• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Il mio Echinopsis Pachanoi sta ingiallendo

Bea_95

Aspirante Giardinauta
Ciao a tutti!
Possiedo questo cactus da 1 anno e mezzo, proviene da un'atalea regalatami da un amico. Finalmente quest anno vivo in un posto con un giardino e 4 giorni fa ho messo fuori il mio cactus in battuta del sole per la bella stagione, dandogli dell'acqua la sera (era da 3 mesi circa che non ne riceveva). Ora però le punte stanno ingiallendo e non capisco se il problema è il drenaggio, il troppo sole o qualche malattia. Ringrazio chiunque mi dia una mano a farlo stare meglio. Non ho ancora dato al cactus fertilizzante di alcun genere e il terriccio che ho usato è di torba irlandese e pomice calibrata.
 

Allegati

  • cactus 2.jpg
    cactus 2.jpg
    225 KB · Visite: 12
  • cactus 1.jpg
    cactus 1.jpg
    146,6 KB · Visite: 12

Stefano-34666

Master Florello
Ciao,

povera pianta, ti stava chiedendo sole e luce in tutti i modi.
E' stata coltivata in totale scarsità di luce diretta ed, a causa di: annaffiature, concimazioni e clima caldo in casa, è filata (si è allungata in modo innaturale) fino a creare quelle sottili punte fini e chiare.
Tutte le piante grasse devono, appena la primavera lo permette, stare all'aperto e restarci fino all'autunno.
Adesso, da poco abituata, è stata messa in pieno sole e le parti deboli si sono bruciate.
Dovevi acclimatarla un po' alla volta, dandole, per una settimana, sole a piccole dosi.

Adesso, secondo me, non puoi far altro che tagliare via tutte le parti chiare (tanto quei difetti estetici di restringimento e bruciatura non andranno via) ed aspettare, tenendo la pianta al sole, che faccia nuovi polloni.
Io taglierei via anche la testa della pianta ed aspetterei che faccia nuove crescite.
Diciamo che, coltivando bene la pianta, dovrebbe fare una cosa del genere:

1649923473930.png

Fai attenzione anche al terriccio che mi sembra scarso di inerti (ci voleva molta più pomice).
Quando bagni irrora tutta la zolla (fino a far uscire l'acqua dai fori di scolo del vaso), butta l'acqua in eccesso e non bagnare più fino a quando la terra non è completamente asciutta (anche in profondità).

Ste
 

Bea_95

Aspirante Giardinauta
Grazie mille per i consigli. Purtroppo io la tenevo nel punto più luminoso possibile ma evidentemente non lo era abbastanza.
Ora cercherò di rimediare! Come devo procedere per tagliare? Un coltello disinfettato? La parte tagliata va poi trattata in qualche modo particolare?
 

Stefano-34666

Master Florello
Ciao,

usa una lama affilata e taglia in modo netto, senza slabbrature.
Poi, se vuoi, metti sulla ferita un antifungino tipo polvere di verderame, cannella in polvere o cenere di legna.
Se non hai nulla di tutto ciò puoi anche non mettere niente. La crosta si formerà nel giro di qualche giorno.

La luce in casa, a meno che tu non tenga la pianta su un davanzale rivolto a sud, è sempre poca per le grasse. Loro vogliono il sole diretto. In casa quello che a noi sembra luce per le piante è ombra. Quello che per noi è "poca luce" per loro è buio pesto.

Ste
 
Alto