1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

che pianta è questa: Chenopodium album o Mercurialis annua?

Discussione in 'Identificazione delle piante' iniziata da Ergoiaia, 8 Gennaio 2020.

  1. Ergoiaia

    Ergoiaia Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    17 Ottobre 2019
    Messaggi:
    32
    Località:
    CARBONERAS Andalusia
    Località:
    Carboneras - Andalusia - Spagna
  2. pluteus

    pluteus Esperto di piante spontanee

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    9.329
    Località:
    Novara
    è Chenopodium che è una amarantacea e si vede, mentre la Mercurialis è una euphorbiacea e anche questa si vede...:ciao:
     
  3. Ergoiaia

    Ergoiaia Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    17 Ottobre 2019
    Messaggi:
    32
    Località:
    CARBONERAS Andalusia
    Località:
    Carboneras - Andalusia - Spagna
    Grazie Pluteus, da cosa si capisce la differenza fra amaranthaceae ed euforbiacea? Vorrei capire bene per distinguerle perché della mercurialis si dice sia velenosa.
     
  4. pluteus

    pluteus Esperto di piante spontanee

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    9.329
    Località:
    Novara
    Bisogna avere un minimo di conoscenze botaniche: Infiorescenza tipica del Chenopodium album e delle amarantaceae in genere.https://live.staticflickr.com/3510/4032134406_a2c26e7b28_b.jpg

    i generi della famiglia delle Chenopodiacee in più sottofamiglie (Chenopodioideae, Gomphrenoideae, Salicornioideae, Salsoideae) comprese nelle Amaranthaceae, le quali si differenziano morfologicamente per i fiori privi di perigonio e per gli stami non saldati alla base.

    Mercurialis annua : infiorescenze fiori, frutti, semi
    [​IMG]

    La Mercurialis annua era una pianta considerata officinale e utilizzata in passato sopratutto come purgante.
    Bisognava solo non confondersi con la Mercurialis perennis, quasi identica alla precedente e molto tossica.

    http://www.summagallicana.it/lessico/e/e Mercurialis perennis 1.jpg

    La famiglia delle euphorbiaceae comprende specie con portamento arboreo, arbustivo o erbaceo. Molte specie sono laticifere.
    Le foglie sono portate alterne o più raramente opposte e sono provviste di stipole. I fiori sono unisessuali, a simmetria radiale, spesso assai poco vistosi. Nella tribù delle Euphorbieae (presente in Italia) i fiori sono riuniti in una particolare infiorescenza che assomiglia ad un unico fiore e che è detta ciazio. A loro volta i ciazi possono riunirsi in ulteriori infiorescenze (es. spighe, ombrelle), ma mai in pannocchie come quelle delle amarantaceae. I fiori maschili sono costituiti spesso da un unico stame; i fiori femminili sono formati da un ovario supero tricarpellare e triloculare. La famiglia presenta comunque una grande varietà di morfologie fiorali: gli stami ad esempio possono essere da 1 a 10, le specie possono essere monoiche o dioiche.:ciao:
     
    Ultima modifica di un moderatore: 9 Gennaio 2020
    A Ergoiaia piace questo elemento.
  5. Ergoiaia

    Ergoiaia Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    17 Ottobre 2019
    Messaggi:
    32
    Località:
    CARBONERAS Andalusia
    Località:
    Carboneras - Andalusia - Spagna
    Grazie Pluteus delle spiegazioni esaustive... tornerò a guardare le infiorescenze di quella pianta con lente d'ingrandimento perché le ho viste finalmente bene solo nella foto che mi hai postato cosicché voglio di nuovo guardarle al naturale.
     
  6. Iaia

    Iaia Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    4 Luglio 2019
    Messaggi:
    1
    Località:
    Carboneras
  7. Ergoiaia

    Ergoiaia Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    17 Ottobre 2019
    Messaggi:
    32
    Località:
    CARBONERAS Andalusia
    Località:
    Carboneras - Andalusia - Spagna
    Alla fine è risultato essere chenopodium murale che qui chiamano «cenizo» e lo ritengono tossico.:ciao:
     

Condividi questa Pagina