• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Vendita diserbanti

CasperA

Aspirante Giardinauta
Di fungicidi e insetticidi di sintesi autorizzati (dati 2021) su tappeti erbosi a livello amatoriale non mi risulta che ce ne siano, e a livello professionale (=patentino) sono ormai molto pochi; tra i primi: tebuconazolo, difenoconazolo, fludioxonil, tra i secondi: demetrina, teflutrin. Contro le malattie fungine esistono in alternativa prodotti microbiologici a base di Trichoderma spp. e altri inclusi nella categoria biostimolanti o ammendanti.

Riguardo i diserbanti sono autorizzati: in pre-emergenza pendimentalin contro infestanti in generale, in post-emergenza fenoxaprop come graminicida infestanti macroterme, sempre in post-emergenza, mecotop+dicamba, fluroxipir+clopiralid (+florasurame) e un mix 2,4D+dicamba+MCPA+mecoprop contro infestanti a foglia larga.

Posso aggiungere che a seguito di diversi post apparsi ultimamente su questa sezione circa presunti attacchi fungini ho avuto modo di contattare agronomi professionisti che mi hanno confermato che l'orientamento nella conduzione/difesa dei tappeti erbosi si basa ormai sempre meno su prodotti di sintesi ma sul miglioramento genetico e sulla scelta varietale in rapporto alla situazione pedo-climatica, su sistemi di gestione complessiva del manto (lavorazioni specifiche, concimazioni, ammendanti, biochar etc.). Sotto il profilo specificatamente fitopatologico sono in fase di sperimentazione di laboratorio sostanze di origine naturale (es. acido poacico per il controllo del dollar spot (*)) e in ambiente controllato i compost repressivi (allego foto scattata tempo fa nelle serre di AgroInnova-Università di Torino sempre per controllo di dollar spot).

prove di lotta sclerotinia sp. (prato).JPG


(*) Il patogeno del dollar spot (ex- Sclerotinia homeocarpa) è stato recentemente riclassificato Clarireedia jacksonii
 
Alto