• Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 x 600 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

Consiglio impianto irrigazione a goccia

Thg888

Aspirante Giardinauta
Salve, sono nuovo e gradirei un consiglio per realizzare un impianto di irrigazione per orto. Vi scrivo da inesperto quindi vi chiedo di perdonarmi il linguaggio non propriamente tecnico.
L'appezzamento di terreno misura circa 30 mt in lunghezza e 8 mt in ampiezza. Pianeggiante.
All'interno conto di realizzare 10 prode lunghe 8 mt e per ogni proda 2 linee gocciolanti (= 20 linee = 160 mt di tubo gocciolante).
Il tubo gocciolante sarebbe una classica ala gocciolante rigida da 16 con gocciolatori ogni 33 cm da 2 l/h.
Per la posa non credo di riscontrare grossi problemi. Vorrei stendere un tubo principale da 25/30 per tutta la lunghezza e su questo mettere delle tee e collegare ad ogni tee un rubinetto e due linee gocciolanti.
Il problema che riscontro nella progettazione, per il quale chiedo aiuto, è il seguente: come gestire il flusso di acqua da mandare nell'impianto.
Le idee che mi sono venute sono: collegate il tutto alla condotta idrica o installare un contenitore da 200 lt (che andrò a riempire automaticamente con un rubinetto con galleggiante) e mandare l'acqua nell'impianto con una pompa elettrica.
La prima soluzione vorrei scartarla per due motivi.
1. L'acqua arriva dalla condotta in caduta e questo in estate diventa un problema perché la pressione a volte non arriva neanche ad 1 Bar.
2. In estate, oltre alla pressione, diminuisce anche la portata dell'acqua e quindi non avrei certezze su quante linee posso aprire contemporaneamente.

La seconda è quella che vorrei adottare ma, non essendo esperto in materia, mi sorgono alcuni quesiti.
Ho visto una pompa autoadescante con queste caratteristiche: Potenza assorbita (W) 600; Portata (l/h) max. 3.100; Prevalenza (m) max. 35; Pressione di lavoro (bar) 3,5; Temperatura acqua (°C) max. 35; Altezza di aspirazione (m) max. 8; Diametro raccordi: G1”.

Potrebbe andare bene? La pressione che genera è troppa per il tubo gocciolante? Cosa succede se la pompa resta in "pressione", cioè se i gocciolatori non riescono ad evacuare tutta l'acqua a pressione spinta dalla pompa. Potrebbe danneggiare la pompa?
Vorrei puntare su questa soluzione anche in previsione di una futura espansione dell'impianto e per avere un flusso sempre costante che mi garantisce una migliore e precisa progettazione.
Mi scuso anticipatamente per le troppe domande, forse anche banali, e ringrazio chiunque sia disposto ad aiutarmi.
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
Salve, sono nuovo e gradirei un consiglio per realizzare un impianto di irrigazione per orto. Vi scrivo da inesperto quindi vi chiedo di perdonarmi il linguaggio non propriamente tecnico.
L'appezzamento di terreno misura circa 30 mt in lunghezza e 8 mt in ampiezza. Pianeggiante.
All'interno conto di realizzare 10 prode lunghe 8 mt e per ogni proda 2 linee gocciolanti (= 20 linee = 160 mt di tubo gocciolante).
Il tubo gocciolante sarebbe una classica ala gocciolante rigida da 16 con gocciolatori ogni 33 cm da 2 l/h.
Per la posa non credo di riscontrare grossi problemi. Vorrei stendere un tubo principale da 25/30 per tutta la lunghezza e su questo mettere delle tee e collegare ad ogni tee un rubinetto e due linee gocciolanti.
Il problema che riscontro nella progettazione, per il quale chiedo aiuto, è il seguente: come gestire il flusso di acqua da mandare nell'impianto.
Le idee che mi sono venute sono: collegate il tutto alla condotta idrica o installare un contenitore da 200 lt (che andrò a riempire automaticamente con un rubinetto con galleggiante) e mandare l'acqua nell'impianto con una pompa elettrica.
La prima soluzione vorrei scartarla per due motivi.
1. L'acqua arriva dalla condotta in caduta e questo in estate diventa un problema perché la pressione a volte non arriva neanche ad 1 Bar.
2. In estate, oltre alla pressione, diminuisce anche la portata dell'acqua e quindi non avrei certezze su quante linee posso aprire contemporaneamente.

La seconda è quella che vorrei adottare ma, non essendo esperto in materia, mi sorgono alcuni quesiti.
Ho visto una pompa autoadescante con queste caratteristiche: Potenza assorbita (W) 600; Portata (l/h) max. 3.100; Prevalenza (m) max. 35; Pressione di lavoro (bar) 3,5; Temperatura acqua (°C) max. 35; Altezza di aspirazione (m) max. 8; Diametro raccordi: G1”.

Potrebbe andare bene? La pressione che genera è troppa per il tubo gocciolante? Cosa succede se la pompa resta in "pressione", cioè se i gocciolatori non riescono ad evacuare tutta l'acqua a pressione spinta dalla pompa. Potrebbe danneggiare la pompa?
Vorrei puntare su questa soluzione anche in previsione di una futura espansione dell'impianto e per avere un flusso sempre costante che mi garantisce una migliore e precisa progettazione.
Mi scuso anticipatamente per le troppe domande, forse anche banali, e ringrazio chiunque sia disposto ad aiutarmi.
A grandi e generali linee..i punti che a opinione mia definisco principali sono:

- La pompa potrebbe anche andar bene ...
- il serbatoio ipotizzato invece È TROPPO PICCOLO...basterebbe semplicemente anche farti due conti ...se ogni forellino fa 2lt/h ....comincia a sommare tutti i forellini DI OGNI LINEA sommali per due linee (da quel che mi pare di aver capito ogni derivazione a tee serve due ali gocciolanti) le linee di ali/tubi gocciolanti totali sarebbero 20... e capirai quale potrebbe essere la capienza di quel serbatoio ...
- se la tua paura è il troppo carico di lavoro della pompa puoi ben decidere di mettere un presscontrol (o a vaso espandente/polmone o elettronico) che appunto controllerà dando oppure no l'OK per avviare la pompa alla bisogna.
- TUTTA la componentistica per microirrigazione a goccia è testata per resistere ed essere usata con pressioni d'impianto ben più alta di quelle 3,5 atm/bar .
- l'unici veri danni che la tal componentistica potrebbe subire sono provocati da un errato montaggio e i colpi di ariete provocati da chiusure repentine del circuito
- per la lunghezza/distanza da percorrere che dovrà avere il tuo impianto IO TI CONSIGLIO DI ACQUISTARE ALI GOCCIOLANTI AUTOCOMPENSANTI ...
in ALTERNATIVA senza ali AUTOCOMPENSANTI di predisporre non tue linee ad ogni derivazione ma predisporre un unica linea AD ANELLO ovvero con un unica ala/tubo gocciolante fare un andata ed un ritorno partendo da quella TEE e finendo "col ritorno" a quella stessa TEE.
I due sistemi (l'autocompensante e il sistema AD ANELLO) SERVONO ad evitare le varie bolle di aria all'interno dell'ala/tubo gocciolante che andando in pressione inficierebbe un ottimale microirrigazione in parte dell'ala/ tubo stesso.
 

Thg888

Aspirante Giardinauta
A grandi e generali linee..i punti che a opinione mia definisco principali sono:

- La pompa potrebbe anche andar bene ...
- il serbatoio ipotizzato invece È TROPPO PICCOLO...basterebbe semplicemente anche farti due conti ...se ogni forellino fa 2lt/h ....comincia a sommare tutti i forellini DI OGNI LINEA sommali per due linee (da quel che mi pare di aver capito ogni derivazione a tee serve due ali gocciolanti) le linee di ali/tubi gocciolanti totali sarebbero 20... e capirai quale potrebbe essere la capienza di quel serbatoio ...
- se la tua paura è il troppo carico di lavoro della pompa puoi ben decidere di mettere un presscontrol (o a vaso espandente/polmone o elettronico) che appunto controllerà dando oppure no l'OK per avviare la pompa alla bisogna.
- TUTTA la componentistica per microirrigazione a goccia è testata per resistere ed essere usata con pressioni d'impianto ben più alta di quelle 3,5 atm/bar .
- l'unici veri danni che la tal componentistica potrebbe subire sono provocati da un errato montaggio e i colpi di ariete provocati da chiusure repentine del circuito
- per la lunghezza/distanza da percorrere che dovrà avere il tuo impianto IO TI CONSIGLIO DI ACQUISTARE ALI GOCCIOLANTI AUTOCOMPENSANTI ...
in ALTERNATIVA senza ali AUTOCOMPENSANTI di predisporre non tue linee ad ogni derivazione ma predisporre un unica linea AD ANELLO ovvero con un unica ala/tubo gocciolante fare un andata ed un ritorno partendo da quella TEE e finendo "col ritorno" a quella stessa TEE.
I due sistemi (l'autocompensante e il sistema AD ANELLO) SERVONO ad evitare le varie bolle di aria all'interno dell'ala/tubo gocciolante che andando in pressione inficierebbe un ottimale microirrigazione in parte dell'ala/ tubo stesso.
Innanzitutto ci tengo a ringraziarti per la risposta esaustiva.
Per quanto riguarda l'ala gocciolante,, devo ancora acquistarla, quindi terrò a mente i tuoi consigli (molto dipende dalla differenza di costo).
Fare un unica linea ad anello non è un problema (magari più tardi, se non è troppo disturbo, posto uno schemino per verificare se ho capito come fare).
Per la pompa il mio più grande dubbio riguarda la portata dell'acqua. Mi spiego meglio: ho calcolato che più o meno andrei a consumare 17 lt/m. La pompa manda 50 lt/m a 3.5 bar. Quindi, parlo da totale inesperto, la pompa pompa molta più acqua di quella che serve, che problemi potrei avere alla pompa?
Per il contenitore piccolo pensavo di ovviare installando un rubinetto galleggiante con acqua sempre presente ( in pratica man mano che si svuota si riempie automaticamente a es. 10 lt/m). Comunque posso recuperare anche un contenitore più grande ed installare sempre il rubinetto a galleggiante.
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
Innanzitutto ci tengo a ringraziarti per la risposta esaustiva.
Per quanto riguarda l'ala gocciolante,, devo ancora acquistarla, quindi terrò a mente i tuoi consigli (molto dipende dalla differenza di costo).
Fare un unica linea ad anello non è un problema (magari più tardi, se non è troppo disturbo, posto uno schemino per verificare se ho capito come fare).
Per la pompa il mio più grande dubbio riguarda la portata dell'acqua. Mi spiego meglio: ho calcolato che più o meno andrei a consumare 17 lt/m. La pompa manda 50 lt/m a 3.5 bar. Quindi, parlo da totale inesperto, la pompa pompa molta più acqua di quella che serve, che problemi potrei avere alla pompa?
Per il contenitore piccolo pensavo di ovviare installando un rubinetto galleggiante con acqua sempre presente ( in pratica man mano che si svuota si riempie automaticamente a es. 10 lt/m). Comunque posso recuperare anche un contenitore più grande ed installare sempre il rubinetto a galleggiante.
La pompa ha le caratteristiche che vanno bene.... se ha una portata relativamente maggiore non succede niente.... l'impianto se è fatto a regola d'arte ..."la incassa" benissimo.

Non la vedo bene avere un serbatoio piccolo con rabbocco "da altra Fonte di carico"...
Che poi QUALE SAREBBE ?? Acquedotto cittadino" o cosa?
In ultimo scusa, non ho capito....ma se hai la possibilità di un qualsivoglia approviggionamento idrico (per riempire/portare a livello un serbatoio)....A CHE PRO INTERPORRE UN QUALSIVOGLIA SERBATOIO?
collega l'impianto direttamente al tubo di approvvigionamento ...senza interposto serbatoio....niente pompa niente presscontrol .. tutto risparmiato e impianto più semplice
 

Thg888

Aspirante Giardinauta
La fonte di carico sarebbe un
La pompa ha le caratteristiche che vanno bene.... se ha una portata relativamente maggiore non succede niente.... l'impianto se è fatto a regola d'arte ..."la incassa" benissimo.

Non la vedo bene avere un serbatoio piccolo con rabbocco "da altra Fonte di carico"...
Che poi QUALE SAREBBE ?? Acquedotto cittadino" o cosa?
In ultimo scusa, non ho capito....ma se hai la possibilità di un qualsivoglia approviggionamento idrico (per riempire/portare a livello un serbatoio)....A CHE PRO INTERPORRE UN QUALSIVOGLIA SERBATOIO?
collega l'impianto direttamente al tubo di approvvigionamento ...senza interposto serbatoio....niente pompa niente presscontrol .. tutto risparmiato e impianto più semplice
La fonte sarebbe l'acquedotto cittadino. Potrei provare a collegare il tutto senza interporre alcun serbatoio ma, per esperienza negli anni passati, in estate la portata e la pressione diminuisce tanto e ho paura di non riuscire ad irrigare contemporaneamente tutte le linee (adesso la portata dell' acquedotto è circa 8 lt/m, in estate sicuramente meno).
Credo che la soluzione più 'pratica' sia il serbatoio (più grande) con pompa, anche senza Presscontroll se possibile. Vista la tua grande disponibilità, ti chiedo un ultimo parere. Va bene l'impianto così come disegnato? Ti ringrazio ancora per i consigli.
 

Allegati

  • IMG_20220408_175233.jpg
    IMG_20220408_175233.jpg
    456,5 KB · Visite: 9

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
La fonte di carico sarebbe un

La fonte sarebbe l'acquedotto cittadino. Potrei provare a collegare il tutto senza interporre alcun serbatoio ma, per esperienza negli anni passati, in estate la portata e la pressione diminuisce tanto e ho paura di non riuscire ad irrigare contemporaneamente tutte le linee (adesso la portata dell' acquedotto è circa 8 lt/m, in estate sicuramente meno).
Credo che la soluzione più 'pratica' sia il serbatoio (più grande) con pompa, anche senza Presscontroll se possibile. Vista la tua grande disponibilità, ti chiedo un ultimo parere. Va bene l'impianto così come disegnato? Ti ringrazio ancora per i consigli.
Credo che in ogni caso avresti problemi ad irrigare ( se ho capito/letto ciò che tu hai scritto) con tutte le linee contemporaneamente"
Ti consiglio, IN OGNI CASO, di dividere le irrigazioni in tante linee quante sono le prode quindi ora irrighi con solo la prima (e le altre sono chiuse) successivamente chiudi la prima e apri la seconda (e le altre rimangono chiuse) poi irrighi con la sola terza e così via ...
Ogni componentistica per microirrigazione a goccia ha descritto sulla confezione e nelle proprie caratteristiche sia la pressione MINIMA DI ESERCIZIO sia la massima sopportabile...e generalmente quasi tutti i componenti di qualsiasi marchio hanno come pressione MINIMA di UNA ATM per riuscire ad irrigare.
Scritto ciò non cambia nulla del tuo disegno/progetto basta solo aggiungere un rubinetto prima di ogni derivazione a TEE dedicata ad ogni proda/linea....e così com'è, e come l'hai disegnata, va bene.
Ah dimenticavo se da te può gelare in inverno ti consiglio di predisporre nel punto più basso dell'impianto un rubinettino per svuotarlo quando avrà il periodo di "riposo invernale" altrimenti l'acqua al suo interno gelando farà molti danni alle condutture ed ai raccordi dell'impianto.
 
Ultima modifica:

Thg888

Aspirante Giardinauta
Credo che in ogni caso avresti problemi ad irrigare ( se ho capito/letto ciò che tu hai scritto) con tutte le linee contemporaneamente"
Ti consiglio, IN OGNI CASO, di dividere le irrigazioni in tante linee quante sono le prode quindi ora irrighi con solo la prima (e le altre sono chiuse) successivamente chiudi la prima e apri la seconda (e le altre rimangono chiuse) poi irrighi con la sola terza e così via ...
Ogni componentistica per microirrigazione a goccia ha descritto sulla confezione e nelle proprie caratteristiche sia la pressione MINIMA DI ESERCIZIO sia la massima sopportabile...e generalmente quasi tutti i componenti di qualsiasi marchio hanno come pressione MINIMA di UNA ATM per riuscire ad irrigare.
Scritto ciò non cambia nulla del tuo disegno/progetto basta solo aggiungere un rubinetto prima di ogni derivazione a TEE dedicata ad ogni proda/linea....e così com'è, e come l'hai disegnata, va bene.
Ah dimenticavo se da te può gelare in inverno ti consiglio di predisporre nel punto più basso dell'impianto un rubinettino per svuotarlo quando avrà il periodo di "riposo invernale" altrimenti l'acqua al suo interno gelando farà molti danni alle condutture ed ai raccordi dell'impianto.
Effettivamente ho dimenticato di scriverlo ma avevo già pensato ai rubinetti, anche perché l'idea è quella di rimuovere in inverno le ali gocciolanti e lasciare solo il tubo principale al quale installerò a fine corsa un rubinetto anziché un tappo, come consigliato. A questo punto, e seguendo i tuoi consigli, collegherò il tutto alla condotta, installando un filtro a monte. Credo che irrigando una/due linee per volta non dovrei avere problemi di portata. Ti ringrazio ancora per i preziosi consigli, che per un inesperto come me, hanno significato la risoluzione del problema.
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
Effettivamente ho dimenticato di scriverlo ma avevo già pensato ai rubinetti, anche perché l'idea è quella di rimuovere in inverno le ali gocciolanti e lasciare solo il tubo principale al quale installerò a fine corsa un rubinetto anziché un tappo, come consigliato. A questo punto, e seguendo i tuoi consigli, collegherò il tutto alla condotta, installando un filtro a monte. Credo che irrigando una/due linee per volta non dovrei avere problemi di portata. Ti ringrazio ancora per i preziosi consigli, che per un inesperto come me, hanno significato la risoluzione del problema.
Il collegare una o due linee/prode assieme oppure una per una singolarmente sta tutto a quale pressione minima ha e fa la condotta in quei certi periodi da te descritti....
Io, per NON SBAGLIARE, le collegherei IN OGNI CASO solo una ad una e NON DUE insieme.
 

Thg888

Aspirante Giardinauta
Il collegare una o due linee/prode assieme oppure una per una singolarmente sta tutto a quale pressione minima ha e fa la condotta in quei certi periodi da te descritti....
Io, per NON SBAGLIARE, le collegherei IN OGNI CASO solo una ad una e NON DUE insieme.
La pressione tende a diminuire in piena estate. Parlando di ale gocciolanti che hanno una pressione minima e massima mi conviene installare un regolatore di pressione con manometro così prima di aprire l'acqua so quale pressione ho a disposizione e scegliere se aprire una o due linee ma anche per evitare qualche picco di pressione che potrebbe creare qualche problema. Grazie ancora
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
Le ali e le raccorderie possono ben sopportare pressioni sino a 6/8atm
Alcune ali di alcune marche anche oltre sino a 10/12 ...sempre partendo da una pressione minima di funzionamento "ottimale" di una sola atm
Non penso che tu possa avere una condotta di carico che possa avere pressione di esercizio così alte (8/10/12atm) ...per me puoi andare tranquillo anche SENZA alcun tipo di regolatore di pressione.....MA invece sarebbe praticamente obbligatorio mettere una stazione di filtraggio prima dell'impianto.
 

Thg888

Aspirante Giardinauta
Le ali e le raccorderie possono ben sopportare pressioni sino a 6/8atm
Alcune ali di alcune marche anche oltre sino a 10/12 ...sempre partendo da una pressione minima di funzionamento "ottimale" di una sola atm
Non penso che tu possa avere una condotta di carico che possa avere pressione di esercizio così alte (8/10/12atm) ...per me puoi andare tranquillo anche SENZA alcun tipo di regolatore di pressione.....MA invece srebbe praticamente obbligatorio mettere una stazione di filtraggio prima dell'impianto.
Si, la stazione di filtraggio sicuramente la installerò e, avendo anche un timer a disposizione vedrò di utilizzarlo. Posso programmare più fasce orarie al giorno e questo mi permette nelle pause di deviare il flusso acqua da una linea all'altra chiudendo/aprendo i rubinetti dell'ala, automatizzando un po' l'irrigazione. Ti ho chiesto per il regolatore di pressione perché ho notato che le ali non autocompensanti hanno una 'curva' d'esercizio (più aumenta la pressione, più aumenta la quantità d'acqua erogata da ogni foro). Quindi il regolatore mi servirebbe non per evitare guasti all'impianto ma per avere una quantità d'acqua erogata costante. Però credo che questo problema si risolverebbe con ali autocompensanti, ma su questo ti chiedo conferma. Grazie
 

marco.enne

Esperto di impianti di irrigazione da balcone
Si, la stazione di filtraggio sicuramente la installerò e, avendo anche un timer a disposizione vedrò di utilizzarlo. Posso programmare più fasce orarie al giorno e questo mi permette nelle pause di deviare il flusso acqua da una linea all'altra chiudendo/aprendo i rubinetti dell'ala, automatizzando un po' l'irrigazione. Ti ho chiesto per il regolatore di pressione perché ho notato che le ali non autocompensanti hanno una 'curva' d'esercizio (più aumenta la pressione, più aumenta la quantità d'acqua erogata da ogni foro). Quindi il regolatore mi servirebbe non per evitare guasti all'impianto ma per avere una quantità d'acqua erogata costante. Però credo che questo problema si risolverebbe con ali autocompensanti, ma su questo ti chiedo conferma. Grazie
Si con le autocompensanti il problema della disparità di erogazione (vuoi in lunghezza vuoi proprio nella "regolazione") si minimizza di molto.
Ma in generale l'erogazione lt/h trascritta nelle caratteristica tecniche delle ali È SEMPRE calcolata con una MEDIA delle pressioni di esercizio delle ali stesse.
Spiegandola in parole povere se un ala a pressione minima eroga 0,5/1lt/h e alla pressione massima sopportata dal materiale di cui è composta di 8atm eroga 3 lt/h ...con pressione MEDIA (tra 1 e 8 atm) la sua erogazione sarà 2 lt/h...
ALTRIMENTI/oppure sulla confezione ci saranno scritti i vari lt/h erogati (misura riferita ad ogni forellino) alle varie pressioni sopportabili dall'ala...
 
Alto