1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Funghi nel prato

Discussione in 'Funghi' iniziata da Davide N., 15 Ottobre 2018.

  1. Davide N.

    Davide N. Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    7 Aprile 2018
    Messaggi:
    154
    Località:
    Cossonay
    Ciao a tutti,

    Non ne so nulla di funghi... Cosa possono essere? Sono nel mio prato, una ventina... Ultimamente ho messo un concime d'autunno e irrigato.

    Banali prataioli forse?
     

    Files Allegati:

  2. pluteus

    pluteus Esperto di piante spontanee

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    8.237
    Località:
    Novara
    Scusa maa, per scattare quella fotografia sei salito sul campanile del paese?
    Secondo te, da quella foto cosa si dovrebbe poter capire? Potrebbe anche trattarsi di palline da ping pong
    sfuggite a qualche bambino dei paraggi....:D:ciao:
     
  3. Davide N.

    Davide N. Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    7 Aprile 2018
    Messaggi:
    154
    Località:
    Cossonay
    Hahaha sì scusami, ero di fretta e non ho fatto caso che la foto non era il massimo... ecco altre foto.

    Come si spiega la loro presenza? È un buon segno?
     

    Files Allegati:

  4. pluteus

    pluteus Esperto di piante spontanee

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    8.237
    Località:
    Novara
    Adesso va un po' meglio, anche se si sarebbe potuto fare di più....:D
    Si può escludere che si tratti di prataioli sensu stricto (Agaricus bisporus o Agaricus/Psalliota arvensis etc.) ma c'è chi chiama "prataiolo" qualsiasi fungo abbia l'abitudine
    di vegetare nei prati, e in tal caso le possibilità sono infinite...:D
    Dal cappello rovesciato e in particolare dall'inserzione delle lamelle verso l'apice dello stipite si potrebbe restringerne la determinazione a due specie: Lepiota naucina
    un fungo molto popolare e ricercato anni fa ora invece rideterminato come "non commestibile" per la sua capacità, scoperta da poco, di assorbire dal terreno
    qualsiasi elemento radioattivo...oppure Leucoagaricus leucotites, anche questo una volta molto popolare e ricercato come "buon commestibile" adesso passato di moda perchè
    facilmente confondibile con altre varietà simili ma molto velenose , quindi onde evitare possibili tragedie da parte di pseudo-fungaioli ignoranti e sconsiderati si preferisce sconsigliarne
    la raccolta e il consumo.
    Per quanto riguarda le altre tue domande che curiosamente ti fai: "come si spiega la loro presenza?" si spiega nello stesso modo in cui si spiega la presenza dell'erba nei prati, degli alberi nei boschi.... eccetera i funghi, come qualsiasi altra entità vivente sul pianeta, hanno l'abitudine di nascere dove trovano condizioni ideali per il loro sviluppo, e basta, non ci sono altri fattori misteriosi che ne determinano la presenza.
    E poi, questa è la più bella: "è un buon segno?" qui valee lo stessso ragionamento di prima, : è un buon segno che nasca l'erba nei prati, gli alberi nei boschi etc.?
    Secondo te? secondo me sì, poi veditela te.....:ciao:
     
  5. Davide N.

    Davide N. Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    7 Aprile 2018
    Messaggi:
    154
    Località:
    Cossonay
    Grande pluteus, grazie mille! Allora nel dubbio mi sa che è meglio buttarli al compost...

    Comunque, per le altre domande, si tratta di deformazione professionale, davo per sottinteso alcuni aspetti... da giardiniere, sono abituato a pensare alle piante spontanee come piante cosiddette "indicatrici": diverse qualità di suolo (povero-ricco, pesante-leggero, acido-basico, ecc) attireranno diversi tipi di piante/funghi spontanei. Quindi con la mia domanda volevo più che altro chiedere che tipo di suolo piace a questa specie di funghi, ergo che tipo di suolo c'è sotto quella specifica erba fotografata. Questo naturalmente perché, sempre da giardiniere, sono interessato principalmente ad avere un bel prato, il quale no, non è lì per caso, ma è stato seminato dall'uomo, come quasi tutti i prati nei giardini, pubblici o privati. E se vogliamo parlare di boschi, anche lì non sempre tutto è naturale, esiste la selvicoltura.

    Per concludere, se chiedo "è un buon segno?" intendo dire: questi funghi possono nuocere al prato? Sono segno di un suolo in buona salute, ricco di vita? O piuttosto devo preoccuparmi per una qualche carenza nutritiva? Eccesso di irrigazione?

    PS: vedo su internet che Lepiota naucina e Leucoagaricus leucotites in realtà sarebbero sinonimi.
     
    Ultima modifica: 19 Ottobre 2018
  6. Davide N.

    Davide N. Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    7 Aprile 2018
    Messaggi:
    154
    Località:
    Cossonay
    Forse sarebbe meglio spostare la discussione nella sezione "Il prato"? Di per sé mi interessa il prato, non il fungo...
     
  7. pluteus

    pluteus Esperto di piante spontanee

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    8.237
    Località:
    Novara
    In tal caso era malposta la domanda ed era sbagliato l'indirizzo, avendo questo Forum una sezione apposta per il prato.
    Essendo tali le circostanze era inevitabile che la risposta fosse sbagliata e fuori luogo.
    Stiamo parlando di funghi saprofiti, che siano o meno sinonimi ha poca o nulla importanza a livello del prato
    e lasciamo che a dibattere la questione sulla quale vi sono pareri difformi se ne occupino i nostri valenti tassonomisti.
    I funghi saprofiti hanno bisogno di suoli ricchi di materia organica decomposta, più ce n'è e più stanno meglio.
    A giudicare da ciò che si vede, si direbbe che il prato, finora, non ne abbia sofferto minimamente, ma alla lunga
    può darsi che la situazione cambi anche drasticamente perchè gli organismi presenti nel biotopo si nutrono degli stessi
    elementi, se sarà l'erba a prevalere il fungo deperirà fino a scomparire, se viceversa sarà il fungo a prevalere allora sarà il prato a deperire
    visibilmente perchè soffocato dalle ife fungine così appressate ed infeltrite da impedire lo sviluppo rigoglioso dell'erba,
    che prima presenterà chiazze ingiallite e disseccate e successivamente potrebbe anche cessare di crescere del tutto.
    Questo naturalmente è un orizzonte di parecchie decadi e non succederà di sicuro da un giorno all'altro.
    Sempre che le micorrize si trovino talmente bene nel tuo prato da continuare a vegetare rigogliosamente per anni e anni, cosa che in un ambiente artificiale
    come un prato coltivato non succede quasi mai.
    I funghi, come sono arrivati se ne andranno senza lasciare tracce. Come succede sempre in questi casi.:D:ciao:
     
    A Davide N. piace questo elemento.
  8. Davide N.

    Davide N. Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    7 Aprile 2018
    Messaggi:
    154
    Località:
    Cossonay
    Grazie Pluteus. Sì, ammetto che la mia domanda era mal posta...

    Ancora un'altra: asportare le parti aeree indebolisce il fungo o continua a sopravvivere sotto l'erba, incurante? Come detto, di funghi non ne capisco nulla...
    Chiedo perché su internet se cerco "funghi prato" trovo sempre solo le varie malattie fungine tipo dollar spot ecc...

    In ogni caso mi fa piacere sapere che la loro presenza sia un segno che il suolo è ricco di materiale organico e non quasi asettico come un top da green... Sono infatti contrario a qualsiasi tipo di trattamento fito"sanitario", fatta eccezione per gli alberi di particolare valore.
     
    Ultima modifica: 22 Ottobre 2018
  9. pluteus

    pluteus Esperto di piante spontanee

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    8.237
    Località:
    Novara
    Asportare i carpofori , cioè i funghi, non servirebbe a nulla sarebbe come togliere le pere dall'albero, sperando di far morire il pero, i funghi sono i frutti del micelio, l'albero che sta sottoterra, il quale, finchè trova sufficiente nutrimento e condizioni ambientali ottimali continuerà a prosperare tranquillamente.
    Questo tipo di funghi, comunque, non sono di quelli stanziali come i funghi simbionti, che stabiliscono dei vincoli stabili con la vegetazione circostante
    e producono le cosiddette "fungaie" mitologiche entità ambite e ricercate da tutti i fungaioli, ma sono funghi più leggeri di costumi, che vengono e vanno
    molto facilmente a seconda di come tira il vento, perciò, come ti sono arrivati senza nessuna formalità, altrettanto facilmente se ne possono andare
    e possono non rifarsi vivi mai più.
    Quindi io sarei propenso al fatalismo, dal momento che questi funghetti non danno nessun fastidio e non sono di nessun pericolo
    perchè farsene un problema? Oltretutto dei funghi così bianchi in un prato verde li trovo pure molto decorativi ed esteticamente molto apprezzabili.:ciao:
     
    A Davide N. piace questo elemento.
  10. Davide N.

    Davide N. Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    7 Aprile 2018
    Messaggi:
    154
    Località:
    Cossonay
    Ok, tutto chiaro, ho imparato qualcosa. Spero che più in là nel mio programma di insegnamento ci sarà un capitolo sui funghi, non posso rimanere così ignorante...
    Grazie ancora!
     

Condividi questa Pagina