• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Retrophyllum minus

monikk64

Master Florello
L'unica cosa... ma penso tu l'abbia già fatto... Studia bene la pianta per vedere se è coltivabile alle tue latidini...
No, non lo è.
Per questo tutti mi hanno dato della pazza...
Ma è una tropicale e le nostre case sono piene di tropicali...
Sono anche disposta ad approntare un mini ecosistema apposito, non so bene perché, ma mi ha stregata.
Ma intanto bisogna vedere se riesco a farla nascere... e sopravvivere, come dicevo non sono una seminatrice provetta perciò con due soli semi.......:D
Però prometto di tenervi aggiornati, nel bene e nel male.... :):V:)
 

Stefano Sangiorgio

Guru Master Florello
Tanto per far capire quanto è folle @monikk64:
"Sorprendente, è quello che dicono i botanici quando vedono questa conifera nell'habitat. Un vero abitante dell'acqua, cresce su terreni ultramafici appena al largo delle rive dei torrenti nel sud della Nuova Caledonia, dove è minacciato dalle attività minerarie. Le giovani piante si stabiliscono tra le canne lungo il bordo dei torrenti e man mano che crescono e maturano, si ancorano nel limo fluviale. Le piante raramente raggiungono i due metri di altezza ed i tronchi sono nettamente gonfi alla base. Retrophyllum minus sembra essere una conifera tropicale perfetta per la coltivazione dei bonsai. Gli "aghi" sono molto piccoli e lanceolati e il tronco inizia a gonfiarsi anche quando le piante giovani hanno solo pochi anni. Può crescere in acqua ma anche in normali condizioni di vivaio in substrato "asciutto". Una pianta incredibile ed estremamente rara".
Diciamo che come proposito per il 2021 è niente male.
 

Allegati

  • upload_2021-1-6_18-2-54.png
    upload_2021-1-6_18-2-54.png
    312 bytes · Visite: 5

monikk64

Master Florello
Tanto per far capire quanto è folle @monikk64:
"Sorprendente, è quello che dicono i botanici quando vedono questa conifera nell'habitat. Un vero abitante dell'acqua, cresce su terreni ultramafici appena al largo delle rive dei torrenti nel sud della Nuova Caledonia, dove è minacciato dalle attività minerarie. Le giovani piante si stabiliscono tra le canne lungo il bordo dei torrenti e man mano che crescono e maturano, si ancorano nel limo fluviale. Le piante raramente raggiungono i due metri di altezza ed i tronchi sono nettamente gonfi alla base. Retrophyllum minus sembra essere una conifera tropicale perfetta per la coltivazione dei bonsai. Gli "aghi" sono molto piccoli e lanceolati e il tronco inizia a gonfiarsi anche quando le piante giovani hanno solo pochi anni. Può crescere in acqua ma anche in normali condizioni di vivaio in substrato "asciutto". Una pianta incredibile ed estremamente rara".
Diciamo che come proposito per il 2021 è niente male.
Però SE mai ci riuscissi, mi sentirei un'eroina.... sarebbe una botta di autostima giardinicola mica da ridere...
E se non ci riesco dirò a me stessa " beh, era una missione impossibile..."
:LOL::LOL::LOL::LOL::LOL:
 
Ultima modifica:

monikk64

Master Florello
Sul Musiné???
Tra masche e vipere??? e ufo???:LOL:

C'è solo lì il terreno ultramafico? :confused:intorno alla Sacra niente? Comunque sono fortunata, devo fare poca strada.... :tupitupi:temevo di dover andare in Nuova Caledonia.... o forse lo speravo, non so:D
 
Ultima modifica:

RobertoB

Giardinauta Senior
Il terreno ultramafico è proprio il motivo per cui sul musiné ci sono solo masche e vipere!:LOL:
Non ci cresce nulla, o meglio, ci cresce una vegetazione particolare adattata a quel substrato molto particolare. A pochi km da me lo stesso complesso riaffiora nei monti pelati,ed nel verde panorama canavesano si vede un'evidente macchia di pochi piccoli colli spogli, xerotermici, con una vegetazione totalmente diversa dai dintorni.
Questo solo per dire che non è il classico "predilige terreni debolmente acidi/alcalini" che si legge su qualsiasi pianta, qui è una caratterizzazione piuttosto stringente.
 

monikk64

Master Florello
Questo solo per dire che non è il classico "predilige terreni debolmente acidi/alcalini" che si legge su qualsiasi pianta, qui è una caratterizzazione piuttosto stringente.
Allora sono proprio fortunata... come dicevo ce l'ho davvero a portata di mano.... :tupitupi:
Secondo te, però, la semina si può fare in terriccio e/o sabbia "comuni"?
 

monikk64

Master Florello
Ah qui chiedi troppo, non conosco affatto l'essenza.
No, era una domanda generale, le piante che richiedono substrati speciali, li richiedono fin dalla semina o solo quando iniziano ad avere radici un po' sviluppate?

Che so, le acidofile "spinte", bisogna già seminarle in terreno molto acido?
 

RobertoB

Giardinauta Senior
Solitamente il problema quando si mette una pianta in un substrato non adatto è l'impossibilità di assorbire elementi nutritivi in forme chimiche o concentrazioni alle quali non è adattata. Quindi per esempio un'acidofila su terreno calcareo non riuscirà ad assorbire ferro, mentre una pianta adattata a terreni calcareo avrà vita grama a tirar fuori azoto e potassio da un terreno acido.
Chiaramente durante e appena dopo la germinazione la plantula vive delle scorte nutritive nei cotiledoni, ma appena finiscono...iniziano i problemi
 

monikk64

Master Florello
Solitamente il problema quando si mette una pianta in un substrato non adatto è l'impossibilità di assorbire elementi nutritivi in forme chimiche o concentrazioni alle quali non è adattata. Quindi per esempio un'acidofila su terreno calcareo non riuscirà ad assorbire ferro, mentre una pianta adattata a terreni calcareo avrà vita grama a tirar fuori azoto e potassio da un terreno acido.
Chiaramente durante e appena dopo la germinazione la plantula vive delle scorte nutritive nei cotiledoni, ma appena finiscono...iniziano i problemi
Grazie, Robi:V
Avevo pensato che fosse così, a buon senso, ma ogni volta che faccio una supposizione "a buon senso" salta fuori qualche gabola sconosciuta per cui sbaglio... :D:D:D
 

danielep

Apprendista Florello
Non conoscevo nemmeno il termine "ultramafico", ma, documentandomi, ho scoperto che corrisponde ad "ultrafemico" (forse più usato in italiano).
Quindi il suolo italiano non dovrebbe esserne particolarmente ricco.
Se il buon @RobertoB ti indica il monte Musinè come la formazione geologica più adatta per ricavare questo particolare terreno ( a meno che non lo trovi in vendita) sfida vipere e "masche" ed avventurativicisi armata di piccozzetta, setaccio e secchio. Buona fortuna:bacio:
 

RobertoB

Giardinauta Senior
Quindi il suolo italiano non dovrebbe esserne particolarmente ricco.

Esatto, non volevo andare nello specifico, ma è proprio la stessa roccia.
Il sud della nuova Caledonia è tutta peridotite ( non che lo sapessi, mi sono documentato dopo il post di @Stefano Sangiorgio ) è appunto la roccia che costituisce il musiné. E in Italia non è così diffusa, credo gli affioramenti importanti siano quasi esclusivamente tra Piemonte e Liguria.

Poi magari è una pianta che potrebbe vivere anche su un substrato diverso, però considerando la particolarità della roccia madre e le percentuali di endemismi che si trovano solitamente in questi ambienti, è molto molto probabile che abbia degli specifici adattamenti.
 

danielep

Apprendista Florello
Esatto, non volevo andare nello specifico, ma è proprio la stessa roccia.
Il sud della nuova Caledonia è tutta peridotite ( non che lo sapessi, mi sono documentato dopo il post di @Stefano Sangiorgio ) è appunto la roccia che costituisce il musiné. E in Italia non è così diffusa, credo gli affioramenti importanti siano quasi esclusivamente tra Piemonte e Liguria.

Poi magari è una pianta che potrebbe vivere anche su un substrato diverso, però considerando la particolarità della roccia madre e le percentuali di endemismi che si trovano solitamente in questi ambienti, è molto molto probabile che abbia degli specifici adattamenti.
A parte l' indiscusso piacere per @monikk64 di farsi una bella gita mirata, pensi che un terreno basico genericamente possa andare? Basalto???
 
Alto