1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

oziorrinco e gardenia

Discussione in 'Acidofile' iniziata da susie, 13 Giugno 2015.

  1. susie

    susie Giardinauta

    Registrato:
    19 Gennaio 2009
    Messaggi:
    762
    Località:
    faenza
    Ciao,

    ho letto non molto tempo fa un messaggio in cui si parlava dei danni dell'oziorrinco sulle gardenie (o comunque su un'acidofila): ho cercato di ritrovarlo ma non ci sono riuscita.
    Dato che la mia gardenia comincia ad avere foglie con i margini mangiati, vorrei avere consigli sui trattamenti possibili. Grazie mille!
     
    A peppeorchid piace questo elemento.
  2. Lamette

    Lamette Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    9 Novembre 2017
    Messaggi:
    17
    Località:
    L'Aquila
    Bagnare le foglie la sera con zolfo.
     
  3. Datura rosa

    Datura rosa Guru Master Florello

    Registrato:
    31 Maggio 2006
    Messaggi:
    17.709
    Località:
    Cave (RM) 450 m slm/USDA 9b
    Località:
    Cave (RM) 450 m slm/USDA 9b
    Accertati che si tratta di oziorrinco battendo la pianta verso le 2-3 di notte (ha abitudini notturne mentre di giorno sta rintanato nel terreno).
    Puoi eliminare gli insetti già presenti approfittando della caratteristica che ha questo coleottero, comune ad altri insetti, che è la strategia di difesa per cui quando si sentono minacciati si lasciano cadere e si fingono morti (il fenomeno viene chiamato tanatosi ).
    Se si tratta di lui/loro basta mettere uno straccio o un foglio di carta alla base delle piante, smuovere la chioma della pianta e raccoglierlo/i ed eliminarlo/i.

    Poiché la presenza di "masticatori" sulle piante può anche significare deposizione di uova e crescita d larve nel terreno (ancora più perocolose degli adulti) nel terreno sottostante è buona regola rivoltare il terreno con una buona frequenza per esporre le larve e le uova, che si seccano e muoiono; questa operazione sarebbe da effettuare almeno verso fine autunno eliminando tutti i residui vegetali al piede delle piante (tra i quali gli insetti si possono nascondere) e profittare del freddo invernale come ulteriore arma per evitare la nascita di future generazioni.
     

Condividi questa Pagina