cicatrizzante naturale

Discussione in 'Lotta biologica e rimedi naturali' iniziata da Lucyliù, 3 Settembre 2009.

  1. Lucyliù

    Lucyliù Giardinauta

    Registrato:
    24 Agosto 2006
    Messaggi:
    801
    Località:
    Roma...ma Partenopea
    ....esiste qualche rimedio naturale o fai da te x far cicatrizzare un rametto o un tronchetto di una pianta che è stato tagliato?
     
  2. boba74

    boba74 Esperto di alberi ed arbusti

    Registrato:
    26 Agosto 2004
    Messaggi:
    9.971
    Località:
    Ferrara
    sì. Potresti usare il mastice giapponese per bonsai (a base di cera e ormoni), oppure più semplicemente vai in ferramenta, prendi del nastro di alluminio adesivo (che usano gli idraulici per tappare le falle dei tubi), sembra carta stagnola ma più spessa e adesiva da un lato, ne tagli un pezzo più grande della zona che vuoi proteggere e glielo attacci facendo aderire bene alla parte circostante del rametto, In poche settimane si formerà un callo che crescerà sotto la stagnola, a quel punto potrai rimuoverla.
     
  3. Lucyliù

    Lucyliù Giardinauta

    Registrato:
    24 Agosto 2006
    Messaggi:
    801
    Località:
    Roma...ma Partenopea
    il mastice lo conoscevo...ho anch'io un bonsai..ma non sono mai riuscita a trovarlo..
    invece il rimedio del nastro mi piace...ci proverò sicuramente..
    grazie boba!
     
  4. caterina.

    caterina. Giardinauta Senior

    Registrato:
    21 Febbraio 2009
    Messaggi:
    1.674
    Località:
    Marche
    Io personalmente uso la cannella (spezia da cucina ) , pero l’idea del nastro adesivo mi sembra molto interessante (sarà quello che mettono sulle yucca ?:confuso:)

    :Saluto:
     
  5. Lucyliù

    Lucyliù Giardinauta

    Registrato:
    24 Agosto 2006
    Messaggi:
    801
    Località:
    Roma...ma Partenopea
    cioè come fai con la cannella mi spieghi?
    intendi la cannella a bastoncino?
     
  6. boba74

    boba74 Esperto di alberi ed arbusti

    Registrato:
    26 Agosto 2004
    Messaggi:
    9.971
    Località:
    Ferrara
    però l'effetto estetico dell'alluminio non è il max... guarda:

    [​IMG]
     
  7. elle61

    elle61 Guru Giardinauta

    Registrato:
    10 Maggio 2008
    Messaggi:
    3.911
    Località:
    Provincia di Livorno
    Adesso ne sparo una delle mie...
    Polvere di carbone/carbonella, quella da grigliate per intenderci.
    Dovrebbe avere anche azione fungicida....o no?

    elle
     
  8. marco837

    marco837 Florello Senior

    Registrato:
    30 Aprile 2007
    Messaggi:
    8.460
    Località:
    South Tyrol
    la cannella in polvere puó essere usata sui tagli agli steli o alle vegetazioni. Credo che si possa fare anche sulle altre piante per le "piccole ferite"
     
  9. boba74

    boba74 Esperto di alberi ed arbusti

    Registrato:
    26 Agosto 2004
    Messaggi:
    9.971
    Località:
    Ferrara
    il problema della cicatrizzazione del legno, non è solo per proteggere dai funghi, ma anche per proteggere la ferita da eccessiva disidratazione, che potrebbe far aumentare la zona in cui avviene il ritiro di linfa, e quindi di fatto ingrandire la cicatrice stessa.
     
  10. caterina.

    caterina. Giardinauta Senior

    Registrato:
    21 Febbraio 2009
    Messaggi:
    1.674
    Località:
    Marche
    Ciao , la cannella in polvere , si usa in generale per le orchidee pero io lo provata su varie piante e ho avuto ottimi risultati , cospargi la ferita di un po’ di cannella (poco pero altrimenti fa l’effetto al contrario ) e il gioco e fatto . :D

    :Saluto:
     
  11. Lucyliù

    Lucyliù Giardinauta

    Registrato:
    24 Agosto 2006
    Messaggi:
    801
    Località:
    Roma...ma Partenopea
    ok allora oggi compre subito la cannella...ma appena posso passo anche dal ferramenta x comprate il nastro di cui parla boba.....così all'occorrenza ho tutto il materiale...
     
  12. Coral

    Coral Maestro Giardinauta

    Registrato:
    10 Luglio 2008
    Messaggi:
    2.856
    Località:
    Italia Nord
    Ma se io cado e mi sbuccio un ginocchio...posso usare la cannella?:D

    non ho potuto resistere...scusate
     
  13. Alessandro2005

    Alessandro2005 Esperto in Fitopatologie

    Registrato:
    26 Settembre 2005
    Messaggi:
    3.445
    Località:
    Provincia Torino. Per giardinaggio anche Bordigher
    Le piante provvedono da sole a cicatrizzare le ferite: se così non fosse, pensate un po' a quanta cannella o nastro americano o, meglio, bentonite+silice+olio vegetale o cera d'api+propoli o qualsivoglia altro materiale, e soprattutto quante ore-lavoro, ci vorrebbero ad es. per intervenire dopo la potatura in ambienti frutticoli come questo
    [​IMG]
    Conviene usare mastice per tagli grandi, o su ferite o rotture dopo aver ripianato la superficie, ciò a scopo profilattico contro infezioni fungine, e al limite se non si vogliono impiegare i mastici reperibili nei negozi di agraria, il mio consiglio spassionato è di usare la cannella per il vin brulé e sulle piante dare il vinavil (da solo o addizionato con un rameico). Per accelerare la cicatrizzazione i mastici professionali sono addizionati con fitormoni (NAA).
     
    Ultima modifica: 19 Settembre 2009
  14. brandegeei

    brandegeei Esperto in Fitopatologie

    Registrato:
    29 Dicembre 2003
    Messaggi:
    14.627
    Località:
    lombardia
    Ciao
    e no devi usare il nastro argentato perchè avendo il sangue potresti perdere liquidi, dunque è un problema idraulico... :lingua:
     
  15. peppone69

    peppone69 Esperto in Macchine agroforestali e da giardino

    Registrato:
    20 Aprile 2009
    Messaggi:
    3.484
    Località:
    NORD ITALIA
    io uso sempre e soltanto il vinavil.
     
  16. Lucyliù

    Lucyliù Giardinauta

    Registrato:
    24 Agosto 2006
    Messaggi:
    801
    Località:
    Roma...ma Partenopea
    ma dite sul serio? il vinavil? cioè la colla?
     
  17. boba74

    boba74 Esperto di alberi ed arbusti

    Registrato:
    26 Agosto 2004
    Messaggi:
    9.971
    Località:
    Ferrara
    il vinavil funziona, anche se però essendo vinilico tende a impermeabilizzare la ferita. In bonsai si usa per le conifere, perchè a causa della resina la pasta cicatrizzante tende a staccarsi dopo un po' mentre il vinavil una volta seccato forma una patina dura e trasparente. Ovviamente deve essere per esterni, altrimenti quando si bagna si ammorbidisce di nuovo e torna bianco.

    Riguardo al discorso di Alessandro è vero, le piante cicatrizzano da sole, (occorre sapere potare correttamente). La protezione si rende necessaria per grossi tagli, oppure per rotture di rami accidentali, che causano grosse superfici di taglio. E in molti casi (tipo capitozzature), il taglio non si richiude mai completamente.
     
  18. artemide

    artemide Florello Senior

    Registrato:
    4 Novembre 2005
    Messaggi:
    7.306
    Località:
    Peschiera Borromeo -Milano-
    io ho letto da qualche parte, non mi ricordo dove purtroppo, che si può usare anche la cera delle candele; certamente non è da versare sulla parte da trattare quando è liqioda e scotta molto, ma quando è ancora ... diciamo "malleabile" e tiepida.
     
  19. Alessandro2005

    Alessandro2005 Esperto in Fitopatologie

    Registrato:
    26 Settembre 2005
    Messaggi:
    3.445
    Località:
    Provincia Torino. Per giardinaggio anche Bordigher
    A prescindere che non capisco perchè si debbano andare a cercare le soluzione più strane quanto ne esitono di semplici e collaudate (non siamo mica in tempo di guerra e di penuria dove bisogna arrangiarsi con quel che si trova), ma la cera di candela altro non è che paraffina, la quale temo sia ben poco elastica e adesiva, perciò credo che si stacchi facilmente o si spezzi laddove sia data su una parte della pianta soggetta ad accrescimento.
     
  20. peppone69

    peppone69 Esperto in Macchine agroforestali e da giardino

    Registrato:
    20 Aprile 2009
    Messaggi:
    3.484
    Località:
    NORD ITALIA
    non posso che condividere...!!!
     

Condividi questa Pagina