1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Torba

Discussione in 'Piante carnivore' iniziata da russomatteo007, 3 Gennaio 2018.

  1. russomatteo007

    russomatteo007 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    21 Maggio 2017
    Messaggi:
    222
    Località:
    Campania
    Salve a tutti,dopo un anno che ho le mie dionee (ora due perché molte divisioni le ho cedute/vendute ad amici)sono andato a vedere la torba che utilizzo,un pacco da 250l con seguenti caratteristiche:azoto=1%,sostanze organiche 95%,pH=5/6 e rapporto C/N=50:1.Secondo voi vanno bene?Da sottolineare che io con le carnivore uso molta torba,e fino ad ora non ho avuto problemi,grazie.

    Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk
     
  2. vortice

    vortice Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    26 Aprile 2011
    Messaggi:
    415
    Località:
    LC
    l azoto è un po altino (<1) come il ph (3/3,5-4,5) sostanza organica va bene (>90) ci sarebbe poi l indice di von post che indica il valore di decomposizone della torba (valore compreso tra h2 e h4). questi i valori diciamo ottimali, l importante che sia una torba priva di ogni tipo di concime o altre sostanze che risulterebbero nocive per le pc.
     
  3. russomatteo007

    russomatteo007 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    21 Maggio 2017
    Messaggi:
    222
    Località:
    Campania
    È priva di concime,ho postato propio perché ho notato che i valori erano un po alti,comunque so cos'è l'indice di Van Post ma vicico alla sacca non riesco a trovarlo,grazie.Ps:la torba la conservo fuori al balcone in un rivestimento in plastica però è soggetta alle intemperie(ma non dirette essendo coperta)va bene lo stesso?Oppure ora è da buttare?Grazie.

    Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk
     
  4. russomatteo007

    russomatteo007 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    21 Maggio 2017
    Messaggi:
    222
    Località:
    Campania
    Ah e sì,mi dice chr per il rinvaso il ph è 5 ma che per la semina è 3,così come l'azoto.Come fa a variare?

    Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk
     
  5. Icchy92

    Icchy92 Maestro Giardinauta

    Registrato:
    7 Ottobre 2013
    Messaggi:
    2.176
    Località:
    Sesto san Giovanni
    Come torba dovrebbe andare, poi quando la finisci potresti valutare substrati alternativi.
     
  6. russomatteo007

    russomatteo007 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    21 Maggio 2017
    Messaggi:
    222
    Località:
    Campania
    Grazie di tutto

    Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk
     
  7. marco-5337

    marco-5337 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    27 Luglio 2009
    Messaggi:
    2
    Località:
    Brescia
    premetto che il valore di pH va riferito sempre alla misurazxione in H2O.
    il valore di pH iniziale è molto importante perchè nel corso della coltivazione, aumenta. se per esempio il pH iniziale è 3,5, a fine anno subito prima del rinvaso successivo, tale valore sarà aumentato (può arrivare anche a pH 6,5). ciò dipende dalla rapida degradazione della torba (essendo composta principalmente da sostanza vegetale indecomposta) che trasformandosi sotto l'azione dei batteri produce una serie di sostanze basiche e azotate che innalzano appunto il pH.
    l'azoto invece, deve essere il più basso possibile perchè indica che quella torba sia già più o meno decomposta.
    l'indice di van post indica il grado di decomposizione ed è importante partire con un van post il più basso possibile (H1-H2 è l'ideale, H3 è accettabile, da H4 in su la torba non è idonea per carnivore); anch'esso si innalza man mano si procede con la coltivazione in vaso.
    la conservazione della torba è importante: non deve assolutamente essere conservata all'umidità e alla luce, preferire sacchi neri e posizioni non a diretto contatto con l'ambiente esterno, bisogna in pratica evitare lo sviluppo di colonie batteriche e alghe.
     

Condividi questa Pagina