1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Dieffenbachia stelo superstite

Discussione in 'Piante da appartamento e Tropicali' iniziata da GIULY83, 14 Ottobre 2020.

  1. GIULY83

    GIULY83 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    1 Maggio 2020
    Messaggi:
    59
    Località:
    Milano
    Buongiorno
    Di questa magnifica pianta acquistata ad agosto
    Resizer_16026828233230.jpg
    per una serie di stupidi errori dettati dall'inesperienza mi è rimasto quest'ultimo superstite insperabilmente radicato in acqua
    Resizer_16026834303210.jpg
    (qui non si vede perché la foto è precedente, ma ha fatto delle belle radicotte bianche e lunghe qualche centimetro).
    Adesso ho paura a toglierlo dall'acqua e ho paura a lasciarcelo. Sono tentata di coltivarlo in idrocoltura perché ho letto nel forum che si può fare, ma i miei esperimenti recenti non sono andati proprio a buon fine... Mi aiutate a scegliere la cosa migliore da fare?
    Grazie:)
     
  2. sasiks

    sasiks Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2020
    Messaggi:
    107
    Località:
    Roma
    Al momento la pianta ha sviluppato radici acquatiche: più sottili e delicate di quelle terrestri, e ovviamente, meno efficienti nella terra.
    Cosa fare d'ora in poi dipende da te:
    - se decidi di metterla nel terreno, per le prime settimane, tieni sempre il terreno umido in superficie: fai l'esatto opposto di quello che andrebbe fatto (e quindi innaffia poco ma spesso). In questo modo darai tempo alla pianta di sviluppare radici più forti senza soffrire di carenze idriche
    - puoi coltivarla in semi idroponica: prendi un vaso, anche in vetro, lo riempi di argilla espansa o materiale analogo e lasci il fondo del contenitore sempre bagnato. L'acqua verrà assorbita dal substrato e darà il giusto grado di umidità.

    Non ho mai avuto questa pianta e quindi non ne ho mai fatto talee e non saprei cosa consigliarti.
    Non ho neanche esperienza con l'idroponica, ma è nella lista degli esperimenti da fare. Se ci provi sono curiosa di leggere gli aggiornamenti :ciao:
     
  3. GIULY83

    GIULY83 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    1 Maggio 2020
    Messaggi:
    59
    Località:
    Milano
    Ciao @sasiks :)
    Grazie della risposta. Intanto pubblico le foto aggiornate dello stelo, così si vedono le radici
    Resizer_16027477037081.jpg Resizer_16027477037080.jpg Come dicevo sono molto tentata dall'idrocoltura, anche perché ho timore di rompere le radici nel metterle in terra o di farle marcire... Come purtroppo mi è già capitato
    Ti farò sapere :ciao:
     
  4. GIULY83

    GIULY83 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    1 Maggio 2020
    Messaggi:
    59
    Località:
    Milano
    Ciao @sasiks :)
    Infine ho deciso Resizer_16031011978380.jpg Resizer_16031011978381.jpg
    Come vedi ho utilizzato lo stesso vaso, con un'argilla forse un po' piccola di pezzatura, ma ho solo questa a casa e comprare un saccone di argilla più grossa solo per un esperimento sinceramente non mi va.
    Sistemata un paio di giorni fa, ho appena rabboccato l'acqua.
    Che ne dici?
     
  5. sasiks

    sasiks Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2020
    Messaggi:
    107
    Località:
    Roma
    Non penso che la dimensione dell'argilla influisca. Ce anche chi usa la perlite o pietre analoghe che sono minuscole.
    Dalle mie poche conoscenze so che l'acqua non deve entrare a contatto con le radici. Farà tutto l'umidità

    Vediamo come va!
    Aspetto aggiornamenti per cominciare i miei esperimenti
    Ahahahahah
     
  6. GIULY83

    GIULY83 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    1 Maggio 2020
    Messaggi:
    59
    Località:
    Milano
    :su:
     
  7. GIULY83

    GIULY83 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    1 Maggio 2020
    Messaggi:
    59
    Località:
    Milano
    Ciao @sasiks :)
    Sono qui per aggiornarti.
    Nel frattempo le radici sono cresciute, così erano il 17 novembre
    Resizer_16059902194990.jpg
    Se guardi bene la radice a sinistra aveva un colore che non mi convinceva, quindi ho svasato lo stelo. Infatti era marcescente e l'ho eliminata.
    Poi ho deciso di sistemarlo in altra maniera, tentando di imitare i vasi per idrocoltura (che non ho trovato)
    Resizer_16059902976470.jpg
    Resizer_16059902976471.jpg
    Come puoi vedere sono due coprivasi uguali in plastica, ma a quello superiore ho fatto 5 fori di modo che l'acqua possa passare e bagnare anche l'argilla in alto che sostiene lo stelo.
    Che te ne pare? Continuo così?
     
  8. GIULY83

    GIULY83 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    1 Maggio 2020
    Messaggi:
    59
    Località:
    Milano
    Adesso che ci penso... Forse non era necessario mettere argilla nel vaso inferiore, poteva bastare l'acqua, vero?
     
  9. sasiks

    sasiks Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    24 Luglio 2020
    Messaggi:
    107
    Località:
    Roma
    Se vuoi ricreare i vasi tipo lechuza il procedimento è diverso.
    Il vaso dentro è fatto come in foto: IMG_20201122_093448.jpg

    Praticamente il vaso esterno contiene acqua (e basta) e quello interno ha dei piedini per tenerlo sollevato più un cordino che assorbe acqua e la porta sul fondo del vaso. Quindi la pianta è bagnata dal basso sia per evaporazione che per effetto di questa corda.
    Poi c'è il galleggiante che ti permette di capire se hai messo troppa acqua (sopra i piedini della foto in pratica).

    Detto ciò, il vaso l'avevo comprato per la mia Monstera albovariegata, perciò ci ho speso tanto soldi :D ma secondo me non ne vale la pena.
    Ero interessata invece al metodo Leica (il primo che hai provato). In quella foto che hai postato, fino a che livello arrivava l'acqua? Perché si vede l'argilla bagnata ma non capisco se è immersa in acqua o solo bagnata per prossimità... Perché la radice effettivamente non se la passava bene :cry:
     
  10. GIULY83

    GIULY83 Aspirante Giardinauta

    Registrato:
    1 Maggio 2020
    Messaggi:
    59
    Località:
    Milano
    Ciao Sasiks :)
    Eh, mi sa che l'acqua arrivava oltre le radici, non è facile calcolare a occhio, specie per le radici interne, che non si vedono. Quella che è marcita(fortuna che era esterna e l'ho vista!) probabilmente toccava l'acqua e non ci avrò fatto caso, oppure è cresciuta così velocemente da arrivarci da sola...? Chissà.
    Comunque con questo sistema bisogna fare i conti con la crescita delle radici, specialmente con uno stelo lungo come il mio che ha bisogno di sostegno, quindi di una certa altezza nella parte superiore. Se le radici si allungano vanno verso il basso; se vanno verso il basso, per evitare che tocchino l'acqua, devi alzare lo stelo. A un certo punto lo stelo perderà equilibrio non avendo più sufficiente sostegno... Non so se mi sono spiegata(n).
    È questo che mi ha spinto a cambiare soluzione. Ma anche questa non mi convince, e tu me lo confermi... :(
     

Condividi questa Pagina