• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Recupero di orchidee in peggioramento da settimane

Rossella2484

Aspirante Giardinauta
Buongiorno a tutti,
ho ricevuto per Natale 4 orchidee phalaenopsis che sembravano in ottimo stato: grandi foglie verdi e turgide e molti boccioli. Dopo una settimana mi sono accorta che i boccioli stavano ingiallendo e molte radici sembravano non sane così ho provveduto a svasarle e togliere tutto il marcio/secco ma non si sono mai riprese e hanno continuato a peggiorare. Settimana scorsa ho quindi deciso di "partire da zero" svasandole nuovamente, ripulendole in modo ancora più meticoloso, comprando del bark completamente nuovo per sostituire l'attuale... così dopo aver disinfettato i tagli con della cannella e lasciate asciugare mezza giornata, le ho rinvasate nel bark nuovo. Oggi però mi accorgo che tutte e 4 presentano muffa sulle poche radici rimaste (che a questo punto sono marcite altrettanto, lasciando le orchidee completamente senza radici o con pochi "monconi") e il colletto è diventano nero. A questo punto sono disperata e non so più cosa fare
icon_cry.gif
...Queste sono le mie prime orchidee. C'è ancora qualche speranza secondo voi? Di seguito alcune foto (le orchidee le vedete sul pavimento giusto per fare delle foto alla luce).
Come info aggiuntiva, se può essere utile, vivo in una città con un clima molto secco in inverno ed in casa (anche con umidificatore) non arriviamo oltre al 30% di umidità. Vivo in un appartamento (senza balconi/terrazzi) e ho delle grandi finestre che affacciando a sud con luce quindi da mattina fino a tardo pomeriggio.
Grazie mille per ogni possibile suggerimento.
 

Allegati

  • orchidea 1.jpg
    orchidea 1.jpg
    71,3 KB · Visite: 29
  • orchidea 2.jpg
    orchidea 2.jpg
    106,5 KB · Visite: 29
  • orchidea 3.jpg
    orchidea 3.jpg
    109,3 KB · Visite: 26

JessOrchidLover

Giardinauta
Io il nero di cui parlavi non lo vedo, o non c'è o sono orba forte io :D

Sicuramente hanno patito il marciume, sarò ripetitiva sotto ogni post, ma con così poche radici io aspetterei che tutti i tagli si rimarginino per bene e andrei in attacco con l'algatron (se vedi che il marciume non peggiora chiaramente). Per ora le foglie mi sembrano belle e non patite, quindi c'è tanta speranza secondo me! Non disperare. Aspetta comunque pareri più esperti :LOL:
 

Rossella2484

Aspirante Giardinauta
Io il nero di cui parlavi non lo vedo, o non c'è o sono orba forte io :D

Sicuramente hanno patito il marciume, sarò ripetitiva sotto ogni post, ma con così poche radici io aspetterei che tutti i tagli si rimarginino per bene e andrei in attacco con l'algatron (se vedi che il marciume non peggiora chiaramente). Per ora le foglie mi sembrano belle e non patite, quindi c'è tanta speranza secondo me! Non disperare. Aspetta comunque pareri più esperti :LOL:

Grazie mille per la speranza intanto! Il nero l’ho levato, era tipo una sorta di muffa superficiale quindi l’ho pulita. Per ora è ancora fuori dall’acqua ad asciugare e in attesa di consigli.. intanto mi informo sull’algatron :)


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
 

Rossella2484

Aspirante Giardinauta
Buongiorno ragazzi, allora in attesa di ulteriori suggerimenti per ora ho appoggiato le orchidee sopra a del bark umido (lasciato a bagno tutto il giorno ieri) e nebulizzato un po' le foglie - Questa mattina mi sembravano estremamente secche quindi ho preferito iniziare a inumidirle un po', spero di non aver peggiorato la situazione. Inoltre sto cercando di informarmi il più possibile online e la soluzione più gettonata per casi simili ai miei mi sembra di aver capito essere "l'insacchettamento" (scusate il termine sicuramente non tecnico) dell'intera pianta. Devo dire che mi spaventa molto perché non vorrei la sorpresa di altra muffa e quindi non sapere poi come gestire la cosa. Cosa ne pensate? L'alternativa di tenere le orchidee sopra a del bark umido e nebulizzarle quotidianamente può essere una soluzione sensata?
 

Stefano Sangiorgio

Guru Master Florello
L'alternativa di tenere le orchidee sopra a del bark umido e nebulizzarle quotidianamente può essere una soluzione sensata?
No.
Procurati sfagno umido, vi avvolgi con questo i mozziconi di radice.
Le foglie lasciale asciutte perchè se entra acqua nelle ascelle delle stesse marciscono.
Copri le piante intere con un campana di plastica trasparente perchè non si disidratino.
 

Ciccio87

Aspirante Giardinauta
Io ho recuperato una phal molto simile alle tue. Ti dico cosa ho fatto io.
Tolto tutto il marcio, disinfettato i tagli, lasciato la pianta ad asciugare 24 ore. Ho pulito bene i vasi con la candeggina. Ho utilizzato un bark di pezzatura grande, con dello sfagno in fibra sul fondo del vaso. Ho appoggiato la phal, e ho bloccato gli steli a dei tutori attaccati al vaso. Ho nebulizzato con acqua tiepida tutti i giorni solo le radici fuori dal bark. Mai le foglie, d’inverno è rischioso. Puoi inumidire le foglie con un po’ di cotone la mattina presto nelle giornate di sole. Dove vivo l’umidità ambientale è molto alta, non ho avuto bisogno di simularla. Tienile vicine, Creeranno un piccolo microclima. Quando asciugava il bark a contatto con le poche radici, lo bagnavo per immersione. Puoi aggiungere un prodotto per la radicazione. Come algatron o altro. Dopo circa 3 mesi ha iniziato a mettere nuove radici. Una foglia nuova dopo 4, e pochi giorni fa ha fatto uno stelo. Ma continuo a nebulizzare le radici esterne ogni giorno. La pazienza è tanta. Ma le phal sono piante forti, dovresti recuperarle.
 

Rossella2484

Aspirante Giardinauta
Sono appena tornata dalla missione "cerca-acquista-sfagno" così domani mattina provo ad aggiungerlo.

Io ho recuperato una phal molto simile alle tue. Ti dico cosa ho fatto io.
Tolto tutto il marcio, disinfettato i tagli, lasciato la pianta ad asciugare 24 ore. Ho pulito bene i vasi con la candeggina. Ho utilizzato un bark di pezzatura grande, con dello sfagno in fibra sul fondo del vaso. Ho appoggiato la phal, e ho bloccato gli steli a dei tutori attaccati al vaso. Ho nebulizzato con acqua tiepida tutti i giorni solo le radici fuori dal bark. Mai le foglie, d’inverno è rischioso. Puoi inumidire le foglie con un po’ di cotone la mattina presto nelle giornate di sole. Dove vivo l’umidità ambientale è molto alta, non ho avuto bisogno di simularla. Tienile vicine, Creeranno un piccolo microclima. Quando asciugava il bark a contatto con le poche radici, lo bagnavo per immersione. Puoi aggiungere un prodotto per la radicazione. Come algatron o altro. Dopo circa 3 mesi ha iniziato a mettere nuove radici. Una foglia nuova dopo 4, e pochi giorni fa ha fatto uno stelo. Ma continuo a nebulizzare le radici esterne ogni giorno. La pazienza è tanta. Ma le phal sono piante forti, dovresti recuperarle.

Grazie per la condivisione! Questo mi rincuora! La phal l'hai solo appoggiata al bark, non hai quindi coperto il colletto/radici rimaste, giusto?

In questi giorni ho cercato e letto molto su come resuscitare le orchidee e sono un po' confusa sull'uso dello sfagno... Mi sembra che molti, come anche suggeriva Stefano sopra se ho capito bene, consigliano di coprire colletto/radici rimaste, altri invece come te lo mettono sul fondo. La differenza di approccio può magari essere legata alla quantità di umidità che c'è nell'ambiente?
 

Spulky

Moderatrice Sezz. Orchidee e Giardini d'Acqua
Membro dello Staff
Ciao,

Ho visto ora il tuo post, un paio di domande
Da quando le hai ricevute, come le hai trattate? Come e con che frequenza hai annaffiato? Perché se il problema che hai avuto è stato causato/incrementato da errori di annaffiature, vanno chiariti, altrimenti continuando avresti nel tempo i medesimi problemi.
Le piante sembrano robuste, e quindi han più margine per il recupero, ma essendo grosse hanno maggiori necessità di nutrimento, e senza radici devi mettere in conto la perdita di alcune foglie, non per forza ma probabile

Visto che hai trovato lo sfagno, e vedo le piante estremamente disidratate, il mio consiglio mediato è di utilizzare un misto di bark nuovo per 1/3 e sfagno per il resto
Ammolli bene lo sfagno, se è disidratato anche un giorno, comunque verifica che sia molto ben reidratato, poi lo strizzi e metti la pianta nel suo vaso originale, che immagino sia in plastica trasparente diametro 12 cm
Se non fossero in un vaso di quel tipo ma in qualche vaso coreografico da confezione, andrebbe verificata l’adeguatezza dello stesso

Quindi vaso non troppo grande, deve essere grande quanto basta a contenere la pianta com’è ora e le radici nuove che cresceranno.
Utilizza dei bastoncini o supporti in plastica per aiutare la pianta a rimanere verticale,
visto che dici di avere un ambiente estremamente secco io valuterei di tenere per qualche tempo la pianta in uno spazio chiuso, che sia un sacchetto un contenitore in vetro o plastica trasparente ne possa essere chiuso o con il suo tappo o con della plastica tipo domopack per intenderci che contenga la pianta per intero, limiti la dispersione di umidità, e aiuti a mantenere un microclima fino alla stabilizzazione delle piante e alla produzione delle prime nuove radici
Un contenitore per ogni pianta oppure una di quelle scatole trasparenti che si utilizzano per riordinare le cantine, io uso quelle se devo tenere in stand by le piante per un po’ di tempo

Taglia gli steli floreali appena sotto al fiore più in basso sullo stelo

Tendenzialmente se bagni correttamente lo sfagno una volta messe nel contenitore non dovrebbe essere necessario bagnare ulteriormente per molto tempo, quindi apri poco solo, per verificare, se il contenitore non è sufficientemente trasparente da poterci guardare dentro senza aprire.
Probabilmente nei primi giorni servirà fare qualche correttivo, strizzare un po’ di più lo sfagno piuttosto che spruzzarlo ulteriormente, sempre il composto evitando le foglie, perché se l’acqua ristagna eccessivamente a lungo nelle ascelle fogliari rischi il marciume, umidità relativa alta si, acqua che ristagna no.

I monconi di radice rimasti sono molto secchi, secondo me marciranno anche loro, appena dovesse succedere li togli, sono in alto vicino al colletto, lo vedrai facilmente e potrai rimuoverli senza smontare il tutto nel caso succedesse

Se le condizioni di casa tua sono di aria sempre molto secca la coltivazione in un composto con molto sfagno o in semiidroponica con argilla, secondo me sono le più adeguate anche dopo il recupero, ricorda però che i tempi sono lenti..

Per il recupero a mio avviso lo sfagno è più adatto, e visto che te lo sei già procurato, è la soluzione migliore :LOL:

Spero che si capisca tutto...
:ciao:
 

Rossella2484

Aspirante Giardinauta
Ciao,

Ho visto ora il tuo post, un paio di domande
Da quando le hai ricevute, come le hai trattate? Come e con che frequenza hai annaffiato? Perché se il problema che hai avuto è stato causato/incrementato da errori di annaffiature, vanno chiariti, altrimenti continuando avresti nel tempo i medesimi problemi.
:ciao:

Ciao Spulky, grazie mille per il messaggio. Allora appena ricevute erano nei loro vasetti trasparenti soliti, con solo bark, a loro volta dentro un vaso decorativo con sopra del muschio verde ornamentale, tutto molto umido e un po' provate dal viaggio (me le han spedite per posta) quindi per una settimana non le ho toccato. Dopo di chè ho provveduto a rimuovere il muschio "ornamentale" e le radici mi sembrano tutte argentate quindi le ho bagnate per immersione un paio di minuti ciascuna e da li mi sono accorta che metà radici erano marce (o almeno credo... poche sono diventate belle verdi con la bagnatura, le altre erano marrone scuro e sembravano come spappolate.. toccandole appena veniva via tutto, rimaneva solo un filetto bianco). Sono andata un po' in panico e ho pensato di provare a togliere il marcio per evitare che intaccasse le parti buone. Svasandole, il cuore dell'orchidea era avvolto in una gabbietta con un panetto di terra, l'ho tolto e... dentro altre radici marce. Da li è andata sempre peggio... han continuato a marcire sempre più fino ad arrivare al risultato delle foto di cui sopra.

Ok. Confermo di avere i vasi da 12cm trasparenti.. Già mi sento sulla via del successo :D Procedo a mettere a mollo lo sfagno che è completamente disidratato. Tutto chiarissimo, grazie ancora. Ho solo due domande e un paio di curiosità:
1. Se taglio gli steli poco prima dell'ultimo fiore, alcuni sarebbero molto lunghi. Devo mettere anche loro dentro un sacchetto? magari posso chiudere il sacchetto appena sopra le foglie e lascio fuori gli steli. Potrebbe andare bene?
2. Per bagnare correttamente lo sfagno una volta che sarà nel vaso, è sufficiente spruzzarci dell'acqua o devo immergerlo?
3. Guarda mi sento fortunantisisma in questa missione perchè c'ho pure le palline di argilla, posso metterle alla base del vaso prima del composto di 1/3 bark 2/3 sfagno?
4. Nella mia ricerca disperata di una soluzione vincente in internet, ho trovato molte recensioni positive di alcuni "supplement" (credo una sorta di fertilizzanti.. ) a base di alghe chiamate Kelp ed ormoni che sembrano essere miracolosi per stimolare la crescita delle radici delle orchidee assenti/in pessimo stato. Le avete mai provate? Potrebbe aver senso?

Cavolo sta cosa del sacchetto è un incubo, me la sogno di notte. C'ho super paura che mi marcisca tutto in sto benedetto sacchetto, che ansia :LOL:.
 

Rossella2484

Aspirante Giardinauta
Grazie mille! Avevo cercato l'algatron ma non avevo capito fosse la stessa cosa :D Pensi possa servire in questo momento?

Una scatola grande trasparente con coperchio trasparente scaccia gli incubi: @Spulky, infatti, te lo dice.
Si avevo letto. In generale chiudere la pianta in una scatola/sacchetto mi fa venire l'ansia... finirà che terrò la scatola sul tavolo dove lavoro a fissarla tutto il giorno tipo acquario :cry:
 
Ultima modifica:

JessOrchidLover

Giardinauta
le orchidee muoiono se fissate tutto il giorno (esperienza diretta).
Meno le guardi e meglio stanno.

Ma non é vero!! :D io le guardo tutto il giorno e vorrebbero essere guardate ancora di più :rolleyes: sono vanitose.

@JessOrchidLover ti dirà: io, sinceramente, non so nemmeno cosa è a cosa serve.

Per quanto riguarda algatron: facendo il recupero in sacchetto non so se può esserti utile, magari ci puoi ammollare lo sfagno dentro per la prima volta (acqua+algatron chiaramente)... Io i recuperi li ho sempre fatti in bark quindi non so aiutarti molto :( e comunque l'algatron é un radicante a base, come suggerisce il nome, di alghe. Funziona a meraviglia!
 
Alto