• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Portare acqua dal laghetto per pozzo e orto

Geng@

Aspirante Giardinauta
Ciao a tutti,
ho a disposizione nella mia proprietà un laghetto artificiale alimentato da due torrenti, vorrei portare l’acqua nell’orto davanti a casa ma non so come fare, ecco i dettagli:
- il laghetto dista circa 180 mt
- la prevalenza è di circa una dozzina di metri
- non c’è elettricità al laghetto
- devo alimentarci un impianto a goccia in un orto sinergico di circa 50mq
- sarebbe utile anche per riempire il pozzo di casa per i periodi di particolare siccità
- l’acqua nel laghetto è un po’ torbida
- nell’orto ho un bidone da 120 litri a monte dell’impianto di irrigazione, alimentato da una pompa a energia solare sommersa in un deposito di acqua piovana da 1000 litri a valle.

Voi come fareste?
 

Efisio

Aspirante Giardinauta
Credo che dovrai stendere 2 cavi per comandare una pompa in prossimità del laghetto insieme alla tubazione. La pompa non deve avere tanta portata ma la prevalenza sufficiente, quindi non molto potente.
Attivazione e spegnimento pompa in funzione del livello serbatoi in da 1000.

Inviato dal mio ONEPLUS A6003 utilizzando Tapatalk
 

Geng@

Aspirante Giardinauta
Ottima idea! Grazie! Come dici tu sarebbe molto comodo!
Abbiate pazienza per le domande da principiante: ma meglio una pompa a immersione o esterna? Va messo qualche filtro?
Infine come calcolare la sezione corretta del tubo?
 

Efisio

Aspirante Giardinauta
Sono un neofita anche io

La vedrei bene a immersione in un pozzetto poco profondo vicino al laghetto, alimentato con acqua superficiale in modo che sia più pulita

Inviato dal mio ONEPLUS A6003 utilizzando Tapatalk
 

Geng@

Aspirante Giardinauta
Potrei fare una zattera con un barilotto immerso con dei fori in modo non ci passino cose grosse, poi le pompe ci sono anche per acque torbide.
Ma 200 metri di cavo elettrico, bisogna capire che diametro ci vuole, idem per quello dell’acqua.
 

Icchy92

Guru Giardinauta
Prima devi scegliere la pompa e poi puoi dimensionare il cavo elettrico, ma immagino che per basse potenze possano andare bene quelli normali da impianto domestico. Per la pompa di per sé non saprei, sicuramente devi sovradimensionare la prevalenza per andare sul sicuro ma la portata la devi decidere tu (es. accendi per poco tempo ma con alta portata o tieni acceso per più tempo ma il serbatoio si riempie più lentamente).
La torbidità potrebbe essere un problema per gli ugelli dell'impianto di irrigazione, ma l'idea di mettere un punto di prelievo galleggiante non è male, sicuramente va messo un filtro grossolano tipo zanzariera ed eventualmente uno più fine dopo, andando sul fai da te. Ovviamente questi devono avere una superficie abbastanza grande e pieghettata per evitare che intasandosi possano limitare il passaggio dell'acqua, il sistema dovrebbe essere facilmente ispezionabile e pulibile.
Comunque non ho nessuna esperienza in merito, sto andando un po' ad intuito in base a come lo farei io :D
 

Efisio

Aspirante Giardinauta
Io starei sul basso di portata così non ti serve una pompa enorme, non smuovi l'acqua del laghetto e anche il tubo è di sezione decente.
Con mezzo litro al secondo e un tubo da 32 o 40 in PVC hai una 50 di metri totali di perdita. Aggiungendo una 20 di metri alla consegna puoi orientarti su pompe da 80mt.
Penso che una pompa da 0.5KW dovrebbe andare bene.


Inviato dal mio ONEPLUS A6003 utilizzando Tapatalk
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
se vuole un impianto a goccia è OBBLIGATORIO garantire in tutto l'impianto almeno un min. di 2atm
ed è OBBLIGATORIO fornire all'impianto un buon sistema di filtraggio a monte dei gocciolatori ispezionabile e "lavabile" e con filtrazione a retina molto fina....

avendo un serbatoio (che a quantità/capienza è alquanto molto sottostimato) interposto va da sé che la pressione va garantita da quel serbatoio verso l'impianto...

QUINDI PRIMA di pensare a quale pompa quale serbatoio ecc si DEVE partire da:
quante piante andrebbero irrigate?
di che tipo?
che necessità idriche hanno?
quanti gocciolatori?
di qual tipo ? (veri gocciolatori o aspersori o microirrigatori o ala gocciolante?)

SOLO DOPO si adeguerà il tipo di pompa di serbatoio a seconda della quantità/portata e pressione da ottenere per farlo funzionare....
 

Efisio

Aspirante Giardinauta
Mi sembra di capire che l'impianto a goccia ci sia gia' ed immagino dimensionato bene.

Sì tratta solo di riempire il serbatoio destinato all'acqua pluviale con acqua di laghetto trattata.

Però se l'acqua del laghetto è molto limacciosa sconsiglio i filtri di qualsiasi tipo perché nell'immediato non trattengono la sospensione e nel breve bloccano l'impianto.


Inviato dal mio ONEPLUS A6003 utilizzando Tapatalk
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
Mi sembra di capire che l'impianto a goccia ci sia gia' ed immagino dimensionato bene.

Sì tratta solo di riempire il serbatoio destinato all'acqua pluviale con acqua di laghetto trattata.

Però se l'acqua del laghetto è molto limacciosa sconsiglio i filtri di qualsiasi tipo perché nell'immediato non trattengono la sospensione e nel breve bloccano l'impianto.


Inviato dal mio ONEPLUS A6003 utilizzando Tapatalk
un buon filtro e/o una eventuale stazione filtrante si devono mettere tra il serbatoio (dove l'acqua avrà tempo di decantare) e l'impianto sopratutto se l'acqua ha impurità....i gocciolatori ma anche pure indistintamenteTUTTI gli impianti a microirrigazione non vanno minimamente d'accordo con le impurità... SI OTTURANO.

C
hiaro che avendo dato importanza prioritaria al calcolare prima le esigenze idriche e il numero delle piante presenti nella coltura/orto e calcolare successivamente l'impianto e la sua componentistica (serbatoio/pompe e filtraggio)...
avevo anche accennato al serbatoio ritenendolo troppo sottostimato....
ripropongo le domande e la procedura che ho scritto nel mio post precedente.
 

Geng@

Aspirante Giardinauta
Innanzitutto grazie a tutti per i vostri contributi, siete riusciti a farmi riflettere e decidere di che cosa ho bisogno veramente.
Leggendovi mi sono convinto che l'ideale sarebbe connettere la presa d'acqua dal lago direttamente all'impianto di irrigazione a goccia e, secondariamente, anche al serbatoio di acqua piovana da 1000 lt col quale un giorno alimenterò l'abbeveratoio di un pollaio che ho in mente.

Stato attuale dell'irrigazione dell'orto (vedi schema allegato):
  • L'area da annaffiare è 20 mq di orto sinergico distribuito su 6 bancali, a loro volta posizionati a due a due su tre balze (il terreno è in discesa), pacciamato con paglia o, a seconda del periodo, pacciamatura verde, quindi in realtà non ha grandi esigenze idriche.
  • L'impianto a goccia c'è, non è perfetto, non è a ala gocciolante, è stato fatto un po' al volo forando a mano un tubo di pvc in modo potesse funzionare a bassa pressione.
  • L'orto è distribuito su 3 livelli (balze) in quanto il terreno è in discesa, quindi i vari livelli non li apro contemporaneamente per non avere disparità di flusso.
  • In totale vengono irrigati 6 bancali, ognuno dei quali è largo 5 metri e profondo 60 cm. Un giorno ne aggiungerò altri analoghi nelle parti in discesa tra una balza e l'altra.
  • Ogni bancale ha un circuito isolabile tramite manettino fatto con tubo da 3/4.
  • Ogni tubo è lungo circa 11 mt a formare un anello, in totale abbiamo quindi 66 metri di tubo con fori fatti col chiodo (si, lo so, ma vanno con bassa pressione e non si intasano) ogni 25 cm l'uno dall'altro.
  • I 6 circuiti sono serviti da un tubo madre da 1 pollice
  • Il tubo madre è alimentato da un fusto da 120 litri, che diventerebbe inutile una volta collegato il circuito al lago.
Come vorrei diventasse l'impianto:
  • Vorrei essere libero in futuro di poter sostituire i tubi forati a mano con altri ad ala gocciolante o gocciolatori regolabili.
  • Alimentare il tutto direttamente dal lago, con pressione adeguata per futuri tubi gocciolanti più esigenti in termini di pressione. Distanza del lago circa 200 mt. Prevalenza circa 16 mt. Al lago non c'è elettricità.
  • L'acqua torbida del lago dovrà essere eventualmente filtrata per evitare che impurità otturino sistemi più esigenti di distribuzione dell'acqua.
  • Il tubo di presa dal lago, alla bisogna, alimenterà anche il serbatoio da 1000 litri, col quale darò da bere a un pollaio che metterò in futuro lì vicino.
  • La presa d'acqua dal lago mi servirà anche in casi di emergenza siccità per riempire i serbatoi del depuratore di casa, che normalmente è alimentato da un pozzo, quanto ci mette ci mette.
Cose che non so perchè sono un ignorante come una capra:
  • Marca e modello di una pompa adeguata allo scopo irrigazione presente e futura, ho letto che ce ne sono di specifiche per acque torbide... ma nel senso che la filtrano o non si intasano ma l'acqua arriva sudicia?
  • Tipologia e diametro del tubo adatto allo scopo, lungo 200 metri, che probabilmente non sarà interrato per non tagliarlo con mezzi agricoli
  • Come rilevare e regolare la pressione in arrivo in modo da poter assecondare le esigenze di vari sistemi di irrigazione.

    Grazie a tutti per la pazienza
 

Allegati

  • STATO ATTUALE orto.jpg
    STATO ATTUALE orto.jpg
    100,1 KB · Visite: 0

Icchy92

Guru Giardinauta
Ma quindi vuoi collegare direttamente il laghetto all'impianto o usare un sistema del tipo laghetto->serbatoio intermedio->impianto di irrigazione (ed eventualmente altre derivazioni)?
 

Geng@

Aspirante Giardinauta
Non conosco i pro e i contro delle due soluzioni, ma una presa diretta che manda l’acqua a pressione adeguata quando attivo l’impianto o qualsiasi altro rubinetto collegato ha il suo fascino.
 

Geng@

Aspirante Giardinauta
Niente, ho contattato Gardena per avere conferma che la pompa che avevo trovato fosse idonea ma purtroppo sconsigliano di superare i 50 metri sia per il collegamento elettrico sia per la tubazione.
Occorre trovare altre soluzioni.
 

Geng@

Aspirante Giardinauta
Piccolo aggiornamento:
ho deciso di non sbattermi con impianti elettrici da centinaia di metri di lunghezza quindi, fatti due conti sulle specifiche, ho optato per una pompa di superficie a membrana da 12 V che alimenterò con il pannello fotovoltaico e sistema di accumulo di energia realizzato l’anno scorso per l’orto.
La pompa scelta dovrebbe essere in grado di lavorare il tempo necessario per spostare diverse centinaia di litri alla volta, ma, per non stressare lei e la batteria, la programmerò con uno smart switch wi fi da pochi euro che ha anche il telecomando a infrarossi, in questo modo premendo un pulsante sul telecomando tipo apricancello si avvierà la sequenza giornaliera di accensioni e spegnimenti della pompa secondo un programma impostato via wifi punto-punto con la sua app per smartphone.
La serie di on/off andrà avanti da sola giorno per giorno, per interromperla basterà ripremere il telecomando alla fine della siccità, l’eventuale eccesso di acqua la potrei comunque mandare nel pozzo o diminuire il numero di cicli con l’app.
Le accensioni, secondo i calcoli, dureranno tipo 15 minuti l’una in modo da caricare i serbatoi di 120 litri (teoricamente) alla volta. Tra un’accensione e l’altra farà un po’ di pausa in modo da raffreddare la pompa (teoricamente di 20 gradi) e ricaricare la batteria. Tutti i cicli li farò effettuare di giorno in modo da non consumare la batteria senza ricaricarla al volo (e senza spaventare gli animali notturni).
Ho ordinato pompa e switch a buon prezzo, poi farò una prova coi serbatoi dell’orto e, nel frattempo, cercherò 300 metri di tubo a un prezzo umano... che è la cosa più costosa di tutte!!

Messo a punto il sistema, monterò il tutto su un pancale di legno con le ruote in modo da poterlo spostare nella rimessa per l’inverno e portarlo in giro in caso di bisogno altrove.
 
Ultima modifica:
Alto