1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Fra poco nasceranno....

Discussione in 'Funghi' iniziata da twifan, 8 Settembre 2019.

  1. twifan

    twifan Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    31 Agosto 2019
    Messaggi:
    43
    Località:
    Oristano
    I primi sono i più teneri e saporiti, di cosa stò parlando? ma di funghi ovviamente! Molti credono che il tempo di raccolta sia quando si interrano i bulbi di tulipano cioè ad ottobre invece dopo i primi acquazzoni di fine agosto molto velocemente nascono e si sviluppano. Non ci credete? Vi mostro delle foto dell'anno scorso scattate proprio ad agosto. Si tratta di funghi pioppini. Come di certo saprete volendo si possono coltivare anche a casa propria. Io l'ho fatto con buoni risultati sia di raccolta che di gusto (sapore identico a quelli selvatici) attraverso tronchetti inoculati da me. Fatemi sapere le vostre esperienze. Ciao IMG_20180831_150127.jpg IMG_20180831_150135.jpg IMG_20180831_145705.jpg
     
    A Dodi e Mile piace questo messaggio.
  2. pluteus

    pluteus Esperto di piante spontanee

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    9.041
    Località:
    Novara
    [​IMG]


    Pioppini coltivati per pochi £ te li compri in rete, ti arriva a casa a mezzo corriere un pane da 5 lt. di micelio inoculato e certificato tutto l'anno e,
    se hai le condizioni climatiche giuste li fai crescere anche a febbraio o a marzo, infatti sono bianchicci, saranno anche buoni, ma vuoi mettere la soddisfzione di
    trovarteli in un boschetto in riva a un fiume? sono anche di un altro colore, con un altro profumo, sono talmente belli da sembrare finti....

    Quest'anno poi, forse grazie al global warming, ci sono state copiose raccolte di porcini e di pioppini (Pholiota aegerita) già a maggio

    Pioppini nostri [​IMG]

    e l'autunno si preannuncia già come uno da records mai sentiti e mai raggiunti in passato per quanto riguarda i funghi
    di ogni tipo e razza....
    Quindi fungaroli assatanati state in campana, scarponi e zaini pronti che è già ora.....:D:ciao:
     
    A Dodi e monikk64 piace questo messaggio.
  3. monikk64

    monikk64 Apprendista Florello

    Registrato:
    1 Agosto 2009
    Messaggi:
    4.979
    Località:
    cuneo
    Località:
    Borgo San Dalmazzo CN
    Che gioia mi dai, @pluteus!
    Qui da me si sente vociferare di gran bella stagione, ma finora non ho avuto riscontri pratici...
    Ma se lo dici anche tu.... vado ad allertare i "miei" fungaioli di fiducia!
    Prima persona niente, per mancanza di tempo e.... incapacità congenita:( i funghi non li vedo, ci cammino sopra, magari, ma non riesco a vederli!!!!
    È disperante! Mi consolo comprandoli..... :)
    :ciao: :ciao: :ciao:
     
    A pluteus piace questo elemento.
  4. twifan

    twifan Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    31 Agosto 2019
    Messaggi:
    43
    Località:
    Oristano
    Tu parli di pioppini nati da ballette, scusa ma sono una vera porcheria! Sai come vengono fatti ? con letame di cavallo paglia e micelio.
     
  5. twifan

    twifan Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    31 Agosto 2019
    Messaggi:
    43
    Località:
    Oristano
    Io ho in cantina tronchetti di pioppo inoculati: quando vado in cantina ad ottobre/novembre è come se andassi in campagna a raccoglierli tra i pioppi. Il gusto è identico solo il colore è più chiaro. Se volete anche voi una fungaia in casa vi spiego come fare: procuratevi per prima cosa tronchetti alti 45 cm circa e larghi circa 25-30 cm, che siano freschi tagliati da poco e che siano di pioppo (da risultati migliori) non abete o piante da frutto. Immergete in un catino colmo d'acqua per 24 ore i tronchi con sopra un mattone. Il giorno dopo prendete un trapano (ci vuole la punta per legno) e fate dei buchi nella corteccia mantenendo una distanza minima di 15-20 cm tra un buco e l'altro e inserite i tasselli col micelio: assolutamente no a micelio fresco liquido o i semi perchè c'è il pericolo che il micelio venga divorato dalle lumache o che si contamini. L'inserimento va effettuato con l'aiuto di un martellino, il prodotto deve rimanere all'interno ben a contatto col legno quindi niente buchi troppo larghi o poco in profondità, fatto questo chiudete il buco con cera a caldo in modo da non lasciare passare aria o insetti e mettete i tronchi in buste di plastica nere buccherellate. Togliete le buste dopo 4-5 mesi vedrete che il tronco si è ricoperto di una muffa bianca ora con uno spruzzino irorate d'acqua finchè non nascono i funghi. C'è bisogno di molta umidità perciò la cantina è il luogo ideale, i tronchi possono produrre anche per 4 anni di fila poi si esauriscono. Io coltivo le orecchie di elefante e i pioppini. Spero che sia stato d'aiuto per chi volesse cimentarsi in questa pratica. Ciao
     
    A Dodi e Kevin17 piace questo messaggio.
  6. monikk64

    monikk64 Apprendista Florello

    Registrato:
    1 Agosto 2009
    Messaggi:
    4.979
    Località:
    cuneo
    Località:
    Borgo San Dalmazzo CN
    Molto interessante, grazie!!!!!!!!!
     
    A Dodi e twifan piace questo messaggio.
  7. pluteus

    pluteus Esperto di piante spontanee

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    9.041
    Località:
    Novara
    Io abito in condominio in centro al 3° piano, la mia cantina d'inverno è più calda del mio appartamento, mi va in malora anche il vino quindi ho dovuto smettere di tenercelo,
    quindi coltivare funghi nella mia cantina non è possibile, d'altronde abitando qui in centro della zona più risicola d'Italia, circondato da risaie a da pioppeti coltivati e non,
    figurati se ho bisogno di coltivare i pioppini, da noi vengono già nel parco attorno al cimitero principale cittadino, in quantità industriali, ma nessuno li raccoglie, chissà perchè....

    Ad ogni modo vi lascio qui una ricettina facile facile, a me piace molto, ai miei amici pure, poi vedete voi....:D

    Pioppini sottolio

    [​IMG]

    Ingrdienti per una alborella da 2 lt.



    1. Prendete i grappoli di funghi pioppini e con un coltello a lama con punta, tagliate tutti i funghi dalla radice .
    Lavate sotto acqua fredda i funghi e tamponateli con uno strofinaccio. In una pentola capiente andate ad unire l’acqua fredda
    e l'aceto di vino bianco insieme al sale. Portare il composto a bollore.


    2. Non appena i liquidi bolliranno, versate in pentola i funghi circa 12 minuti di cottura dalla ripresa del bollore. Trascorso il tempo accertatevi
    che siano cotti e con una schiumarola andate a scolarli e ad adagiarli in un colapasta.
    Una volta pronti e scolati, lasciateli riposare una notte stesi su di uno strofinaccio pulito e coperti con un altro panno.

    3. Trascorsa la notta passate all’invaso. Dentro dei vasetti di vetro già sterilizzati, create un fondo con del timo fresco, pepe nero in grani e dell’alloro
    ben essiccato quindi versate i funghi arrivando fino a metà vaso, dove andrete di nuovo a mettere l’alloro, il pepe ed il timo quindi continuate fino ad
    arrivare al collo e qui mettete nuovamente gli aromi, ma posizionate la foglia di alloro come a formare un arco sopra i funghi, questo farà in modo che
    rimangano ben schiacciati nel vaso sotto l’olio che li conserverà. A questo punto riempite i vasi di olio di semi di girasole, eliminate eventuale bolle d’aria
    e rabboccate nuovamente l’olio, adesso chiudete i vasi e conservateli in un luogo buio e fresco.
    Trucchi e consigli
    – Lasciate riposare i funghi un paio di settimane prima di consumarli, così che tutti i sapori possano amalgamarsi ed esaltarsi tra loro.

    – Per asciugare i funghi utilizzate strofinacci di stoffa o di lino che li asciugheranno senza il rischio di lasciare pelucchi.

    – Per la cottura dei funghi utilizzate sempre lo stesso liquido di ebollizione.

    – La quantità di sale è di circa un cucchiaio ben colmo, in ogni caso, assaggiando il liquido, lo stesso dovrà risultare al palato parecchio salato.


    Con questa stessa ricetta si possono conservare eventualmente anche i funghi prataioli (Agaricus bisporus) e i funghi chiodini (Armillaria mellea) ma per
    questi ultimi raddoppiando il quantitativo di aceto e sostituendo il Timo con della Maggiorana fresca o essicata.
    :ciao:
     
    A Dodi e monikk64 piace questo messaggio.
  8. monikk64

    monikk64 Apprendista Florello

    Registrato:
    1 Agosto 2009
    Messaggi:
    4.979
    Località:
    cuneo
    Località:
    Borgo San Dalmazzo CN
  9. twifan

    twifan Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    31 Agosto 2019
    Messaggi:
    43
    Località:
    Oristano
    Questa ricetta noi la usiamo per i soli funghi prataioli, hai fatto bene a metterla sul sito posso assicurare tutti che sono deliziosi! rimangono morbidi, stuzzicano l'appetito e si abinano bene ai salumi. Per quanto riguarda il tuo dubbio sul perchè i pioppini nessuno li raccoglie è perchè non li conoscono ed è meglio così: sulla stessa pianta di pioppo crescono anche funghi che gli assomigliano ma sono nocivi. Io vado da solo a raccogliere funghi da circa tre anni prima andavo con mio padre che mi ha mostrato tutti i segreti e le piante produttive. Il pioppino poi a seconda della crescita cambia d'aspetto: la cappella da nera o marron scuro diventa color caffèlatte per poi diventare molto grande e bianca. Altro aspetto importante è che andrebbero raccolti da ora in poi e non in primavera perchè vengono attaccati dai vermi e dalle lumache.
     
    A Dodi e monikk64 piace questo messaggio.
  10. monikk64

    monikk64 Apprendista Florello

    Registrato:
    1 Agosto 2009
    Messaggi:
    4.979
    Località:
    cuneo
    Località:
    Borgo San Dalmazzo CN
    Ma se si coltivano in cantina, potrebbero anche nascere quelli nocivi???? O si è assolutamente certi che siano tutti buoni?
     
  11. pluteus

    pluteus Esperto di piante spontanee

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    9.041
    Località:
    Novara
    La tua sindrome è molto più comune da quello che pensi, ha un preciso nome scientifico che al momento non ricordo,
    alcuni miei conoscenti mi chiedono di portarli con me per funghi, e, sebbene con molta riluttanza, qualche volta ho acconsentito
    che mi accompagnassero in qualche mia "zingarata" per funghi in stagioni particolarmente feconde pressocchè dovunque.
    Le famose stagioni dove nei boschi "si cammina sui funghi" Questi tali pur trovandosi circondati da funghi erano incapaci di vederli
    la loro retina era incapace di metterli a fuoco , io li osservavo allibito mentre magari calpestavano degli splendidi esemplari
    senza poterli vedere, se me l'avessero raccontato non ci avrei creduto. Alla fine si mettevano a raccogliere le castagne, che, malgrado ffossero molto più
    piccole, quelle le vedevano benissimo! Uno dei misteri dell'organismo umano....:D
    Quindi Monikk non te la prendere, non è colpa tua, sei solo nata "difettosa" e devi fartene una ragione, d'altronde dovendoli comperare i Pioppini te la cavi con poco,
    Li vendono alla Coop quasi 12 mesi all'anno, sono molto meno profumati ma a seconda di come li cucini, possono venire buonissimi lo stesso!:D
    Ciaooo:ciao:
     
    A Dodi piace questo elemento.
  12. twifan

    twifan Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    31 Agosto 2019
    Messaggi:
    43
    Località:
    Oristano
    In natura ci sono diversi tipi di micelio (parassita della pianta di cui si nutre) ad ognuno corrisponde un determinato fungo che può essere commestibile o no. Tu immetti nel tronco il micelio del fungo per esempio orecchie di elefante e ti nasce esattamente quello e non pioppini o altro. Questo succede se la procedura è stata fatta correttamente senza contaminare il tronco: la muffa deve essere bianca e non verde o nera.
     
    A Dodi e monikk64 piace questo messaggio.
  13. pluteus

    pluteus Esperto di piante spontanee

    Registrato:
    25 Ottobre 2007
    Messaggi:
    9.041
    Località:
    Novara
    Assolutamente no, è impossibile, dal micelio inoculato di Pholiota aegerita, il Pioppino, possono nascere solo Pioppini, se il micelio è di un'altra specie
    nasceranno solo funghi di quella specie e non di un'altra. Questi miceli fungini già inoculati e certificati che si comprano ormai da un qualsiasi fiorista, almeno qui da noi,
    sono assolutamente sicuri nascono da substrati sterilizzati e inoculati con miceli che sono non ricettivi per spore di altre specie fungine diverse da quelle inoculate.
    Quindi si può stare super sicuri e super garantiti che i funghi che nasceranno saranno unicamente della specie dichiarata sulla confezione.
    Su E-Bay vendono anche solo le spore dei funghi per gli amanti del fai da te, ma in quel caso la prearazione del micelio diventa una cosa lunga e complicata
    con molte probabilità di insuccesso, mentre in qualsiasi garden center vendono delle zolle di micelio già trattate pronte all'uso, facilissime da coltivare
    e che garantiscono raccolti quasi immediati dopo pochi giorni dall'acquisto.:ciao:
     
    A Dodi e monikk64 piace questo messaggio.
  14. twifan

    twifan Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    31 Agosto 2019
    Messaggi:
    43
    Località:
    Oristano
    P.S. Per essere più chiaro il micelio è la spora, il seme da cui nasce il fungo. Comunque evitate di raccogliere funghi se non li conoscete: se siete in dubbio non li raccogliete, ogni tanto leggo sul giornale di gente che viene ricoverata per ingestione di funghi o erbe scambiate per cicorie: l'anno scorso dalle mie parti un uomo aveva le allucinazioni scambiando l'infermiera che gli doveva fare la lavanda gastrica per una fata!
     
    A Dodi e monikk64 piace questo messaggio.
  15. monikk64

    monikk64 Apprendista Florello

    Registrato:
    1 Agosto 2009
    Messaggi:
    4.979
    Località:
    cuneo
    Località:
    Borgo San Dalmazzo CN
    Sono figlia di un medico che in 40 anni di ospedale ha visto tanti di quegli avvelenamenti da funghi da proibirci di mangiarli se non erano porcini e se non avevano il timbro dell' Ufficio d' Igiene di Torino, dove sono nata e cresciuta...
    Per questo vi chiedevo... mi è rimasto lo spavento di tutto quel che ci ha sempre raccontato lui.....
    Se anche riuscissi a trovar funghi ( e non ci riesco:() non credo che riuscirei ad assaggiarli... il terrorismo psicologico dell'infanzia non te lo togli di dosso con facilità.... :)

    Grazie a entrambi per le preziose informazioni! :bacio:
     

Condividi questa Pagina