1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Problema gluconi

Discussione in 'Piante grasse' iniziata da Fiorella, 23 Giugno 2018.

  1. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    Cosa è successo alla mia glusoni ? Grazie 20180623_200949.jpg
    Cosa posso fare visto che è franata da un lato. Quali le cause ?
     
  2. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    scusate la dimensione della foto ma dal cell non sono riuscita a ridimensionare
     
  3. reginaldo

    reginaldo Florello Senior

    Registrato:
    9 Gennaio 2001
    Messaggi:
    7.718
    Località:
    Bologna
    Sicuramente bruciatura, qualsiasi pianta uscita dall'inverno ha bisogno di certo adattamento alla luce diretta.
    Da fare: controllo radici con la pulizia, cambiamento di terriccio (l'attuale sembra essere tutta torba e quindi la pianta sembra anche disidratata: la torba asciugandosi tende ad asfissiare le radici).
    Per tutte le Cactacee (la tua è Echinocatus grusoni ingens) occorre una miscela di 1/3 di terriccio per cactacee (terriccio da giardino, terriccio universale setacciato, terriccio maturo di foglie) e 2/3 di solo inerti (ghiaia, marna, lapillo, sabbia grossolana di medio impasto, pomice, cocci) e con buon sottofondo. Dopo la pulizia radici lasciare la pianta all'ombra per alcuni giorni per poter lasciare asciugare le eventuali rotture, prendere anche lo stesso vaso, metterci il sottofondo, riempire fino a circa metà, poi appoggiare la pianta sul terriccio immesso e completare il riempimento pigiando intorno alle radici, non annaffiare subito (aspettare almeno un a settimana all'ombra) poi lentamente adattare la pianta alla luce diretta. Nel caso di ulteriore avvizzimento nebulizzare.
     
    A Stefano Sangiorgio piace questo elemento.
  4. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    Innanzitutto grazie della risposta. Volevo dire che il problema risale a circa 1 anno e mezzo fa, speravo che si risolvesse ma così non è stato. La pianta è esposta a ponente in Sicilia. Non so dove si vendano questi inerti perchè qui non li trovo. Eventualmente posso mettere tutto terriccio per piante grasse mischiato con qualche pallina di argilla ? Oppure lo stesso terriccio per piante grasse mischiato al classico terriccio concimato che mi dà in vivaio che non ha torba a differenza del terriccio universale ?
     
    Ultima modifica: 24 Giugno 2018
  5. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    Oggi ho trovato e comprato il lapillo vulcanico ( pezzi non piccolissimi) l'argilla e il terriccio per piante grasse della vigorplant. Come mi consigliate di miscelarli ?
     
  6. reginaldo

    reginaldo Florello Senior

    Registrato:
    9 Gennaio 2001
    Messaggi:
    7.718
    Località:
    Bologna
    Prendi un martello e rompi il lapillo. Mescola gli inerti rimpicccioli con terriccio per grasse nella misura di 2/3 aggiungendo anche cocci e sabbia grossolana, la argilla espansa solo per sottofondo, visto che l'hai comprata, è troppo leggera e quindi non utile insieme al terriccio.
    Composta: 1/3 di terriccio grasse, 2/3 di materiale inerte
     
    A Stefano Sangiorgio piace questo elemento.
  7. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    La sabbia la prendo dalla spiaggia ? altrimenti dove la trovo ? I cocci ? schiaccio pezzi di vasi rotti ?
     
  8. Stefano Sangiorgio

    Stefano Sangiorgio Guru Giardinauta

    Registrato:
    2 Settembre 2017
    Messaggi:
    3.082
    Località:
    Erba
    Località:
    Erba
    la sabbia deve essere sabbia grossa di fiume e non di mare perchè è salata. La trovi in negozi di materiali edili.
    I cocci: prendi un vaso di terracotta vecchio e frantumalo in grossi pezzi con il martello.
     
  9. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    Si trova solo azolo perchè la sabbia di fiume non si può prendere ( e neanche quella del mare ). Ho già ripulito le radici lascio asciugare ma sabato arriva gran caldo quindi sarebbe preferibile piantare domani ?
    In effetti non c'era sottofondo in argilla né cocci né lapillo solo qualche raro sassolino bianco. La terra era tutto un blocco compattissimo con le radici ed ho dovuto fare un lungo lavoro con le mani prima di liberare le radici
     
  10. Stefano Sangiorgio

    Stefano Sangiorgio Guru Giardinauta

    Registrato:
    2 Settembre 2017
    Messaggi:
    3.082
    Località:
    Erba
    Località:
    Erba
    Se poni all'ombra a far asciugare, non hai problemi. Un periodo di qualche giorno a radice nuda fa solo bene. L'azolo va bene!
     
  11. reginaldo

    reginaldo Florello Senior

    Registrato:
    9 Gennaio 2001
    Messaggi:
    7.718
    Località:
    Bologna
    La sabbia si trova da rivenditori di materiale edile, o anche nei vivai: non si deteriora, credo si venda a s sacchi
     
  12. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
  13. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    Visto che non trovo la sabbia posso usare la lettiera del gatto non profumata. È Sepiolite o benonite
     
  14. reginaldo

    reginaldo Florello Senior

    Registrato:
    9 Gennaio 2001
    Messaggi:
    7.718
    Località:
    Bologna
    no, una volta bagnata rimane troppo tempo umida: l'umidità non certo la migliore soluzione per le " grasse".
    Hai provato a vedere presso un Consorzio Agrario se ci sono alternative alla sabbia: pomice, lapillo, ghiaia, marna penso che si possa trovare.
     
  15. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    Finalmente ho trovato l'azolo . Credo che serva in minore quantità anche per alleggerire il terreno per altre piante non solo per le grasse quindi ne ho fatta una piccola scorta. :)
     
  16. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    La pianta si è ripresa alla grande sono sparite le grinze e non ha più l'aspetto sbilenco . Grazie mille del vostro prezioso aiuto.Adesso posso innaffiare ?
     
  17. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    Ho innaffiato dopo 3 giorni dalla messa a dimora. Come suggerito la pianta rimane in posizione non soleggiata in attesa che recuperi meglio
     
  18. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    Oggi
     

    Files Allegati:

  19. reginaldo

    reginaldo Florello Senior

    Registrato:
    9 Gennaio 2001
    Messaggi:
    7.718
    Località:
    Bologna
    Quello che vedo di terriccio mi sembra molto compatto, andrebbe alleggerito anche con cocci di vaso se non trovi altro di meglio. L'azolo non lo conosco, fatti dire da chi lo vende se proviene dall'Etna come risulta in rete. Ho trovato che contiene azoto, quindi, come ho detto, mi accerterei della composizione.
     
  20. Fiorella

    Fiorella Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Agosto 2009
    Messaggi:
    80
    Località:
    catania
    L'azolo che ho trovato è bianco , sabbia grossa bianca avorio, e non proviene dall' Etna . Mi hanno detto che proviene da una cava. L'ho comprato in un negozio di materiale edile. Ora siccome non sappiamo da che cava o altro non ho voluto abbondare con questo azolo. Ma ho messo lapillo schiacciato che non si nota dalla foto perchè scuro, cocci di vaso e qualche sassolino bianco recuperato dalla stessa terra della pianta.
     

Condividi questa Pagina