• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Gymnocalycium friedrichii LB 2178.

Mile

Florello Senior
guardando immagini varie su Pinterest mi é apparsa questa foto
b7e60e70a1e6c55a734c036544938087.jpg
Non fidandomi (a volte sui vari social o sui siti di vendita appaiono piante completamente inventate) mi sono messa alla ricerca... mi sembrava un gymno....
Sono poi approdata qua
E ho scoperto il nome e l'esistenza della pianta, bellissima! Per come é fatta e per come sono le spine, singole sulla costola!
Ora chiedo...
Qualche forumista possiede questa pianta? Se si può mettere una foto, magari anche con i fiori?
Grazie
 

cmr

Giardinauta Senior
Notare lo sfondo, in alto, della foto!
b7e60e70a1e6c55a734c036544938087.jpg

Molti anni fa beccarono in Messico un paio di giap che stavano piantando in habitat alcuni Astrophytum 'superkabuto'. Erano i primi anni di questa moda degli astro con disegni strani che oggi hanno invaso le collezioni. Bene, lo facevano perché avrebbero voluto dimostrare che non erano ibridi creati in serra ma piante naturali: scatti un po di foto, ci aggiungi un cartellino con dati di località e il prezzo va alle stelle...e molti avrebbero abboccato!
 

RobertoB

Maestro Giardinauta
prima di dare per scontata la truffa

Gymnocalycium friedrichii ha un areale frammentato in cui le varie popolazioni locali hanno caratteristiche peculiari Lb 2178 è un'accessione di una di queste popolazioni trovata da Ludwig bercht nel 2000 nel nord del Paraguay. L'intera popolazione presenta i caratteri della pianta in foto di @Mile .
Purtroppo non sono riuscito a trovare fotografie dell'accessione originale, ma la popolazione è stata studiata sul campo anche da Volker Schädlich, ed è stato prodotto nuovo materiale con un diverso field Number, ma caratteristiche pressoché identiche.

A pagina 11, 12 e 13 potete vedere alcune fotografie di esemplari di questa popolazione sia in natura che in coltivazione. A voi il confronto.

sinceramente non riesco a capire come mai il solito malvagio ibridatore nippothailandese si sia preso la briga di incrociarlo con i gymnocalycium Mihanovicii, per ottenere una pianta identica all'originale. Certo è possibile, ma perché mai, non è più ragionevole pensare che abbia propagato questa varietà per rivenderla sfruttando il fatto che è ancora rara e richiesta ad un prezzo elevato?
 
Ultima modifica:

Mile

Florello Senior
Forse non mi sono spiegata. Intendevo truffa la storia delľastrophitum.
Grazie per tutte le spiegazioni.
A me fa piacere che la pianta esista, in un modo o nell'altro, e non che sia di plastica. In fondo tantissime piante che compriamo sono ibridi, frutto di incroci vari....
 

RobertoB

Maestro Giardinauta
Scusa @Mile non avevo capito ti riferissi a quello.

Un po' di diffidenza verso i venditori ci sta sempre, aiuta ad evitare molte "fregature", ma non si può neanche dare per scontato siano tutti uguali.
A sentire certe campane sembra siano solo più in grado di produrre ibridi pasticciati di cui non sanno nemmeno loro l'origine, se poi sono orientali guai.

Sull'uso del field number per una pianta moltiplicata da seme si può giustamente discutere, ma dare per scontato che sia un ibrido........
 

Mile

Florello Senior
Niente di cui scusarsi. Grazie a te per tutte le info.
Come ho già detto sono solo un'appassionata, ma non conosco tantissime informazioni ad esse collegate. É da poco che ho scoperto cosa é il field number e tante cose devo ancora imparare....
 

Tchaddo

Maestro Giardinauta
Comunque tutta questa ostilità nei confronti dell'ibridazione non la capisco... Tutte le piante (e non solo) con cui abbiamo a che fare sono frutto di ibrido, che ci sia di mezzo la mano dell'uomo o meno. E il fatto di incrociare individui di specie diverse per ottenere nuovi individui in cui ci siano i caratteri di entrambi i genitori non mi sembra un intervento fuori natura. Anzi, se due piante sono ibridabili, prima o poi ci avrebbe pensato proprio la natura, l'uomo accelera solo i tempi.

Detto questo, altro discorso è dire che è una cosa che non è per poterla vendere a costi più alti... :mazza:

Da quando ho scoperto questa cosa dei field numbers mi piacerebbe andare in quei posti per portarmi via qualche polloncino di qua e di là... Non esiste un posto dove si può fare senza commettere reati ecologici?
 

cmr

Giardinauta Senior
non riesco a capire come mai il solito malvagio ibridatore nippothailandese si sia preso la briga di incrociarlo
Semplicemente perché da quelle parti, più o meno dagli anni '50, incrociano qualsiasi cosa; tant'è che nella maggior parte dei casi non trovi più in vendita le sp. di una pianta ma solamente incroci; non solo astrophytum ma haworthia, gymnocalycium, gasterie, dyckia, vivai specializzati con i colori dei fiori degli Adenium: le specie pure sembrano bandite a favore di esemplari particolari. E consideriamo che in una semina di Astrophytum 'superkabuto', su un centinaio di semi forse una decina di piante mostravano disegni ritenuti interessanti (V-type, ali di mosca, e baggianate varie): gli altri facevano la fine del topo per la legge del mercato.

se due piante sono ibridabili, prima o poi ci avrebbe pensato proprio la natura,
Non è proprio così. Prendi sempre il caso degli Astrophytum le cui varietà occupano areali ben distinti senza forme di transizione da una sp. all'altra o il caso delle Copiapoa cilene dove se in alcuni casi, tra un areale e l'altro di un specie, ci sono delle piante frutto dell'incrocio tra le due, in molti altri casi piante appartenenti a specie diverse convivono nel medesimo areale senza incrociarsi. Oppure considera tutte le succulente variegate, quelle dai mille colori e le mostruose: quante ne trovi in natura?

Non esiste un posto dove si può fare senza commettere reati ecologici?
No. Tutti i cactus e diverse altre piante oltre agli animali, sono protetti dalla Convenzione di Washington (CITES).

da poco che ho scoperto cosa é il field number e tante cose devo ancora imparare
Tempo fa misi giu due righe sui Field Numbers:
 

Stefano Sangiorgio

Guru Master Florello
Discussione interessantissima. Non sapevo che @Mile avesse anche il pallino della genetica...a me piacerebbe vedere le piante in natura...comunque è molto particolare questo gymno... sarà il suo futuro fidanzato ufficiale!!
 

RobertoB

Maestro Giardinauta
Concordo @cmr , ma il fatto che producano ibridi non significa che non siano in grado di produrre altro.

E concordo anche con il tuo discorso sul field Number, era esattamente quello che intendevo con
Sull'uso del field number per una pianta moltiplicata da seme si può giustamente discutere
Anche se comunque trovo sia utile a definire le caratteristiche fisiche o le esigenze ecologiche di una specie molto polimorfica o con areale molto vasto. Certo ammetto che inteso in questo modo, perde un po' il significato originario.

Tutte le piante (e non solo) con cui abbiamo a che fare sono frutto di ibrido
È l'esatto contrario, la speciazione in natura avviene proprio quando per qualche motivo viene interrotto il flusso genetico tra due popolazioni che in questo modo intraprendono cammini evolutivi diversi.
l'ibridazione in se non genera assolutamente nulla di nuovo, rimescola soltanto, anzi a lungo andare il risultato teorico finale di questo rimescolamento sarebbe l'uniformità genetica e la conseguente perdita di biodiversità.

ache a livello artificiale, quando ci illudiamo di aver creato qualcosa di nuovo, il suo mantenimento è vincolato al continuo impegno per mantenerlo segregato da flussi genici esterni che in poche generazioni cancellerebbero tutto.

quindi no, nulla contro natura, ma di sicuro un'impoverimento. Guarda cosa è successo in meno di un secolo con le piante coltivate a livello industriale. La totale cancellazione di migliaia di razze locali con un insito patrimonio di biodiversità inimmaginabile, e la contaminazione irrimediabile di moltissime altre migliaia.
certo per quel che riguarda i cactus ci sarebbe sempre la conservazione in situ di tutta questa ricchezza, ma anche quello non è certo in una botte di ferro.
non che io mi senta di salvare il mondo coltivando quella specie sia chiaro :ROFLMAO::ROFLMAO:, ma se il mercato spinge in quella direzione non si può escludere che molte specie o varietà scompaino dagli scaffali. E alcune si trovano solo più li.
 
Alto