• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Leggi per l'uso di insetticidi contro le zanzare

Icchy92

Guru Giardinauta
Buonasera, avevo già parlato di questo argomento anni fa ma poi non ero più andato avanti con la questione. In pratica voglio far cancellare gli interventi adulticidi che vengono svolti da calendario nel giardino condominiale, in quanto ci sono solo contro e nessun pro. Ho già preparato una lista di motivazioni, ma per avere maggiore "potenza di fuoco" vorrei capire se c'è qualche legge che ne regolamenta l'uso e nel caso se l'attuale azienda sta in qualche modo operando in maniera illegale.
Ad esempio mi risulta che questi prodotti, nello specifico viene usato EKOSET, vadano dati almeno in tarda serata e non su piante in fiore, mentre invece l'operatore lo spruzza verso le 5 del pomeriggio e anche sui cespugli fioriti :rolleyes: grazie in anticipo.
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
-Chiedergli se ha il patentino e di fartelo vedere ?
-Che so ...ricordargli che deve esserci una precisa tempistica di rispetto da quando "spruzza" e quando la gente intorno fa da mangiare e frequenta quegli spazi trattati? (Dato che parrebbe pure che, almeno quel prodotto da te citato, sia considerato come cancerogeno) e di conseguenza va adeguatamente "istruita" con opportuni CONGRUI PREAVVISI e RELATIVE AVVERTENZE alla gente che ne viene in contatto.
-informarsi se ha davvero gli eventuali permessi da farsi rilasciare per l'uso in luogo pubblico E frequentato?
-ha o sta rispettando i protocolli di sicurezza imposti di legge sulla sicurezza?
-informare l'ispettorato del lavoro?
-Esistono regole stringentissime per certi trattamenti aerei in aree abitate.
Quindi Informare i vigili del tuo comune ?

Insomma almeno da quel che hai descritto intanto potresti rompergli i bai almeno per cercare di fargli fare le cose come si deve.
Se salta fuori qualcos'altro ....al momento altro non saprei perché se è stato chiamato dall'amministratore/i di condominio a parte ciò scritto sopra e il tuo diritto alle più che dovute rimostranze (anche con contatto urgenziale via mail o telefono/raccomandata AR ecc) in amministrazione ed assemblea... al momento...altro che potresti fare non lo vedo.
potresti, "mettendola giù brutta"( ad esempio "è un prodotto cancerogeno e quindi la sicurezza e la scelta degli orari diventano importantissimi"e se fai girare la voce mi sa che lo faranno anche altri) anche riuscire a fermare (almeno momentaneamente) il tutto e riuscire a mettere l'amministrazione in condizione di dover prendere più informazioni sulla "sicurezza" di quei trattamenti e come li stanno facendo ...il che non sarebbe poco
 
Ultima modifica:

cmr

Giardinauta Senior
Il prodotto che citi (EKOSET) sembra un buon prodotto.
Come molti insetticidi civili non necessita di patentino per l'uso e, almeno da quello che si evince in rete, è anche 'green'; come tutti gli insetticidi o fitofarmaci, va distribuito nelle ore meno calde della giornata e le 17 sembra un orario congruo.
Certo l'utilizzatore, e prima di lui l'amministratore del condominio, deve avere l'accortezza di avvisarvi per tempo con data e ora del trattamento.
Per il resto sembrerebbe tutto ok: che cosa non convince?
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
Il prodotto che citi (EKOSET) sembra un buon prodotto.
Come molti insetticidi civili non necessita di patentino per l'uso e, almeno da quello che si evince in rete, è anche 'green'; come tutti gli insetticidi o fitofarmaci, va distribuito nelle ore meno calde della giornata e le 17 sembra un orario congruo.
Certo l'utilizzatore, e prima di lui l'amministratore del condominio, deve avere l'accortezza di avvisarvi per tempo con data e ora del trattamento.
Per il resto sembrerebbe tutto ok: che cosa non convince?
Quella da te postata nel link NON È la scheda del prodotto (e lo scrivono pure in mooolto piccolo proprio loro nel link stesso) è solo una presentazionee descrizione molto generale del venditore

In realtà è da qui si dovrebbe "partire"
Apritevi il relativo pdf PARAGONATELO alla "schedina" postata da @cmr e poi..."stupitevi"

 
Ultima modifica:

cmr

Giardinauta Senior
Mi stupisco molto di più leggendo le controindicazioni nei bugiardini dei farmaci che ciascuno di noi tiene in casa e che spesso usiamo alla leggera.
Nel caso specifico stiamo parlando della scheda di sicurezza di un antiparassitario, prodotto che per sua stessa natura serve ad uccidere degli insetti, i cui principi attivi sono abbastanza comuni anche in antiparassitari domestici (quelli in bombolette spray al supermercato).
Questa è la scheda di sicurezza del carburante con cui alimentiamo le nostre automobili: dobbiamo 'stupirci' di cio che immettiamo nel nostro serbatoio?
E, per finire, la 'scheda di sicurezza' (quella tua) e la 'scheda tecnica' (quella mia) relativi a un prodotto sono due oggetti che per loro natura non si possono confrontare in quanto riportano dati differenti essendo sviluppati per scopi differenti.
Cercando in rete si trova spiegata anche questa differenza.
Mi sembra che non ci sia nulla di cui stupirsi.
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
Mi stupisco molto di più leggendo le controindicazioni nei bugiardini dei farmaci che ciascuno di noi tiene in casa e che spesso usiamo alla leggera.
Nel caso specifico stiamo parlando della scheda di sicurezza di un antiparassitario, prodotto che per sua stessa natura serve ad uccidere degli insetti, i cui principi attivi sono abbastanza comuni anche in antiparassitari domestici (quelli in bombolette spray al supermercato).
Questa è la scheda di sicurezza del carburante con cui alimentiamo le nostre automobili: dobbiamo 'stupirci' di cio che immettiamo nel nostro serbatoio?
E, per finire, la 'scheda di sicurezza' (quella tua) e la 'scheda tecnica' (quella mia) relativi a un prodotto sono due oggetti che per loro natura non si possono confrontare in quanto riportano dati differenti essendo sviluppati per scopi differenti.
Cercando in rete si trova spiegata anche questa differenza.
Mi sembra che non ci sia nulla di cui stupirsi.
Il quesito iniziale non riguarda la bontà del prodotto (SCHEDA TECNICA)....ma l'eventuale sicurezza quando lo usano e se vengono rispettate le norme di Sicurezza...

Perché pur potendo ben essere veri tutti i tuoi ragionamenti (ad esempio) una cosa e scrivere che "...tal spray o trattamento o il tal carburante sono di normale uso...." ed altra cosa, la più importante, È il COME, in CHE MODO e DOVE vengono USATI
E ben appunto a questo si riferisce e serve la scheda SICUREZZA
Esempio banale ....se l'operatore per usarlo deve munirsi di un minimo di protezioni di sicurezza quali adeguata maschera e guanti..altrimenti il prodotto usato potrebbe essergli nocivo ....se il trattamento con tal prodotto lo fai ad ora di certo traffico ed in presenza di persone ed animali....che però NON sono altrettanto adeguatamente protetti ....perché a loro e per loro NON dovrebbe essere altrettanto nocivo?
Nocivo, non quanto bene funzioni o sia indicato nel disinfestare le zanzare e quant'altro....

Ed ancora... il tuo paragone ci azzecca in parte:
- con il carburante ....infatti pur essendo di "uso comune" ... è appunto cosa comune che venga adoperato in certo "usuale" e sicuro modo immettendolo in un sicuro serbatoio e spruzzandolo in camere "stagne" di un motore per essere combusto in sicurezza, tralasciando l'inquinamento derivante ... non è che le persone se lo bevono o possano respirarne i vapori....e vale anche per gli spray Che vanno usati in modo certo ed impedendo di poter essere direttamente inalati...

quindi sarà anche "un comune trattamento" ma solo se usato con accortezza ed in un certo quanto SICURO modo...
Così come esiste una gran differenza pur rimanendo prodotto "in libera vendita" tra il poterlo usare lecitamente con funzione meramente DOMESTICA da un privato ed IN PRIVATO a casa propria e.... il poterlo usarle IN SPAZIO E SUOLO PUBBLICO dato che se anche il prodotto è stato abilitato/autorizzato per l'uso libero CIÒ NON permette che lo possa usare da chiunque e liberamente su spazi comuni e/o pubblici ... su tali pubblici spazi possono operare solo ditte o persone ABILITATE ed autorizzate da organi competenti sottostando, LORO, a normative di sicurezza statali stringenti e patentino... nonostante la "libera vendita" del prodotto...perché libera vendita NON significa, propriamente anche un "libero uso"
..da semplice privato cittadino compra un semplice disinfestante in libera vendita poi vai a spruzzarlo in pubblica strada o in un parco pubblico, in mezzo alla gente...sarei curioso di sapere quanto ci impiegano ad arrivare vigili o affini ...
E a questo, pignolando, va aggiunto che se anche la ditta che è stata incaricata ai trattamenti abbia l'abilitazione (patentino) NON È assolutamente detto che sia "preparato/informato" anche l'eventuale dipendente che realmente sta disinfestando (per fretta o al risparmio/economia) stia adeguatamente, e per davvero, sottostando e mettendo in atto le norme di sicurezza dovute....
Ecco il senso del mio primo post/risposta.

E ciò vale per tutto...tanto per la ancor più comunissima e normale acqua o quanto per un banalissimo boccone di cibo...di per se assolutamente NON "pericolosi"....ma se.....una la vuoi respirare e l'altro lo inghotti troppo di fretta ed intero....possono anche ammazzarti.

PS ...la scheda tecnica che hai linkato ...è appunto il bugiardino dell'Ekoset
.
 
Ultima modifica:

cmr

Giardinauta Senior
Essendo un intervento eseguito in un condominio, l'amministratore deve aver interpellato una ditta adatta allo scopo e in regola con le norme di legge. Cosi come l'intervento stesso presumo faccia seguito a una delibera assembleare. Altrimenti si impugna tutto e si annulla.
Per tornare ai quesiti posti da Icchy92 credo che si possa riassumere che:
- il prodotto usato è un prodotto di uso comune rispondente ai requisiti di legge sanciti per lo scopo per cui verrà utilizzato;
- modalità di uso e impiego sono corretti.
Se si può proporre un prodotto alternativo perché questo non ci piace? Certo ma, sempre perché si è all'interno di un condominio, la nuova scelta deve passare dall'assemblea condominiale.
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
Essendo un intervento eseguito in un condominio, l'amministratore deve aver interpellato una ditta adatta allo scopo e in regola con le norme di legge. ......
Per tornare ai quesiti posti da Icchy92 .....
- modalità di uso e impiego sono corretti.
Se si può proporre un prodotto alternativo perché questo non ci piace? Certo ma, sempre perché si è all'interno di un condominio, la nuova scelta deve passare dall'assemblea condominiale.
In neretto nel tuo post ... il molto probabile vulnus del tutto
A quanto ci è dato a capire, e riassumendo, non sono stati posti in essere appositi ed adeguati PREAVVISI di sicurezza e viene dato in presenza di gente o per lo meno in orari poco consoni alla sicurezza del condominio e dei condomini tra l'altro leggendo le "istruzioni per l'uso" per il trattamento...probabilmente anche diminuendone in parte l'efficacia
Il fatto che sia stato/ordinato dall'amministratore e dall'assemblea NON avvalora assolutamente la correttezza sia del trattamento sia il suo posto in essere in sicurezza.
Aggiungerei anche che in ogni caso l'amministratore DOVREBBE (è nei suoi obblighi) supervisionare/controllare (in proprio o con incaricato accettato/nominato dall'assemblea) i lavori appaltati e "lo stato d'avanzamento".
 
Ultima modifica:

Icchy92

Guru Giardinauta
Scusate l'assenza, non mi erano apparse notifiche per questa discussione. Allora il trattamento è di routine ed eseguito da una ditta 1 o 2 volte al mese, la cosa che io sappia va avanti da parecchi anni quindi immagino sia stato deliberato ignorantemente in assemblea insieme ai normali interventi di manutenzione.
Il prodotto contiene sostanze nocive e di sospetta cancerogenicità anche per i mammiferi (e l'uomo), ovviamente hanno messo un foglio con il calendario dei trattamenti, anche se la gente non può mica chiudere sempre le finestre, per non parlare di quelli che devono prendere l'auto nei box e si beccano la pioggia velenosa :LOL:
Ma in realtà non è la pericolosità per gli altri condomini la mia preoccupazione maggiore, io voglio porre uno stop per via dell'impatto ambientale causato da questi trattamenti, la cui unica utilità è quella di ingrassare le tasche dell'azienda, perché:
1) L'abbattimento delle eventuali zanzare è dimostrato essere solo temporaneo, già 24/48 ore dopo la situazione torna ad essere normale, quindi fare trattamenti 1-2 volte al mese a cosa dovrebbe servire?
2) Le zanzare non mi risulta che rispettino i confini del condominio, ed infatti io le vedo sempre svolazzare fuori dalla finestra a prescindere dalla disinfestazione.
3) I prodotti sono tossici e nocivi per noi, gli animali domestici e l'ambiente in generale.
Inoltre mi risulta che sia vietato utilizzare insetticidi su piante in fiore (e invece lo fanno), e anche l'orario mi sembra scorretto, perché alle 17 in estate il sole è ancora alto e gli impollinatori sono in piena attività. Quello che non so è se questi sono dei semplici regolamenti d'uso o delle vere e proprie leggi, e nel caso dove poterle visionare.
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
Scusate l'assenza, non mi erano apparse notifiche per questa discussione. Allora il trattamento è di routine ed eseguito da una ditta 1 o 2 volte al mese, la cosa che io sappia va avanti da parecchi anni quindi immagino sia stato deliberato ignorantemente in assemblea insieme ai normali interventi di manutenzione.
Il prodotto contiene sostanze nocive e di sospetta cancerogenicità anche per i mammiferi (e l'uomo), ovviamente hanno messo un foglio con il calendario dei trattamenti, anche se la gente non può mica chiudere sempre le finestre, per non parlare di quelli che devono prendere l'auto nei box e si beccano la pioggia velenosa :LOL:
Ma in realtà non è la pericolosità per gli altri condomini la mia preoccupazione maggiore, io voglio porre uno stop per via dell'impatto ambientale causato da questi trattamenti, la cui unica utilità è quella di ingrassare le tasche dell'azienda, perché:
1) L'abbattimento delle eventuali zanzare è dimostrato essere solo temporaneo, già 24/48 ore dopo la situazione torna ad essere normale, quindi fare trattamenti 1-2 volte al mese a cosa dovrebbe servire?
2) Le zanzare non mi risulta che rispettino i confini del condominio, ed infatti io le vedo sempre svolazzare fuori dalla finestra a prescindere dalla disinfestazione.
3) I prodotti sono tossici e nocivi per noi, gli animali domestici e l'ambiente in generale.
Inoltre mi risulta che sia vietato utilizzare insetticidi su piante in fiore (e invece lo fanno), e anche l'orario mi sembra scorretto, perché alle 17 in estate il sole è ancora alto e gli impollinatori sono in piena attività. Quello che non so è se questi sono dei semplici regolamenti d'uso o delle vere e proprie leggi, e nel caso dove poterle visionare.
Le normative riguardanti la sicurezza e che regolamentano "l'uso ed il consumo" di disinfestanti (qualsiasi siano) in luogo pubblicamente frequentato sono direttamente fatte ed imposte sulla base di leggi statali ed anche europee.

Per chi ne ha pazienza


A proposito dell'orario....Quando fare la disinfestazione ?
Qui sotto ci sarebbe un ordinanza comunale (sorpresina per @Icchy92 ...sorpresina !!!) veramente ad hoc....e anche altro a tal proposito. .spero che qualcosa possa esserti utile ...
 
Ultima modifica:

Icchy92

Guru Giardinauta
Ciao marco ti ringrazio per avermi avvisato! Avevo letto quell'avviso e infatti intendo segnalare il problema anche al comune, purtroppo c'è ancora molta ignoranza su questi trattamenti. Nel primo link non ho trovato linee guida per lo spargimento di questi prodotti, ma forse non so cercare bene, però potrei intanto far notare nel mio condominio che il comune gli interventi li fa di notte e noi no.
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
Ciao marco ti ringrazio per avermi avvisato! Avevo letto quell'avviso e infatti intendo segnalare il problema anche al comune, purtroppo c'è ancora molta ignoranza su questi trattamenti. Nel primo link non ho trovato linee guida per lo spargimento di questi prodotti, ma forse non so cercare bene, però potrei intanto far notare nel mio condominio che il comune gli interventi li fa di notte e noi no.
Il comune scrive COME "vanno fatti" ( tra le altre di notte) e come preavvisare ecc.
Dice anche nell''ordinanza che i vigili sono tra gli organi preposti e legittimati al controllo.

Mentre nel primo link vengono esplicitamente indicate quali sono i REQUISITI CHE DEVONO AVERE le ditte preposte alle disinfestazioni per essere legittimamente e regolarmente abilitate al lavoro e ANCHE A QUALI NORMATIVE A CUI DEVONO OTTEMPERARE sia loro, SIA ANCHE i loro addetti che materialmente le effettuano, anche se dipendenti..
 
Ultima modifica:
Alto