• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Ficus annegato e muffa superficiale

minnianto

Aspirante Giardinauta
Buongiorno a tutti,

scrivo per un consiglio in merito al mio ficus benjamin un po' sofferente: di ritorno dalle ferie estive (un mese esatto fa) notando diverse foglie per terra mi sono reso conto che era stato annaffiato eccessivamente (il sottovaso quasi traboccava).

Ho tolto il sottovaso e interrotto ogni innaffiatura; visto che la perdita di foglie continuava circa 10 giorni fa l'ho rinvasato (in un vaso più grande rimuovendo la terra ma senza esagerare e lasciando circa 5-6 cm di drenante sul fondo). Dopo il travaso ho fatto una leggerissima innaffiatura per compattare la nuova terra (soprattutto ai lati) ed in seguito un paio di volte l'innaffiatura foliare. La perdita di foglie si è molto ridotta ma da un paio di giorni ho notato la formazione di muffa superficiale.

Questa è la situazione attuale:

a) muffa superficiale esattamente dove ho innaffiato dopo il travaso:

IMG-3326.jpg

b) alcune foglie secche e alcune gialle all'estremità (non tantissime ad essere sinceri)
IMG-3327.jpg

IMG-3328.jpg

c) nuove foglie

IMG-3329.jpg

d) vista d'insieme
IMG-3330.jpg

A vostro avviso c'è qualcosa che dovrei fare o a questo punto solo attendere? Per la muffa dovrei mettere qualche prodotto specifico (sto aspettando a pacciamare con argilla espansa proprio per osservare la terra)? A livello di innaffiature riprenderle piano piano tenendo conto anche del periodo autunnale?

Grazie mille per i vostri contributi.

Buona giornata!
 

fox_face

Aspirante Giardinauta
Credo di avere in parte il tuo stesso problema. Ho la muffa, anche io per eccessive annaffiature, e le foglie si seccano a partire dalla punta. In più ai margini di alcune foglie di sono create delle macchioline nere.
Tu ogni quanto annaffi?
 

minnianto

Aspirante Giardinauta
Credo di avere in parte il tuo stesso problema. Ho la muffa, anche io per eccessive annaffiature, e le foglie si seccano a partire dalla punta. In più ai margini di alcune foglie di sono create delle macchioline nere.
Tu ogni quanto annaffi?

In genere una volta ogni 10 giorni in inverno e ogni 7 d'estate. Il problema però ce l'ho avuto secondo me per il fatto che chi mi ha innaffiato la pianta mentre ero in ferie non ha svuotato il sottovaso quindi la pianta per giorni e giorni è rimasta "a mollo".

Provo a controllare ma sulle mie foglie non mi pare di vedere macchioline nere.
 

Charles_b

Aspirante Giardinauta
Sono cose che capitano, quando si va in ferie. Basta lasciar svanire gli effetti e tutto torna come prima. C'è un mare di gente che fa morire di sete le piante perché si dimentica di annaffiarle per due anni, c'è anche chi le affoga un po'. Comunque, senz'acqua non vivono!... :cry:

Charles
 

minnianto

Aspirante Giardinauta
Buon pomeriggio a tutti,

vi scrivo per aggiornarvi dopo oltre un anno sulla situazione del mio ficus benjamin e avere, se possibile, qualche consiglio. In breve dall'annegamento estivo dell'anno scorso, nonostante rinvaso e innaffiature molto ridotte, ha progressivamente perso foglie senza che ne rispuntassero di nuove. La chioma si è quindi molto diradata e ci sono diversi rami secchi.

Circa una settimana fa ho rinvasato e con l'occasione ho dato un'occhiata alle radici. Secondo voi c'è marciume radicale?

Cosa potrei fare secondo voi per la pianta? E' una sofferenza vederla perdere una foglia alla volta senza riuscire ad intervenire.

PS nelle radici si vedono come dei "semini" gialli. Secondo voi cosa potrebbero essere?

Grazie mille.
 

Allegati

  • Chioma.jpg
    Chioma.jpg
    565,2 KB · Visite: 15
  • Muffa.jpg
    Muffa.jpg
    162,2 KB · Visite: 14
  • Radici 2.jpg
    Radici 2.jpg
    575,9 KB · Visite: 14
  • Radici 1.jpg
    Radici 1.jpg
    596,2 KB · Visite: 14
  • Radici 3.jpg
    Radici 3.jpg
    607,2 KB · Visite: 14
  • Radici 4.jpg
    Radici 4.jpg
    594,8 KB · Visite: 14
  • Radici 5.jpg
    Radici 5.jpg
    570,6 KB · Visite: 15
  • Radici 6.jpg
    Radici 6.jpg
    638,8 KB · Visite: 15

michelerossi

Giardinauta
Curiosità off topic: come mai alla base ha un ramo reciso? Mi ricorda un ficus che mia madre volle donare al condominio ed è stato maltrattato per 11 anni (me lo sono ripreso a giugno).
 

Stefano-34666

Master Florello
Ciao,

dalle immagini non vedo marciume.
Hai fatto bene a rinvasare (spero tu abbia mescolato degli inerti al terreno).
Quando bagni devi farlo bene, fino a quando l'acqua non esce dai fori di scolo del vaso. Bagnando poco non tutta la zolla si inumidisce ed alcune radici restano a secco.
La prossima primavera pota bene la pianta, eliminando il secco, il brutto e tutto quello che "scappa".
Poi metti la pianta all'aperto ed al sole. Il ficus ha bisogno di luce e di sole. Probabilmente perderà subito le foglie vecchie (diventeranno bianche e cadranno tutte) ma, nel giro di un mesetto, ne usciranno tante nuove, forti e coriacee.

Per quest'inverno tieni la pianta alla luce, lontano dalle fonti di calore e bagna quando la terra è asciutta in profondità.
Devi temporeggiare fino alla prossima primavera.

Non concimare. Con la terra nuova non serve.

Ste
 

minnianto

Aspirante Giardinauta
Buonasera a tutti,

purtroppo ultimamente il mio ficus non se la passa granché bene. Ha perso numerose foglie, alcune seccano e rimangono appese.

Uniche cose che ho notato è un puntino bianco sulle foglie stesse e soprattutto una miriade di piccoli insetti che si trovano nella terra (quando innaffio si alza quasi una nuvola da quanti sono). Purtroppo anche le altre piante che ho in casa sono infestate da questi insetti minuscoli.

Ho provato a ridurre le innaffiatture, a spruzzare un po' di olio di neem senza risultati. Avreste per caso qualche consiglio contro gli insettini?

Inserisco alcune foto della pianta e un video degli insetti.




Grazie a chi vorrà contribuire, sono davvero disperato.
 

Allegati

  • Foto 28-12-21, 14 18 24.jpg
    Foto 28-12-21, 14 18 24.jpg
    673,5 KB · Visite: 6
  • Foto 06-01-22, 14 16 09.jpg
    Foto 06-01-22, 14 16 09.jpg
    271,1 KB · Visite: 6

Amy

Guru Giardinauta
i video risultano privati e io non li posso vedere.
L'insetto bianco è cocciniglia. Una volta tolta lei il tuo ficus starà molto meglio.
Ci sono insetticidi appositi oppure puoi toglierli a mano con pazienza certosina oppure puoi spruzzare alcool e acqua ma rischi di danneggiare un poco le foglie.
I moscerini indicano che il terreno rimane umido troppo a lungo (probabilmente ci sono pochi inerti e il terriccio universale è di scarsa qualità); se hai usato lo stesso terriccio per le altre piante allora sai perché te li ritrovi in giro; l'umidità danneggia le radici e indebolisce la pianta che diventa più facile preda dei parassiti.
Se anche li sconfiggi, dato il tipo di terriccio, torneranno. Non mettere per alcun motivo pacciamature sul terriccio: trattengono l'umidità e impediscono alla terra di 'respirare' e per il ficus non va bene.
Mentre ti prepari a un rinvaso (2/3 Tu + 1/3 inerti tipo pomice, lapillo, cocci tritati) che tocchi il meno possibile le radici regolati con le annaffiature: aspetta che la terra sia ben asciutta anche sotto la superficie e annaffia dal sottovaso: in questo modo la superficie del terriccio rimane più asciutta. nelle foto dell'anno scorso mi ha colpito la presenza di un alone nero sul palo di sostegno.


A primavera metti la pianta all'esterno, abituala al sole poco per volta, e lasciala lì fino a metà ottobre (lo scorso anno ho spostato alcune delle mie a mezz'ombra da metà luglio a metà agosto perché il sole 'mi sembrava' troppo forte).
Quando riaccendi i riscaldamenti allora è ora di far rientrare anche le piante.
Questo permetterà alla pianta di accumulare energie che la aiuteranno a guarire e che potrà usare per affrontare meglio l'inverno.
 

michelerossi

Giardinauta
Sì, i video non si vedono: avevi girato dei video o è un errore?

Mi permetto di correggere @Amy su due punti, anche se iscritto/a da più tempo di te perchè penso di aver accumulato una certa esperienza negli ultimi 4 anni sui benjamina (prima non me ne occupavo). 1. Non sono sicuro che sia una buona idea innaffiare aggiungendo acqua nel sottovaso: può creare squilibri idrici nell'ambito della zolla di terra. 2. Forse per utenti non così esperti, più che miscelare terra ed inerti, basta utilizzare anche un terriccio universale di marca buona. 3. Quella mostrata non è ASSOLUTAMENTE cocciniglia! Anch'io caddi in quest'errore, anche perchè le piante deperivano e c'era su alcune foglie della melata (mai capito perchè); @Alessandro2005 il quale purtroppo non scrive più perchè si è scontrato con altri utenti (ma ci si può scontrare, dico io, su un forum di giardinaggio?), manco risponde ai miei messaggi come se andassimo tutti puniti ed è persona assai competente (ci manca anche @brandegeei; a proposito qualcuno sa che fine ha fatto?), mi insegnò che è quella gli anglosassoni chiamano wax o phenolic gland. @Alessandro2005, come vedi, se si semina bene, visto che siamo in tema di giardinaggio, qualcosa si raccoglie e i tuoi insegnamenti c'è chi li rammenta e il tuo sapere c'è chi lo riconosce: ma il valore di una persona si vede anche dalla capacità di sorvolare su certe cose.

PS: @minnianto, adesso dico quella che probabilmente è una bestialità che ho già scritto in passato e avrà fatto già inorridire molti: perchè non provi con una spruzzatina superficiale di un comune insetticida per mosche e moscerini - roba tipo Raid o simili - ogni giorno per una settimana e poi torni ad aggiornarci dopo 7 giorni esatti sia che sia andata bene sia che sia andata male?
 
Ultima modifica:

Amy

Guru Giardinauta
Raid o simili - ogni giorno per una settimana
Da lieve ecologista qual sono ricordo soltanto che 'una spruzzata al giorno di insetticida per una settimana' rimane nell'ambiente, si disperde in atmosfera (non viene distrutta) e agisce anche sugli insetti impollinatori dei quali abbiamo bisogno anche per far fruttare le piante che mangiamo.
Quando capita a me di avere insetti sulle foglie io faccio il 'lavoro certosino' di pulirle una a una e quando capitano i moscerini so che non si riproducono se li lascio a secco. Probabilmente le larve di moscerino erano già nel terreno che @minnianto ha comprato e si sono schiuse con l'umidità trattenuta dal terriccio.
 

minnianto

Aspirante Giardinauta
Grazie a tutti per i preziosi contributi. Adesso i video dovrebbero essere pubblici (spero si riescano a intravedere gli insettini perché purtroppo essendo molto piccoli e muovendosi rapidamente sono praticamente impossibili da fotografare).

L'ultimo rinvaso l'ho effettuato ad ottobre '21 e ho cercato di rispettare la regola 1/3 inerti (nello specifico ho messo polistirolo nella parte più inferiore, poi lapilli e sopra terriccio) e 2/3 terriccio (ho messo un terriccio universale di qualità, non so se si possano fare nomi ma è Compo Sana e l'ho unito con un po' di terriccio sempre della stessa marca ma specifico per piante verdi).

Dal rinvaso ho innaffiato all'incirca ogni 2/3 settimane con innaffiatura abbondante ma presumo non esagerata (per intenderci non ha mai sversato nel sottovaso).

Da quando ho notato gli insettini e il materiale chiaro gommoso sotto-foglie (inizi gennaio '22) ho effettuato la pulizia con alcol e spruzzato olio di neem, anche nel terreno (chiaramente i due interventi a distanza tra loro).

Dopo un breve periodo di stabilizzazione nelle ultime due settimane purtroppo è ripresa copiosa la caduta delle foglie.
 

Amy

Guru Giardinauta
Grazie a tutti per i preziosi contributi. Adesso i video dovrebbero essere pubblici (spero si riescano a intravedere gli insettini perché purtroppo essendo molto piccoli e muovendosi rapidamente sono praticamente impossibili da fotografare).

L'ultimo rinvaso l'ho effettuato ad ottobre '21 e ho cercato di rispettare la regola 1/3 inerti (nello specifico ho messo polistirolo nella parte più inferiore, poi lapilli e sopra terriccio) e 2/3 terriccio (ho messo un terriccio universale di qualità, non so se si possano fare nomi ma è Compo Sana e l'ho unito con un po' di terriccio sempre della stessa marca ma specifico per piante verdi).

Dal rinvaso ho innaffiato all'incirca ogni 2/3 settimane con innaffiatura abbondante ma presumo non esagerata (per intenderci non ha mai sversato nel sottovaso).

Da quando ho notato gli insettini e il materiale chiaro gommoso sotto-foglie (inizi gennaio '22) ho effettuato la pulizia con alcol e spruzzato olio di neem, anche nel terreno (chiaramente i due interventi a distanza tra loro).

Dopo un breve periodo di stabilizzazione nelle ultime due settimane purtroppo è ripresa copiosa la caduta delle foglie.
ciao minnianto,
gli inerti vanno mischiati al terriccio e non messi separatamente.
Il polistirolo (contiene un derivato del petrolio, mi pare che rislasci anche elementi inquinanti con il tempo) in basso è inapprorpiato ed è un bene che non possa essere entrato in contatto con le radici.
In pratica: in basso un coccio di vaso che impedisca l'otturarsi del foro di scolo, subito sopra uno strato di inerti di 2-4 cm (va bene anche l'argilla espansa), sopra il terriccio (di buona qualità con anche già inerti) a cui aggiungi ulteriori inerti (lapillo, pomice, cocci tritati; non argilla espansa) e ben mischiato.
Se il terriccio è di buona qualità quando annaffi il solo terriccio allora ci vuole un po' di tempo all'acqua per bagnarlo e scendere nel vaso. Se è di cattiva qualità scende immediatamente o si secca troppo se lasciato asciutto (e quando annaffi fa scivolare l'acqua lungo i bordi).
Se il terriccio è drenante una volta annaffiato resta un po' sgranato e il giorno dopo sembra già meno bagnato, solo umido.
La pomice e il lapillo e il coccio assorbono l'acqua in eccesso e la restituiscono lentamente al terriccio man mano che la pianta usa l'acqua. Questo permette alle radici di non restare 'a mollo' a lungo.
Da quello che vedo nel video mi pare che il terriccio si sufficientemente sciolto per essere drenante. Solo una curiosità: hai aggiunto sabbia? Mi pare di vedere delle zone grigie insieme al marrone tipico del terriccio.

Quando annaffi assicurati che il terriccio sia abbastanza asciutto anche in fondo (scava col dito, usa un bastoncino e regolati come con le torte in cottura); annaffia fino a quando l'acqua non esce dai fori di scolo e poi svuota il sottovaso dopo qualche minuto. In questo modo sei sicura di raggiungere con l'acqua tutte le radici.
Poi riannaffia a terriccio asciutto. In inverno possono passare anche 30-40 giorni a seconda di come la pianta usa l'acqua.
Io controllo i vasi ogni due settimane circa ma non annaffio se non serve.

Attenta all'alcool: scioglie la parte cerosa delle foglie e non tutte le piante lo sopportano specialmente se sono in difficoltà.
i moscerini probabilmente erano già presenti nel terriccio.
Mi resta un'altra curiosità: puoi spiegare meglio cos'è 'il materiale chiaro gommoso sotto-foglie (inizi gennaio '22)'?
 
Alto