1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Ferro chelato per gardenia

Discussione in 'Acidofile' iniziata da seventreee, 24 Luglio 2020.

  1. seventreee

    seventreee Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2020
    Messaggi:
    4
    Località:
    Cerro Maggiore Mi
    Buona sera a tutti.
    Dopo varie ricerche su internet ho acquistato del ferro chelato per una gardenia Crown Jewel fortemente sofferente di clorosi.
    Ho acquistato il Sequelane Fe 64.8 da 1 kg (Diagro) ma ora ho dei dubbi sul dosaggio: le istruzioni per ornamentali parlano di 1-1,5 gr/mq , interrando il prodotto con successiva bagnatura; ma la mia è una piccola pianta di nemmeno 1 mq, quanto dovrei somministrarne?
    Se eccedo con le dosi rischio di far danno?
    E con quale frequenza dovrei somministrarlo?

    Chiedo a chi ha esperienza di utilizzo, per me è la prima volta e ho il terrore di uccidere del tutto la povera gardenia, di cui allego una foto.
    Grazie a tutti! 106719569_10223601667139949_2855905845770274964_o2.jpg
     
  2. Tilli

    Tilli Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    29 Agosto 2020
    Messaggi:
    14
    Località:
    Padova
    Ciao, volevo procedere anch'io a dosare quel prodotto sulla mia siepe che manifesta sintomi da clorosi ferrica. Come ti sei trovato? Su Amazon per le dosi leggevo "Non c'è bisogno di diluire il prodotto basta cospargere sul suolo attorno alla pianta le quantità indicate sulla confezione. Se pianta giovane, circa due cucchiai, se pianta adulta con radice importante anche quattro cucchiai ben sparsi. Poi annaffiare abbondantemente per fare entrare il sequestrate in profondità". Hai seguito queste indicazioni?
     
  3. seventreee

    seventreee Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2020
    Messaggi:
    4
    Località:
    Cerro Maggiore Mi
    Ciao, purtroppo non ho ancora avuto modo di utilizzare il prodotto "seriamente". Per il momento mi sono limitata anch'io a distribuire superficialmente un paio di cucchiai e annaffiare alla base della pianta, ma l'ho fatto una sola volta e senza alcun risultato. Ma così credo che non basti.
    Avrei intenzione di fare un nuovo trapianto, con ricambio di terra e levando i sassolini, e allora lo distribuirei più a fondo, seguendo le stesse indicazioni, e con più frequenza.
    Forse per una siepe devi seguire il dosaggio maggiore.
     
  4. Spulky

    Spulky Moderatrice Sezz. Orchidee e Giardini d'Acqua Membro dello Staff

    Registrato:
    29 Maggio 2008
    Messaggi:
    17.489
    Località:
    Parco del Ticino (Mi)
    se fosse solo un problema di ferro, la pianta sarebbe rigogliosa ma con le foglie pallide

    invece i problemi sono anche altri, che io non ti so identificare a parte il verificare le annaffiature e il drenaggio e l'ombra, la pianta è spoglia

    ti sposto nelle acidofile
     
    A danielep e peppeorchid piace questo messaggio.
  5. Charles_b

    Charles_b Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    9 Settembre 2020
    Messaggi:
    107
    Località:
    Fidenza
    Località:
    Fidenza
    Io amo le gardenie, e le coltivo solamente in vaso. Siccome non ho la possibilità di annaffiarle con acqua demineralizzata, uso l'acqua dell'acquedotto, e ogni tanto le mie piante cadono in stato di clorosi ferrica. Se sono alcune foglie appena appena gialle, do un prodotto liquido, se la clorosi è più intensa, do un prodotto solido, 2 - 3 cucchiai per pianta, annaffio, e do anche un po' di quello liquido dopo annaffiatura, se tutta la pianta è gialla, cavo il pane dal vaso, cambio almeno 1/3 della terra, la sostituisco con terreno acido, annaffio con ferro chelato liquido diluito, e non ho mai avuto problemi. Una volta o due all'anno devo mettre in atto questi rimedi, ma almeno tre volte all'anno le concimo con un concime per acidofile contenente micro elementi. Io tengo le mie piante in sole quasi pieno o mezzo sole.

    Charles
     
    A peppeorchid e danielep piace questo messaggio.
  6. danielep

    danielep Guru Giardinauta

    Registrato:
    19 Gennaio 2016
    Messaggi:
    3.729
    Località:
    san donà di piave
    Come dice @Spulky , è anche questione di terreno. Lo vuole sì acido, ma anche discretamente drenante.
    Io le coltivo in vaso (ne ho una da oltre 30 anni) e, col terreno adatto, do due annaffiate con sequestrene all' anno. Per il resto (se non piove- cosa che succede sempre più spesso d'estate) acqua di rubinetto.
    A primavera, cmq, la poterei molto per ricompattare la vegetazione.
    Non devi aver paura di potare, la pianta sana germoglia tranquillamente anche dal legno nudo; quei getti lunghi sono assolutamente innaturali.
     
  7. Charles_b

    Charles_b Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    9 Settembre 2020
    Messaggi:
    107
    Località:
    Fidenza
    Località:
    Fidenza
    E' vero, la Gardenia non teme le potature. Potala a fine inverno - inizio primavera, e si ricompatterà e produrrà fiori. Giusta la ghiaia sul fondo e, se in vaso, abolizione del sottovaso.

    Charles
     

Condividi questa Pagina