• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Siepe spinosa mista

mariots

Aspirante Giardinauta
Salve a tutti,

Come da titolo, cerco suggerimenti per una siepe anti intrusione mista. Oltre al "solito" Pyracantha, avrei individuato, ad esempio, Berberis julianae e qualche altro tipo di Berberis. Mi chiedo però se la siepe sarebbe ancora più bella se lasciata informale e se con anche piante a foglia caduca (biancospino? Rose rugose?). Magari inserendo piante di Rosa roxburghii plena, rifiorente, per fare un esempio, o Complicata. Non vorrei creare un mostro, ma neanche dover stare a potare troppo frequentemente.
Mi piacerebbe vedere qualche foto, non ne ho trovate molte fino ad ora di siepi spinose miste.

La casa dove pianterò questa siepe è in provincia di Trieste, sul carso, quindi clima più fresco di un paio di gradi rispetto a Trieste città.
 

lisyy

Esperta in identificazione delle piante
Avendo lo spazio a disposizione, sarebbe consigliabile lasciare la siepe spinosa crescere informalmente, oltre che per la naturalezza dell'aspetto, ma anche per limitare al minimo le potature, che con le piante spinose possono richiedere un impegno notevole. Non solo nel momento del taglio, ma anche nello smaltimento dello sfoltito.
Io ho utilizzato su una rete di confine Berberis vulgaris (che dopo 10 anni ho tolto) e una Rosa Wichuraiana (terribile!) che va potata energicamente una volta l'anno con tanta pazienza, un buon paio di guanti robusti e un cambio di vestiti da sacrificare. Ma è una macchina da guerra, non solo per le spine, ma anche per la fioritura esagerata.
Molto dipende da quanto alta ti serve la "barriera", ma in teoria potresti inframmezzare piante da tenere più alte (Berberis, Poncirus trifoliata) e rose che, se allevate senza adeguato sostegno verticale, rimarranno più basse.
Le rose Rugose fanno al caso tuo: bellissime, sane, vigorose, e facili da mantenere (salvo smaltire i resti di potatura). Non farti mancare la Rosa Agnes che ho avuto per anni ed era diventata un bellissimo cespuglio alto 2 m. Ho anche la rugosa di Austin Snowdon, sempre alta e in fiore fino a dicembre, e la Passion Rokokò (anche commercializzata come Purple Pavement rose) che io tengo alta a un metro e mezzo, ma niente vieta di lasciarla andare su come vuoi. Quest'ultima è molto pollonante e si allarga molto facilmente. Io le poto una volta l'anno a fine gennaio/inizio febbraio, in quel momento le concimo e poi basta così.
Altre rose che avevo preso in considerazione erano Rosa Hugonis, Stanwell Perpetual, Constance Spry, ma non le avevo trovate.
Ecco le mie Snowdon e Wichuraiana (sulla recinzione e in scalata sul nocciolo) dell'anno scorso:
 

Allegati

  • snowdon.jpg
    snowdon.jpg
    268 KB · Visite: 16
  • wichuraiana.jpg
    wichuraiana.jpg
    317,9 KB · Visite: 16

mariots

Aspirante Giardinauta
Grazie per gli spunti e per le foto! Come sono le tue rose d'inverno? Si vede molto attraverso la siepe o fanno comunque un po' di barriera?
Le devi bagnare tanto o solo i primi anni?

Per quel che riguarda l'altezza, mi dovrebbero essere sufficienti 2 metri.
 

lisyy

Esperta in identificazione delle piante
Le rugose perdono le foglie d’inverno, ma così si vedono meglio le spine! La funzione deterrente rimane.
Io abito a Udine, quindi il clima e le precipitazioni penso siano le stesse della tua zona, bora compresa, quindi dovrai garantire l’acqua al momento dell’impianto e per il primo anno (quando sono in sofferenza d’estate o nei giorni primaverili di vento e asciutto). Tutto sommato le occasioni sono poche.
Ti ricordo che come per tutte le rose bisogna bagnare con generosità, in modo che l’acqua vada in profondità, ma poco spesso in termini di frequenza (semplificando: una volta ogni 7/10 giorni più o meno) a seconda della stagione e della precipitazioni, comunque mai nel periodo autunno-inverno.
Se scegli le rugose, devi ricordare di ammendare al momento dell’impianto la terra della buca con del terriccio per acidofile. Questa specie preferisce un terreno leggermente più acido, quindi anche il concime sarà dello stesso tenore. Io uso a inizio primavera e a fine autunno leonardite o solfato di ferro, a seconda di quello che trovo al garden center.
 

mariots

Aspirante Giardinauta
Le rugose perdono le foglie d’inverno, ma così si vedono meglio le spine! La funzione deterrente rimane.
Io abito a Udine, quindi il clima e le precipitazioni penso siano le stesse della tua zona, bora compresa, quindi dovrai garantire l’acqua al momento dell’impianto e per il primo anno (quando sono in sofferenza d’estate o nei giorni primaverili di vento e asciutto). Tutto sommato le occasioni sono poche.
Ti ricordo che come per tutte le rose bisogna bagnare con generosità, in modo che l’acqua vada in profondità, ma poco spesso in termini di frequenza (semplificando: una volta ogni 7/10 giorni più o meno) a seconda della stagione e della precipitazioni, comunque mai nel periodo autunno-inverno.
Se scegli le rugose, devi ricordare di ammendare al momento dell’impianto la terra della buca con del terriccio per acidofile. Questa specie preferisce un terreno leggermente più acido, quindi anche il concime sarà dello stesso tenore. Io uso a inizio primavera e a fine autunno leonardite o solfato di ferro, a seconda di quello che trovo al garden center.
In effetti, il discorso acidità del terreno un po' mi preoccupa. Ho avuto una rosa "gufo delle nevi" un paio d'anni, molto bella, morta improvvisamente. Non avevo messo terra acida né concime, spero basti usare i tuoi stessi accorgimenti.
 
Alto