1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Tempistiche margotte

Discussione in 'Tecniche di riproduzione' iniziata da Slytherin02, 8 Luglio 2020.

  1. Slytherin02

    Slytherin02 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    23 Agosto 2019
    Messaggi:
    56
    Località:
    Rivarolo, TO
    Ciao a tutti! Per caso qualcuno ha (o sa dove posso trovare) uno schema abbastanza affidabile con le tempistiche delle margotte delle piante più diffuse e in che periodo vanno fatte? Ho cercato ovunque, e ne ho trovati 2/3 dove per alcune piante le tempistiche e i periodi differiscono di molto... non ci capisco più nulla :banghead:
     
  2. MaryFlowers

    MaryFlowers Fiorin Florello

    Registrato:
    15 Giugno 2012
    Messaggi:
    29.779
    Località:
    Rossano Calabro
    Forse il periodo ideale che abbraccia un po’ tutti è la primavera oppur dipende un po’ dai tipi e varietà dei alberi se hanno predisposizione e inclinazione per l’ora natura estiva tipo mi vien in mente ora il ficus,magnolia che sembrano fatte al loro interno più succulenti è magari più favorevole probabilmente a radicare e far nuove radici più velocemente chissà:)
     
  3. danielep

    danielep Guru Giardinauta

    Registrato:
    19 Gennaio 2016
    Messaggi:
    3.351
    Località:
    san donà di piave
    In linea generale, l'esecuzione va fatta con la pianta in vegetazione , ma c'è anche chi comincia a febbraio…..
    Altrettanto vero che certe essenze sono piuttosto rapide, ad es. glicine, ficus, melograno; altre mediamente, sono la maggior parte (aceri, carpini, olmo, lagerstroemie); per altre, per sicurezza devi aspettare l' anno successivo, per staccare (le radici nelle margotte, purché ben avvolte, sopravvivono all'inverno). Mi è capitato con il corbezzolo e con il ginepro. Con le conifere (ginepro e criptomeria a parte) tipo pini e abeti, la va da lunga a moooolto lunga.
    Le tabelle non valgono la pratica, ma, in linea di massima, meglio cominciare prima (aprile, maggio, giugno) per staccare dopo due o tre mesi. Se le metti all'ombra e riduci la chioma puoi staccare anche con 30 ° C.
     
    A monikk64 e MaryFlowers piace questo messaggio.
  4. Slytherin02

    Slytherin02 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    23 Agosto 2019
    Messaggi:
    56
    Località:
    Rivarolo, TO
    Grazie mille, ora mi è più chiaro!! Però vorrei approfittarne per farti un’altra domanda... A fine giugno ho fatto delle margotte di acero, olivo e glicine, quelle di glicine hanno un diametro abbastanza piccolo (penso poco meno di 1cm), quelle di acero saranno 1,5/2cm e anche una di olivo, l’altra di olivo sarà sui 4cm... su alcune ho usato solo sfagno, su altre solo terriccio, secondo te dopo quanto dovrei dare una controllata, pensando di avere un buon numero di radici?
     
    A monikk64 piace questo elemento.
  5. danielep

    danielep Guru Giardinauta

    Registrato:
    19 Gennaio 2016
    Messaggi:
    3.351
    Località:
    san donà di piave
    Sull'olivo, ti ho già scritto su un altro forum, non ho esperienze. Dovrebbe essere un'essenza facile, ma, almeno due mesi devi metterli in conto.
    Acero, quale? Giapponese innestato? Scusa se rompo, ma non mi va di dare risposte alla carlona:)
    Glicine. E' facile, se inciso sufficientemente( le grosse). Paradossalmente, tra altre sui 4 cm (50-70 gg), quella che ha impiegato di più è stata quella di due cm (80 gg), ma può essere un caso.
    Il terreno impiegato può essere relativo, l' importante è che si mantenga umido.
    Quindi, se la tua impazienza deriva dal fatto che devi andare un ferie e non sai a chi affidarle (sulla caramella basta una bagnata ogni 10/12 gg), la prossima volta falle prima;)
    Se è solo impazienza, abbi pazienza:rolleyes:
    Ho controllato due margotte sottili e apparentemente facili su due aceri (un tridente e uno Shishigashira) messe in cantiere il 25 aprile e hanno sì una radice, ma troppo poco per dare garanzie.
    Come le hai fatte? Sono facilmente controllabili? Stiamo parlando di fine giugno, almeno da metà agosto val la pena controllare.;)
     
  6. Slytherin02

    Slytherin02 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    23 Agosto 2019
    Messaggi:
    56
    Località:
    Rivarolo, TO
    Mi ero dimenticato dell’altro forum! :banghead: L’acero dovrebbe essere un acero palmato... No no, non è impazienza è solo paura di aprire troppo presto e magari rovinare le radichette appena formate
     
  7. danielep

    danielep Guru Giardinauta

    Registrato:
    19 Gennaio 2016
    Messaggi:
    3.351
    Località:
    san donà di piave
    Torno a rompere. Il palmato, se è il selvatico giapponese (pianta peraltro degnissima, solo che, da loro cresce spontanea) è molto facile, se è una varietà innestata va da più difficile a improbabile, a meno che non si margotti sotto il punto d'innesto. Indagao_O
    Da fine giugno non è troppo presto, è prima di troppo presto:LOL::LOL::LOL:
     
  8. Slytherin02

    Slytherin02 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    23 Agosto 2019
    Messaggi:
    56
    Località:
    Rivarolo, TO
    Non saprei se è innestato o no... spero di no! :LOL: Pensavo di aprire verso fine agosto/inizio settembre, spero non sia troppo presto
     
    A monikk64 piace questo elemento.
  9. monikk64

    monikk64 Master Florello

    Registrato:
    1 Agosto 2009
    Messaggi:
    10.275
    Località:
    cuneo
    Località:
    Borgo San Dalmazzo CN
    Se è innestato lo capisci facilmente osservando con calma il fusto da 5 cm. sopra la linea di terra in su: vedrai un punto di discontinuità, forse un po' nodoso, magari anche con un leggero cambio di colore della corteccia.... quello è il punto di innesto.
    Viceversa, se il fusto è omogeneo, sia come colore che come omogeneità dell'andamento del tessuto della corteccia, è probabilissimo che non sia innestato.... :V
     
  10. danielep

    danielep Guru Giardinauta

    Registrato:
    19 Gennaio 2016
    Messaggi:
    3.351
    Località:
    san donà di piave
    E se è innestato alto, tipo alberello? Attenzione, @monikk, gli innestatori sono esser diabolici:oops::oops::oops:
     
    A monikk64 piace questo elemento.
  11. monikk64

    monikk64 Master Florello

    Registrato:
    1 Agosto 2009
    Messaggi:
    10.275
    Località:
    cuneo
    Località:
    Borgo San Dalmazzo CN
    Infatti, rileggendo noterai che ho scritto "DA 5 cm. IN SU" che significa che lo sguardo del giardinauta attento deve risalire lungo il tronco...finché basta....
    :rolleyes: :rolleyes: :rolleyes:

    e scusate l'intromissione.... :sneaky::sneaky::sneaky: non volevo sostituirmi ai maestri, ma essendo neofita ho la percezione più netta di tutto quel che non si deve dare per scontato.... :) mi taccio, ma mi scappava proprio...
    :ciao:
     
    A danielep e MaryFlowers piace questo messaggio.
  12. MaryFlowers

    MaryFlowers Fiorin Florello

    Registrato:
    15 Giugno 2012
    Messaggi:
    29.779
    Località:
    Rossano Calabro
    Brava Monica :) lo sguardo,l’osservazione ,l’attenzione ,vigilanza e percezione o sensazione quest’ultimo è come una chiave che si deve avere con se sempre:) che prima di procedere in qualsiasi operazione con le piante è fondamentale far affidamento ,rientra nelle cose importanti di un bravo giardiniere al di là se si è o no esperti o maestri :) :V :su:
     
    A monikk64 piace questo elemento.
  13. danielep

    danielep Guru Giardinauta

    Registrato:
    19 Gennaio 2016
    Messaggi:
    3.351
    Località:
    san donà di piave
    Ti conoscevo appassionata di montagna, ma ti scopro ora specializzata anche in "arrampicata sugli specchi":p:p:p:p:p
    Nessuna intromissione, per carità, non ci sono maestri, ma @Slytherin02 ha molto da imparare e qualsiasi intervento può tornargli utile:):):)
     
  14. Slytherin02

    Slytherin02 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    23 Agosto 2019
    Messaggi:
    56
    Località:
    Rivarolo, TO
    Sisi, so com’è fatto un innesto... solo che essendo lì da un po’ di anni alla base non mi sembra di vedere grandi differenze di colore, solo legno scuro... ma non vorrei sbagliarmi
     
    A monikk64 piace questo elemento.
  15. danielep

    danielep Guru Giardinauta

    Registrato:
    19 Gennaio 2016
    Messaggi:
    3.351
    Località:
    san donà di piave
    Una foto della pianta e della foglia, per il riconoscimento, non guasterebbe;)
     
  16. Slytherin02

    Slytherin02 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    23 Agosto 2019
    Messaggi:
    56
    Località:
    Rivarolo, TO
    Questa è la base, non riesco a capire se il colore più scuro alla base è per la terra o perché è stata innestata... FB2F8274-BC3B-43BE-BDF4-0B4EAA072F15.jpeg
     

Condividi questa Pagina