• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Nuove foglie Phalaenopsis

Amorecannibale

Aspirante Giardinauta
Ciao a tutti,
Essendo alla mia prima esperienza nella coltovazione di una Phalaenopsis chiedo qualche consiglio a chi certamente ha più esperienza di me.
Ho ricevuto in regalo la mia orchidea a Giugno, ha realizzato una floridissima e duratura fioritura. Il primo stelo, dopo aver perso tutti i fiori si è ingiallito e seccato, così ho deciso di reciderlo a 2cm dalla base disinfettando il taglio con della cannella. Il secondo stelo sta perdendo gli ultimi fiori, ed anche questo noto essere in procinto di seccare.
Volevo prima si tutto chiedere, come faccio a stimolare la mia orchidea a produrre nuovi steli floreali? Posso impedire allo stelo di seccare?
Noto che ha prodotto nuove radici e due nuove foglie, di cui allego foto per chiedervi se vi sembrano in salute visto il colore non uniforme.
Alla base del fusto noto delle piccole escrescenze, potrebbero essere dei nuovi steli?
Premetto che vivo in Inghilterra, la mia Phalaenopsis è posizionata dietro il vetro di una finestra protetta da una tenda ad una temperatura compresa tra i 20/24 gradi.

Ringrazio tutti anticipatamente.

Silvia
 

Allegati

  • image.jpg
    image.jpg
    104,2 KB · Visite: 15
  • image.jpeg
    image.jpeg
    62,3 KB · Visite: 13
  • image.jpeg
    image.jpeg
    34,4 KB · Visite: 16
  • image.jpeg
    image.jpeg
    83,4 KB · Visite: 12
  • image.jpeg
    image.jpeg
    111,4 KB · Visite: 14

biro46

Maestro Giardinauta
Ciao, la tua orchidea sta molto bene, così sembra dalle foto, ma anche dal fatto che abbia emesso nuove foglie e nuove radici-
Che lo stelo secchi o non secchi è una cosa molto legata all'ibrido e poco si può fare se non coltivare al meglio la pianta.
Dal momento della sfioritura al momento di una prossima emissione di nuovi steli per una pianta coltivata al meglio ovvero con luce adeguata, temperatura, bagnature, fertilizzazione, ecc. ci vogliono circa 100 gg ovvero una phalaenopsis potrebbe fare tre fioriture all'anno, ma nella coltivazione casalinga accontentiamoci di due fioriture.
Per il colore non uniforme delle foglie non ci sono problemi tra i sui genitori potrebbe esserci una schilleriana o una stuartiana o una lindenii che hanno le foglie maculate e l'ibrido me ha preso le caratteristiche
Le protuberanze che vedi alla base è un po' presto per capire al meglio cosa potrebbero essere ma vedendo che è in fiore sono più propenso alla emissione di nuove radici
 

Amorecannibale

Aspirante Giardinauta
Grazie per l'esaustiva risposta.
Attenderò con pazienza nel caso la mia orchidea decida di regalarmi un'altra fioritura:).

Ne approfitto per fare qualche ulteriore domanda:).
Una volta terminata la fioritura (con la conseguente caduta degli ultimi fiori), mi consigliate l'utilizzo di un fertilizzante in particolare per la cura della mia orchidea?
Al momento ho effettuato le bagnature con l'aggiunta di alcune gocce di fertilizzante specifico per orchidee in fiore ( N 5.3, P 0.95, K 0.7), non so se adesso sia però necessario l'apporto di nutrienti in diversa percentuale (anche in previsione dell'arrivo dell'inverno).

Vi allego inoltre altri particolari delle foglie della mia orchidea. Come potrete vedere, alcune foglie presentano delle "cicatrici", già presenti al momento in cui la pianta mi è stata regalata. Non ho mai rimosso le parti per paura di danneggiarla, ma a volevo sapere se la cosa dovesse preoccuparmi: queste parti danneggiate potrebbero essere veicolo di malattie? Dovrei prestare una cura particolare?

Ancora grazie e scusate per l'eccessiva quantità di dubbi:)

Silvia
 

Allegati

  • IMG_0419.JPG
    IMG_0419.JPG
    27,5 KB · Visite: 3
  • IMG_0420.JPG
    IMG_0420.JPG
    53,9 KB · Visite: 9
  • IMG_0424.JPG
    IMG_0424.JPG
    51,9 KB · Visite: 2
  • IMG_0425.JPG
    IMG_0425.JPG
    79,3 KB · Visite: 3

biro46

Maestro Giardinauta
Per le piccole cicatrici che dici ormai mi sembrano cicatrizzate e non dovrebbero crearti problemi, per il fertilizzante in questo periodo sarebbe meglio andare più su un equilibrato, quello che stai usando ha una alta carica di azoto ottimo alla ripresa vegetativa in primavera, ovviamente sempre per orchidee
 

biro46

Maestro Giardinauta
il 20.20.20 è quello di uso professionale però la cifo o la flortis fanno un ottimo 19.19.19. Non so se in Inghilterra ci sono queste marche ma un fertilizzante per orchidee che abbia i valori NPK il più possibile uguali o in questo momento con un poco più di K vanno bene
 
Alto