1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

coltivazione piante grasse in mini serre

Discussione in 'Piante grasse' iniziata da sanseveria, 13 Maggio 2003.

  1. sanseveria

    sanseveria Guest

    ciao a tutti.
    vorrei coltivare delle piantine grasse in quelle piccole serre di vetro che si tengono in casa. che piante posso associare senza creare loro problemi? e come posso eventualmente moltiplicarle . grazie mille :rolleyes:
     
  2. giuditta.2001

    giuditta.2001 Giardinauta

    Registrato:
    27 Marzo 2003
    Messaggi:
    950
    Località:
    Pedara m620slm, catania
    Intanto benvenuta!!
    Non sono esperta di cactus ma penso che in un ambiente come quello dovresti stare molto attenta ai ristagni d'acqua, ma ti conviene aspettare gli esperti per saperne di più ;)
     
  3. Simon

    Simon Guest

    Benvenuta al forum di giardinaggio.it se non lo sai per moltiplicare le piante grasse devi aspettare che le crescano delle "crescenze" cioè dei rami e qundo hanno raggiunto i 5-6 cm di lunghezza tagli il ramo. A questo punto avvolgi la piccola piante in un foglio di giornale per aspettare che faccia le redici e dopodiche lo interri in un vaso ed ecco fatto. Spero che ti sia servito e informami!!!!! :D
     
  4. reginaldo

    reginaldo Florello

    Registrato:
    9 Gennaio 2001
    Messaggi:
    6.940
    Località:
    Bologna
    La moltiplicazione di una grassa può avvenire principalmente da:
    talea, seme e divisione di cespo.
    La talea può essere creata da un pezzo di ramo o di fusto o da foglia.
    Quella di foglia è più immediata in quanto quasi sempre non necessita di tempi di attesa, in genere la famiglia più adatta è quella delle Crassulaceae.
    Per la talea di fusto o di ramo, una volta prelevata o creata la ferita deve rimarginarsi (asciugarsi, o cicatrizzarsi) prima essere messa a dimora. In genere lo si effettua quando la stagione è stabile (non ci sono più sbalzi di temperatura). Il pezzo di pianta va messo all'ombra, all'aria aperta. Non mi sono mai comportato come indica Simon. Molto spesso ho messo a dimora la pianta subito dopo il taglio appogiandola sul terriccio, leggermete sollevata.
    In altri casi ho aspettato anche alcune settimane. Tralascio volutamente il discorso della semina, alquanto lungo da narrare.
    Maggiori particolari si possono ricavare da alcuni siti presenti in Internet, vedere: http://utenti.lycos.it/reginaldo/coltivazione.html e alcuni link presenti in http://utenti.lycos.it/Link.html in particolare quello di Ceccarini.
    Le miniserre sono belle a vedersi, ma non molto pratiche, occorerebbe dotarle di impianto di aereazione per non avere un aria stagnante che genera umidità e muffe. Va bene per presentare alcune piante per un periodo breve.
    Ciao
    Reginaldo

    [ 14.05.2003, 14:55: Messaggio scritto da: reginaldo ]
     

Condividi questa Pagina