1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Far riprendere i Cymbidium

Discussione in 'Orchidee - ibridi e botaniche' iniziata da fiorita, 4 Febbraio 2007.

  1. fiorita

    fiorita Giardinauta Senior

    Registrato:
    31 Luglio 2006
    Messaggi:
    1.130
    Località:
    Trieste
    Tempo fa, forse qualcuno se lo anche ricorda, avevo due cymbidium messi male, uno con le radici mezze marce, l'altro con radici e pseudobulbi tutti mangiucchiati da una nidiata di centopiedi. Per entrambe ho fatto la stessa cosa, cioè svasato, eliminato le parti marce, morte, moribonde etc, disinfettato con acqua ossigenata, cambiato completamente terriccio (usando quello della biokomp). Il risultato è stato una pianta con la metà delle radici originali, ma tutti gli pseudibulbi integri, anche se spellati e quindi grinzosi, e l'altra (quella mangiata, per intenderci), ridotta ad un singolo pseudobulbo senza radici ma con due foglie. Attualmente, dopo più di un mese in cui non sono peggiorate (vale a dire che le foglie sono e restano verdi, insomma, quel che resta delle piante è ancora vitale), e in cui non hanno avuto ne richiesto nemmeno una goccia d'acqua, la mia domanda è ovvia, come comportarmi ora?
    Attualmente stanno in camera mia ad una temperaura che oscilla tra i 16°C e i 12°C, non moltissima luce, ma abbastanza da far vivere e prosperare altre 5 phalenopsis.
    Il mio prossimo obbiettivo, è lapalissiano dirlo, è quello di farle ripartire, con calma e con tutti i mezzi idonei, sperando che mi ripaghino dell'impegno, prima o poi.
    Dunque, a voi la parola, cari forumisti! Datemi una mano a salvare le due donzelle.....
     
  2. aseret

    aseret Florello Senior

    Registrato:
    7 Marzo 2006
    Messaggi:
    8.487
    Località:
    Trentino A/A
    Incomincia a dare un po' di acqua e a metterle in un luogo più luminoso e più caldo. Quando la temperatura esterna aumenterà ,mettile all'esterno in piena luce, vedrai che riprenderanno a vegetare.
     
  3. fiorita

    fiorita Giardinauta Senior

    Registrato:
    31 Luglio 2006
    Messaggi:
    1.130
    Località:
    Trieste
    Quindi dici di riprendere a bagnare il terriccio,ok, sarà fatto. Ho il terrore che mi torni il maledetto marciume,anche se ho cambiato completamente il terriccio e potenziato il drenaggio, perchè le piante sono in vaso non trasparente e quindi non si vede lo stato delle radici, a parte bagnare poco e prevenire il ristagno, non è che esiste qualche prodotto per prevenire meglio, almeno finchè le mie piante non si irrobustiscono un po'?
     
  4. Francesco di Torino

    Francesco di Torino Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    7 Aprile 2005
    Messaggi:
    78
    Località:
    Torino
    Il terriccio ?
    Per il cymbidium non si deve usarlo, si usano pezzetti di corteccia, di polistirolo ma non terra !
    Se no rimarcisce tutto !
    ciao
    Francesco
     
  5. aseret

    aseret Florello Senior

    Registrato:
    7 Marzo 2006
    Messaggi:
    8.487
    Località:
    Trentino A/A
    Ne sei sicuro? A me hanno sempre detto che hanno bisogno anche di terriccio misto a bark, visto che è una pianta terricola.
    Fiorita, so che ci sono prodotti chimici antimarciume radicale, ma non ne ricordo il nome.
     
  6. chi.mar

    chi.mar Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    26 Maggio 2005
    Messaggi:
    90
    Località:
    Genova
    I cymbidium sono orchidee abbastanza forti...
    Ne ho visti di bellissimi anche nei giardini, credo che l'accoppiata "buon drenaggio-terriccio" non faccia loro del male!
    Il terriccio aiuta a trattenere le sostanze utili all'accrescimento delle piante, penso che un terreno troppo inerte farebbe "scivolare" i sali che in un momento così delicato per le tue piante potrebbero invece essere utili!!

    Una cosa che secondo me è molto importante è un vaso di terracotta!!
    Da quando li uso ho notato che riesco a rendermi conto meglio di quanto tutto il substrato sia effettivamente umido.

    In ogni caso in bocca al lupo

    p.s. affidati comunque ai pareri degli "orchi-guru" del forum

    Ciao
     
  7. fiorita

    fiorita Giardinauta Senior

    Registrato:
    31 Luglio 2006
    Messaggi:
    1.130
    Località:
    Trieste
    L'ho chiamato terriccio, ma in realtà è una miscela per orchidee terricole della biokomp, c'è più torba rispetto agli altri substrati che ho visto, ma il bark è comunque prevalente, inoltre ho piantato in vasi stretti e alti in modo da potenziare parecchio il drenaggio (praticamente mezzo vaso). I vasi di coccio mi suonano strani però, rilasciano calcare, e non è che le orchidee lo apprezzino gran che, ho letto....anche se la mia vicina bagna la sua phal con l'acqua di rubinetto e fa sempre fioriture favolose.....
     
  8. margherita51

    margherita51 Guest

    Io ne ho uno da tanti anni che diventa sempre più grande. Sta in un vaso di terracotta, lo ho rinvasato in terriccio anche se ben drenato, lo bagno e lo concimo quando mi ricordo ma evidentemente ci imbrocco, in inverno sta in veranda, in estate fuori in un angolo ombreggiato ma luminoso del giardino.Adesso sta preparando sei steli florali.
    Da ciò deduco che sono piante robustissime, bagnalo poco, fai ben sgocciolare ed osserva come si comporta. Il mio eccolo qua, la foto era per il cane...

    [​IMG]
     

Condividi questa Pagina