• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

info..

calce

Aspirante Giardinauta
ciao a tutti, avendo il motocoltivatore con accensione con cordino autoavvolgente mi è venuta l'idea di metterci l'avviamento elettrico ... chi dice con motorino d'avviamento con solenoide ma avrei bisogno di metterci la corona dentata e il costo lievita a dismisura ... altri mi consigliano un dinamomotore che con classica puleggia per cinghia sarebbe meno complicato, il problema secondo mè è che nel primo caso, il motorino funziona per pochissimo tempo pertanto l'usura spazzole sarebbe irrisoria, mentre nel secondo caso, esso verrà trascinato a girare con usura di precoce delle spazzole.. mi avrebbero consigliato di metterci un motore brushless esente da manutenzione ma anche qui i costi non sono contenuti... avete soluzioni?
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
posta un paio di foto del gruppo motore e innesto cordino/ avviamento e info più tecniche sul motocoltivatore ( cilindrata , possibile info rapporto compressione, corsa pistone ecc)

intanto potrei azzardare giá che il dinamotore potrebbe essere scarso e poco adatto....potrebbe....
servono le info tecniche....
 

calce

Aspirante Giardinauta
ciao marco.. il motocoltivatore è la carrarina ... e il motore è il "classico "acme aln 330 wb ovvero, 327 di cc. a benzina di 10 hp
so che in rete con la dinamo motore hanno reso possibile l'accensione anche del motore diesel, ma come mi hanno fatto notare in altri forum, si avrebbe una usura precoce delle spazzole..
ma allora, l'ape della piaggio che di serie ha la dinamotore dovrebbe soffrire di questo problema?
 

Allegati

  • motore  acme2.jpg
    motore acme2.jpg
    47,8 KB · Visite: 4

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
prima un paio di domande ....
il motivo per cui vorresti mettere l'avviamento elettrico?
troppo difficoltoso/complicato "di sforzo" o cosa?
hai provato a chiedere alla casa madre se per la tua carrarina già non forniscano dei kit per l'avviamento elettrico?
o se non ce ne sia qualcuno, tra i tanti che ho visto esserci nel web, non ce ne sia qualcuno adattabile?

..torniamo al quesito
in teoria no ... ci stanno alcune variabili , in realtà, la più "pericolosa" è la variabile vibrazioni.... gli ape, hanno come ti renderai conto, molte meno vibrazioni della tua carrarina a corsa lunga e le spazzole sono quindi soggette a consumarsi di più di quanto sia dovuto solo per il loro normale "strisciamento" longitudinale
altra cosa di cui dovresti tener conto sono i "consumi" in termini di potenza/cv che normalmente hanno i sistemi di accensione " trascinati a collegamento fisso" ( quali appunto dinamo, alternatori, pompe in genere ecc )

in parte questi cali di potenza anche se genericamente , per i dinamotori, "fissi/quantificabili" in misura dai c/a 1 ai 2cv ( e sono comprensivi di tutto, gli apparati che servono al loro funzionamento quindi non solo atti alla pura messa in moto ma anche alla produzione ed all'accumulo della corrente necessaria per il loro uso/funzionamento....)
così come, genericamente, tali perdite/cali di potenza vengono ripartiti/spalmati, nell'utilizzo, dal cambio e le sue relative marce/demoltipliche....
e sempre in generale un motocoltivatore non brilla di certo per numero di marce....
di sicuro niente è impossibile potrà essere complicato o raffazzonato ma se già qualcuno lo ha imbastito potrebbe funzionare....

comunque la questione usura maggiore delle spazzole è discorso valido....
motivo ancor più valido per richiederti dei dati tecnici più consistenti anche perchè i rapporti di compressione dei motori agricoli è molto diverso da quelli definiti commerciali/classici così come la corsa ed il diametro dei pistoni che sono poi la forza che si opporrà a quella di un qualsiasi sistema atto a farli girare e metterli in moto...così come è molto diverso il come viene raggiunta una tal X potenza/cv in un motore agricolo piuttosto che in uno commerciale/classico perchè hanno peculiarità lavorative e prestazionali ben diverse tra loro.
questa è la base per non far niente di raffazzonato .... se poi basta il raffazzonato allora ci si accontenta di provare e basta vada come vada.

motore acme e modifica per avviamento elettrico a dinamotore
 
Ultima modifica:

calce

Aspirante Giardinauta
a un paio di domande altrettanto risposte..l'avviamento lo vorrei mettere più altro per sfizio e praticità... adesso,và in moto al primo colpo con l'autoavvolgente
la casa madre ..penso che ti riferisca al motore, dovrebbe essere chiusa o perlomeno assorbita dalla Lombardini ai primi anni 90 .
c'è anche la versione con avv. elettrico ma, sostituire il volano con quello indicato compreso della corona costa un botto e non vale
la spesa.
i dati tecnici di questo motore sono: cilindrata 327 cm alesaggio 80mm corsa 65 mm rapporto compressione 5,9:1 numero giri/min standard 3600
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
a un paio di domande altrettanto risposte..l'avviamento lo vorrei mettere più altro per sfizio e praticità... adesso,và in moto al primo colpo con l'autoavvolgente
la casa madre ..penso che ti riferisca al motore, dovrebbe essere chiusa o perlomeno assorbita dalla Lombardini ai primi anni 90 .
c'è anche la versione con avv. elettrico ma, sostituire il volano con quello indicato compreso della corona costa un botto e non vale
la spesa.
i dati tecnici di questo motore sono: cilindrata 327 cm alesaggio 80mm corsa 65 mm rapporto compressione 5,9:1 numero giri/min standard 3600

se è lombardini allora ....nel web di kit ne trovi a vagonate e stanno , come media, dai c/a 200 euro in su....e sono comprensivi di tutto....

visto e considerato il rapporto di compressione e i giri....basta anche un dinamotore...:)... ma anche una pistola da gommisti a batteria...sulla puleggia dell'arrotolatore del cordino ci imbulloni una bella piastra ( senza adoperare il dado/bullone di serraggio del portacordino se no lo tranci) con un innesto adattatore ( eventualmente se ti interessa parleremo del come dovrebbe essere fatto ) e lo avvii solo con la pistola....
comunque nel web ci stanno centinaia di video tutor proprio attinenti a questa modifica con avviamento elettrico da dove prendere spunto
 
Ultima modifica:

stepmeister

Esperto in Macchine da giardino
Occhio che di Acme praticamente non si trova più nulla se non a prezzi stratosferici (e roba non originale, qualcuno negli anni passati ha ben pensato di fabbricare ricambi e accessori compatibili visto che era piuttosto diffusa. Purtroppo i ricambi stanno scarseggiando e ci marciano sopra parecchio). L'azienda non esiste più. La soluzione con dinamotore è pratica, ma devi prevedere una batteria ed un circuito di regolazione e dissipazione della corrente prodotta. Il dinamotore produce sempre corrente, anche a battera carica. Tuttavia, il costo di tutto l'assieme non è sicuramente basso. Visto che disponi dell'avvolgitore, tienitelo ben stretto. Io lo avevo con funicella semplice, ed era già più una seccatura.
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
concordo ....infatti la cosa della pistola per gommisti l' ho buttata lì ma almeno non si rovinerebbe il sistema dell' arrotolatore....e non ci sarebbe bisogno di nessun circuito ne di altro....insomma potrebbe sembrare una butade ....ma sarebbe possibile.
 

calce

Aspirante Giardinauta
è che avendo mooolto tempo da "spendere" visto il freddo, per cominciare a pensare su come disporre l'orto mi era venuta questa "malsana" idea... il bello è che và come un orologio.. non vorrei che mettendoci le mani sopra poi, faccio casino e allora ...son dolori
@ stepmeister.. Visto che disponi dell'avvolgitore, tienitelo ben stretto .. so de coccio , in che senso?
 

stepmeister

Esperto in Macchine da giardino
La maggior parte di quei motori usciva con accensione a strappo semplice, la funicella veniva avvolta a mano. Poi, specie su quei motori montati su motocoltivatori, hanno iniziato a montare l'avvolgimento con molla a strappo. Ovviamente, tutta un'altra cosa in fase di avvio. Purtroppo, su motori che hanno i loro bei anni e il loro bel numero di accensioni, il meccanismo inizia ad incepparsi per usura. Il ricambio è difficile da trovare (di qualità) e prezzi per nulla bassi. Quindi, finchè il tuo dura, goditelo. Meglio quello che con avviamento ad avvolgimento manuale. Finchè tutto funziona a dovere, meglio non andarsele a cercare!
 

calce

Aspirante Giardinauta
sono arrivato fino a qua.. manca la cinghia z la batteria e, un po' di colore... non ho previsto per la ricarica della batteria " lo farò a parte".
non sarà bello a vedersi ma, ci ho speso solo 20 € per il motorino ..il resto tutto recupero e un po' di tempo prototipo6.jpg
 

Allegati

  • prototipo4.jpg
    prototipo4.jpg
    82,5 KB · Visite: 5
  • prototipo3.jpg
    prototipo3.jpg
    78,8 KB · Visite: 6

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
la soluzione del motorino avviamento é sicuramente la soluzione migliore per non levare potenza al motore....
che come già scritto era lo scoglio vero del progetto ....
sarei curioso di vedere delle foto specifiche del supporto con cui hai collegato il tutto...
un motorino d' avviamento é una massa " sospesa" di un certo rilievo sopratutto in presenza di motori ed uso che producono forti vibrazioni..... potrebbero innescarsi imprevisti abbastanza importanti ad attacchi / basi e/ o bulloneria di fissaggio ....
scritto ciò ( scusa mi fa gioco una certa deformazione professionale)
credo a parere mio che il tutto possa funzionare anche con una " demoltiplica" / puleggia inferiore di diametro a quella " da cestello di lavatrice" che hai montato ora e rendere il tutto molto più compatto .....
 

calce

Aspirante Giardinauta
ciao Marco... ti ringrazio di aver commentato..andiamo per ordine : il supporto "unico" è fissato con solo le due viti che servono per fissare il carter copri volano. lo smonto e posto due foto per rendere l'idea.. per quanto riguarda la puleggia principale "lavatrice" è un tantino sovradimensionata ma, non sapendo che rapporto di demoltiplica avrei ottenuto ho optato per la prima soluzione che avevo sottomano.. confesso che non è proprio l'ottimo..
 

Allegati

  • prototipo11.jpg
    prototipo11.jpg
    271,7 KB · Visite: 6
  • prototipo9.jpg
    prototipo9.jpg
    83 KB · Visite: 11
  • prototipo7.jpg
    prototipo7.jpg
    90,8 KB · Visite: 6

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
i due fori di fissaggio sono passanti ?
che diametro hanno i bulloni ?
di che "tipo di acciaio"sono? ( è quel numeretto impresso sulla testa esagonale ... i migliori, più adatti e più resistenti alle " tue" sollecitazioni sono quelli "bruniti" con un numeretto impresso da 10,... e oltre )
considerati vibrazione ed uso gravoso ti consiglio anche o dei dadi autobloccanti ( a teflon o a ghiera"deformata" ) o di adottare dado e controdado con bloccafiletti.

ed ancora
non so con che batteria vuoi far funzionare il motorino
quindi, parlando in generale, adottando una batteria " da macchina" (anche se pur relativamente piccola) con quel tipo di motorino e senza troppi problemi di avviamento, senza una ricarica della stessa, ci puoi tranquillamente eseguire in una "giornatina" lavorativa , chiaro in accensioni e, credo, per difetto, una decina di messe in moto.

la puleggia-"motore" così grande demoltiplica non poco i giri ....magari esagero, ma con una cilindrata "miserrima" come quella della tua carrarina abbinato ad un motorino automobilistico come quello da te montato.... la puleggia potrebbe essere tranquillamente meno della metà e farebbe fare lo stesso le corse al motore....
chiaro che più diminuisci la puleggia-"motore" e più sforza il motorino ....quindi dovrai essere tu ( per me è davvero impossibile) a provare eventuali soluzioni e diametri e quindi "orecchiare" quanto e come sforza, come si comporta il motorino e/o eventualmente quanto assorbe e scalda.....
magari hai da subito individuato/indovinato il diametro giusto....certo però che quella puleggia grande davanti come ingombri e per eventuali imprevisti non è certo il massimo .... a dirla tutta neanche tutto l'accessorio del motorino.....fossi in te proverei a trovare una "lamiera" di alluminio ( che puoi trovare anche in alcuni iper del fai date) o di lamierato vero e proprio e fare al tutto un carterino di copertura/protezione.
marco
 

calce

Aspirante Giardinauta
i fori sono : filettati e passanti, logico che ci sono dei dadi autobloccanti .purtroppo per non intaccare la struttura originale, le viti sono da 6 ma. per la batteria, non la prendo da auto , " non ci stà nel vano dietro il motore"dovrò ripiegare su tipo: motociclistico (10-12 amp,/h ) lo so non è il massimo ma, lo uso solo nel terreno vicino all'abitazione, pertanto a ricaricarla non ci metto niente... poi ci sarà come hai menzionato da fare il carterino per racchiudere le parti in movimento
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
allora con una batteria "piccola" come una da moto mi sa che sarebbe meglio lasciare la puleggia del cestello che giá hai adoperato....o una leggermente piu piccola....perché non so se una batteria " non da auto" abbia un amperaggio sufficiente per far funzionare normalmente il motorino con una puleggia ben piu piccola .....a meno che non ti possa procurare un motorino d'avviamento proprio di una moto.
.....non saprei , non ho mai fatto esperimenti in merito..ma 10/12 amp/h li vedo alquanto scarsi per quel motorino sopratutto di spunto
forse ti salvi solo perchè CC e rapporto di compressione per lui sono " irrisori"....
 
Ultima modifica:

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
stavo pensando ad un possibile punto critico....
la staffa sagomata fatta da te a sostegno come e dove la fissi ?
o meglio il dove lo si capisce ....quello che invece intendo è ingloba e va sovrapposta al carterino originale giusto ?
le due viti da 6mm
ok , sono passanti e filettate .....ma quanta " polpa" / spessore ha la base originale in alluminio dove viene fissato il carterino ?
1cm ?
e quanto " spessore" ci sta intorno al foro delle viti ?
di più o meno di 1cm?
prima di fasciarci la testa puoi postare una foto ? ....
mi sa che possa essere proprio un punto di criticitá e di rottura...
 

calce

Aspirante Giardinauta
lo spessore è di 12 mm dove vanno le viti , e per il resto del carter sono 3 mm
come si può notare, il carter è predisposto" per il motorino" come anche il volano ad essere installata l'accensione elettrica, ma non si trovano più gli accessori occorrenti
 

Allegati

  • spessore1.jpg
    spessore1.jpg
    68,3 KB · Visite: 6
  • spessore 2.jpg
    spessore 2.jpg
    224,4 KB · Visite: 4

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
premettendo che come pensavo/immaginavo il carterino NON É DA 1/1,2cm ma e una base in alluminio sagomata/stampata/ estrusa/ da 3/4mm con nervatura da 1,2cm solo ai bordi o solo intorno ai fori della bulloneria....che è appunto cosa MOLTO DIVERSA ...e molto più fragile ....

predisposto....quindi hai avuto la possibilità di montare una staffa terza di supporto anche sulla " culatta" post. del motorino ?
non é che si vede / capisce molto ....
dalle tue foto .....a parte che si vede bene come tale staffa originaria di supporto predisposta dalla casa madre sia da fissare ai due fori filettati ( che parrebbero da 8mm) presenti sopra al tappo/ controllo livello dell'olio....
proprio per le bullonerie da 6 mm ( che comunque ti posso assicurare che in caso di montaggio originale sarebbero state almeno , di minimo, da 8 mm) e proprio per lo spessore minimo della base del carterino posso tranquillamente, senza errore, presumere che il motorino, se originale, oltre ad essere fissato a flangia nella parte anteriore avrebbe anche un fissaggio terzo posteriormente...
altrimenti la base del carterino si rompe/ fessura
 
Ultima modifica:
Alto