1. Vi invitiamo a ridimensionare le foto alla larghezza massima di 800 pixel da Regolamento PRIMA di caricarle sul forum, visto che adesso c'è anche la possibilità di caricare le miniature nel caso qualcuno non fosse capace di ridimensionarle; siete ufficialmente avvisati che NEL CASO VENGANO CARICATE IMMAGINI DI DIMENSIONI SUPERIORI AGLI 800 PIXEL LE DISCUSSIONI VERRANNO CHIUSE. Grazie per l'attenzione.

coltivare alberi

Discussione in 'Giardinaggio' iniziata da luca2000, 7 Ottobre 2006.

  1. luca2000

    luca2000 Guest

    Ciao a tutti sono nuovo del forum e avrei bisogno di qualcuno che mi desse un paio di dritte. Dunque la prima cosa che vorrei sapere, visto che sulle schede del sito non sono riuscito a trovare niente in merito è: come faccio a far nascere delle piantine di leccio dagli alberi grandi che già ho?
    La seconda è: come faccio a trovare delle castagne di ippocastano da coltivare se nelle mie zone (Toscana centrale) non ci sono ippocastani?
    Spero che qualcuno di voi possa aiutarmi :Saluto:
     
  2. faxstaff

    faxstaff Giardinauta Senior

    Registrato:
    2 Maggio 2005
    Messaggi:
    1.043
    Località:
    Valenza (AL)
    per quanto riguarda il leccio il metodo più rapido e efficace è per talea legnosa..

    ma sinceramente perchè un ippocastano? (Aesculus hippocastanum L) se disponessi dello spazio necessario io propenderei per un bel castagno nostrano che cresce più velocemente e fornisce anche un raccolto..

    il portamento è l'aspetto sono simili e paesaggisticamente parlando mi sembra più corretto e inoltre in toscana centrale è sicuramente più facile selezionare un castagno che riesca a sopravvivere piuttosto che un ippocastano.

    Comunque è una mia opinione.

    nel caso tu sia determinato a procedere alla semina dell'ippocastano sicuramente qualcuno ne ha uno vicino a casa sara disponibilissimo a mandarteli, dalle mie parti non credo ce ne siano terrò gli occhi aperti..
    comunque questo è il momento giusto sia per la semina che per la talea.

    saluti Fax
     
  3. fiorita

    fiorita Giardinauta Senior

    Registrato:
    31 Luglio 2006
    Messaggi:
    1.130
    Località:
    Trieste
    Qui da me gli ippocastani li usiamo per i viali alberati, sono daccordo con faxstaff che in toscana sono meglio i castagni, ma se vuoi, posso mandare un po' di castagne alla banca del seme, sempre che si maturino in tempo, quest'anno sono in ritardo, causa il caldo tardivo.
     
  4. coccinella40

    coccinella40 Master Florello

    Registrato:
    18 Marzo 2005
    Messaggi:
    13.016
    Località:
    ROMA
    Benvenuto nel forum Luca2000:froggie_r :froggie_r Inserisci la tua località nel profilo così potrai avere informazioni anche in base al tuo clima:hands13: :hands13:
     
  5. luca2000

    luca2000 Guest

    ciao ragazzi grazie per le risposte e scusate se solo tardivamente ho potuto leggere e rispondere a mia volta.
    Dunque fax mi hai convinto sulla questione dei castagni...
    Adesso però ti chiedo se si fa a far nascere le piante di castagno, visto che non l'ho mai fatto. E soprattutto cosa devo fare per far nascere il leccio dalla talea (che non so bene come ricavarla dalla pianta) :confuso:
    Ciao e grazie!!!
     
  6. faxstaff

    faxstaff Giardinauta Senior

    Registrato:
    2 Maggio 2005
    Messaggi:
    1.043
    Località:
    Valenza (AL)
    Sia per il leccio che per il castagno la talea legnosa si effettua tagliando un ramo giovane ma già lignificato (marrone e non verde) che sia lungo almeno 25 30 cm al di sotto di una gemma e taglianto l'etremità al di sopra di una gemma, puoi tranquillamente eliminare tutte le foglie e piantare le talle così ottenute per almeno 15 cm in un composto formato dal 20% di sabbia di fiume e 80% di buon tertriccio universale, avendo cura di interrare le talee leggermente inclinate, poi posiziona il tutto fuori a risosso di un muro e aspetta fino a ottore dell'anno prossimo prima di mettere a dimora le nuove piantine che ormai avranno sicuramente vegetato e messo un bel po di radici..

    per avere una maggiore possibilità di riuscita con il castagno ti consiglio di prelevare uno dei numerosi succhioni (rami che partono direttamente dalle radici) che generalmente abbondano hai piedi dei giovani castagni, avendo cura di scavare ababstanza in profondità i modo da avere anche un po di radice (ne basta veramente un pezzettino).

    se opti per il succhione lo puoi mettere già a dimora nella posizione definitiva avendo cura di fornilo di un adeguato palo di sosegno per evitare che i venti invernali lo danneggino..

    per maggiori informazioni sulla propagazione per talea puoi fare riferimento al mio sito http://ladriditalee.faxstaff.net

    saluti Fax
     
  7. luca2000

    luca2000 Guest

    Grazie mille fax, sei stato veramente gentile ed esaustivo nella spiegazione, nonchè semplice da capire...
    Grazie davvero:froggie_r
    Ciao!!:Saluto:
     
  8. luca2000

    luca2000 Guest

    Ciao fax ho dimenticato di chiederti se attualmente è ancora il momento buono per piantare le talee di castagno e di leccio:confuso:

    Ciao e grazie!
     
  9. faxstaff

    faxstaff Giardinauta Senior

    Registrato:
    2 Maggio 2005
    Messaggi:
    1.043
    Località:
    Valenza (AL)
    Credo si possa nacora fare fino a fine mese... almeno alle tue latitudini..

    saluti Fabio
     
    Ultima modifica: 24 Ottobre 2006
  10. Upendo

    Upendo Giardinauta

    Registrato:
    26 Giugno 2006
    Messaggi:
    557
    Località:
    Marostica: ai piedi dell'altopiano di Asiago 100 m
    esperimento semina castagne

    Ciao, scusate se aprofitto di questo post per porre delle mie questioni. Non so mai se è più corretto aprire una nuova discussione sullo stesso argomento o usufruire di quelle già esistenti. :embarrass
    Ieri ho comprato i marroni, ormai gli ultimi della stagione, e ,avendone trovati 4 o 5 che cominciano a mettere il getto, ho avuto un'idea :slow: perchè non seminarli??
    Io abito ai piedi delle colline a 100 mt. di altitudine, ho letto sul sito che bisogna seminarle in un terreno molto drenente ricco di sabbia. Mi chiedevo se può andare bene anche quello per cactacee... ma poi ... forse adesso è troppo tardi per piantare castagne?? :confuso: Le metterei in vaso... non so... magari un po' al riparo o con il tnt?

    In realtà il mio è un esperimento... giusto per allenarmi e dilettarmi un po', perchè purtroppo dopo sarò costretta a regalare le piantine non avendo io terreno adatto dove collocarle... sob

    grazie e ditemi se dovevo aprire un'altra discussione...:ros:

    :Saluto: :Saluto:
     
  11. lidia1809

    lidia1809 Guru Giardinauta

    Registrato:
    13 Febbraio 2006
    Messaggi:
    3.638
    Località:
    Agrigento.....la più bella città dei mortali (Pind
    Benvenuto luca2000
     
  12. boba74

    boba74 Esperto di alberi ed arbusti

    Registrato:
    26 Agosto 2004
    Messaggi:
    9.994
    Località:
    Ferrara
    Allora riguardo al leccio e anche al castagno e all'ippocastano, direi che il metodo migliore per chi non ha dimestichezza con le talee e le margotte, sia quello di seminare. In ogni caso si prende il seme (la ghianda nel caso del leccio, e la castagna nel caso del castagno o ippocastano) e la si semina adesso (cioè quando cade dall'albero o dopo che è caduta) in vasi con sabbia e torba, i quali verranno lasciati all'aperto tutto inverno, e in primavera spunterà sicuramente qualcosa (già provato!). Occorre seminare adesso perchè le castagne e le ghiande hanno una vita breve e una volta che si disidratano perdono completamente la capacità germinativa, perciò aspettare la primavera è peggio. Inoltre consiglio di seminarne diversi perchè la percentuale non è molto alta, e inoltre le pianticella appena nate potrebbero morire, perciò per essere relativamente sicuri di avere un castagno è meglio seminare almeno 5-6 castagne (idem per le ghiande), meglio se un seme per ogni vaso.
    Se da te non hai castagne di ippocastano, allora potresti aderire alla banca del seme di questo forum, anche se per quest'anno mi sa che le iscrizioni sono chiuse...
     

Condividi questa Pagina