1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Oziorrinco - Come combatterlo

Discussione in 'Parassiti e Malattie' iniziata da poisons, 12 Giugno 2007.

  1. poisons

    poisons Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    14 Maggio 2007
    Messaggi:
    83
    Località:
    Roma
    Ho notato un bel po di richieste di aiuto contro L'oziorrinco, ultimamente, così ho cercato di fare un po' di ordine.

    L'oziorrinco appartiene all'ordine dei coleotteri, ed è davvero dannoso per le piante. L'insetto adulto è lungo 6-10 mm, ha il corpo di forma ovale, di colore nero lucido, talvolta ricoperto di peluria. L'uovo è ovale, di colore inizialmente bianco, diventa in seguito giallo ed infine grigio scuro. La larva è apode (senza zampe) ha un corpo a forma di arco (a forma di C), di colore bianco e capo bruno-rossastro, ed è lunga circa 1 cm

    A sinistra l'adulto, al centro la pupa, a destra la larva. NElla seconda immagine le uova.
    [​IMG] [​IMG]

    Danni
    [​IMG]
    Gli adulti provocano erosioni a forma di mezzaluna sui margini delle foglie, limitando la superficie che la pianta ha a disposizione per la fotosintesi. Le larve invece attaccano sia radici che tuberi sotto terra, provocando in breve tempo il marcire dei tuberi ed il deperimento in genere della pianta..

    Le specie
    [​IMG]
    L'Otiorrhynchus sulcatus o Oziorrinco della Vite, specie polifaga, gli adulti si nutrono a spese della Vite, del Lampone, della fragola. Le larve rosicchiano le radici della Vite, della Fragola, della Regina - Margherita (Astro della Cina) Callistephus, del Pholx, della Peonia (Paeonia) e di piante coltivate in serra come il Ciclamino, la Begonia, la Primula, le Cinerarie (Senecio).

    L'Otiorrhynchus rugosostriatus è bruno-nero, lungo 5-7 mm, di regola partenogenetico. Danneggia soprattutto le fragole e varie piante da fiore. Gli adulti si nutrono di foglie, senza in realtà rendersi propriamente nocivi. Le larve, invece, scavano cellette alla periferia delle grosse radici o di fusti sotterranei. Le piante colpite manifestano un graduale, ma rapido avvizzimento. La rimozione dei primi centri di infestazione e l'asportazione del terriccio intorno alle radici, sono i primi provvedimenti da adottare nel controllo.

    [​IMG]
    L'Otiorrhynchus cribricollis è la specie più comunemente riscontrabile sull'olivo ma molto polifaga: l'adulto attacca di frequente le Rosacee fruttifere, gli agrumi, il Cotone, il Carciofo, ecc.. Le larve vivono a spese delle radici dell' Erba medica e dell' Artemisia. L'adulto ha abitudini notturne e si ricovera di giorno nel terreno. Se disturbato si lascia cadere al suolo fingendosi morto.

    [​IMG]
    L'Otiorhynchus ligustici attacca insieme al Luppolo anche le Leguminose, soprattutto l'Erba Medica ed il Trifoglio. Se queste piante sono assenti, l'adulto può attaccare la Vite, le giovani Barbabietole, i Piselli, i Cereali, il Fagiolo, l'Asparago ecc


    Combatterlo
    - Lotta chimica: Utilizzata per il controllo della popolazione adulta, da iniziare alle prime foglie "smangiucchiate". Contrastare una colonizzazione di oziorrinchi non è facile, soprattutto con prodotti chimici, in casi di attacchi gravi, in quanto la fase di attività di questo insetto è molto lunga. Oltre agli insetticidi di sintesi (peraltro abbastanza tossici) a cui questi insetti iniziano a presentare fenomeni di resistenza, sembrano dare risultati parzialmente buoni i prodotti a base di rotenone (I formulati commerciali autorizzati in Italia sono classificati come pericolosi per l'ambiente e, secondo la concentrazione, come nocivo o irritante), o prodotti a base di Piretro
    Per le larve è possibile utilizzare un geodisinfestante, ad esempio un prodotto a base di diazinone, che però ha risultati non soddisfacenti.
    - Lotta biologica Attiva: Utilizzata per le Larve, che dimorano nel terreno. Il metodo principale consiste nell'utilizzo di Nematodi Entomopatogeni, distribuiti in Italia da BioPlanet (Heterorhabditis Bacteriophora), Intrachem (Steinernema kraussei), Biobest (Heterorhabditis megidis), Koppert (Heterorhabditis bacteriophora).
    Queste sono piccolissime larve che vengono consegnate immerse in materiale inerte. Si diluisce il tutto in acqua e poi si bagna il terreno, avendo cura che questo sia umido e "sciolto" o mediamente compatto (Cioè terreno non pressato)
    Per combattere gli adulti invece, La Forficula (Proprio le Forbicine :) ) è utile per predare gli adulti e le uova
    - Metodi Alternativi: L'oziorrinco usa nascondersi di giorno per risalire tronco e fusto durante le ore notturne per farsi una scorpacciata di foglie. Potrebbe essere utile mettere alla base del tronco un adesivo, che introappolerebbe gli adulti, meglio se spalmato di colla moschicida. Oppure coprire il terreno con un telo e scuotere la pianta. L'oziorrinco infatti se si sente in pericolo si lascia cadere a terra fingendosi morto.


    P.S: Questo post è un Collage di notizie trovate in Rete ed in questo forum, la fonte maggiormente ripresa è Alessandro2005. Se c'è qualche inesattezza me ne scuso anticipatamente, comunicatemela ed editerò il post.
     
    Ultima modifica: 14 Giugno 2007
    A simomb, kiwoncello, Alessandro2005 e 1 altro utente piace questo messaggio.
  2. aseret

    aseret Florello Senior

    Registrato:
    7 Marzo 2006
    Messaggi:
    8.487
    Località:
    Trentino A/A
    Interessante! :love_4: :love_4: :love_4:

    Però....come mi piace il cribricollis, sembra un cavaliere medievale!:D :lol: :hands13:
     
  3. Alessandro2005

    Alessandro2005 Esperto in Fitopatologie

    Registrato:
    26 Settembre 2005
    Messaggi:
    5.473
    Località:
    Provincia Torino. Per giardinaggio anche Bordigher
    ...il qual Alessandro dopo aver letto ed apprezzato, è uscito a prendere un po' d'aria e a comprare una vaschetta di gelato. Ma, tornando, stimolato da tanta completezza e invidioso del cirillico usato da Poison, s'è ricordato che la siepe di lauroceraso del condomino del piano terra aveva foglie con la tipica mangiata del Nostro, e volgendo propizia la notturna ora ha dato una scrollatina alla siepe e opplà, due esemplari catturati.
    Così ha pensato di aggiungere 1 a 30 in real time.
    Comincio con le foto di qualche foglia, in attesa che i due comparielli si "tranquillizzino" un poco nel freezer

    [​IMG]

    [​IMG]

    Oibò, sembravano trapassati, ma sotto 400W di lampade si sono ripresi. Meglio, così sono fotografati dal vivo (la punta a rombo della lancetta misura giusto 10 mm; il colore è sufficientemente fedele, però bisogna tenere conto dell'effetto prodotto dalla luce artificiale che mi sembra li renda più rossicci del dovuto)

    [​IMG]

    [​IMG]

    Lascio a Poison l'onere della determinazione. Io li ho rimessi in freezer e per prudenza adesso aspetto un'oretta, poi li esaminerò alla lente.
    Ciao
     
    Ultima modifica: 13 Giugno 2007
  4. Alessandro2005

    Alessandro2005 Esperto in Fitopatologie

    Registrato:
    26 Settembre 2005
    Messaggi:
    5.473
    Località:
    Provincia Torino. Per giardinaggio anche Bordigher
    Ecco infine un primo piano del muso e delle antenne che sono utili per la determinazione della specie.

    [​IMG]

    Mi par proprio che basti, non vi pare?

    P.S. Ho come un senso di colpa

    :storto:

    :storto:

    :storto:

    Queste non c'entrano niente con l'oziorrinco, ma sono fresche di giornata e soprattutto sono per farmi perdonare di tutte 'ste schifezze di insetti

    [​IMG]

    avete guardato bene bene? non vi siete accorti?
    vabbè, andiamo ad aprire

    [​IMG]

    ...e questo era lì nei pressi...

    [​IMG]
     
    Ultima modifica: 13 Giugno 2007
  5. kiwoncello

    kiwoncello Master Florello

    Registrato:
    29 Gennaio 2005
    Messaggi:
    11.143
    Località:
    Liguria, Golfo Tigullio
    Grazie moltissimo per questa bella e dotta presentazione! Io li odio, combatto da sempre una guerra mai vinta contro questi maledetti pappatori di foglie di camelie (amano quelle a foglie chiare, molto meno quelle verde-scuro delle camelie rosa scuro o rosso intenso). Ormai sto quasi per accettarli come disgrazia inevitabile tipo tasse, malattie e peggio.
    Buona giornata!
     
  6. aseret

    aseret Florello Senior

    Registrato:
    7 Marzo 2006
    Messaggi:
    8.487
    Località:
    Trentino A/A
    Poveri oziorrinchi, hai ragione ad avere dei rimorsi! :D Non credo che moriranno nel frigo...sopravvivono perfino i bruchi dell'insalata!
    Cambiando discorso: sai che quelle maledette pulcette del terreno sopravvivono anche ad una cottura di 4 minuti nel microonde? sono indistruttibili!:slow:
    Beh, forse dovrei avere dei rimorsi anch' io!:storto:
     
  7. maurj

    maurj Giardinauta Senior

    Registrato:
    26 Marzo 2005
    Messaggi:
    1.142
    Località:
    roma, trastevere
    freezer???? microonde??? :surp:
    non invitatemi mai a cena.....:lingua:

    scherzi a parte , l'orrido ozziorinco pare sapravviva a tutto, come diceva kiwo, le foglioline tenere lucide della camelia sembrano per lui una leccornia, ma anche la vite, l'edera, e soprattutto credo adori la mia new entry hidrange petiolaris, che non riesce a fare una fogliolina nuova senza essere pappata. ad un vivaio mi hanno consigliato il confidor:confused: , voi che dite, nematodi difficili da trovare..
     
  8. Buxus

    Buxus Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    8 Maggio 2007
    Messaggi:
    470
    Località:
    ....tra Como e Milano....
    ........azzarola, pare proprio che il perfido si stia divertendo anche con alcuni dei miei viburni.......e anche con il limone..........le loro foglie mostrano "rosicchiate" proprio come quelle delle foto inserite nel thread......certo che se la smettesse di piovere potrei anche fare qualche trattamento !! Cosa ne dite?
     
  9. kiwoncello

    kiwoncello Master Florello

    Registrato:
    29 Gennaio 2005
    Messaggi:
    11.143
    Località:
    Liguria, Golfo Tigullio
    In effetti uso il Confidor, sia versato nel terriccio che spruzzato sulla fronda; il problema è che in genere lo si usa a danni già fatti almeno in parte e tutto sommato non è che sia risolutivo.
     
  10. gigi48

    gigi48 Guest

    Bellisime le tue foto Alessandro! se non mi sbaglio siamo nel parco del Castello di Racconigi con le sue cicogne!
    Piace tantissimo anche a me, ci vado ogni anno sia in primavera che in autunno per passare alcune ore in mezzo al verde, tra piante secolari, ad ammirare il lago blu quando è fiorito, o a godere dei colori dell'autunno!
    Grazie di aver postato queste foto, mi hai fatto rivivere ore serene!
    Ciao!

    Gigi48
     
  11. Coccinella56

    Coccinella56 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    29 Gennaio 2008
    Messaggi:
    78
    [​IMG]

    Scusate avevo mandato una richiesta di aiuto in un'altra discussione e mi hanno indirizzato qui, questo bruco(e' un ozirrinco?) mi sta mangiando le radici delle mie lattughe come posso fare per debellarlo, preciso che e' lungo circa 2- 3 cm.
    Grazie ciao.
     
    A barbarabe piace questo elemento.
  12. abgia

    abgia Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    2 Giugno 2006
    Messaggi:
    84
    Località:
    Arluno (Mi)
  13. Alessandro2005

    Alessandro2005 Esperto in Fitopatologie

    Registrato:
    26 Settembre 2005
    Messaggi:
    5.473
    Località:
    Provincia Torino. Per giardinaggio anche Bordigher
    E' una larva di maggiolino. Per il resto ti vai a leggere la risposta che ti ho dato precedentemente sull'altra sezione dove hai postato.
    Ciao
     
  14. marmellato

    marmellato Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    10 Settembre 2006
    Messaggi:
    286
    Località:
    castello di serravalle (BO)
    io uso un geodisinfestante da mettere nel terreno e un prodotto della bayer che si chiama reldan per la parte aerea.
    In aprile,che ne ero praticamente invso, questa miscela mi ha dato ottimi risultati.
     
  15. aseret

    aseret Florello Senior

    Registrato:
    7 Marzo 2006
    Messaggi:
    8.487
    Località:
    Trentino A/A
    Mo' vado a ripassarmi la differenza!
     
  16. barbarabe

    barbarabe Giardinauta Senior

    Registrato:
    17 Gennaio 2008
    Messaggi:
    1.561
    Località:
    Val di Vara - SP
    Ciao, la lotta all'oziorrinco va fatta contro gli adulti (ma è molto difficile) ma soprattutto contro le larve che lavorano nel terreno.
    Contro gli adulti i principi attivi più utilizzati sono acefhate o azinfos-metil, ma la lotta più importante è quella contro le larve.
    Circa due settimane dopo da quando cominci a vedere gli adulti irrora il terreno con diazinon e ripeti dopo circa 6 settimane.

    Però capisci bene che nell'orto e soprattutto nelle lattughe questi rimedi sono un pò forti!
    Io utilizzo questi prodotti sulle piante ornamentali, ma orticole mai anche perché per fortuna nell'orto non ho mai trovato l'oziorrinco:)
     
  17. Alessandro2005

    Alessandro2005 Esperto in Fitopatologie

    Registrato:
    26 Settembre 2005
    Messaggi:
    5.473
    Località:
    Provincia Torino. Per giardinaggio anche Bordigher
    Devi permettermi di correggerti, non tanto perchè quella che è stata mostrata in foto non è una larva di oziorrinco ma di maggiolino o altro similare scarabeide, ma per il fatto che la normativa sugli agrofarmaci è da alcuni anni in rapida evoluzione e due dei principi attivi che hai citato non esistono più in commercio in quanto revocati già da tempo a seguito della revisone eurepea; il diazinone è impiegabile solo per quest'anno. Forse tu hai ancora delle bottiglie o scatole, ma devono essere molto vecchie e per stare nella legalità non sono più impiegabili ma da smaltire come rifiuti tossici.
    Ciao
     
  18. Coccinella56

    Coccinella56 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    29 Gennaio 2008
    Messaggi:
    78
    Grazie a tutti, aggiungo che un amico mi ha consigliato di cercarli con una torcia al buio poiche' salgono in superficie durante la notte e poi quando rientrano in profondita' lasciano il foro di entrata nel terreno, da stasera al buio provo a darmi alla caccia grossa.
    Ciao.
     
  19. aseret

    aseret Florello Senior

    Registrato:
    7 Marzo 2006
    Messaggi:
    8.487
    Località:
    Trentino A/A
    Buona caccia!!!!:lol::lol::lol::D
     
  20. simomb

    simomb Maestro Giardinauta

    Registrato:
    12 Febbraio 2008
    Messaggi:
    2.281
    Località:
    a sud di roma
    Grazie a tutti per questa discussione!
    Questo insettaccio dall' anno scorso e il flagello delle nostre vicine di casa e di...giardino, quindi abbiamo il terrore che diventi anche il nostro! Oltre la rete che ci divide abbiamo rose, ortensie oleandro e parecchie piante di alloro nobilis....quanto mi devo preoccupare? Per ora non abbiamo ancora visto i segni di tale flagello, però l' altro giorno togliendo da una grossa ciotola della menta ho trovato una larva che potrebbe corrispondere alla descrizione, solo per come la ricordo più grossa di un centimetro, ma proprio bianca a forma di c e con il muso giallo oro...che faccio? adesso ci sono solo le larvo o ci sono anche i bacherozzi?
    ahhh :storto:
     

Condividi questa Pagina