Trattamenti del periodo su pesco e ciliegio

Discussione in 'Orto e frutteto' iniziata da passion, 9 Marzo 2008.

  1. passion

    passion Giardinauta Senior

    Registrato:
    28 Febbraio 2007
    Messaggi:
    1.087
    Località:
    prov. Frosinone
    Ho delle piante adulte di pesco, per l'esattezza hanno 20 anni, adesso ho potato i peschi, per i ciliegi, che sono giovani di un anno, sò che non vanno potati, vorrei sapere quali sono i trattamenti da effettuare in questo periodo, di norma effettuo dei trattamenti con poltiglia bordolese alla schiusura delle gemme, ma ho visto che con la bolla del pesco non funzionano neanche i trattamenti preventivi, anche se devo dire che a fine maggio la bolla scompare e la pianta porta abbondanza di frutti,tanto che devo eliminarne molti, altro discorso per il ciliegio che s'ammala di corineo, non riesco a trovare dei trattamenti che impediscano la proliferazione della malattia, quindi le foglie si ammalano e poi cadono e la pianta rimane spoglia, essendo piante giovani, ho il dubbio che l'eccessivo calore estivo e lo spogliamento le destini a seccarsi :confuso: Grazie per i consigli :Saluto:
     
  2. Alessandro2005

    Alessandro2005 Esperto in Fitopatologie

    Registrato:
    26 Settembre 2005
    Messaggi:
    3.445
    Località:
    Provincia Torino. Per giardinaggio anche Bordigher
    A titolo preventivo si effettuano al bruno i classici due trattamenti a 80% caduta foglie e a gemme rigonfie (se si è omesso il primo intervento conviene eseguire un trattamento sostitutivo subito dopo la potatura): il trattamento nella fase fenologica di gemme rigonfie è più efficace che a gemme ferme, ma con le cautele del caso soprattutto se si usa rame verso il quale, come è noto, il pesco è particolarmente sensibile.
    Ove questi trattamenti non fossero sufficienti, si può ancora intervenire nella fase di sfioritura-scamiciatura con ziram o tiram (se hai il patentino) oppure con prodotti a base di bitertanolo in miscela con ditianon o dodina (es. Proclaim Combi della Bayer che è un coformulato bitertanolo-dodina).
    La lotta al corineo va di pari passo con quella contro la bolla.
     

Condividi questa Pagina