• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Nuova phaleanopsis

Stefano Sangiorgio

Guru Master Florello
Buon anno a tutti!
Vi mostro un pò di foto di una new entry...regalatami a Natale.
Bagnata ieri per immersione per 10 min il tempo di far tornare verdi le radici.
Consigli perchè duri bene?

Riporto i consigli di @JessOrchidLover tutti tra virgolette perchè le avevo chiesto in privato causa fifa di farle fare la fine della precedente phal ...
"Finché é in fiore lasciala stare, poi, appena le temperature si alzano e la fioritura é finita, svasala per prima cosa e controlla le radici. Se é presente il panetto di torba, eliminalo e rinvasa con bark nuovo (o orchiata) e, in base alle tue temperature e quanta umidità hai in casa decidi se lasciarla completamente in bark o fare un mix con sfagno o argilla, in alternativa anche ceramica e/o carbone.
In casa mia l'acqua residua tende a ristagnare molto, quindi nei miei vasi faccio un centimetro buono di argilla sul fondo e poi la miscelo con bark.
Questione bagno: in inverno io non le tengo in ammollo, faccio solo una rapida passata sotto l'acqua dall'alto e via, onde evitare marciumi (vedi ragionamento sopra: troppa umidità in casa di per sé, facessi mai degli a molli prolungati avrei una coltivazione di funghi probabilmente), d'estate, invece, seguo il tuo ragionamento: vasetto in ammollo fino a che le radici non sono belle verdi, a volte anche qualche minuto (vedi: ore. Me le sono dimenticate più di una volta) in più.
In primavera ricomincia con il concime una volta al mese circa, meglio se specifico per orchidee, se invece utilizzi un generico ricorda di fare la metà delle dosi che faresti normalmente.
Posizione luminosa possibilmente vicino ad una finestra, non ad un metro o oltre, no sole diretto in estate (in inverno le mie lo prendono senza problemi, anche quelle rivolte a sud, ricordati solo di controllare che non si surriscaldino troppo)".

Domanda: quando la rinvaso posso tenere il vasetto originale?
Posso riutilizzare il vecchio bark e mischiarlo non con argilla che non ne ho più ma con pomice da 3-7 mm?
Se riutilizzo il vasetto sarò sicuro di farci RISTARE le radici?
Certo, eliminerò, se c'è, il panetto di torba con relativa gabbietta e, se elimino radici marce o secche, poi per sette giorni non innaffio perchè cicatrizzino i tagli.
Per la posizione: quella che vedi è la migliore che ho: dista 80 cm dalla finestra rivolta a sud-est schermata da una tenda leggera e bianca.

"Si al vasetto originale, ma lavalo per bene almeno elimini eventuali residui di radici che ci sono rimaste attaccate.
Si alla pomice, ma NO al vecchio bark. Anche se ti sembra bello, é meglio utilizzarne di nuovo.
Io con le phal utilizzo sempre lo stesso vasetto, quando adagi la pianta all'interno, mettila giù lentamente facendo ruotare il vasetto, in questo modo le radici non andranno giù in verticale, ma seguiranno la circonferenza del vasetto e tenderanno a scendere più in basso.
Non andare a prendere un vasetto troppo grande se vedi che non ci stanno, perché poi rischi che rimanga bagnato troppo a lungo.
Per la posizione: é la stessa della vecchia phal, vero?
Se si: nel momento in cui vedrai nuove ripartenze, avvicinala al vetro più che puoi, le mie stanno anche per terra quando sono in crescita! Te lo dico per evitarti il dispiacere di vedere abortire nuovamente delle fioriture. A quella distanza i rami si allungano troppo... E i boccioli non si aprono, tendono a rimanere piccoli".

Farò 100% pomice. Sei un califfo. Farò del mio meglio. Sì è nella stessa posizione della vecchia phal.
La incollerò alla finestra con il bostick.
E, ancora grazie per tutto.
Ce la devo fare...

"Forza e coraggio! Sono sicura che puoi farcela, bastano solo quelle due o tre accortezze che ormai conosci perfettamente".
 

Allegati

  • IMG_20220104_133408.jpg
    IMG_20220104_133408.jpg
    34,1 KB · Visite: 59
  • IMG_20220104_133429.jpg
    IMG_20220104_133429.jpg
    37,1 KB · Visite: 56
  • IMG_20220104_133449.jpg
    IMG_20220104_133449.jpg
    80,2 KB · Visite: 60
  • IMG_20220104_133522.jpg
    IMG_20220104_133522.jpg
    87,1 KB · Visite: 60
Ultima modifica:

simona.d

Aspirante Giardinauta
Grazie per aver condiviso i consigli di JessOrchidLover!
Non ho proprio nulla da aggiungere, se non i miei auguri per la tua nuova ospite!

Comunque le due cose principali secondo me sono l'esposizione innanzi tutto (se non hai l'esposizione giusta puoi coccolarla quanto vuoi ma la phal stenta) e poi l'attenzione a non far marcire le radici (ma fino a un certo punto si possono recuperare in caso di errore).
Casa mia, con l'esposizione a sud, risulta perfetta per le Phalaenopsis. Ne ho una che fiorisce ogni anno da 7/8 anni, e non sempre l'ho trattata come avrei dovuto.
Adesso mi hanno da poco regalato una phal messa male (stavano per buttarla). Vediamo se riesco a salvarla.

ciao,
Simona :ciao:
 

simona.d

Aspirante Giardinauta
Ma no dai, aspetta a gettarla! se marcisce qualche radice non è così grave, con tutte le radici che vedo ha!
Guarda, alla mia a un certo punto ho fatto marcire tutte le radici :banghead:, le erano rimaste solo quelle aeree poverina.
Eppure ha continuato a fare foglie, perdendo solo quelle più vecchie, e a fiorire. Anche ora mi sta cacciando un nuovo stelo floreale.
 

Stefano Sangiorgio

Guru Master Florello
Ma no dai, aspetta a gettarla! se marcisce qualche radice non è così grave, con tutte le radici che vedo ha!
Guarda, alla mia a un certo punto ho fatto marcire tutte le radici :banghead:, le erano rimaste solo quelle aeree poverina.
Eppure ha continuato a fare foglie, perdendo solo quelle più vecchie, e a fiorire. Anche ora mi sta cacciando un nuovo stelo floreale.
Attenderò ma la zocca incombe.
 

Spulky

Moderatrice Sezz. Orchidee e Giardini d'Acqua
Membro dello Staff
Togli quel piattino con mezzo litro di acqua e non fare ammolli di 10 min

lasciala stare, dalle il tempo di asciugare e se non vuoi far marcire le radici non fare ammolli assurdi, bagna per pochi min 1-2 10 sono decisamente troppi, solo il tempo di far tornare le radici ben verdi, sgoccioli e riponi
non mettere le radici a contatto costante con l’acqua
 

Stefano Sangiorgio

Guru Master Florello
Togli quel piattino con mezzo litro di acqua e non fare ammolli di 10 min

lasciala stare, dalle il tempo di asciugare e se non vuoi far marcire le radici non fare ammolli assurdi, bagna per pochi min 1-2 10 sono decisamente troppi, solo il tempo di far tornare le radici ben verdi, sgoccioli e riponi
non mettere le radici a contatto costante con l’acqua
Perfetto. Ho tenuto il piattino con la pomice bagnata che aumenta l'umidità intorno alla pianta ed ho poggiato il vasetto su un sottovaso piccolo capovolto così il fondo del vaso non tocca il bagnato. Attendiamo. Ok, in inverno 10 Min in immersione son troppi.
Grazie per tutto.
 
Ultima modifica:

Stefano Sangiorgio

Guru Master Florello
PRIMA DI CONDANNARLA AL COMPOST METTI LE FOTO
Sarà fatto.
Per il momento ho poggiato il vasetto su un sottovaso capovolto tenendo il piattello con la pomice umida sotto.
Ho tagliato qualche radice aerea secca e/o marcia e ora la tengo monitorata.
Adesso è stabile, poi, se vedo radici marce nel vasetto metterò le foto.
Ho capito, però, che in inverno, 10 min di ammollo sono troppi.
Adesso sta lentamente asciugando.
E' normale la condensa sul lato del vasetto più esposto alla luce? Tale condensa persisteva anche prima con radici argentee e bark asciutto di color marrone chiaro...allora in inverno bagno quando sparisce la condensa o è troppo tardi per le radici?
Infatti, il problema è:
troppo bagnato: le radici marciscono
troppo asciutto: le radici prima seccano, poi muoiono e, quando si ribagna, marciscono.
 

Spulky

Moderatrice Sezz. Orchidee e Giardini d'Acqua
Membro dello Staff
Mi pare tu abbia una laurea specifica, la condensa identifica si umidità, ma soprattutto differenza di temperatura tra dentro e fuori il vaso

l’umidità è fisiologica e la condensa anche. Da sola non rappresenta un problema
se tieni il vaso sopra una fonte continua di umidità non ti puoi aspettare che non vi sia umidità

se il composto non asciuga abbastanza velocemente, o cambi i tempi di annaffiature e usi un composto con granulometria maggiore così c’è maggiore spazio tra i pezzi di bark e quindi maggiore areazione, andrà bagnata con maggiore frequenza ma senza allungare i tempi di ammollo

però credo di averti già detto tutto e di più nell’altra discussione sulla tua phal di 2 anni fa

il tuo problema è che ti aspetti le reazioni nei tempi di un fiordivetro da una phal, e non può succedere
 

Stefano Sangiorgio

Guru Master Florello
Oggi, con un cacciavite a stella arroventato sulla fiamma, ho fatto diversi fori sulle pareti laterali del vasetto stando attento a non toccare le radici.
In questo modo dovrebbe asciugare meglio e, soprattutto, svaporare la condensa dal lato del vasetto più esposto alla luce.
Le radici iniziano solo ora a divenire argentee: tra qualche giorno le do una rapida sciacquata.
 

Luca Nasi

Giardinauta Senior
Questa discussione di Stefano capita a fagiolo perché a mia mamma è stata regalata una Phal con ben 5 rami a inizio Novembre 2021 ed ha ancora qualche fiore. Poiché in passato le orchidee che ho avuto sono tutte passate a miglior vita, stavolta vorrei fare di meglio.
Sulla bagnatura però sinceramente non capisco. In un video di un vivaista specializzato ho visto che si raccomanda di immergerle, contare fino a 10 e toglierle. Quindi o il vivaista conta balle o qualcosa non mi torna. Magari il vivaista bagna pochi secondi perché le ha in serra in condizioni di umidità diverse da quelle di casa (specie in inverno)?
E per quanto riguarda le concimazioni. Il medesimo vivaista dice di concimare ogni 3 bagnature. Ovvero fare la bagnatura 4 sempre in una soluzione col concime. E concime diverso a seconda della stagione.
Insomma, io con le orchidee ho sempre fatto danni, quindi stavolta vorrei aiutare mia mamma a non perdere questa bella pianta.
Poi c'è il discorso substrato di coltivazione.
Intanto comunque grazie come sempre ai più esperti sempre pronti a dare consigli.
Ah... Gli steli floreali quando si tagliano? E dove?
Trovo nelle Faq?
:ciao:
 

PazzOrky

Giardinauta
Per le innaffiature, soprattutto in inverno, devi accertarti che il substrato sia ben asciutto prima di bagnare. Puoi immergerla per pochi minuti (2) oppure puoi bagnare dall'alto per pochi secondi, lasci sgocciolare e posizioni la pianta in un luogo luminoso.
Per le concimazioni in inverno è meglio sospenderle, in primavera ricominci: è giusto concimare ogni 3 bagnature, e sarebbe consigliabile usare diversi NPK in base al periodo (per stimolare la vegetazione o per stimolare la fioritura).
Sarebbe meglio se postassi qualche foto e ci dicessi qualche informazione in più...
Magari potresti chiedere a @Spulky se può spostare il tuo messaggio in una nuova discussione dedicata alla tua pianta...
P.S. per gli steli ci sono diverse scuole di pensiero, sul forum trovi altre indicazioni.
 

PazzOrky

Giardinauta
Grazie @PazzOrky
Io stento sempre ad aprire nuove discussioni quando ne vedo altre recenti che affrontano il medesimo argomento.
Visto che sono a pranzo dai miei ho fatto una foto.
Vedi l'allegato 690087
Da questa foto di vede che in quel vaso ci sono almeno 2 piante (dico almeno perché non ho visto da tutte le angolazioni...).
Potrebbe trattarsi di un keiki, oppure sono state messe apposta, comunque io consiglio di dividerle.
Servirebbero altre foto, magari una che riprenda le radici e il substrato.
Ti consiglio di mettere la pianta più vicina ad una finestra, non attaccata al vetro, senza però farle arrivare i raggi del sole diretti.
Magari questa primavera potresti dividere le piante, metterle ognuna in un singolo vaso e cambiare il substrato con del bark nuovo.
Tienici aggiornati
 

JessOrchidLover

Giardinauta
Grazie @PazzOrky
Io stento sempre ad aprire nuove discussioni quando ne vedo altre recenti che affrontano il medesimo argomento.
Visto che sono a pranzo dai miei ho fatto una foto.
Vedi l'allegato 690087
Da questa foto di vede che in quel vaso ci sono almeno 2 piante (dico almeno perché non ho visto da tutte le angolazioni...).
Potrebbe trattarsi di un keiki, oppure sono state messe apposta, comunque io consiglio di dividerle.
Servirebbero altre foto, magari una che riprenda le radici e il substrato.
Ti consiglio di mettere la pianta più vicina ad una finestra, non attaccata al vetro, senza però farle arrivare i raggi del sole diretti.
Magari questa primavera potresti dividere le piante, metterle ognuna in un singolo vaso e cambiare il substrato con del bark nuovo.
Tienici aggiornati
Se é un keiki, auguri a staccarlo. Io ho provato a staccare uno dei miei basali e si é rotto il tronco.
 
Alto