giardino/prato/area di manovra con aiuole - Acqua del rubinetto da sorgente. Come in tutta la valle CALCAREA, ma quì esagerata in modo allucinante.

In casa uso acqua distillata, per le Carni, Spine, Succu >circa 5lt/settimana...
... mentre per Hortensie, Rododendro, Azalea che sono fuori in terra mi consigli di addizionare all'acqua solfato ferroso.
Corretto?

Ho preso : Segatura di Pino e Corteccia per pacciamare ed ho solfato d'ammonio.
Può bastare oppure è meglio fare diverso.

Ho la possibilità di intercettare il tubo di gronda e mettere un serbatoio/contenitore da 100-150 lt in modo economico, > credo 20€, meno di 50€ suppongo< per poi bagnare con innaffiatoio... vale la pena ?

Grazie per le spiegazioni !!
 

sasiks

Giardinauta
Mia situazione: casa indipendente imbocco Val di Susa con pezzetto di giardino/prato/area di manovra con aiuole - Acqua del rubinetto da sorgente. Come in tutta la valle CALCAREA, ma quì esagerata in modo allucinante.

In casa uso acqua distillata, per le Carni, Spine, Succu >circa 5lt/settimana...
... mentre per Hortensie, Rododendro, Azalea che sono fuori in terra mi consigli di addizionare all'acqua solfato ferroso.
Corretto?

Ho preso : Segatura di Pino e Corteccia per pacciamare ed ho solfato d'ammonio.
Può bastare oppure è meglio fare diverso.

non sono molto pratica di piante da esterno. La mia ortensia, benchè rigogliosa non è mai andata oltre il rosa leggermente violetto, nonostante tutti i miei sforzi per averla blu :cry:

il solfato di ferro puoi metterlo anche sul terreno e verrà progressivamente sciolto con le irrigazioni. Per le dosi però mi rimetto ai consigli degli esperti. Magari chiedi nella sezione specifica.
Anche aghi di pino e corteccia acidificano, quindi dovrebbero andare bene.

Ho la possibilità di intercettare il tubo di gronda e mettere un serbatoio/contenitore da 100-150 lt in modo economico, > credo 20€, meno di 50€ suppongo< per poi bagnare con innaffiatoio... vale la pena ?

Grazie per le spiegazioni !!
In molte città è praticamente obbligatorio: non si può usare l'acqua dei rubinetti per innaffiare il giardino. Per un discorso puramente ecologico secondo me ne varrebbe la pena (magari quella superficiale puoi usarla anche per cactus e carnivore). Ma anche qui lascio la parola agli esperti.
Non so come si fronteggia l'eventuale pericolo zanzare :mazza:
 

AlainCh2

Giardinauta
non sono molto pratica di piante da esterno. La mia ortensia, benchè rigogliosa non è mai andata oltre il rosa leggermente violetto, nonostante tutti i miei sforzi per averla blu :cry:

il solfato di ferro puoi metterlo anche sul terreno e verrà progressivamente sciolto con le irrigazioni. Per le dosi però mi rimetto ai consigli degli esperti. Magari chiedi nella sezione specifica.
Anche aghi di pino e corteccia acidificano, quindi dovrebbero andare bene.


In molte città è praticamente obbligatorio: non si può usare l'acqua dei rubinetti per innaffiare il giardino. Per un discorso puramente ecologico secondo me ne varrebbe la pena (magari quella superficiale puoi usarla anche per cactus e carnivore). Ma anche qui lascio la parola agli esperti.
Non so come si fronteggia l'eventuale pericolo zanzare :mazza:
hmmm... 2.200 anime sperse in 4 borgate principali .... Città >> :ROFLMAO:

Uso il vecchio sistema della limatura di ferro.
Se faccio un foro oppure taglio del metallo viene raccolta con un scottex in cui ho nascoto una busta di plastica che contiene le calamite >> così raccolgo il più fini. Poi inumidisco lo scottex e lo sotterro :cool:

Ho il Solfato d'ammonio... sbagliato a comperare.. andrà bene lo stesso?

Dai uno sguardo a questi contenitori economici... zero zanzare!


Oppure i bidoni per il verde da 100lt...
Ne ho presi a 12€ con coperchio a LeRoyMerlin... quelli li puoi mettere in serie e fai la capacità che vuoi.

1649533189760.png
_
quando non li usi per i verde li usi per l'acqua !!!
 

AlainCh2

Giardinauta
Grazie!!
L'osmotico tu ce l'hai / lo usi ??

Non capisco " l'acqua di scarto" ... cioè deve esserci acqua corrente ?

Di quà acqua demineralizzata - di là acqua minerale
e quindi l'acqua la puoi produrre e nello stesso tempo mentre stai bagnando il prato?

Ho trovato questo commento che copio in parte:
"Ultimo discorso: spreco di acqua. ... Se l'acqua di scarto viene buttata significa che nei 6 mesi in cui si sono prodotti i 1500 litri di acqua buona da usare per ammortizzare il costo, altri 7500 litri di acqua comunque potabile sono buttati direttamente nella fogna (15.000 litri in un anno).

Se invece l'acqua anziché essere buttata viene usata per altri scopi (irrigare le piante o altro) anzitutto vi assicuro che dopo le prime 2 ore di funzionamento (in cui produrrete 10 litri di acqua buona e 50 di scarto) non saprete più cosa irrigare.
.... inoltre spostare 50 litri di acqua significa spostare 50 chili di peso."

URGH !!!
 
Ultima modifica:

sasiks

Giardinauta
Grazie!!
L'osmotico tu ce l'hai / lo usi ??
Non capisco " l'acqua di scarto" ... cioè deve esserci acqua corrente ?
Provo a spiegarlo a grandi linee.
L'impianto d'osmosi deve essere collegato a un rubinetto (aggiungo con una certa pressione di uscita / ingresso nell'impianto - altrimenti perde di efficenza. Se la pressione è poca tocca usare una booster per aumentarla.

L'acqua in ingresso passa attravero una serie di contenitori che svolgono diverse funzioni (prefiltri che tolgono gli elementi più grossolani, membrana che elimina la maggior parte delle particelle, filtri anti silicati, ecc). Diciamo che a seconda dell'acqua in ingresso e dei risultati che vuoi ottnere dovrai usare impianti a 3 o più stadi (cioè comparti). Se lo utilizzi per produrre acqua da bere o per piante, non hai bisogno di un impianto a 5 stadi che ti garantisca conduttività zero. Consiglio in ogni caso di munirsi di misuratore di conduttività (una pennetta che costerà una decina di euro).

Un impianto a osmosi produce come scarto acqua "stracarica": tutto ciò che passa i prefiltri e viene scartato dalla membrana finisce nello scarico. Il rapporto tra acqua "pura" e acqua di scarto è di circa 1 : 1,5/2, cioè per ogni litro di acqua di osmosi ne avrai quasi due di scarto. La quantità dipende dal tipo di impianto e anche dalla pressione in ingresso. Ero riuscita a portare lo scarto a meno di 1:1 utilizzando una doppia membrana (lo scarto della prima diventava il flusso in ingresso per la seconda). Nonostante molti acquariofili fossero scettici, non ho mai avuto problemi di usura delle membrane e lo consiglio per produzioni abbondanti.

l'acqua di scarto viene prodotta durante l'utilizzo, quindi si, puoi usarla per il prato. Ma il flusso è molto lento quindi non puoi pensare di usarlo come una pompa. Ti conviene raccoglierlo in un contenitore e da lì innaffiare.
L'acqua di scarto è utilissima per innaffiare le piante, ovviamente non le acidofile/orchidee/grasse per le quali è necessario controllare il ph: un'acqua carica di carbonati influirà negativamente su tutti i prodotti utilizzati per abbassare il ph del terreno.
Ma per tutte le altre piante è fantastica (un concentrato di sali minerali!)





Ciò detto (anzi scritto :lol:), considerato che:
- per le piante più delicate usi 5 litri a settimana di osmosi
- tutte le altre sono piante esterne che bevono parecchio

ti sconsiglio di comprare un impianto di osmosi. Troppo "antiecologico" e antieconomico.
in genere, quando consiglio l'uso di acqua di osmosi, intendo andare in un negozio di acquariofilia e comprarne qualche tanica, non la produizone in proprio o_O
 

AlainCh2

Giardinauta
...viene prodotta durante l'utilizzo, quindi si, puoi usarla per il prato. Ma il flusso è molto lento
...
ti sconsiglio di comprare un impianto di osmosi. Troppo "antiecologico" e antieconomico.
...

Riguardo al "anti" è quello che mi preoccupava e per cui cercavo indicazioni.

Sto ragionando su queste basi:
Se ho fatto i calcoli ipotetici giusti, con il caldo si arriverà a 10lt/sett per le Carni
e mi serviranno circa altri 20 litri per Hortensie + Azzalea + Rododentro > aiuola di circa 4-5mq

Quindi:
30lt almeno 3-4 mesi all'anno giugno settembre
20lt almeno 2+2 mesi
10lt max per i restanti 4-5 mesi

Con la piovana farei fatica soprattutto d'estate... con solo una capienza di 250lt
proprio nel momento di maggior necessità!!!

L'acqua reflua va benissimo per il prato, bagno a terra e sposto ogni ora la gomma ed il punto di scorrimento.

Se mi decido in quel senso ho dato uno sguardo e scelto:
Per un totale di 70€ a cui vanno aggiunti 5€ di resina per un anno intero.

Contro 80€ per la piovana tra tanica da 250lt e derivatore grondaia

Con l'osmosi almeno 100lt di scarto/sett
( avrò un prato verdissimo !! )

PS: a livello denaro ->oggi spendo 1,54€ per 5lt osmosi, Conad oppure Crai. Non so se vi son posti più economici.
A livello fatica: sono 19 scalini che debbono fare per giungere in casa.
Potrei mettere un attacco rapido al 4 stadi....
Lo connetto di sopra, i 5lt di osmosi me li ritrovo in casa, lo scarto va nel prato con un gomma lunga
Lo attacco di sotto, i 10lt di osmosi vanno direttamente nelle piante, niente innaffiatoio! e lo scarto nel prato con gomma corta.
Il 4 stadi, per averlo comodo e mobile, basta attaccarlo ad una struttura di scatolato leggero tipo un totem.
 
Ultima modifica:

sasiks

Giardinauta
20 litri a settimana per 4/5 mq di aiuola? mi sembrano pochini. Io ne usavo più di 30 per un balconcino...
In ogni caso, se produci più di 50 litri a settimana e sapresti come impiegare lo scarto, allora prendi un impiantino. Sicuramente è più comodo del trascinarsi taniche in giro :su:

Le resine e i pre filtri vanno cambianti ben più di una volta all'anno a seconda dei risultati che si vogliono ottenere. Ma è difficile fare una previsione senza conoscere che tipo di acqua hai in ingresso.
 

AlainCh2

Giardinauta
Le resine e i pre filtri vanno cambianti ..... è difficile fare una previsione senza conoscere che...
...risultati da l'acqua di ingresso :)

L'acqua é molto calcarea ma di sorgente quindi pura e senza inquinanti se non l'occasionale Cloro di sanificazione Rete.
Prenderei il 4 stadio solo per sicurezza.
Le ipotesi di sostituzione - leggendo in giro chi ha una sorgente in ingresso - purchè si abbia la valvola di lavaggio, è che non siano da cambiare se non ogni due-tre anni. 30€ il tutto.

20lt > L'ipotesi era conservativa basata su 5 piante con tubo per irrigazione radicale, quindi poco o niente acqua in superficie.

Grazie.
Dialogare mi sta chiarendo le necessità, i dubbi e l'operatività

( in due si vedono più cose che da soli )
 

sasiks

Giardinauta
Penso che anche l'acqua di sorgente possa essere carica di roba che "consuma" le resine, come ad esempio i silicati.
Ma va detto che a te non serve avere acqua a conduttività zero assoluto, ma solo qualcosa di simile all'acqua piovana. Pure 150 di conducibilità va bene :lol:
In ogni caso sarà la Pennetta a dirti quando qualcosa non va.
Ma due/tre anni tra un cambio di resine e un altro mi pare pura fantascienza.
Le resine almeno due volte all'anno si cambiano.

In ogni caso, se produci tanta acqua la spesa è sicuramente ammortizzata

La valvola di lavaggio è obbligatoria. Ogni tot litri di acqua prodotta devi ripulire l'impianto (l'acqua in uscita durante il lavaggio andrà tutta al prato) per salvaguardare le membrane.
 
Alto