1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Info su trasporto aereo orchidee

Discussione in 'Orchidee - ibridi e botaniche' iniziata da MattiaCheli, 5 Gennaio 2020.

  1. MattiaCheli

    MattiaCheli Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    18 Dicembre 2018
    Messaggi:
    3
    Località:
    Sansepolcro
    Ho in mente di visitare la Tailandia, ne volevo approfittare per acquistare qualche pianta di orchidea (non voglio acquistare flask), c'è la possibilità di riportare piante in Italia legalmente, le devo mettere nel bagaglio da stiva? Devo farmi rilasciare qualche certificato dal venditore? Si possono acquistare eventualmente all'aeroporto?
     
  2. biro46

    biro46 Maestro Giardinauta

    Registrato:
    18 Gennaio 2013
    Messaggi:
    2.240
    Località:
    provincia Varese
    devi farti rilasciare CITES e documenti fitosanitari e non so se per poche piante lo rilascino e certamente solo i vivaisti. Senza i documenti detti se ti beccano in dogana rischi grosso perchè il reato risulta essere penale. Per le flask non ci sono problemi
     
    A Spulky piace questo elemento.
  3. peppeorchid

    peppeorchid Giardinauta

    Registrato:
    24 Aprile 2014
    Messaggi:
    772
    Località:
    acquacanina (mc)
    Località:
    monti sibillini
    per anni ho portato piante dalla Thainlandia, all' epoca le cose stavano così:
    acquisti le piante, acquisti in qualsiasi ufficio postale uno scatolone che possa contenerle, con questa roba + giornali per imballo interno vai al villaggio universitario...di primo mattino, con un taxi; arrivato li ci sono le taxi motorette, quelle autorizzate i cui conducenti portano dei gilet colorati, parli con loro e ti fai portare all' ufficio CITES, non capiranno subito poichè lo pronunciano a modo loro, arrivato li trovi un funzionario che ti dirà le piante che potrai esportare e quelle no, ti darà una distinta ufficiale, esci dall' ufficio ti rifai un giro in motoretta e ti fai portare per la fumigazione dal fitopatologo dove pagherai una cifra irrisoria, fatto ciò ritornerai con i nuovi documenti nell' ufficio precedente, li ti metteranno le piante che hanno passato il controllo nello scatolone che sigilleranno e apporteranno timbri di sicurezza dappertutto..paghi e sei apposto.
    Se devi uscire all' aeroporto di Roma o Milano mandali in carlinga (non bagnare le piante)come bagaglio appresso e tieniti sempre i documenti che ti avranno rilasciato in 3/4 copie a portata di mano, se invece prenderai un volo interno mandale direttamente all' ultimo scalo poichè nei piccoli aeroporti non sono così imbecilli come a Roma.
    Tutto questo se non sono cambiate le cose, la consulenza che ti ho fatto ti costa 50 €, ma se dovesse andare male e farai questa fine upload_2020-1-5_20-18-36.jpeg fammelo sapere che ti farò uno sconto
    auguriiiiiiii
    ps se non vai per vivai, troverai il paradiso delle botaniche al week-and market, c' è un giorno solo per le piante..mi sembra mercoledì ma non ne sono certo, ci arrivi con il rail train, oppure è interessante il mercato diurno tutti i giorni al tweet market, se trovi da dormire a Kaosan Road ci arrivi a piedi in 20 minuti
    auguri di nuovo
     
    Ultima modifica: 5 Gennaio 2020
    A Spulky piace questo elemento.

Condividi questa Pagina