• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Strelitzia:che malattia ha??? :(

FrancescaFra

Aspirante Giardinauta
Ciao a tutti, la mia strelitzia nicolai è sempre stata benissimo, ma da una settimana ha cominciato a mostrare delle macchiette marroni su alcune foglie, che poi si sono espanse sempre di piu, prima di scrivere ho cercato un po delle varie discussioni se qualcuno avesse posto la mia stessa domanda con le mie stesse caratteristiche, ma niente che mi convinca del tutto.... premetto che:
l ho sempre tenuta in casa, (l ho messa fuori ora per una foto piu chiara), annaffiata di rado ma generosamente finche l acqua non usciva dal vaso e non ha mai fatto ristagni nel sottovaso, ha prodotto almeno 4 foglie nuove ultimamente, anche una adesso ma che sta srotolando molto lentamente negli ultimi giorni.
Non l ho mai svasata perche il vivaio mi ha detto che stava bene cosi fino alla prossima primavera. I primi 6\7 cm di terriccio sono asciutti, vicino alle radici la sento ancora umida, per cui ultimamente non l ho annaffiata. Cercando un po su internet dalle foto di altri utenti, sembra corrispondere a qualche batterio o marciume radicale, ma mi pare molto difficile perchè l ho annaffiata veramente abbondante si, ma di rado e soprattutto senza creare ristagni... altre idee??
aiutatemi per favore, mi piace cosi tanto questa pianta!! Si stanno rovinando oltretutto le foglie piu belle e giovani... :cry: Vi allego le foto (n.b. nella seconda, la foglia stondata in basso a destra, era già cosi quando l acquistai!)
Grazie in anticipo!
stre.jpg strel.jpg 20210621_163252.jpg 20210621_163306.jpg
 
Ultima modifica di un moderatore:

Amy

Guru Giardinauta
Io faccio una ipotesi: la terra è troppo compatta, torbosa e trattiene più acqua di quella necessaria alla pianta.
Al vivaio andava bene perchè era seguita diversamente (forse faceva più caldo?), a casa le condizioni sono ambiate e la terra asciuga più lentamente lasciando le radici bagnate più a lungo di quello che la pianta gradisca.
C'è un leggero alone giallo nella 2° foto che potrebbe indicare un qualche fungo quindi mancanza di ventilazione.
Se quello che ho pensato fosse corretto potrebbe trarre giovamento dallo stare all'aperto, magari non al sole dato che la pianta non è abituata.
Non so se sia opportuno un travaso ... per ora mi sembra che non sia in grossa difficoltà e quindi lo eviterei dato che fa caldo.

Chiamo @sasiks e @Stefano-34666 perché più bravi di me.
ciao
 

sasiks

Giardinauta
Chiamo @sasiks e @Stefano-34666 perché più bravi di me.
Sono lusingata, ma esperta non sono per niente... Faccio di quei disastri... :cautious:

Sarà un problema da cellulare, ma io nelle foto vedo giusto una foglia in alto con il bordo giallo, le altre sembrano stare benone.
Personalmente proverei solo a darle tantissima luce tenendola all'aperto perché di base, non è una pianta da interno, e darei sempre un'occhiata con la lente di ingrandimento sotto la foglia: un paio di piante me le sono giocate perché non avevo notato i tripidi (i primi sintomi sono stati proprio i bordi gialli).
 

FrancescaFra

Aspirante Giardinauta
Ciao grazie per avermi risposto! 20210625_110915.jpg C è un aggiornamento purtroppo, nel frattempo per assicurarmi che le radici fossero in buono stato ho avuto la brillante iniziativa di toglierla dal vaso e tolto un po di terra per guardare le radici appunto, già mentre facevo questa operazione ho notato che molte foglie si stavano arricciando. Non ho cambiato terra o vaso per disturbarla il meno che potevo, e oltretutto le radici mi sembrano star bene. In oltre una foglia giovane, la più grande, da quel momento ha iniziato a pendere tipo parabola allego foto dove potete vedere entrambe le cose. Lw foglie sono tutt'ora ancora arricciate
Ho peggiorato ancora di più la situazione.... non ho notato insetti se non parecchi centopiedi (penso si chiamino) ho cercato su internet ma ho letto essere non dannosi. Adesso non so se tenerla dentro o lasciarla fuori in modo che prenda sicuramente più luce
 

Amy

Guru Giardinauta
Sono lusingata, ma esperta non sono per niente... Faccio di quei disastri...
ciao sasiks, benvenuta nel mio mondo.

ciao Francesca, se le radici stanno bene e non ci sono parassiti sulle foglie non ti preoccupare.
La pianta ha arrotolato alcune foglie per dirti che non è stata contenta del fatto che sei andata a toccare le radici; ma tu non hai rotto tutto il pane di terra, l'hai controllata solo nella parte più esterna, non le hai fatto un grosso danno; le ci vorrà un pò di tempo per rimettersi a posto.
Lasciala pure fuori, per ora all'ombra almeno nelle ore centrali perchè non è abituata al sole, controlla più spesso l'umidità del terreno perché all'esterno si asciuga prima, se noti qualche altra macchia potrebbe trattarsi di una bruciatura da sole.
I bordi neri di alcune foglie li puoi lasciare lì oppure li puoi rifilare con forbici disinfettate con alcool SENZA toccare la parte verde della foglia.
Quando cambierai la terra la prossima primavera utilizza una miscela arricchita con inerti (sassetti, pomice, lapillo, ...) in modo che il terriccio sia più drenante.
 

FrancescaFra

Aspirante Giardinauta
Grazie mille per le informazioni! E la foglia che sta facendo una parabola tremenda secondo voi riuscirà a tornare bella dritta come prima? Capisco che è la più grande e pesante ma è anche la più bella!! È sempre stata dritta col gambo turgido fino a che l ho tolta dal vaso...
 

Amy

Guru Giardinauta
Le serve tempo ... prima di tutto deve riparare le radici e un poco per volta si occuperà delle foglie.
Non ho dubbi che tornerà a posto, magari anche un po' più bella perché lo stare all'esterno le farà bene e le permetterà di accumulare risorse per l'inverno.
 

tendaggio

Aspirante Giardinauta
Portala all’aperto e rinvasala,la pianta e’ in deperimento totale ,in estate le piante vanno portate all’esterno
 

Amy

Guru Giardinauta
@Stefano-34666 ci dai una tua opinione?
la pianta va rinvasata ora o può aspettare la prossima primavera?
Io non sono brava con le piante e potrei aver dato suggerimenti sbagliati.
Ci tengo molto a tua correzione.
Grazie
 

sasiks

Giardinauta
Portala all’aperto e rinvasala,la pianta e’ in deperimento totale ,in estate le piante vanno portate all’esterno
Deperimento totale? Sulla base di cosa lo affermi? E a cosa servirebbe il rinvaso (a parte stressarla ulteriormente)?

, nel frattempo per assicurarmi che le radici fossero in buono stato ho avuto la brillante iniziativa di toglierla dal vaso e tolto un po di terra per guardare le radici
Hai toccato le radici per vedere se erano turgide?
Se non ricordo male la strelitzia ha radici bianche, erano di quel colore?
 

Stefano-34666

Master Florello
Ciao,

dico la mia.
La pianta non ha assolutamente nulla.
E' una pianta vera e, di conseguenza, dimostra i suoi disagi nell'unico modo che conosce, avvisando con le foglie.
Il vaso è sufficiente e non è ora il momento di svasare (si svasa in primavera, adesso fa troppo caldo).

Tieni la pianta all'aperto, in una posizione in cui riceva sole al mattino presto o dal tardo pomeriggio.
Bagna come hai fatto fin ora ma tieni il terreno più controllato (all'aperto ed al caldo la terra asciuga più in fretta).

Dalle tempo perché si riprenda dal mezzo travaso e dal cambio di ambiente.
Alla luce, aria e caldo la pianta si riprenderà in modo vigoroso (anche se, per ora, ha veramente poco da cui doversi riprendere).

Ste
 
  • Like
Reactions: Amy

tortilio

Aspirante Giardinauta
Data l'assimilabilità della questione, mi aggiungo qui anziché assecondare la proliferazione di discussioni sull'argomento (!).

Anch'io in possesso di una stimabile Strelitzia Nicolai, acquistata lo scorso autunno (Ikea) e prontamente posizionata in un vano scale decentemente illuminato, con temperature invernali intorno ai 15°, e la riscontrata tendenza a mantenere i terricci umidi piuttosto a lungo (non solo durante la stagione fredda). Ed ivi è rimasta - senza estasi ma nemmeno lampanti insofferenze (giusto qualche foglia un po' mogia ed arricciata) - fino alla primavera, momento del programmato rinvaso (da plastica a terracotta, di poco più grande).

Essendosi nel frattempo annerita la punta di una grande foglia (brividi...), ed avendo in fase di travaso avvistato dei puntini bianchi sulla parete esterna del pane di terra, ho contestualmente provveduto ad una serie di trattamenti salutari (non dissimilmente da quanto fatto a beneficio di un'altra pianta dello stesso vano scale e di uguale provenienza): 2-3 applicazioni ripetute di fungicida sistemico spray (Duaxo PPO per assorbimento fogliare), innaffiatura con aggiunta di acqua ossigenata, rinnovamento della terra con una miscela estremamente drenante (inerti, perlite, sabbia, etc.), un po' di tempo regalatole all'aperto.
Una volta riposizionata nel vano scale (in cui in estate le temperature raggiungono i 25° circa) non si può dire che sia entrata in stato trionfale, ma assieme a qualche 'acciacco' - parliamo sempre e solo di lievi arricciamenti alle foglie - avevano timidamente iniziato a svilupparsi i nuovi steli/fusti (o qualunque sia il giusto termine per essi)... fino a che, dopo una buona innaffiatura, nel giro di un paio di giorni si è repentinamente ridotta in questo stato:

Strelitzia Nicolai 01.jpg
Strelitzia Nicolai 02.jpg
Strelitzia Nicolai 03.jpg
Strelitzia Nicolai 04.jpg

Le macchie o parti secche delle foglie visibili in foto le farei risalire al periodo pre-travaso (purtroppo non ho foto antecedenti), ma il vistosissimo abbacchiamento dei fusti e l'analogo arricciamento delle foglie si è manifestato praticamente dall'oggi al domani.
Ultimamente la avevo sempre annaffiata di rado (ogni due settimane circa) e previa controllo del terreno. Il fattaccio risale più o meno a tre settimane fa, dopo un paio ho provato a ridare un po' d'acqua per vedere se gradisse, ma così non mi è parso. Ho tardivamente appreso come la pianta vada in riposo vegetativo proprio in questo periodo, ma la quantità d'acqua somministratale non mi sarebbe comunque sembrata tale da crearle problemi, soprattutto non di simile entità.
Che fare a questo punto?

[Grazie]
 

tortilio

Aspirante Giardinauta
Questa cosa del “riposo vegetativo” in estate di questa pianta, non l’ho mai capita….
Credo sia un retaggio "genetico" per il fatto di originare dal Sud Africa: l'estremità dell'emisfero australe, dove le stagioni sono invertite rispetto a noi.

Nessuno saprebbe darmi qualche indicazione di soccorso?
La pianta mi appare tra lo stabile ed in lieve peggioramento. Ieri ho provato a ridarle un po' d'acqua (dopo circa tre settimane di digiuno), ma senza registrare il minimo segnale positivo.
 

Amy

Guru Giardinauta
Non saprei aiutarti.
Ho solo notato che il vano scale non è 'decentemente illuminato' per una pianta che, in natura, vive in pieno sole.
Se c'è poca luce c'è anche poca attività vegetativa della pianta e poca richiesta di acqua.
La poca acqua che le hai dato potrebbe aver tenuto bagnate a lungo le radici oppure proprio per il fatto che è poca magari le radici sono seccate.
Insomma, io darei un'occhiata al pane di terra e alle radici. Ma prima di toccare una pianta in sofferenza aspetta il parere di un esperto.
@Stefano-34666 e @sasiks sono già intervenuti in questa discussione.

Le palline bianche che hai notato sul terriccio potrebbero essere fertilizzante o perlite o qualche altro inerte. Può darsi che tu le abbia dato veleni vari per nulla.

Credo sia un retaggio "genetico" per il fatto di originare dal Sud Africa: l'estremità dell'emisfero australe, dove le stagioni sono invertite rispetto a noi.

Non credo che una pianta nata in Italia possa mantenere il ricordo genetico che al paese di origine ora è inverno.
Ma nemmeno se fosse nata in sud africa: dopo un periodo di adattamento si adeguerebbe al ritmo climatico del paese in cui si trova.
 

Greenpower00

Aspirante Giardinauta
La questione è che in molti ripetono “a pappagallo” che questo è un periodo di riposo vegetativo per la pianta. Potrà essere vero, ma solo per quelle che si trovano nell’emisfero australe….
 
  • Like
Reactions: Amy

tortilio

Aspirante Giardinauta
Non saprei aiutarti.
Ho solo notato che il vano scale non è 'decentemente illuminato' per una pianta che, in natura, vive in pieno sole.
Grazie comunque per il tentativo. Mi rendo conto che il vano scale non sia proprio un eden per la strelitzia, ma non disperavo di poterle chiedere un decoroso compromesso tra estasi e disgrazia!

Ma prima di toccare una pianta in sofferenza aspetta il parere di un esperto.
@Stefano-34666 e @sasiks sono già intervenuti in questa discussione
Attendo allora volentieri e con viva speranza altri pareri (essendomi accodato a questa discussione, le risposte precedenti temo possano non essere esattamente calzanti al caso e ai travagli del mio esemplare).

Le palline bianche che hai notato sul terriccio potrebbero essere fertilizzante o perlite o qualche altro inerte. Può darsi che tu le abbia dato veleni vari per nulla.
Non ne avevo scattate foto, ma erano tali e quali a quelli trovati attorno ad una monstera (stesso vano scale e stessa provenienza Ikea), visibili in questo altro post. Credo davvero si trattasse di qualcosa di natura insalubre. Per prudenza, in ogni caso, tendo sempre ad andare con la mano leggera nelle dosi quando somministro "pozioni" di sorta.


Nel caso poi non stesse effettivamente attraversando il periodo di riposo vegetativo, tanto meglio, direi.
 

Amy

Guru Giardinauta
Una pianta al buio sta morendo di fame, è ovvio che sta male.
Le piante utilizzano la luce per trasformare i nutrienti e l'acqua in glucosio da utilizzare per vivere.
Un metodo pratico per renderci conto di quanta luce arrivi alla pianta è mettere la nostra testa all'altezza delle foglie e vedere quanto cielo 'vede' la pianta stessa. La luce diminuisce in maniera esponenziale man mano ti allontani dalla finestra.

Ho visto i pallini bianchi: sono concentrati vicino alle radici e mi danno tanto l'idea di essere micorrize, piccoli funghi (avevi ragione e torto contemporaneamente) che lavorano in simbiosi con la pianta favorendone lo sviluppo radicale.
1657996836125.png
Ovviamente non sono sicura di quello che scrivo.
In ogni caso ho trovato quei pallini in ogni pianta acquistata al vivaio (pochissime) e non hanno mai fatto danni.
 

tortilio

Aspirante Giardinauta
Ho visto i pallini bianchi: sono concentrati vicino alle radici e mi danno tanto l'idea di essere micorrize, piccoli funghi (avevi ragione e torto contemporaneamente) che lavorano in simbiosi con la pianta favorendone lo sviluppo radicale.
Ok, mi sollevo allora e allo stesso tempo non lo faccio. Mentre credo a questo punto che per certo solleverò anche la pianta, spostandola in un ambiente più luminoso per vedere se mostrasse qualche segno di gratitudine. Sospetto che costituisca l'intervento meno invasivo, ed in un contesto dove un qualche intervento appare sempre più una necessità.

Durante l'inverno, e nonostante la congiunturale diminuzione di luce, la pianta non sembrava aver risentito particolarmente del vano scale, ma forse il lungo andare l'avrà fatta ribellare, nonostante la sopraggiunta più favorevole stagione.

Mi impegno a rilasciare futuri aggiornamenti, e rimango naturalmente spalancato a qualsiasi ulteriore suggerimento...
 
  • Like
Reactions: Amy
Alto