1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Rivalutazione territorio secco

Discussione in 'Legalmente parlando' iniziata da Acul98, 6 Agosto 2017.

  1. Acul98

    Acul98 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2017
    Messaggi:
    6
    Località:
    Guspini
    Salve a tutti! Ultimamente mi fermo sempre a pensare a dei metodi di rivalutazione del territorio italiano, più precisamente sardo che è ormai in questi ultimi anni caratterizzato da pochissimi alberi e immensi campi secchi senza alcuna pianta. Quindi vi farò qualche domanda per essere più informato su questo argomento: È possibile piantare alberi "non-nostrani" come i Ficus sp. per poter ricoprire ampie zone in poco tempo? O è illegale? inoltre si può fare in modo , diciamo, "privato"? o bisogna avere i permessi dal comune in cui si intende fare questo lavoro? Grazie mille a tutti :)
     
  2. marco.enne

    marco.enne Esperto di impianti di irrigazione da balcone

    Registrato:
    16 Marzo 2008
    Messaggi:
    7.894
    Località:
    perbacco... in italia
    no non si possono piantare piante in genere..... se le piante non sono autoctone e non solo di tal nazione ...ma di tal regione o addiritttura nei siti protetti che sia nativa di quel medesimo sito.....
    non è che servono permessi da tizio o da caio ....tu come privato non puoi farlo .....sempre che tu stesso non sia ditta appaltata dallo stato.....e....
    non devi fare richiesta di eventuali permessi al comune ma allo STATO ITALIANO o agli organi di pubblica sicurezza addetti ( avrei scritto ancora oggi alle guardie forestali......se non fosse che sono stata smembrate in più "sezioni" e poi accorpate ora ai carabinieri ,ora ai pompieri, ecc ecc MA E' A LORO che devi richiedere istanza e PERMESSO per agire.... non ai comune .... se non per sapere o avere info su piani urbanisitici eventualmente presenti per la tal zona o per tale altra...).
     
    Ultima modifica: 6 Agosto 2017
  3. Acul98

    Acul98 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2017
    Messaggi:
    6
    Località:
    Guspini
    Grazie mille per la risposta esaustiva! E se il terreno interessato è all'interno del paese? Tecnicamente è proprietà del comune o no? Non viene utilizzato quasi mai, solo alcuni del quartiere hanno piantato delle piante come pino o ulivo. In quel caso possono essere piantati alberi non-autoctoni?
     
  4. marco.enne

    marco.enne Esperto di impianti di irrigazione da balcone

    Registrato:
    16 Marzo 2008
    Messaggi:
    7.894
    Località:
    perbacco... in italia
    Per ottemperare alle leggi sulla salvaguardia del territorio , in generale NO NON SI DEVONO PIANTARE, arbitrariamente....a propria libera scelta e velleitá piante non autoctone ......
    Credimi SAREBBE MOLTO MEGLIO E GIUSTO se tu andassi a chiedere info alla forestale ( CHE PRIMA dell'ultima riforma erano gli autorizzati alla tutela del territorio a cui Si DOVEVA far obbligatoriamente a capo.....)
    oltre a rischiare delle sanzioni (in alcuni casi pure molto severe)
    Poi potrebbero imporre il ripristino del terreno. a così come era prima e a spese vostre ....se poi come spesso è in sardegna ( per chè da lì scrivi giusto ?) il vostro comune è inserito in un qualche parco o territorio "protetto".....le rogne possono essere molteplici e di entità importante.....

    Poi ti dirò molto raramente dei terreni incolti NON sono di nessuno e molto poco spesso il proprietario è il comune....
    Anzi spessissimo i terreni incolti sopratutto se inseriti in contesti urbani sono proprietà di privati....
     
    Ultima modifica: 7 Agosto 2017

Condividi questa Pagina