Trapianto delle rose
Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 32

Discussione: Trapianto delle rose

  1. #1
    moberto non  è collegato Aspirante Giardinauta
    Data Registrazione
    04-08-2005
    Località
    Torino
    Messaggi
    34

    Predefinito Trapianto delle rose

    Ho acquistato una casa nelle colline di Asti e devo riordinare il giardino!
    Ci sono alcune piante di rose (non sò che varietà, sono a normale cespuglio) che però mi sembrano molto sofferenti perchè all'ombra di alberi alti.
    Vorrei quindi trapiantarle in posto più soleggiato.
    Qual'è secondo voi il periodo migliore? Inizio o fine del riposo invernale? Devo comunque potarle prima?
    Grazie e ciao a tutti.

  2. #2
    riverviolet Non registrato

    Predefinito

    Quando la pianta entra in riposo completo e perde le foglie completamente.
    Fai molta attenzione a non danneggiare le radici, tirale sù con moltisisma parte ti pane di terra, quindi evita di fare questa operazine se il terreno è zuppo.
    Per la potatura, io aspetterei invece la fine edll'inverno, anceh per evitare troppo stress alla pianta.

    Dimenticavo di darti il benvenuto.

  3. #3
    L'avatar di elebar
    elebar non  è collegato Wonder Moderatrice Suprema
    Data Registrazione
    09-02-2002
    Località
    Burchio (Figline e Incisa V.no - FI)
    Messaggi
    18,981
    Messaggi Blog
    1

    Arrow Spostamento/impianto di rosai in piena terra

    La cosa importante è che siano sicuramente in riposo vegetativo, quindi va bene sia inizio che fine inverno, basta che il terreno non sia fradicio o gelato. Si possono accorciare un pò subito i rami per lavorare meglio attorno alle piante; occorre scavare una bella buca profonda e larga e prelevare quanta più terra attorno al pane di radici è possibile; le nuova buca dovrà essere ancora più profonda. Nel luogo scelto per l'impianto NON devono esserci state altre piante di rosa da alcuni anni, altrimenti l'attecchimento risulterà difficoltoso.
    Se il terreno è molto pesante deve essere messo sul fondo uno strato di argilla espansa o ghiaia per favorire il drenaggio, poi un pò di stallatico o cornunghia, uno strato di terra mischiata a terriccio, in modo che le radici non siano a diretto contatto con il concime, quindi il pane di terra della pianta, la quale va poi rincalziata con altra terra mischiata a terriccio che deve essere ben pressata attorno alle radici.
    Alla fine deve essere annaffiata bene, potata abbastanza corta e coperta con un mucchietto di terriccio che verrà rimosso in primavera, quando la pianta ricomincia a vegetare. Questo mucchietto di terra serve per proteggere la pianta da disidratazione e gelo. Non occorrerà annaffiare ancora fino a primavera, a meno che la stagione non sia particolarmente siccitosa.
    Tutto sulle revisioni di auto & moto!
    __________________

    .: Ciao, Elena :. 137slm 7
    ----------------


    "Il sole della speranza illumini ogni istante del tuo vivere trasformandolo in luce"
    ----------------
    Foto: Grasse 1 - Grasse 2 - Grasse 3

  4. #4
    L'avatar di dinogiardino
    dinogiardino non  è collegato Giardinauta Senior
    Data Registrazione
    25-02-2008
    Località
    Frascati (RM)
    Messaggi
    1,523

    Predefinito

    riprendo questo vecchio post perchè devo fare qualche spostamentuccio e quindi volevo discutere e sentire due parole riguardo al reinmpianto di una rosa al posto di un'altra, e quindi trapiantare una rosa nella stessa posizione dove ne è stata coltivata una in precedenza.
    è un taboo, o in qualche modo si può fare ? vale la regola in ogni caso ?

    ...e ad esempio: se io lo scorso anno avessi messo a dimora in un punto una rosa e quest'anno ce ne voglio mettere un'altra, il principio vale cmq o il fatto che il periodo di coltivazione sia stato solo di un anno cambia qualcosa ? e infine quanto dovrebbe trascorrere tra un impianto ed un'altro?
    ".... dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior." Faber

  5. #5
    L'avatar di teddy63
    teddy63 non  è collegato Esperto Sezz. Rose
    Data Registrazione
    21-10-2009
    Località
    Altamura (Ba)
    Messaggi
    4,285

    Predefinito

    io l'ho fatto una volta, impiantando una nuova rosa dove prima ce n'era un'altra (da un anno) che avevo maldestramente tranciato col motozappa
    non sapevo che occorreva aspettare qualche anno o almeno sostituire il terriccio, fatto sta che la nuova rosa è nata e cresciuta stentata con fenomeni di fasciazione: sarà stato un caso?
    [img]http://i46.************/10x9eyo.jpg[/img]
    A Citrodora piace questo messaggio.

  6. #6
    L'avatar di andreafxr
    andreafxr non  è collegato Esperto Sezz. Rose
    Data Registrazione
    30-04-2007
    Località
    provincia di Lodi
    Messaggi
    3,482

    Predefinito

    Personalmente l'ho fatto innumerevoli volte! Alcuni nuovi impianti hanno attecchito bene, altri hanno avuto una crescita stentata. Le rose lasciano nel terreno delle tossine che contrastano la competizione radicale ma se sono state impiantate da solo un'anno ne avranno certamente rilasciato un quantitativo limitato. In ogni caso è d'obbligo sostituire tutto il terriccio scavando una bella buca grande e profonda, almeno 50x50cm. Tanto stallatico sul fondo e una buona concimazione almeno il primo anno dal nuovo impianto. Aiuterebbe anche l'uso delle micorrize ma questo per me è ancora un campo inesplorato, forse se passa Darbin da queste parti ti potra' dire qualche cosa di piu' a riguardo.
    A teddy63 piace questo messaggio.

  7. #7
    L'avatar di Citrodora
    Citrodora non  è collegato Apprendista Florello
    Data Registrazione
    11-06-2011
    Località
    Primo entroterra savonese Csa (Koppen) 9a (USDA)
    Messaggi
    4,459

    Predefinito

    Citazione teddy63 ha scritto: Visualizza Messaggio
    io l'ho fatto una volta, impiantando una nuova rosa dove prima ce n'era un'altra (da un anno) che avevo maldestramente tranciato col motozappa
    non sapevo che occorreva aspettare qualche anno o almeno sostituire il terriccio, fatto sta che la nuova rosa è nata e cresciuta stentata con fenomeni di fasciazione: sarà stato un caso?
    http://i46.************/10x9eyo.jpg


    un mostro!!!!!
    Ultima modifica di elebar; 31-08-2012 alle 15:10 Motivo: Eliminazione immagine dalla citazione
    A gattoippi piace questo messaggio.
    Pollice Rosa!
    Mi mancate tutti!! Ma prometto che per primavera tornerò a salutare... quando sarà finita la sessione invernale degli esami!!!
    Domandite cronica conclamata
    Apprendista dei miei stivali

  8. #8
    L'avatar di darbin
    darbin non  è collegato Esperto Sezz. Rose
    Data Registrazione
    10-10-2011
    Località
    zona 9b/10a
    Messaggi
    2,269

    Predefinito

    vorrei parlarvi di una tecnica di cui parlo spesso e nomostante il mio guru di riferimento sia d.austin,molti pensano sia un'avventura e non scienza agraria,mi riferisco alle micorrize.

    le micorrize (sinteticamente)sono funghi che favoriscono la crescita radicale creando una rete di radici molto più estese,questo ,naturalmente ,favorisce la crescita,la resistenza alla siccità e la resistenza a tutte le malattie.
    di fatto un grande aiuto per tutte le rose,ma in particolare è l'unico sistema, scientificamente provato, che permette di reimpiantare dove prima c'era un'altra rosa.

    ogni pianta col tempo crea una rete capillare che mette in atto dei sis temi di difesa che sono solo suoi e pertanto se impiantiamo dove gia c'era una rosa,non abbiamo un terreno povero (sarebbe facile supplire a questo)ma un terreno che non permette ad un'altra pianta dello stesso genere di creare un sistema di difesa e approvvigionamento efficace.

    le micorrize fanno superare questo problema,altrimenti bisogna mettere una pianta di genere diverso per 3 anni .

    in ogni modo non intendo fare un discorso completo e complesso,sappiate però che solo le micorrize aiutano .

    x inciso le vende anche vic in conf. da 500gr
    A Pam, FioreDiAprile, teddy63 e 1 altri piace questo messaggio.
    La vita è tutto ciò che ti succede quando sei impegnato in altre cose.

    John Lennon

  9. #9
    L'avatar di dinogiardino
    dinogiardino non  è collegato Giardinauta Senior
    Data Registrazione
    25-02-2008
    Località
    Frascati (RM)
    Messaggi
    1,523

    Predefinito

    se invece non volessimo essere sintetici ?
    tu dici quindi che se per esempio io invece di una rosa nella stessa posizione ci metto una camelia un arbusto o una qualsiasi altra pianta non troverebbe la stessa difficoltà nello stabilizzarsi ?
    e queste micorrize quindi come andrebbero utilizzate ?

    chi è VIC ?
    Ultima modifica di dinogiardino; 30-08-2012 alle 22:45
    ".... dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior." Faber

  10. #10
    L'avatar di darbin
    darbin non  è collegato Esperto Sezz. Rose
    Data Registrazione
    10-10-2011
    Località
    zona 9b/10a
    Messaggi
    2,269

    Predefinito

    Citazione dinogiardino ha scritto: Visualizza Messaggio
    se invece non volessimo essere sintetici ?
    tu dici quindi che se per esempio io invece di una rosa nella stessa posizione ci metto una camelia un arbusto o una qualsiasi altra pianta non troverebbe la stessa difficoltà nello stabilizzarsi ?
    e queste micorrize quindi come andrebbero utilizzate ?

    chi è VIC ?

    hai capito perfettamente ,il terreno va bene per qualsiasi altra pianta non per pinte dello stesso genere.

    inoltre se piantiamo una rosa in un posto già abitato subito prima la rosa si gioverà di micorrize naturali di genere diverso che arricchiscono il terreno-



    quando io programmo per tempo (purtroppo raramente,mea culpa)pianto nelle parcelle preparate alcuni tipi di piante,ortica-calendula innanzitutto perchè una ,l'ortica ,rende il terreno ricco di ferro prontamente disponibile,l'altra,la calendula o il rafano,liberano il terreno dai nematodi.

    questo in caso di scelta programmata altrimenti scelgo posti dove vivono altre piante ,le tolgo e metto le rose.

    fra l'altro mi capita sovente di cambiare posto ad alcune rose,per svariati motivi,ed allora metto le rose al posto delle piante diverse e viceversa.


    ho dovuto interrompere,concludo:

    le micorrize si possono mettere al momento dell'impianto e alle rose già impiantate.

    all'impianto (la foto è solo per documento subito dopo ho sistemato bene il tutto,ma se lo facevo prima non potevo far vedere bene le micorrize),dopo aver inzaffardato le radici,mentre sono ancora bagnate faccio aderire le micorrize.



    nelle rose gia in terra si fanno dei buchi lungo il perimetro disegnato sulla proiezione della chioma,io uso un tondino di ferro da edilizia ,faccio cinque fori nel perimetro profondi 35/40cm e metto la quantità corretta per tutta la pianta diviso il numero di fori.

    poichè la quantità per una rosa è di circa 30gr ,sarebbero 6 gr a foro, per iserirla meglio la miscelo con un po di sanbbia di fiume,poi metto la terra.

    nei mesi successivi non devono essere usati antimicotici,sulla pianta senza più foglie si può mettere la polt.bordolese che è cosa buona e giusta.
    Ultima modifica di darbin; 31-08-2012 alle 17:00
    A Pam piace questo messaggio.
    La vita è tutto ciò che ti succede quando sei impegnato in altre cose.

    John Lennon

Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •