• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Attacco fungino prato

Lalex

Aspirante Giardinauta
IMG_2684.JPG IMG_2687.JPG IMG_2693.JPG IMG_2694.JPG IMG_2692.JPG IMG_2691.JPG Ciao a tutti,
ho seguito varie discussioni sul forum ma alla fine ho deciso di chiedere direttamente il vostro aiuto perché non riesco a trovare soluzione al problema.
Ho impiantato a marzo un prato a zolle di festuca di circa 100mq. Da maggio ho iniziato a notare ad ogni taglio del fogliame più giallastro che poi da un mesetto è sfociato in grosse chiazze gialle con zone ormai completamente seccate ed altre dove la crescita è diventata più rada. Stanno uscendo anche erbe infestanti. Leggendo il vostro forum mi sono fatto l’idea che si tratta di rhizoctonia solani. Da completo inesperto ho irrigato troppo e male in primavera e ai primi caldi forti umidi (la notte sopra i 20 gradi) è esploso. Ho già cambiato frequenza di irrigazione, 1 giorno si e due di pausa. Per il fungo ho fatto mercoledì un trattamento di Previter (150ml in 10 litri). Ma la situazione come potete vedere mi sembra abbastanza disastrata. Posso fare un trattamento con altro fungicida sistemico tipo Folicur SE (che mi pare aver capito è più appropriato per la rhizoctonia solani) o mi fermo e aspetto settembre per valutare i danni, vedere quel che resta (se resta qualcosa) e riseminare? Che amarezza.
Grazie a tutti in anticipo per l’aiuto
 

Crasmen

Florello
Sembra carenza idrica veramente. Hai controllato quanta acqua fornisci o vai ad occhio?
Una macro delle zone sarebbe utile, così come delle foto all'erba che circonda immediatamente le macchie.
 

Lalex

Aspirante Giardinauta
Ciao, ho fatto il controllo dell'acqua disponendo una serie di misuratori in vari punti del prato e registrando in 20 minuti di irrigazione (ho irrigatori dinamici) una quantità che variava dai 5ml ai 6ml per misurino. Da marzo fino a poco fa irrigavo ogni giorno per 15 minuti (forse troppo?). Ora ho disposto il timer 1 giorno + 2 di riposo per 50 minuti dalle 5.15 alle 6.00. In questi giorni siamo su temperature elevatissime, anche oltre i 35 quasi 40. Anche stamattina che il prato è stato irrigato toccandolo alle 11 al tatto si presentava già caldo e asciutto. Aggiungo che nel mese di maggio ma anche a giugno appena ho aumentato la frequenza dell'irrigazione tutti i giorni sono spuntati tanti piccoli funghi secchi e bianchi nelle zone più ombreggiate e umide, che sono quelle che oggi si presentano secche e gialle. Allego qualche altra foto più nel particolare. Grazie IMG_2747.JPG IMG_2749.JPG IMG_2748.JPG IMG_2750.JPG IMG_2751.JPG IMG_2754.JPG IMG_2755.JPG IMG_2756.JPG IMG_2758.JPG IMG_2760.JPG
 

Lalex

Aspirante Giardinauta
Per completezza, allego anche qualche foto di come si presentava il giardino ancora al 25 maggio e due dei funghi di cui parlavo. C'è stato un crollo in questo mese ahimè!!! IMG_2257.JPG IMG_2258.JPG IMG_2259.JPG IMG_2260.JPG IMG_2261.JPG IMG_2406.JPG IMG_2407.JPG
 

Topogiallo

Aspirante Giardinauta
Non sono in grado di fare una diagnosi precisa, ma ho avuto anch'io lo stesso problema. Ho trattato, ma alla fine era più legato alla carenza idrica ( non è un caso che il problema si presenti a luglio). Forse anche la concimazione potrebbe aiutare. Comunque, il timer dell'impianto non conta, devi verificare quanti mm/mq dai ogni volta (guarda in giro sul forum) e se hai già trattato, aspetta almeno 3 settimane. I risultati li vedrai col tempo. Aspettiamo gli esperti...
 

biscia.luppoli

Maestro Giardinauta
Ricontrolla velocemente la quantitá di acqua che arriva in una zona secca. Ma devi misurare l'altezza dell'acqua nel contenititore in millimetri e non la quantitá in millilitri. L'altezza é infatti indipendente dalla grandezza del contenitore la quantitá no.

Il contenitore deve avere le due basi uguali.

Facci sapere.

bl
 

Lalex

Aspirante Giardinauta
Grazie per avermi fatto notare l'errore. Allora, ho ripetuto il test: 20 minuti di irrigazione (irrigatori dinamici) portano circa 10mm d'acqua per misurino. Per qualcuno anche un pò di più, andiamo poco oltre gli 11mm. Direi, se non sbaglio, di aver dato decisamente troppa acqua. Il primo problema da risolvere è, quindi, quello dell'irrigazione. A tal proposito, considerando che il mio giardino nasce su superficie sopraelevata (come se fosse una sorta di giardino pensile), si tratta di terreno per lo più di risulta immagino con interrate molte pietre, pochissimo arieggiato poiché chiuso su tutti i lati da muri di confine e muretti più bassi perimetrali di tufo, si crea a prescindere tantissima umidità già dal mattino presto. Il sole già alle 8 batte forte (già siamo sui 30 gradi) mentre la zona prato dalle 18 in poi si trova in ombra. Potrebbe essere più opportuno, tenuto conto anche della umidità pomeridiana, innaffiare la sera per fa assorbire più acqua al prato ed evitare una immediata evaporazione? Quando e quanto dovrei innaffiare? E con quali intervalli mi suggerite? Per il fungo, invece, che mi dite? Grazie sempre per l'aiuto
 

Mike1983

Giardinauta
Grazie per avermi fatto notare l'errore. Allora, ho ripetuto il test: 20 minuti di irrigazione (irrigatori dinamici) portano circa 10mm d'acqua per misurino. Per qualcuno anche un pò di più, andiamo poco oltre gli 11mm. Direi, se non sbaglio, di aver dato decisamente troppa acqua. Il primo problema da risolvere è, quindi, quello dell'irrigazione. A tal proposito, considerando che il mio giardino nasce su superficie sopraelevata (come se fosse una sorta di giardino pensile), si tratta di terreno per lo più di risulta immagino con interrate molte pietre, pochissimo arieggiato poiché chiuso su tutti i lati da muri di confine e muretti più bassi perimetrali di tufo, si crea a prescindere tantissima umidità già dal mattino presto. Il sole già alle 8 batte forte (già siamo sui 30 gradi) mentre la zona prato dalle 18 in poi si trova in ombra. Potrebbe essere più opportuno, tenuto conto anche della umidità pomeridiana, innaffiare la sera per fa assorbire più acqua al prato ed evitare una immediata evaporazione? Quando e quanto dovrei innaffiare? E con quali intervalli mi suggerite? Per il fungo, invece, che mi dite? Grazie sempre per l'aiuto
Se vuoi altri funghi basta irrigare la sera così il prato rimane bello bagnato per 12 ore e vedrai che belle chiazze gialle ti vengono, MAI irrigare la sera, allego immagine del forum per far sì che tutti lo capiscano

Inviato dal mio CLT-L29 utilizzando Tapatalk
bfe28a5045ef56e842c7effbc2bc7e54.jpg
 

biscia.luppoli

Maestro Giardinauta
Ciao devi irrigare la mattina presto (tra le 5:30 e le 9 max) nel tuo caso per 30 minuti in modo da dare 15mm/mq. Poi non irrighi fino a che il prato va in carenza idrica, diciamo con le temperature attuali circa 2 giorni di pausa.
 

Lalex

Aspirante Giardinauta
Grazie!!! Per il fungo invece che faccio? Di che pensate si tratti? Al di là di un eventuale intervento con un fungicida ci sarebbe altro da fare per dare una mano alla rigenerazione? Un’ultimissima cosa, le erbe infestanti che stanno venendo fuori a iosa devo estirparle a mano giusto? Grazie sempre per i consigli e l’aiuto
 

biscia.luppoli

Maestro Giardinauta
Nel tuo caso, anche se non siamo riusciti a capire bene se c'é stato o meno un fungo, vista la situazione ti conviene trattare con un funghicida ad ampio spettro come Ortiva.

Ormai per rigenerare seriamente devi aspettare Settembre, comunque togli tutto il secco con un rastrello, sicuramente un minimo si riprende.

per le infestanti puoi diserbare visto che hai messo un prato in rotoli.

bl
 

Lalex

Aspirante Giardinauta
Grazie!!! Seguirò certamente il consiglio. Non voglio continuare ad abusare della tua gentilezza ma solo per curiosità mia, se non è stato un fungo cosa pensi può aver ridotto così il prato? Considerando che ho sempre dato per errore più acqua del dovuto? Se riuscissi a capirlo potrei usare qualche precauzione in futuro...;)
 

biscia.luppoli

Maestro Giardinauta
L'unica altra cosa che mi viene in mente (visto che non hai certo dato poca acqua) é che le radici delle zolle non siano riuscite ad attecchire bene e quindi al primo caldo é andato tutto in sofferenza.

Avevi mai provato a tirare le zolle per vedere se erano ben attecchite ?

bl
 

Lalex

Aspirante Giardinauta
A dire il vero non ho mai fatto una prova seria. Cosa dovrei fare? Tirare i ciuffi? Ho sempre dato (da ignorante) per scontato che crescendo bene e folta avesse attecchito. Ora che me lo dici mi viene da pensare che soprattutto le parti perimetrali, cioè quelle sotto i muri siano ancora troppo mobili. Ma se fosse stato questo il problema devo preoccuparmi per la tenuta futura del prato? Posso fare qualcosa?
 

PASQUALE SEDINO

Aspirante Giardinauta
Per completezza, allego anche qualche foto di come si presentava il giardino ancora al 25 maggio e due dei funghi di cui parlavo. C'è stato un crollo in questo mese ahimè!!! Vedi l'allegato 510516 Vedi l'allegato 510518 Vedi l'allegato 510519 Vedi l'allegato 510522 Vedi l'allegato 510523 Vedi l'allegato 510525 Vedi l'allegato 510527
salve a tutti,ho da qualche giorno notato anch'io la nascita prima sporadica ed adesso più folta nel mio prato di questi funghi(allego foto).mi devo preoccupare visto che in qualche punto vedo macchie di secco? come posso intervenire prima che sia troppo tardi?? AIUTOOOO
 

Allegati

  • Webp.net-resizeimage.jpg
    Webp.net-resizeimage.jpg
    494,6 KB · Visite: 19

Topogiallo

Aspirante Giardinauta
Ciao, non mi sembra un fungo, ma carenza idrica e forse la troppa ombra (l'albero non è amico del prato), che non aiuta il corretto sviluppo dell'erba: esistono cultivar che si adattano meglio, ma....sole e acqua sono meglio!
Magari però qualche esperto ti può aiutare di più.
Ciao
 

Lalex

Aspirante Giardinauta
L'unica altra cosa che mi viene in mente (visto che non hai certo dato poca acqua) é che le radici delle zolle non siano riuscite ad attecchire bene e quindi al primo caldo é andato tutto in sofferenza.

Avevi mai provato a tirare le zolle per vedere se erano ben attecchite ?

bl

Se è un problema di attecchimento delle radici e non fungo, la secchezza diffusa che vedo ora (e che si allarga sempre più) è sintomo della morte delle piantine? Varrebbe la pena fare qualche trattamento (anti stress, biostimolante, di concimazione, non so) per tentare di favorire nel tempo non nell'immediato una ripresa o ormai il danno è irreversibile? Nel caso non ci fosse più nulla da fare a settembre a fronte di un prato ingiallito e seccato sull'80% della superficie mi consiglieresti una risemina o rizollatura delle aree ammalorate o è meglio rifare tutto trattando prima per bene il terreno di fondo (cosa che credo i posatori non hanno minimamente fatto a marzo). Ovviamente in questo ultimo caso dovrei mandare al diavolo gli pseudo professionisti che hanno fatto il primo intervento di posa!!! Grazie per l'aiuto
 

Mike1983

Giardinauta
Se è un problema di attecchimento delle radici e non fungo, la secchezza diffusa che vedo ora (e che si allarga sempre più) è sintomo della morte delle piantine? Varrebbe la pena fare qualche trattamento (anti stress, biostimolante, di concimazione, non so) per tentare di favorire nel tempo non nell'immediato una ripresa o ormai il danno è irreversibile? Nel caso non ci fosse più nulla da fare a settembre a fronte di un prato ingiallito e seccato sull'80% della superficie mi consiglieresti una risemina o rizollatura delle aree ammalorate o è meglio rifare tutto trattando prima per bene il terreno di fondo (cosa che credo i posatori non hanno minimamente fatto a marzo). Ovviamente in questo ultimo caso dovrei mandare al diavolo gli pseudo professionisti che hanno fatto il primo intervento di posa!!! Grazie per l'aiuto
Sei in buona compagnia, io per due anni conseguitivi ho pagato i giardinieri e in entrambi i casi un bel prato di merda

Inviato dal mio CLT-L29 utilizzando Tapatalk
 
Alto